Cerca

Under 17

Bresso-Fiorente Colognola: Pietraru la sblocca, Mazzeo fa l'eurogol e Cuccovillo la chiude

Vince in modo netto lo scontro diretto De Vito, che allunga in classifica proprio sui bergamaschi di Giupponi

Riccardo Mazzeo

Il centravanti del Bresso Riccardo Mazzeo, autore del gol del raddoppio

Vittoria importantissima per il Bresso di De Vito che stende la Fiorente Colognola con un 3-0 senza possibilità di appello. Match sbloccato nei primissimi minuti dai padroni di casa che scendono in campo con la giusta voglia e grinta; poi un po' di confusione e nella ripresa la partita è spezzettata dai numerosi interventi del direttore di gara. Proprio su una palla inattiva arriva il gol del raddoppio del Bresso che chiude la partita; è il centravanti Mazzeo con un colpo di tacco da fenomeno a mettere la sfera alle spalle del portiere. Finale poco edificante con un cartellino rosso, tanti spintoni e tensione anche tra i due tecnici; bravo il direttore di gara a mandare tutti negli spogliatoi senza assegnare recupero.

Pronti via, l'episodio Inizia con il botto il match con subito la prima emozione dopo cinque minuti: Cuccovillo anticipa Beretta di testa e va via sulla fascia destra, giunto in area calcia forte con il destro colpendo in pieno la traversa; sulla respinta il più lesto di tutti è Pietraru che raccoglie e ribadisce in rete sbloccando la gara. Da questo momento in poi si fa spazio una fase molto confusa della partita, con tanti contrasti fallosi e poca lucidità nelle scelte e nelle giocate. Al 17' c'è una punizione dal limite dell'area per i padroni di casa: Meroni prende bene la mira, ma calcia alto cercando il palo del portiere di collo pieno. Intorno alla mezz'ora gli ospiti si rendono per la prima volta pericolosi e lo fanno su calcio piazzato: il corner di Tribbia è accolto sul secondo palo dal colpo di testa di Locatelli, che termina a lato di un metro abbondante. Due minuti dopo Sampino prova a sfondare sulla sinistra e supera molto bene in velocità Carotenuto, ma una volta rientrato sul piede forte calcia a lato da posizione un po' defilata. Malinteso tra Carotenuto e Bonasera al 35': il numero tre legge bene un traversone in area e appoggia di testa all'indietro per la presa facile del suo portiere, che però esce male e non trattiene; sulla respinta Fracassetti tenta il pallonetto e sulla linea di porta è bravissimo Longhi a salvare il risultato. A cinque minuti dalla fine arriva la migliore occasione ospite: Fracassetti lanciato in profondità prova ad anticipare il portiere con un tocco delizioso: la palla attraversa lentamente tutta l'area piccola e si spegne sul fondo a due centimetri dal palo. 

Gara spezzettata Nella ripresa si fa fatica a giocare palla a terra e il gioco viene ancora più spesso interrotto dal direttore di gara che fa capire con chiarezza il suo metro di giudizio. Dopo otto minuti Longhi prova a calciare una punizione sulla trequarti direttamente verso la porta: la palla si abbassa all'ultimo, ma non abbastanza; niente "maledetta". Rispondono gli ospiti al 15' con un'altra punizione; la batte Trebbia e la calcia in tribuna. Poco dopo Fracassetti prova a ricevere la verticalizzazione di Tigui, ma Longhi è ancora una volta preciso nell'anticipo e pulito nell'intervento. Al 17' è ancora Longhi a battere la punizione al centro per Cuccovillo, che colpisce al volo praticamente di stinco e non riesce ad angolare il pallone bloccato facile da Crevena. Al 24' è un'altra punizione a portare al gol del raddoppio: Crevana non trattiene il cross basso di Longhi e Mazzeo, da vero opportunista va di tacco e segna il gol della giornata chiudendo la partita. Alla mezz'ora Longhi lascia l'ennesima punizione dal limite a Pietraru che calcia fortissimo sotto la traversa, ma abbastanza centrale e Crevana è bravo ad alzare il pallone sopra la traversa e concedere soltanto un tiro dalla bandierina. Nei minuti finali la partita si fa tesa: Previtali, entrato alla fine del primo tempo, perde la testa: secondo giallo per parole irriguardose nei confronti dell'arbitro e preso dall'ira e dalla frustrazione si toglie la maglia con forza e lascia il terreno di gioco imprecando; evitabile. Il match si chiude con uno splendido lancio di Longhi per la corsa di Cuccovillo: Crevana esce dai pali e il dieci lo punisce con un pallonetto davvero notevole. Partita molto dura nei minuti finali con tanti scontri e tanti faccia a faccia; il triplice fischio mette la parola fine a ciò che poteva sfociare in uno scenario poco lusinghiero.

IL TABELLINO

BRESSO-FIORENTE COLOGNOLA 3-0
RETI: 5' Pietraru (B), 24' st Mazzeo (B), 38' st Cuccovillo (B).
BRESSO: Bonasera 6.5, Esposito 6.5, Carotenuto 6, Meroni 7, Longhi 7.5, Vigliante 7 (40' st Mita sv), Moroni 6.5 (14' st Porcino 6.5), Mestriner 6.5 (14' st Lozza 6.5), Mazzeo 7.5, Cuccovillo 7 (40' st Koranteng sv), Pietraru 7.5 (32' st Locatelli sv). A disp. Daja, Rosti. All. De Vito 7.
F.COLOGNOLA: Crevena D. 6, Rota 6.5, Beretta I. 5.5 (42' Previtali 5), Panseri 6, Gentile 5.5, Locatelli 6, Paparo 6 (21' Fracassetti 7, 32' st Marrucci sv), Tigui  6.5 (16' st Bassi 6), Tribbia 5.5, Garlini 5.5, Sampino 6 (32' st Di Cicco sv). A disp. Albini, Agazzi, Cason, Cassarino. All. Giupponi 6.
ARBITRO: Ceausoiu di Seregno 7.
ESPULSO: 31' st Previtali (F).
AMMONITI: Mazzeo (B), Sampino (F), Previtali (F), Meroni (B).

LE PAGELLE

BRESSO:
Bonasera 6.5 Una piccola indecisione nel primo tempo per un malinteso con Carotenuto, ma per il resto della partita è praticamente spettatore non pagante. Bravo nelle uscite alte a rendere innocua la maggior parte delle punizioni avversarie.
Esposito 6.5 Spinge tanto sulla sinistra prendendosi tutta la fascia e nel primo tempo è spesso pericoloso in fase offensiva; nella ripresa abbassa il ritmo, ma è sempre attento e aiuta la retroguardia.
Carotenuto 6 Quell’indecisione con Bonasera poteva costare cara alla squadra; in generale si fa prendere alle spalle un po’ troppo spesso e non sembra sicurissimo nelle giocate.
Meroni 7 Gioca davanti alla difesa e fa la differenza. Lotta su ogni pallone ed è bravissimo nelle scelte. Di un intelligenza tattica davvero sorprendente; regista vero.
Longhi 7.5 Centrale completo: fisico da stopper, alto e bravo di testa nelle marcature e quando esce palla al piede ha la possibilità di impostare. Bravo anche tecnicamente, suo l’assist per il gol del 3-0; talento puro.
Vigliante 7 Nel primo tempo non lascia spazio a Tribbia neanche per respirare. Bravo a chiudere sempre gli spazi e leggere le diagonali (40' st Mita sv).
Moroni 6.5 Ottima prima frazione: bravo a fare avanti e indietro sulla fascia e rendersi pericoloso anche in area di rigore; cala nella ripresa.
14' st Porcino 6.5 Ottimo ingresso in campo: voglia, grinta e coraggio. Sfortunato a non trovare mai l’occasione giusta per fare male.
Mestriner 6.5 Si fa fatica a giocare un buon calcio lì in mezzo, ma lui insieme a Meroni prova a giocare palla a terra e si improvvisa anche in qualche dribbling interessante; prestazione positiva.
14' st Lozza 6.5 Anche lui entra con la giusta mentalità e cerca insieme ai compagni di gestire il vantaggio per portare a casa i tre punti.
Mazzeo 7.5 Non molto presente nel primo tempo: pochi palloni giocabili e davvero poche occasioni da sfruttare. Nella ripresa è protagonista. Golazo di tacco in occasione del raddoppio e viaggia avanti e indietro sulla trequarti da vero regista offensivo.
Cuccovillo 7 Nel primo tempo la traversa gli nega la gioia, poi è astuto a superare l’estremo difensore con un tocco sotto di gran classe (40' st Koranteng sv).
Pietraru 7.5 Il più lesto di tutti in occasione del gol del vantaggio: bravo a capire dove andrà la palla e prendere i centrali d’anticipo; nella ripresa resta uno dei migliori sfiorando anche la doppietta personale su punizione diretta in porta (32' st Locatelli sv).
All. De Vito 7 Vittoria fondamentale; ora si allunga in classifica e si comincia a guardare avanti. Importante vincere lo scontro diretto.

F.COLOGNOLA:
Crevena 6
Nulla può sul vantaggio di Pietraru e sul magnifico pallonetto di Coccovillo, ma in occasione del raddoppio perde una palla che sembrava aver bloccato in sicurezza con entrambe le mani; sfortunato.
Rota 6.5 Sale benissimo sulla fascia quando è chiamato a dare una mano al reparto offensivo; poco preciso quando si tratta di servire i centrocampisti, ma lotta fino alla fine senza tregua.
Beretta 5.5 Da quella parte Pietraru e Mazzeo lo mettono più volte in difficoltà, non riesce mai ad entrare veramente in partita e viene sostituito.
42' Previtali 5 Sembra entrare bene per gli ultimi minuti del primo tempo, ma nella ripresa la sua prestazione è un incubo: fatica a ricevere palloni e non gestisce bene i pochi che ha a disposizione. Poi si fa espellere e fa una sceneggiata davvero inopportuna; cattivo esempio.
Panseri 6 Davanti alla difesa non è facile giocare quando gli avversari sono così aggressivi ed è così complicato giocare palla a terra, lui ci prova e gioca un buon primo tempo; ripresa da dimenticare.
Gentile 5.5 Mazzeo gli va via troppo spesso. Fatica nella marcatura a uomo e non si rende sufficientemente pericoloso quando il tecnico lo manda a saltare nell’area avversaria; sottotono.
Locatelli 6 Bravo nelle marcature, anche se il 2-0 arriva da un calcio piazzato. Sfiora anche il gol con un colpo di testa ravvicinato.
Paparo 6 Gioca soltanto venti minuti in cui non si rende protagonista, poi è costretto ad abbandonare il campo per una botta al piede.
21' Fracassetti 7 Il più pericoloso dei suoi: entra e dà l’anima per tutta la partita; si avvicina anche al gol (32' st Marrucci sv).
Tigui  6.5 Fa valere la sua fisicità in mezzo al campo e non si tira indietro quando la partita comincia a farsi dura e maschia; lotta da guerriero.
16' st Bassi 6 Si limita al compitino, non rischia la giocata scegliendo spesso la via del retropassaggio; non incide.
Tribbia 5.5 non riesce mai a superare Vigilante sulla destra e quando è chiamato a mettere palloni in mezzo su punizioni e corner lo fa con poca qualità.
Garlini 5.5 Molto tecnico, ma in una partita così serve di più avere grinta e far valere la parte fisica, che non gli manca; non riesce a giocare come vuole.
Sampino 6 Contrappone un primo tempo da sette a una ripresa da cinque; troppo discontinuo e alla fine non gioca la partita che vorrebbe (32' st Di Cicco sv).
All. Giupponi 6 La gara si mette subito in salita per lui e i suoi ragazzi; troppa frenesia in occasione di alcune scelte e poca lucidità sotto porta; follia totale l’espulsione di Previtali che perde totalmente la testa.

LE INTERVISTE

Soddisfatto del risultato, ma anche della prestazione il tecnico del Bresso Stefano De Vito: «La squadra sta facendo bene, avevamo fatto bene anche settimana scorsa e oggi ci siamo confermati. Siamo scesi in campo con la giusta cattiveria e abbiamo subito sbloccato una gara complicata. Avrei preferito una gestione migliore nel primo tempo, ci siamo fatti trascinare un po’ dall’agonismo avversario, ma sono contento. Sappiamo di essere una squadra che può far bene, abbiamo vinto questo scontro diretto e ora guardiamo avanti».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400