Cerca

Under 17

Ivrea scassina il Gassino, Mosca scippatore

Tre punti vitali per gli eporediesi che allungano sulle inseguitrici, la decide il numero 11

Michele Mosca

Michele Mosca, man of the match della gara di Montalto

E' un'Ivrea solida e cinica quella che si accaparra i tre punti nel match di Montalto, contro il Gassino. Vittoria che, in chiave classifica é di vitale importanza per gli eporediesi perché fa salire i ragazzi di Cena a 36 punti, allungando in modo definitivo sulle inseguitrici. Gassino che invece rimane fermo a 26 lunghezze nella graduatoria finale, e dopo il match odierno non può fare altro che mangiarsi le mani per l'incredibile occasione di Moustafa, in cui era veramente più facile sbagliare che fare goal. Possibile rete che avrebbe riportato la partita sul pari. Ivrea che si schiera con un solido 4-3-3 con Savino tra i pali, Condello e Cena sulle corsie esterne con Tosi e Bevolo al centro della difesa, Garavet in mediana con Stratta e Brizzi a supporto. Tridente formato da Capillo in mezzo a Moschetta ed a Mosca. Ospiti che invece si schierano con un 4-2-3-1 con Sandri tra i pali, Campagnoli e Frizza sulle corsie esterne con Pannocchia e Ravedoni al centro della difesa. Cravero e Galla in mediana, Runco, Zanirato e Moustafa alle spalle di Penna.

Parte a cannone il Gassino. Nella prima frazione di gioco, l'Ivrea tende ad aspettare un Gassino che pressa gli eporediesi a tutto campo. Infatti la prima occasione degna di nota arriva all'8', ed è di marca torinese. Punizione dal limite dell'area, tiro a giro di Zanirato messo in angolo da Savino con una parata a volo d'angelo. Dal successivo corner, cross contagiri di Zanirato, Campagnoli sale in cielo, incorna la palla in porta ma l'estremo eporediese salva con un buon riflesso. Al 14' però, l'Ivrea passa in vantaggio. Savino si traverse nelle vesti di Alisson e lascia partire un lancio con il contagiri destinato a morire nell'area di rigore opposta. Pannocchia copre palla per facilitare l'uscita del proprio portiere, ma i due non si intendono e Mosca è bravo e scaltro nel rubare la palla tra difensore e portiere ospite, per poi depositarla in rete con il gol dell'1-0 che varrà i 3 punti. Orange, che dopo il goal attendono il momento giusto giusto per colpire. Attimo propizio, che arriva al 25', con l'Ivrea che è ancora pericolosa con Brizzi, che dopo un'azione sulla corsia di sinistra lascia partire un tiro tiro cross che rimbalza male davanti al portiere torinese, e va a sbattere sulla traversa. Sugli sviluppi dell'azione, c'è poi un flipper nell'area degli rossoblù, conclusa in porta da Capillo, ma il suo tiro si infrange sul montante a portiere battuto. Prima del duplice fischio, ci sono ancora due occasioni (una per parte). La prima giunge al 39' ed è di marca rossoblù. Campagnoli fa il fenomeno sulla destra lasciando puoi partire un filtrante a mezz'altezza per Moustafa, il quale anticipa il portiere del eporediese, lo salta e da dentro l'area piccola con tutta la porta libera c'entra il pieno il palo. Sul capovolgimento di fronte c'è una punizione dal limite dell'area per i locali. Tiro di Mosca respinto coi pugni da Sandri.

Super difese. Nella seconda frazione di gioco, entrambe le compagini riescono a svolgere una buona fase difensiva, senza lasciare creare agli avversari delle pericolose palle gol. Ma come recita il proverbio: "Bisogna dare a Cesare ciò che è di Cesare", se questo è il riassunto della seconda frazione di gioco, bisogna dare i meriti ai 2 tecnici, in quanto, sono riusciti a bloccare bene gli attacchi avversari. I torinesi però, cercano di essere più intraprendenti, anche visto il risultato, andando a pressare alta l'Ivrea, senza però riuscire a trovare il passaggio decisivo per mettere i propri attaccanti di fronte al portiere. Tutto questo continua ad andare avanti con il cronometro che scorre inesorabile, e, il canovaccio rimane sempre lo stesso. L' unica occasione degna di nota, tolti dei tentativi sporadici da fuori area da ambo le compagini, che però, sono stati ben controllati da rispettivi portieri, giunge alla mezz'ora ed é per il Gassino. Cross dalla destra per il neo entrato Savio, Moustafà sale in cielo incorna la palla in porta, ma la sua inzuccata esce fuori di pochissimo. Nel finale la tensione sale alle stelle, e purtroppo ne risente lo spettacolo, con entrambe le squadre che cercano di essere intraprendenti nel cercare il gol del raddoppio (nel caso degli eporediesi), e nel cercare il gol del pari (nel caso dei torinesi). Tutto questo vede il match combattersi a centrocampo, con numerosi duelli, senza però regalare altre emozioni. L'ultimo episodio di cronaca da segnalare giunge all'ultimo minuto del recupero, quando sugli sviluppi di un angolo per i torinesi da un mischione, Moustafa è atterrato da un difensore di casa. Ma per il direttore di gara non c'è nulla, e dopo questo episodio Il signor Vogina della sezione di Ivrea fischia per tre volte, facendo calare il sipario su un match vinto dall'Ivrea, che regala agli eporediesi tre punti fondamentali per la classifica.

IL TABELLINO

IVREA CALCIO-GASSINO: 1-0

RETI: 14' Mosca (I).
IVREA CALCIO(4-3-3): Savino 7, Condello 6, Cena 6, Garavet 6.5 (1' st Madaro 6.5), Tosi 6.5, Bevolo 6.5, Moschetta 6.5 (15' st Capello 6), Brizzi 6.5, Capillo 7, Stratta 6.5 (23' st Pesando 6.5), Mosca 7.5. A disp Fochesato, Vescovo, Peverati, Rondoletto. All Cena 7. 
GASSINO(4-2-3-1): Sandri 5.5, Campagnoli 7, Frizza 6, Cravero 6 (16' st Tallia 6.5), Pannocchia 5.5, Ravedoni 6, Runco 6, Galla 6.5, Penna 6.5( 47' st Castelli sv), Zanirato 6.5 (26' st Savio 6), Moustafa 5.5. A disp Capato, Perotti, Meli, Bertipaglia. All Savio 6. 
AMMONITI: Cena (I), Tosi (I), Moschetta (I), Mosca (I), Pesando (I), Capello (I), Moustafa (G), Tallia (G).
ESPULSI: Perotti (G).
ARBITRO: Vogina di Ivrea 5.5 Non arbitra per niente una buona partita da ambo le parti, in diversi episodi prende la decisione sbagliata, direzione di gara assolutamente da rivedere.

LE PAGELLE

IVREA CALCIO

Savino 7 Pronti via e deve subito fare delle parate decisive, attento sulla punizione di Zanirato, gran riflesso sul calcio d'angolo, oggi ci ha messo una pezza sui tre punti.

Condello 6 Mustafa lo mette alle corde per tutta la partita, visto il pericolo che a bada più al sodo che al bello senza mai farsi problemi nello spazzare palla.

Cena 6  Anche lui fa un po' fatica con Zanirato, però tutto sommato lo tiene abbastanza bene, anche lui vada più al sodo che al bello.

Garavet 6.5 In mediana svolge una partita sufficiente, a volte si abbassa molto per impostare il gioco, ma la maggior parte di esse cerca di innescare gli attaccanti con dei lanci lunghi.

1' st Madaro 6.5 Nel secondo tempo tempo fa il lavoro che ha fatto Garavet nella prima frazione di gioco cercando di innescare i propri attaccanti con dei lanci lunghi.

Tosi 6.5 Svolge una partita in cui bada più al sodo che al bello, si divide bene il lavoro con Bevolo, provvidenziale nelle chiusure da "libero".

Bevolo 6.5 Per lui bisogna fare sostanzialmente lo stesso discorso fatto per Tosi, bada più al sodo che al bello facendo a sportellate con Galla.

Moschetta 6.5 Sulla corsia di destra cerca di giocare molto largo per aprire la difesa ospite e per dare ampiezza al gioco, svolge abbastanza bene sia la fase difensiva sia quella offensiva.

15' st Capello 6 Entra e cerca di dare il suo contributo alla squadra in fase difensiva ed in fase offensiva non appena gli avversari concedono campo.

Brizzi 6.5 A metà campo cerca di essere il collante tra difesa e attacco, cerca più volte i guizzi personali per cercare di innescare gli attaccanti con dei filtranti con il contagiri.

Capillo 7 Fa la guerra più totale con la difesa ospite, svolge un buon lavoro per far salire la squadra, ma gli manca l'acuto per pungere.

Stratta 6.5 Per lui bisogna fare sostanzialmente lo stesso discorso fatto per Brizzi, con la differenza che lui si preoccupa più della fase difensiva nel coprire lo spazio quando l'altra mezzala si spinge in avanti.

23' st Pesando 6.5 Entra nel momento in cui gli ospiti Tentano il forcing, cerca di dare il suo apporto alla squadra In entrambe le fasi.

Mosca 7.5 Senza ombra di dubbio è il Man of the Match della gara di Montalto, forse sul goal ha spinto l'avversario ma senza dubbio si è inventato la rete dei tre punti che in chiave classifica è fondamentale.

All Cena 7 Ha preparato la partita abbastanza bene, i suoi rischiano due volte ad inizio primo tempo in cui il suo portiere lo salva, bravo poi a gestire la partita nella seconda frazione di gioco. Si ricorderà a lungo il gol sbagliato da Moustafa sul finire del primo tempo.

GASSINO

Sandri 5.5 Gioca una partita in cui il suo tutto sommato lo svolge, però nonostante sul gol ci sia una spinta dell'attaccante eporediese anche lui è colpevole, perché bastava che si facesse scaricare la palla prima dal compagno.

Campagnoli 7 Gioca una discreta gara, nel primo tempo solo un gran riflesso di Savino gli nega la gioia del gol, per il resto riesce ad essere incisivo sia in fase difensiva sia in fase offensiva.

Frizza 6 Gioca una partita di sostanza in cui cerca di essere di supporto per i centrali badando più al sodo Che al bello fino a quando rimane in campo. 

Cravero 6 In mediana non gioca una cattiva partita, cerca di costruire una diga in mezzo al campo con Runco, a tratti però patisce gli inserimenti di Brizzi.

16' st Tallia 6.5 Entra nel momento in cui i suoi cercano il forcing tutto sommato il suo lo riesce a svolgere abbastanza bene anche se manca il guizzo che inneschi gli attaccanti.

Pannocchia 5.5 Sul gol anche se è stato spinto doveva fare meglio perché aveva tutto il tempo di scaricare la palla al proprio portiere, purtroppo per lui questo errore costa carissimo ai suoi.

Ravedoni 6 Gioca una partita solida badando più al sodo Che al bello, non si fa mai problemi nel lanciare palla alla ricerca dei propri attaccanti.

Runco 6 Sulla trequarti gioca una discreta gara in cui riesce a creare dei grattacapi alla retroguardia eporediese, purtroppo per lui però non riesce ad incidere creando una palla gol o per sé o per i compagni.

Galla 6.5 In mediana gioca una buona partita, lui a differenza del partner cerca di essere di supporto per le azioni offensive non appena gli eporediesi concedono un po' di campo.

Penna 6.5 Gioca una partita di sacrificio, si abbassa molto spesso per far salire la squadra, fa la guerra più totale con la difesa di casa tant'è che gli crea più di qualche grattacapo(47' st Castelli sv).

Zanirato 6.5 Nel primo tempo tira una punizione con il contagiri che Savino è bravo a parare, per il resto gioca una buona gara cercando di giocare largo per aprire la difesa di casa. 

26' st Savio 6 Entra nel momento in cui i suoi tentano il forcing, cerca di far valere la sua fisicità senza però trovare un occasione per poter far male. 

Moustafa 5.5 Si vede lontano un chilometro che ha una tecnica fuori dal normale, sarebbe il migliore dei suoi perché attratti quando parte non fa vedere la palla ai difensori orange, però sbaglia un gol da matita rossa in cui era veramente più facile sbagliare che segnare, questo errore costa carissimo alla squadra.

All Savio 6 Alla fine della fiera lui ha preparato la partita nel migliore dei modi, i suoi ragazzi vanno sotto per un episodio, i cambi che fa sono giusti perché riescono a dare un po' di vivacità al gioco e alla squadra, però la squadra perde meritatamente perché nell'occasione di Moustafa non si può non far goal.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400