Cerca

Under 17

Barbieru è il kicker gialloblù: 8; De Pace e Franchi praticamente perfetti: 7 e 7.5

Negli ospiti ci provano Truglio e Koua: 6.5; bene nonostante i gol incassati anche Nicoli: 6.5

George Barbieru, Ambrogio Franchi e Andrea Geroli Under 17 Magenta

Da sinistra a destra: George Barbieru, Ambrogio Franchi e Andrea Geroli, a segno per il Magenta

Il Magenta compie un passo importantissimo verso la partecipazione ai play-off, e lo fa battendo i diretti concorrenti dell'Academy Legnano per 3-0. Tre punti che portano la firma indelebile di Barbieru, autore di un gol da cineteca, e di Franchi, praticamente infermabile. Prestazione complicatissima invece per i lilla di Costantino, Truglio e Koua sono tra i pochi a provarci. Di seguito le pagelle di Magenta-Academy Legnano.

MAGENTA

Dipierro 6 Il voto è indicativo, perché l'Academy Legnano non calcia mai verso la sua porta e lui, di conseguenza, vive da spettatore la partita. Cambia la guardia a dieci minuti dalla fine.
Cattaneo 6.5 È la spina nel fianco della tutt'altro che solida retroguardia a tre schierata da Costantino. Gioca nella posizione di ala nel trio offensivo completato da Franchi e Longoni, fornendogli un supporto costante e arrivando spesso nei pressi dell'area avversaria.
De Pace 7 Ha sulla testa la prima occasione della gara ma non inquadra la porta, ma il suo mestiere e fare il difensore e lo si vede. Decentrato sulla sinistra, ferma sul nascere i tentativi offensivi degli ospiti, che nel primo tempo faticano a superare la metà campo. Segna un gol scaraventando il pallone in porta dopo l'uscita di Nicoli, ma l'arbitro vede un fallo precedente e gli nega una gioia che avrebbe meritato.
Gerosa 7 Sulla destra Koua è un osso duro e a tratti lo soffre terribilmente, soprattutto quando tenta l'allungo, ma lui lo è ancora di più. Dopo una prima parte di gara trascorsa più bloccato, con ottimi risultati, si sgancia con frequenza alla ricerca della giocata vincente, sovrapponendosi spesso con Cattaneo. Due le conclusioni verso la porta, ma tutt'altro che di pregevole fattura. Nel complesso una prestazione da incorniciare.
Morelli 6.5 Assieme a Cantatore forma il duo difensivo del Magenta. Regge bene i pochi tentativi di sfondamento avanzati da Truglio e Francone, soprattutto ad inizio secondo tempo e nelle prime battute della ripresa. Poi il ritmo cala e, di conseguenza, gestisce le operazioni con tranquillità.
Cantatore 6.5 Così come il suo compagno di reparto viene poco sollecitato dal trio offensivo dell'Academy Legnano. Pulito ed efficace quando chiamato a rapporto, ma l'aridità della manovra avversaria gli facilità di gran lunga la partita.
Grimaldi 6 Mezz'ala di sostanza e quantità, poco coinvolto nello sviluppo della manovra del Magenta ma non si scompone. Stantuffa in mezzo al campo e si impegna egregiamente in fase di copertura, non trova i tempi giusti per imbeccare i compagni come vorrebbe.
Barbieru 8 La star della gara, sotto ogni punto di vista, gioca da perno davanti alla difesa ma la posizione arretrata non lo scoraggia dal proporsi in avanti. Si fa carico dei calci piazzati, che batte splendidamente e la prova sta al 33' del primo tempo, quando col destro disegna una traiettoria astrale che sorprende Nicoli e va a depositarsi sotto la traversa. Nel secondo tempo cambia marcia ma il risultato non cambia, domina a centrocampo e dalle sue parti non passano mai.
Geroli 6.5 Tende ad allargarsi sulla destra per dare opzioni diverse alla trama offensiva, preferendo l'assist piuttosto che il tiro in porta. Generosità che viene ricompensata ad inizio ripresa, quando si trova solo davanti al portiere e lo scavalca con un tocco morbido morbido che vale il terzo gol. 
Franchi 7.5 Un vero e proprio mastino del fronte offensivo, ma che sa anche fare gol. Spesso fa reparto quasi da solo e ha sui piedi più volte l'occasione di arrotondare il risultato, ma Nicoli si oppone e non lo vuole accontentare. L'estremo difensore dell'Academy però non può nulla quando al 23' si trova davanti il numero 10, che è freddissimo nel batterlo per il gol del vantaggio.
Longoni 6.5 Sì, è vero, in fase avanzata non si vede spesso in termini di occasioni create. Tanto però è il sudore e l'impegno messi nel rincorrere ogni singolo pallone che transita dalle sue parti, meriterebbe il gol ma non è la migliore delle giornate.
All. Fraschini 6.5 I suoi ragazzi non hanno nessun problema nell'archiviare la pratica Legnano dopo un primo quarto d'ora di studio della partita. Una volta siglato il raddoppio, il suo undici gestisce con calma e sangue freddo, mettendo in ghiacciaia un successo che rinforza la posizione del Magenta in piena zona play-off.

I ragazzi del Magenta in posa prima dell'inizio del match

ACAD. LEGNANO

Nicoli 6.5 In una giornata a dir poco complicata per tutta la squadra, si trova a fronteggiare le continue conclusioni verso la porta di Franchi e Barbieru su tutti. Viene sorpreso completamente in occasione del raddoppio proprio segnato da quest'ultimo, dove forse tiene una posizione leggermente alta data la lontananza della conclusione. Si rende in ogni caso protagonista di ottimi interventi, che hanno evitato una sconfitta ben più pesante.
Primi 6 In totale emergenza, Costantino sceglie di schierarsi a tre dietro, ma la scelta non paga e lo si vede sin da subito. Così come i suoi compagni soffre terribilmente i movimenti danzati di Geroli, Franchi e Longoni, così come le scorribande di De Pace che quando avanza lo tiene sempre lì e non lo fa ragionare.
Merici 6 È il terzo di sinistra nella retroguardia, ma si trova anch'esso ad affrontare un rapace Cattaneo e un Cantatore sempre in agguato. Prova ad alzare la linea della difesa ma senza produrre risultati positivi ai fini dell'incontro (20' st Copreni 6).
Kley 6 Nel match individuale con Franchi perde alla grande. Il numero 10 gialloblù gli va via sempre con grande, troppa facilità, lui prova a variare di posizione intercambiandosi spesso con Lanza, ma senza riuscire ad ottenere i risultati sperati.
Lanza 6 Spazia tra la retroguardia nel primo tempo, ma non riesce minimamente ad ambientarsi e le prove stanno nel risultato all'intervallo. Nel secondo tempo avanza a centrocampo per fungere da cerniera, per poter dare maggiore copertura ai fini della ripartenza ma, anche in questo caso, fallisce nell'obiettivo.
Migliavacca 6.5 Sia con Grasso che con Lanza come partner di reparto non trova la giusta intesa e quindi è costretto più volte a tentare la fortuna lanciando lungo in direzione di Truglio e Koua. Da apprezzare per la sua proposività e il suo continuo lottare in mezzo al campo.
Meriggi 6.5 Prova a costruire sulla destra imbeccando Truglio e Francone per poi inserirsi a sua volta. Forse l'unico del reparto di centrocampo ad impensierire seppur in minima parte la difesa del Magenta, ma è ancora una volta troppo poco per poter anche solo pensare di cambiare le sorti.
Grasso 6 Viene preso in mezzo, come l'intera squadra, dalle verticalizzazioni rapide e precise di Barbieru e Cantatore. Tocca pochi palloni ma non riesce a trasformarli in soluzioni pericolose, emblema perfetto della giornata storta dell'intera squadra.
Koua 6.5 L'unico a salvarsi all'interno di un primo tempo complicatissimo. Tenta spesso di sgasare e mettere in difficoltà Cattaneo e De Pace, che per un attimo sembrano soffrirlo ma è solo un'impressione, perchè dopo un primo tempo in cui sembra poter creare qualcosa di pericoloso, nella seconda frazione non riesce a rendersi pericoloso.
Truglio 6.5 È suo uno dei pochi tentativi a referto della partita dell'Academy Legnano, ma è impreciso. Non riesce a ragionare con il pallone tra i piedi poichè pressato immediatamente dal centrocampo magentino, sicuramente uno dei più positivi dell'undici in maglia lilla.
Francone 6.5 Anche lui prova con coraggio ad impensierire la porta difesa da Dipierro prima e da Castiglioni poi, ma le sue conclusioni sono talvolta imprecise e velleitarie. Svaria da sinistra al centro per sparigliare le carte, ma ad avere la mano vincente è sempre il Magenta.
All. Costantino 6
Si trova costretto a reinventare l'intera formazione vista la carenza di ragazzi, e quelli che ci sono sbagliano l'approccio alla gara. Una difesa troppo alta unita ad un centrocampo e ad un attacco entrambi in seria difficoltà sono gli elementi chiave di una sconfitta che gli allontana dalla zona play-off.

L'Academy Legnano di Riccardo Costantino

ARBITRO


Grimaldi della Lomellina 6
Gestisce bene la situazione nel primo tempo, anche coadiuvato da un andamento tutto sommato corretto della partita. Nel secondo tempo, però, quando gli animi si scaldano inutilmente, è timido ne fischiare e nell'estrarre qualche cartellino che sicuramente gli avrebbe facilitato la conduzione.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400