Cerca

Under 17

Achille da poema epico, i Cervotti proseguono la striscia e puntano la salvezza

La squadra di Ambrosini supera il Gassino grazie al suo numero 10: contro il Settimo basterà non perdere per approdare ai playout

Venaria: Pappalardo, Di Matteo e Mey

Venaria: Pappalardo, Di Matteo e Mey

Il 20 febbraio il Venaria incassava una sonora sconfitta (la settima di fila) per 7-0 in casa della capolista Lascaris. Quel passivo così pesante costò la panchina ad Emanuel Urbano, cui subentrò prima Luciano Moschella e poi Stefano Ambrosini, artefici della rinascita dei Cervotti: sì perché da quel 20 febbraio il Venaria non ha più perso, inanellando una striscia di 10 risultati utili consecutivi, l'ultimo dei quali è la vittoria per 3-1 sul Gassino. Protagonisti della vittoria sui rossoblù sono Mey, Pappalardo e Di Matteo, proprio colui che aveva promesso la salvezza: ora l'obiettivo è veramente ad un passo.

Mey batte un colpo. Ambrosini schiera i suoi ragazzi con il 4-3-3: Orso tra i pali, sugli esterni ci sono Albano e Pappalardo, mentre al centro della difesa agiscono Cella e Liso; Gerardo fa da diga in mezzo al campo con Bava e Tinnirello ai suoi lati, in avanti il tridente composto da Mey, D'Arrando e Di Matteo. Modulo speculare anche per De Martino: in porta c'è Sandri, i centrali difensivi sono Pannocchia e Cravero, mentre gli esterni bassi Campagnoli a destra e Adamo a sinistra; in mediana Duò a comando delle operazioni coadiuvato da Tallia e Zanirato, in attacco c'è Runco con ai suoi lati Galla e Moustafa. I ritmi sono fin da subito piuttosto alti, e la prima occasione capita agli ospiti al 12': Zanirato batte un angolo basso e insidioso verso la porta, Orso è attento e reattivo e allontana la minaccia. Anche la risposta dei padroni di casa arriva su sviluppi di calcio piazzato: al 16' Di Matteo batte una punizione in area da destra, serie di rimpalli e Bava non riesce a calciare con potenza verso la porta rossoblù favorendo l'intervento della difesa. Al 22' Moustafa semina il panico sul versante sinistro ed entra in area, Orso esce con i tempi giusti deviando la sfera che termina sui piedi di Runco, ma il 9 non inquadra lo specchio. Passano 2' e il Venaria trova il vantaggio: Pappalardo recupera palla a sinistra e lancia in avanti, Mey taglia benissimo in diagonale e si invola a tu per tu con Sandri, che non può nulla sul rasoterra ravvicinato del numero 7, è 1-0. Al 31' il Gassino costruisce un'occasione per il pari: Duò mette in mezzo da calcio di punizione, Cravero salta più in alto di tutti ma non riesce a centrare lo specchio della porta.

Achille pié veloce. La ripresa si apre con il lampo del Gassino che agguanta il pareggio: Galla sfreccia a destra, sfrutta l'incomprensione tra Pappalardo e Albano, converge verso il centro e non dà scampo a Orso con un preciso rasoterra che vale l'1-1. Ambrosini prova a rispondere togliendo l'ammonito Bava e inserendo il fantasista classe '06 Medelin, e al 15' arriva una buona occasione per il 2-1: D'Arrando entra in area e crossa da sinistra, Tinnirello non si fa pregare e calcia al volo ma Sandri è lesto a distendersi e a deviare in angolo. L'estremo difensore ospite è straordinario anche al 24': il subentrato Di Nunzio sfonda sempre a sinistra e appoggia a rimorchio per Di Matteo che tira a botta sicura all'altezza del dischetto del rigore, ma Sandri non ne vuole sapere di capitolare e con un riflesso felino a mano aperta respinge in corner. Il tecnico di casa aumenta la potenza di fuoco buttando nella mischia un altro 2006, Echinoppe, al posto di Mey, ma la svolta arriva dal trascinatore con la maglia numero 10: è il 39' quando Pappalardo lancia lungo a sinistra, Di Matteo controlla, galoppa, entra in area, resiste al ritorno della difesa rossoblù, si porta la sfera sul destro e questa volta non lascia a scampo a Sandri. Il Don Mosso esplode per il gol del suo beniamino, che va a festeggiare con la sua panchina. Il Venaria è in palla, e al 43' Di Nunzio calcia alto da ottima posizione dopo aver sfruttato l'errore in disimpegno di Adamo. I Cervotti la chiudono comunque al 46', e il protagonista è sempre lo stesso: nel primo minuto di recupero Di Matteo sgroppa per l'ennesima volta sulla fascia sinistra e viene abbattuto in area da Campagnoli, è rigore; sul dischetto si presenta el diez che sforna lo scavetto e chiude la partita tra gli applausi del pubblico di casa. 

IL TABELLINO

VENARIA-GASSINO SR 3-1
RETI (1-0, 1-1, 3-1): 24' Mey (V), 4' st Galla (G), 39' st Di Matteo (V), 47' st rig. Di Matteo (V).
VENARIA (4-3-3): Orso 6.5, Albano 6.5, Pappalardo 7.5, Gerardo 6.5 (48' st Di Battista sv), Liso 6.5, Cella 7, Mey 7 (25' st Echinoppe Anglesio 6.5), Tinnirello 6.5, D'Arrando 6.5 (16' st Di Nunzio 6.5), Di Matteo 8, Bava 6.5 (11' st Medelin 6.5). A disp. Scotti, Sannace, Lorenzi. All. Ambrosini 7. Dir. Di Battista - Pozzato.
GASSINO SR (4-3-3): Sandri 7, Campagnoli 5.5, Adamo 6, Duò 6.5, Pannocchia 6, Cravero 6, Tallia 6.5 (20' st Meli 6), Zanirato 6.5, Runco 5.5, Galla 7 (40' st Penna sv), Moustafa 6.5 (21' st Fella 6). A disp. Capato, Bertipaglia, Ravedoni, Bacchiani, Frizza, Perotti. All. De Martino 6. Dir. Frizza - Ravedoni.
ARBITRO: D'Andria di Collegno 6.
AMMONITI: 8' Albano (V), 30' Bava (V), 4' st Galla (G), 13' st Campagnoli (G), 35' st Cella (V), 37' st Pannocchia (G), 40' st Di Matteo (V).

Pappalardo e Di Matteo

Venaria: Francesco Pappalardo (due assist) e Achille Di Matteo (doppietta)

LE PAGELLE

VENARIA

Orso 6.5 Bravo in avvio a togliere dalla porta il corner insidioso di Zanirato, in seguito esce bene in un paio di occasioni e gestisce la situazione senza particolari affanni.
Albano 6.5 Non è esente da colpe sul gol del momentaneo pareggio del Gassino, ma per il resto se la cava molto bene in marcatura su Moustafa, uno dei più in palla del Gassino.
Pappalardo 7.5 Prestazione caparbia e di sostanza a sinistra, condita e impreziosita dai due assist per Mey e Di Matteo. C'è anche la sua firma sul successo dei Cervotti.
Gerardo 6.5 Generoso nel dare spesso una mano ai centrali difensivi in copertura, gestisce bene il traffico in mediana e serve con precisione i compagni.  48' st Di Battista sv
Liso 6.5 Respinge ogni pericolo che capita dalle sue parti con grande reattività, non ci pensa troppo a spazzare nelle situazioni più gravi e si immola per la causa.
Cella 7 Oltre ad annullare completamente Runco si rende pericoloso di testa anche in proiezione offensiva saltando in alto e andando ad impattare di testa.  
Mey 7 Ottima la diagonale con cui va ad intercettare il lancio di Pappalardo, poi si invola verso Sandri e non trema realizzando il pesantissimo gol del vantaggio.
25' st Echinoppe 6.5 Il suo ingresso dà frizzantezza alla manovra di casa, si costruisce un paio di occasioni in cui non riesce a concludere verso la porta per un soffio. 
Tinnirello 6.5 Sandri gli nega lo spettacolare gol al volo, per il resto ringhia a centrocampo e recupera molti palloni con grande grinta e precisione.
D'Arrando 6.5 Gran lavoro spalle alla porta al servizio della squadra, sfrutta il fisico e apre varchi per i compagni. Serve a Tinnirello la palla buona per il 2-1 ma Sandri si oppone.
16' st Di Nunzio 6.5 Ci mette tantissimo impegno e partecipa con costanza alla manovra offensiva, appoggia un pallone d'oro per Di Matteo che però viene fermato dal super-portiere rossoblù.
Di Matteo 8 Parte da sinistra e cerca quasi sempre di accentrarsi per armare il destro, soluzione che nel finale si rivela decisiva: prima ubriaca mezza difesa del Gassino e sigla il 2-1, poi si procura e trasforma il rigore del tris. Trascinatore.
Bava 6.5 Sfrutta centimetri e fisico in mezzo al campo, non demorde e recupera diversi palloni. In avvio ha una buona occasione ma non riesce a calciare come vorrebbe a causa del pressing della difesa.
11' st Medelin 6.5 Fa vedere a sprazzi la sua classe lanciando con precisione dalle retrovie e occupandosi spesso e volentieri dei calci piazzati.
All. Ambrosini 7 C'è molto di suo nel cambio di pelle dei Cervotti: trasmette in maniera chiara la sua idea di calcio e sceglie gli uomini giusti per interpretarla. E, dato non trascurabile, tiene alta la cazzimma.

venaria

Il Venaria di Stefano Ambrosini

GASSINO

Sandri 7 Tiene a galla i suoi con due interventi magnifici, prima su Tinnirello e poi in particolare sulla conclusione ravvicinata di Di Matteo. Incassa 3 gol su cui non ha colpe.
Campagnoli 5.5 Non partecipa troppo alla manovra offensiva, e in più dalla sua parte imperversa Di Matteo che lo fa impazzire, tanto che nel finale lo stende in area e causa il rigore.
Adamo 6 Rischia nel finale con un disimpegno errato che favorisce Di Nunzio, per il resto se la cava abbastanza bene e copre con diligenza le sortite offensive di Moustafa.
Duò 6.5 I compagni si affidano spesso e volentieri a lui per iniziare l'azione, perché sanno che tra i suoi piedi la palla è quasi sempre in cassaforte. 
Pannocchia 6 Si fa rispettare nel gioco aereo e riesce quasi sempre ad impedire a D'Arrando di girarsi.
Cravero 6 Nel finale della prima frazione va vicino al pareggio con un colpo di testa sugli sviluppi di calcio di punizione di Duò.
Tallia 6.5 Scambia bene con Galla sul versante destro ed è uno dei più intraprendenti delle fila rossoblù.
20' st Meli 6 Prova a creare qualche pericolo sulla trequarti, va al tiro ma viene rimpallato dalla difesa di casa.
Zanirato 6.5 Prova a sorprendere Orso direttamente da calcio d'angolo in avvio, e per poco ci riesce. Tenta di scuotere la squadra verso il pareggio con grinta da capitano.
Runco 5.5 Gli capita una sola vera occasione sugli sviluppi di un'uscita di Orso su Moustafa, ma non inquadra lo specchio: poi viene risucchiato dalla coppia Liso-Cella che gli concede poco o nulla.
Galla 7 Veloce e letale in occasione dell'1-1, è un lampo importante in una partita che fino a quel momento lo aveva visto un po' estraniato dalla manovra.  40' st Penna sv 
Moustafa 6.5 Per un tempo è sicuramente il più indemoniato degli ospiti, nella ripresa cala progressivamente e viene sostituito in debito di ossigeno.
21' st Fella 6 Tenta qualche spunto a sinistra ma sbatte quasi sempre sull'ottimo Albano che gli sbarra la strada.
All. De Martino 6 Dopo il pareggio conquistato ad inizio ripresa i suoi ragazzi hanno subito troppo il ritorno del Venaria, ma ci sono buone basi da cui ripartire.

gassino

Il Gassino di Gian Luigi De Martino

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400