Cerca

Under 17

Minelli è di un'altra categoria, continua la corsa all'Élite

Pali, traverse ed emozioni forti a Villapizzone: primato mantenuto

Carlo Minelli, Club Milano U17 (Villapizzone Club Milano)

Carlo Minelli, numero 11 del Club Milano autore di una doppietta e migliore in campo

La capolista Club Milano non sbaglia in casa del Villapizzone e continua così la cavalcata verso la vittoria del campionato. Un secco 0-3 è il risultato finale. Gara dominata dagli ospiti dall'inizio alla fine, nonostante nel primo tempo i gialloviola abbiano colpito un palo e una traversa (su rigore) clamorosi che avrebbero potuto cambiare totalmente le sorti dell'incontro. A parte gli episodi, il Club Milano ha vinto con merito esprimendo un calcio degno della capolista, grazie anche a un Minelli formato special: imprendibile nell'uno contro uno e difficilissimo da marcare vista la posizione totalmente anarchica nel rettangolo di gioco.

MINELLI SEGNA, GENNARELLI SPAVENTA

Inizia subito forte la squadra di Mandelli, aggressiva fin dai primi minuti in tutte le zone del campo. Prima combinazione sulla fascia destra, con Fabris che combina bene con Catone e calcia da posizione laterale alto sopra la traversa. Continua il forcing, ma i padroni di casa coprono bene gli spazi ed è difficile sbloccarla nonostante la chiara supremazia territoriale. Ci prova Minelli da calcio piazzato al 9', ma la conclusione si stampa sulla barriera. Si prova a scuotere il Villapizzone, Riunno tenta l'imbucata geniale per Rampoldi, ma Facchini legge benissimo la situazione e chiude la diagonale. Al quarto d'ora altro calcio piazzato per il Club Milano: Albetti viene steso al limite, sulla palla va ancora Minelli e dalla tribuna gridano: «Quella è la sua mattonella». Detto fatto: destro a giro imparabile a scavalcare la barriera ed è 0-1. Passano cinque minuti ed ecco l'episodio che avrebbe potuto cambiare la gara: punizione dalla trequarti per i padroni di casa, sulla palla Riunno che scodella in area. Gennarelli esce in presa alta ma, complici probabilmente un problemino alla caviglia che gli impedisce di staccare correttamente e il sole in faccia, manca totalmente la sfera, che passa e colpisce incredibilmente il palo, poi sul rimbalzo sono attenti i difensori ad allontanare. Lo spavento subito apre la gara, il Villapizzone tenta le sortite con più convinzione, mentre il Club perde qualche certezza, di conseguenza ne beneficia lo spettacolo. Nel giro di 2 minuti una bella occasione per parte: prima Vaccarella parte in contropiede, salta un paio di avversari e calcia, conclusione alta anche a causa del contrasto subito dal 10 biancorosso. Dall'altra parte del campo invece ha una bella occasione Meloni, che sguscia via sulla sinistra in seguito a un fallo laterale, controlla bene e calcia al volo, da posizione defilata, una sberla pazzesca sul primo palo che però vede la grande opposizione di Gennarelli che tocca e, con l'aiuto della traversa, si fa perdonare alla grande lo svarione dei minuti precedenti. Mai svegliare il can che dorme, lo spavento subito fa riaccendere Minelli, che si mette in proprio e parte dal centro sinistra, semina due-tre avversari, rientra sul destro e calcia sul primo palo lasciando senza scampo Santoriello, è 0-2 per gli ospiti. Altro episodio al 32': rimessa laterale dalla sinistra per i padroni di casa, spizzata in area di Riunno che prolunga sul secondo palo dove è appostato Graziano. Il 10 salta insieme ad Albetti, ma nessuno dei due colpisce la sfera. Tra lo stupore dei presenti il direttore di gara fischia il rigore in favore dei padroni di casa. Il contatto non sembrava irregolare, anche se ci deve essere stato perché Graziano cade male ed è costretto a uscire dal campo in braccio per qualche minuto. Dal dischetto si presenta Riunno, che calcia forte spiazzando il portiere, ma la conclusione si stampa sulla traversa e poi sulla riga. Secondo episodio che i padroni di casa non riescono a sfruttare, complice anche la sfortuna. Nel finale di primo tempo un'altra uscita così così di Gennarelli su calcio di punizione: il numero 1 esce bene ma, non chiamando la palla, si scontra poi con un avversario perdendo la sfera e per sua fortuna la conclusione sotto misura finisce a lato.

CONTROLLO E TRIS DI ESPOSITO

Inizia ancora fortissimo la squadra di Mandelli, alla ricerca del gol della sicurezza. Il tecnico cambia qualcosa in attacco spostando il numero 7 Ponzi al centro, più fisico e veloce rispetto a Catone che farà da supporto insieme a Vaccarella. Rimane impossibile definire il ruolo di Minelli, che continua a giocare a tutto campo. Il cambiamento tattico attuato mostra subito i suoi frutti, con Ponzi subito attivo in area con un bel diagonale destro su cui è attento Santoriello. Sulla destra continua a spingere Fabris che fa un bel triangolo coi compagni e va al tiro, esaltando ancora una volta Santoriello. Azione simile a sinistra, Albetti calcia, ma il tiro viene respinto, sul pallone vagante arriva Catone che da buona posizione calcia alle stelle. Santoriello continua a essere protagonista annullando la grande azione personale di Vaccarella. Dopo lo slalom speciale, un gran tiro all'angolino del 10, ma l'estremo difensore di casa è grandioso nell'intervento basso. Il gol è nell'aria e infatti arriva, ancora da piazzato: l'ennesimo miracolo di Santoriello non basta, sulla respinta arriva Esposito che trova il gol della sicurezza. Partita in ghiaccio, ma emozioni ancora bollenti: Catone prima non viene servito da Ponzi che calcia alto, poi lo stesso Ponzi dialoga bene con il compagno e, a tu per tu col portiere, questa volta scarica per il facile tap-in, ma Catone incredibilmente calcia a botta sicura addosso a Santoriello che può allontanare. Nel finale sarà Gennarelli a esaltarsi: annullato il gran tiro dal limite di Groppo, si ripete anche sugli sviluppi del calcio d'angolo dimostrandosi molto reattivo tra i pali. Un'ultima occasione la avrà Strignano, imbucato bene dal compagno. A tu per tu con il portiere il numero 2 prova lo scavetto che termina alto di centimetri. Finisce così una gara divertente e quasi sempre frizzante nonostante la disparità di livello tra le squadre.

IL TABELLINO

VILLAPIZZONE-CLUB MILANO 0-3
RETI: 15' Minelli (C), 29' Minelli (C), 11' st Esposito (C).
VILLAPIZZONE (4-5-1): Santoriello 7, Strignano 6, Pootaren 6, Roldi 5.5 (24' st Calì 6), Cerutti 6 (29' st Martinelli 6), Groppo 6.5, Riunno 6.5, Lila 5.5, Rampoldi 5.5 (35' st Correa sv), Graziano 6.5 (24' st Roman Sebastian Liviu 6), Meloni 6.5 (2' st Mataloni 6). All. Fragale 6. Dir. Martinelli - Graziano Gabriele.
CLUB MILANO (4-3-1-2): Gennarelli 7, Fabris 6.5 (10' st Schrieviers 6.5), Facchini 7.5, Capelli 6.5, Papa 6.5, Albetti 7 (25' st Gasparetto Mattia 6), Ponzi 7 (30' st D'Apolito 6.5), Esposito 7 (42' st Spinozzi sv), Catone 6.5 (40' st Zandegù sv), Vaccarella 7 (34' st Elatky Amr Adel Mohame 6), Minelli 8 (44' st De Caro sv). A disp. Comità, Chavez. All. Mandelli 8. Dir. Guarnerio Cipriano.
ARBITRO: Youssef di Milano 6.5.
AMMONITO: Strignano (V).

LE PAGELLE (in aggiornamento)

LE INTERVISTE

Fragale, allenatore del Villapizzone: «Abbiamo preparato bene la partita, ovviamente dovevamo attendere e attaccare al momento giusto e ci siamo anche riusciti abbastanza bene nel primo tempo, poi certo, in partite come questa ci vuole un pizzico di fortuna che non abbiamo avuto. Sono comunque contento della prestazione dei miei, ora testa a settimana prossima».

Mandelli, tecnico del Club Milano: «Ora ogni gara è difficile e non si può calare mai durante la gara, non dobbiamo mollare di un centimetro, ci aspettano ancora 90 minuti di fuoco».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400