Cerca

Under 17

Il sedicenne cresciuto all'oratorio ora è in Nazionale e vuole la Serie C: «Sto sognando, non svegliatemi»

Carlo Alletto si sta prendendo la scena con la Rapp, intanto spera nella permanenza al Sangiuliano City

Alletto

Carlo Alletto in maglia Rapp: a sinistra con la Nazionale, a destra con la Regionale

«Non c'è modo di descrivere l'emozione che si prova a calcare i campi dove si allena la Nazionale». A dirlo è Carlo Alletto, sedicenne di Brembio - paese che conta poco più di 2000 anime in provincia di Lodi - che nell'ultimo mese ha vissuto un vero e proprio sogno con la maglia della Nazionale, il quale si protrarrà anche nelle prossime settimane vista la notizia ufficializzata nelle scorse ore: dopo la convocazione per il raduno del 2-3-4 maggio, il difensore centrale del Sangiuliano tornerà con la maglia della Rapp Under 17 LND per la Lazio Cup, competizione che si svolgerà nell'omonima regione dal 15 al 22 maggio

Alletto in maglia Rapp (foto: sito LND)

SECONDA CONVOCAZIONE

Partiamo dalla fine, ovvero dalla seconda convocazione con la selezione di Calogero Sanfratello. Che il tecnico siciliano sia stato ammagliato dal classe 2005 è evidente, tant'è che la chiamata per la Lazio Cup non è tardata ad arrivare. «Dopo il raduno di inizio maggio ho sperato tanto di essere richiamato, ce l'ho fatta e sono davvero entusiasta» il racconto a caldo. Un paio di allenamenti e 45 minuti di partita contro i pari età dell'Empoli: tanto è bastato al giovane barasino per conquistare la fiducia dell'intero staff LND, consapevole di avere tra le mani un diamante pregiato. Che qualcosa bollisse in pentola era chiaro già dal mese di aprile quando, a Verano Brianza durante il raduno Area Nord, il difensore si mise in mostra sotto gli occhi di Sanfratello: «Sinceramente non mi aspettavo di essere convocato. Per me è stata una grande soddisfazione essere arrivato fin lì, un'esperienza unica».

LA CARRIERA DI CARLO ALLETTO

  • BREMBIO
  • OSSAGO
  • BORGHETTO
  • FISSIRAGA
  • CREMA
  • OFFANENGHESE
  • PIACENZA
  • SANCOLOMBANO
  • SANGIULIANO CITY

Uno scatto della sfida contro l'Empoli (foto: sito LND)

COVERCIANO

Quest'ultima viaggia a pari passo con quella con la maglia della Rapp Regionale, essendo stato nel giro della selezione di Daniele Tacchini per l'intera durata del percorso di avvicinamento al Torneo delle Regioni, competizione poi cancellata per il terzo anno di fila. Tuttavia, che sia Provinciale, Regionale o Nazionale, la mentalità di Carlo non cambia: «Giocare con le Rappresentative, di qualunque livello si tratti, è sempre un grandissimo onore. Ovviamente avere a che fare con la Nazionale ha il suo peso e sono davvero orgoglioso del mio traguardo». Se poi l'esperienza coincide con allenamenti, partite e pernottamento a Coverciano - la casa della Nazionale di Roberto Mancini - pare evidente come possa rimanere impressa per sempre: «Coverciano è magica: è la casa del calcio italiano ed è stata un'emozione forte giocare lì, calcando i campi nei quali di solito ci sono i più grandi campioni».

Scatto a Coverciano da incorniciare: maglia Rapp Nazionale e scarpini

STAGIONE

Per far sì che tali sogni divenissero realtà, un ruolo chiave lo ha avuto senza dubbio il Sangiuliano City. Freschi di una promozione in Serie C con la prima squadra, i gialloverdi si sono dimostrati anche una fabbrica di talenti niente male. Soprattutto dall'Under 17 all'Under 19, territorio di conquiste per Alletto: della prima è stato uno dei pilastri, della seconda una delle sorprese. Sono infatti quattro le apparizioni nel campionato Nazionale di categoria, durante le quali ha collezionato 86 minuti: niente male per uno che, carta d'identità alla mano, i 17 anni li dovrà compiere solamente il prossimo 12 novembre. «La mia stagione è iniziata nel migliore dei modi, ovvero con la preparazione aggregato alla prima squadra: mi sono confrontato con ottimi calciatori, alcuni dei quali pieni zeppi di esperienza. Dopodiché con l'Under 19 e l'Under 17 - spiega il difensore - ho giocato diverse partite: con i 2005 siamo arrivati dietro alla Casatese, che ha vinto meritatamente, ed ora ci giocheremo i playoff».

LA SCHEDA DI CARLO ALLETTO

  • NOME: Carlo Alletto
  • ANNO: 2005
  • LUOGO DI NASCITA: Lodi
  • RUOLO: Difensore centrale
  • PIEDE: Destro
  • SKILLS: Tempismo e fisicità
  • SQUADRA DEL CUORE: Napoli

Alletto in maglia Rapp Regionale

FUTURO

Breve e conciso, sul futuro il classe 2005 non ha dubbi: «Spero di rimanere a Sangiuliano: il prossimo anno andremo nei professionisti e spero ci sia spazio per me, magari già in prima squadra». In caso di permanenza trai gialloverdi, ipotesi tutt'altro che remota, per Alletto sarebbe un ritorno tra i prof: da sottolineare è l'esperienza al Piacenza, arrivata prima di quella al Sancolombano - quest'ultima l'ha poi portato a Sangiuliano - ma dopo quelle all'Ossago, Borgetto, Fissiraga, Crema e Offanenghese. «Ho cambiato già diverse squadre - analizza il giocane difensore - e ciò è stato dovuto al fatto che ho sempre cercato allenatori che mi insegnassero qualcosa di nuovo. Devo dire che ognuno di loro ha contribuito a farmi diventare ciò che sono oggi e li ringrazio. Una menzione speciale va ad Elena Rodolfi: l'ho avuta al Crema e all'Offanenghese e mi ha insegnato la disciplina, dentro e fuori dal campo».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400