Cerca

Under 17

Missile di Moine, Trogu settimo sigillo, Rosta scheggia imprendibile e campione al Grande Slam

Battuta in finale la Rivarolese, il tecnico Luigi Munno bissa il successo della scorsa edizione

Rosta Under 17

Il Rosta 2006 festeggia la vittoria del Grande Slam con il presidente Zappalà e il Ds Tammaro

Viaggia a mille all'ora questo Rosta, una velocità supersonica per risultati ottenuti in questo inizio di stagione e per il rendimento in campo dei calciatori biancorossi, schegge imprendibili in queste prime uscite tra Grande Slam e campionato.

Nella finale del Grande Slam con la Rivarolese, una bomba su punizione di Flavio Moine, centrocampista monumentale, e il settimo timbro al torneo del bomber Gabriele Trogu fissano il punteggio sul 2-0 già nel primo tempo. C'è stata anche una bella reazione dei granata di Massimo Scalone, nella seconda parte della prima frazione, quando capitan Tonino e compagni hanno aumentato la pressione dalle parti della porta difesa da Jeremy Parodi, conquistando una serie di calci d'angolo e qualche palla gol, puntualmente neutralizzata dalla difesa a 4 del Rosta ben guidata da Paolo Salubro e Lorenzo Carretta, coppia centrale ben assortita. Sugli esterni bassi puntuali e costanti Emanuele Triolone e Federico Gontero, mentre in mezzo al campo capitan Diego Fazzari è assistito alla grande dalle mezzali Moine e Francesco Moletto, quest'ultimo autore del calcio di punizione-assist per il gol di Trogu, punta implacabile. Sugli esterni alti Lorenzo Negro e Stefano Nurisso hanno spinto tantissimo e fatto anche lavoro di copertura.

La Rivarolese, arrivata in finale con un percorso impeccabile, ha spinto anche nel secondo tempo, per recuperare il doppio svantaggio, ben supportata dalle giocate di Guglielmo Zucco davanti alla difesa e dal movimento delle mezzali, Depalma e Ferraro prima, Baima e Martinetto negli ultimi 20 minuti di partita. Buona la spinta dei terzini granata, soprattutto quella di Filippo Vallero sulla corsia di sinistra, con Stelian Alupaiei (eroe della semifinale con la Sisport) bloccato basso a destra per tenere a bada le avanzate degli esterni del Rosta, in principal modo di Negro. I granata arrivano al tiro con Federico Battaglia e su azioni di calcio piazzato, il Rosta in contropiede rischia anche di arrotondare, ancora con il famelico Trogu, che in almeno un paio di occasioni sfiora la doppietta personale.

Dopo 5 minuti di recupero decretati dal giovane arbitro Notario di Torino, preciso e forse solo un po' troppo fiscale in alcune decisioni, finisce 2-0 per il Rosta che ha mostrato nell'arco dei sessanta minuti una condizione atletica impressionante e un'ottima organizzazione di gioco. Trionfa meritatamente in questa 19a edizione del Grande Slam il gruppo guidato dal tecnico Luigi Munno che aveva trionfato al Grande Slam anche l'anno primo con i 2006 del Nichelino Hesperia.

IL TABELLINO

ROSTA-RIVAROLESE 2-0
RETI: 7' Moine, 24' Trogu.
ROSTA (4-3-3): Parodi; Triolone 7, Salubro 7, Carretta 7, Gontero 7; Moletto 7.5 (22' st Zappalà 6), Fazzari 6.5, Moine 8; Nurisso 7 (19' st Parola), Trogu 7, Negro 7 (26' st Jannon 6). A disp. Albano, Usai, Indino, Invito, Burlui. All. Munno 7.5. Dir. Invito, Usai, Trogu.
RIVAROLESE (4-3-3): Leone 6.5 (14' st Gallo Pietro 6); Alupaiei 6, Baudino 6.5, Ceresa 6.5, Vallero 6.5; Ferraro 6 (1' st Martinetto 6), Zucco 7, Depalma 6 (11' st Baima 6); Battaglia 6.5, Fiorenza 6 (13' st Tassone 6), Tonino 6.5 (13' st Dago 6). All. Scalone 7. Dir. Deplma, Vitton Mea, Ceresa.
ARBITRO: Notario di Torino 6.5.
AMMONITI: 29' Gontero, 18' st Zucco, 19' st Fazzari, 22' st Moletto, 30' st Fazzari.
ESPULSO: 30' st Fazzari per somma di ammonizioni.
CALCI D'ANGOLO: 1-3 per la Rivarolese.

LE PAGELLE

ROSTA

Parodi 6.5 Attento per tutta la partita. Salva la porta nel finale con un riflesso che evita il gol certo.
Triolone 7 Partita pulita senza sbavature. Contene dietro poi spinge davanti.
Gontero 7 Personalità e controllo costante della situazione.Benissimo in spinta dove corre come un motorino, se serve scende a coprire e lo fa senza sbavature
Carretta 7 Guida la squadra dalle retrovie, chiude tutti i varchi sulla linea difensiva
Salubro 7 Una certezza. Arrivato a Rosta nel mercato estivo è già parte integrante del gruppo. Gran senso della posizione
Moine 8 MVP. Non solo apre le danze con un gol su punizione pazzesco ma è bravo a recuperare palla avviando le ripartenze e ad inserirsi da vera mezzala
Nurisso 7 Sfiora il numero di prima su suggerimento di Negro. Poi spinge palla al piede ma si muove benissimo anche senza palla leggendo bene le situazioni di gioco offensive
Fazzari 6.5 Peccato per l’espulsione nel finale. Meno propositivo davanti rispetto alla semifinale ma comunque preziosissimo in mezzo al campo dove recupera innumerevoli palloni
Trogu 7 Come i gol segnati al Grande Slam. Instancabile, spinge, sa inserirsi, attacca lo spazio con un fiuto raro.
Moletto 7.5 Un piede notevole, bravissimo nel dribbling e nel portare palla sapendo destreggiarsi anche in mezzo a tre. Suo l’angolo che diventa assist peri 2-0 di Trogu. 21’ st Zappalà 6
Negro 7 Parte a sinistra, poi si sposta a destra. Prova anche la conclusione con un bel tiro dalla distanza e dialoga alla perfezione con Trogu al limite. 26’ st Jannon 6

All. Munno 7.5 Seconda coppa Grande Slam consecutiva vinta in panchina dopo quella della scorsa stagione con il Nichelino 2006. La squadra crea tanto e cerca sempre la giocata corale, costruendo da centrocampo. La difesa funziona, un solo gol subito (con il Pecetto) e l’attacco vede la porta.

RIVAROLESE

Leone 6.5 Può poco sul gol di Moine e anche quello di Trogu arriva da piazzato. Buon intervento in uscita ancora su Trogu sul 2-0 ad evitare un passivo più ampio. 14’ st Gallo 6
Apupaiei 6 Eroe della semifinale, spinge in avanti quando ne ha l’opportunità, partecipa alle ripartente e chiude dietro con buone diagonali. 16’ st Leone Pietro 6
Vallero 6.5 Buonissimo secondo tempo dove va a supporto di Battaglia (spostato a sinistra) in fase offensiva. Provvidenziale chiusura su Trogu nel finale, acclamato dal pubblico in tribuna
Zucco 7 Lavoro sporco ma preziosissimo. Fa filtro davanti alla difesa e scende a supporto di Ceresa e Baudino. Giocatore di carattere.
Baudino 6.5 Sicuro dietro, infatti su azione difficilmente il Rosta lo supera; spesso e volentieri sale palla al piede a impostare
Ceresa 6.5 Compie un salvataggio sulla linea nel primo tempo che salva il parziale; nella ripresa prende anche la fascia di capitano quando esce Tonino.
De Palma 6 Dà una mano anche in fase di copertura, bravo nell’attaccare lo spazio, nel primo tempo è uno dei più pericolosi tra i suoi. 10’ st Baima 6
Ferraro 6 Dirige il traffico in mezzo al campo. Usa bene il fisico interrompendo l’azione avversaria e avvia la manovra 10’ st Martinetto 6
Fiorenza 6 Cerca di sfondare in mezzo supportato da Battaglia e Tonino, prova ad attaccare lo spazio. 13’ st Tassone 6
Tonino 6.5 È lui l’incaricato dei piazzati, sia punizioni che angoli. Inizia alto a destra poi spostato a sinistra nella ripresa. 13’ st Dago 6
Battaglia 6.5 Sa inserirsi, servire e anche accentrarsi a supporto di Fiorenza. Prova anche il tiro dalla distanza con un bel destro

All. Scalone 7 Dopo un avvio un po’ contratto i suoi prendono fiducia. Cambia assetto invertendo gli esterni e cambiando qualcosa a centrocampo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400