Cerca

Como-Alessandria Under 17: show di Duchini e Schiavo per il primato lariano, ai piemontesi non basta Licco

Duchini- Como Novara Under 17 Serie C

Como-Novara Under 17 Serie C

Il Como è un rullo compressore che non si ferma e conquista un’altra vittoria, la quarta, conquistando matematicamente il primo posto nel girone. L’ultima vittima è l’Alessandria, che esce dal Lambrone con un 4-2 che pesa parecchio sulle spalle. I ragazzi di Cicconi accedono quindi alla fase finale, con il solo Lecco in grado di eguagliare i punti fatti dalla prima in classifica, che blinda comunque le vetta in virtù degli scontri diretti con i "cugini" rivali. Un primo grande traguardo centrato grazie al poker firmato da Edoardo Duchini (doppietta), Ciro Schiavo e Diego Mollica. Adesso però non bisogna assolutamente rilassarsi: perché ora viene il bello. Inizio lampo. L’arma vincente, per i ragazzi di Cicconi, è sempre il giusto approccio alla partita, che viene aggredita fin dai primi minuti. Al 9’ Duchini incrocia benissimo sull’angolo calciato da Schiavo e il suo colpo di testa vale l’1 a 0. Sono loro i più forti su calcio da fermo e nelle azioni di sfondamento, dove la fisicità in avanti diventa una grande qualità da sfruttare contro i giocatori dell’Alessandria, dai piedi più fini, ma meno prestanti. Ed è soprattutto a centrocampo che si vede la qualità dei piemontesi, bravi a far girare palla più velocemente e in modo più pulito, ma il Como quando prende campo è quasi inarrestabile. Come al 20’, quando Mollica parte sulla sinistra, fa sedere due avversari in area e calcia deciso alla sinistra di Dyzeni, centrando il raddoppio. La partita è ben ancorata nelle mani dei lariani che hanno il primo vero brivido solo al 44’ quando Licco colpisce il palo, ma passa soltanto un minuto ed è Duchini a chiudere il primo tempo sul 3 a 0, conquistando e poi trasformando il rigore concesso, giustamente, dall’arbitro Giorgino. Licco la riapre. La partita però è tutt’altro che finita e c’è ancora un tempo tutto da vivere. La strada si mette ancora più in discesa per Cicconi e suoi quando, sul calcio d’inizio, Schiavo saluta tutti e se ne va, trovandosi a tu per tu con il portiere e siglando la quarta rete. Un’azione provata in allenamento, come confermerà il tecnico a fine gara, per sorprendere la difesa ospite e che dà l’impressione di aver ormai messo in cassaforte il risultato. Passa però una manciata di secondi e tutto cambia. L’arbitro fischia un altro rigore, questa volta a favore dei piemontesi, causato da Piombino che esce dai pali travolgendo Mazzucco. Sul dischetto va Licco, bravo ad accorciare le distanze e a questo punto l’Alessandria si gioca il tutto per tutto: Cassaro cambia diverse pedine, soprattutto a centrocampo, e la manovra acquista più respiro, anche perché il Como rallenta e amministra le energie. Al 21’ è ancora Licco a colpire, con un tiro improvviso da fuori, che a questo punto regala speranze ai suoi e la partita si riaccende inaspettatamente. Tuttavia, pur combattendo su ogni pallone e continuando a giocare su ritmi alti, i padroni di casa non rischiano mai davvero: solo al 30’, con la punizione di Barisone che sfiora la traversa, e al 36’, con la conclusione di Morando dalla sinistra troppo prevedibile. Cassaro avrebbe voluto anche un fallo di mano a suo favore in area, sul quale però l’arbitro, deciso, ha fatto segno che non c’erano gli estremi per concedere il rigore. Episodi a parte, i lariani hanno dimostrato ancora una volta la loro compattezza e concretezza, mentre l’Alessandria dovrà ritrovarsi per provare a chiudere al meglio la stagione.

IL TABELLINO

COMO-ALESSANDRIA  4-2 RETI (4-0; 4-2): 9’ Duchini (C), 20’ st Mollica (C), 45’ rig. Duchini (C), 1’ st Schiavo (C), 3’ st rig. Licco (A), 21’ st Licco (A). COMO (3-5-2): Piombino 6, Righetto 6.5 (24’ st Borrello 6), Di Pentima 6.5, Gatti 6, Pozzoli 6.5, Ronco 6.5, Schiavo 7 (24’ st Zanetti 6), Tremolada 6, Duchini 7.5, Di Giuliomaria 6.5 (41’ st Prioni sv), Mollica 6.5 (18’ st D’Angelo 6). A disp. Barbieri, Viganò, Verga, Redaelli, Lipari. All. Cicconi 7. ALESSANDRIA (3-4-1-2): Dyzeni 6, Nobile 5.5, Morando 5.5, Simonelli 6 (1’ st Marasco 6), Cocino 5.5, Francinelli 6.5 (18’ st Paolucci 5.5), Gregori 6.5, Tavella 5.5 (18’ st Ricca 6), Mazzucco 5.5 (18’ st Barisone 6), Licco 7 (39’ st Jacovo sv), Boido 5.5 (33’ st Nacci 6). A disp. Rossi, Bocchio, Senise. All. Cassaro 5.5. ARBITRO: Giorgino di Milano 6.5. ASSISTENTI: Algieri di Milano e Iachetti di Lecco. AMMONITI: Piombino (C), Mazzucco (A), Paolucci (A). como alessandria under 17 serie c

LE PAGELLE

COMO Piombino 6 Quel rigore concesso era evitabile, ma si esalta su un paio di interventi importanti. Righetto 6.5 Come un diesel, carbura con il passare dei minuti, e quando riesce a prendere le misure sono tutte sue. 24’ st Borrello 6 Entra in un momento in cui serve dare ampio respiro alla manovra dei suoi e dà il suo contributo. Di Pentima 6.5 Sempre sicuro di sé, non dà mai l’impressione di andare in affanno, e così diventa una certezza per i compagni. Gatti 6 L’inizio sofferente in mezzo al campo passa anche dai suoi piedi, poi si riprende bene e mostra qualche bella giocata. Pozzoli 6.5 In mezzo alla difesa giganteggia: è lui che detta i tempi e neutralizza fin da subito Mazzucco. Ronco 6.5 Quando, palla al piede, prende e se ne va sulla fascia, diventa inarrestabile. Schiavo 7 In quasi tutte le azioni da gol c’è il suo zampino e poi gli riesce quella bella giocata sul calcio d’inizio. 24’ st Zanetti 6 Entra per fare legna e spazzare via quando serve: tanta sostanza, quella che serve. Tremolada 6 L’ingranaggio ci mette un po’ a mettersi in moto, ma poi dispensa, come sempre, dei buoni palloni. Duchini 7.5 È lui il finalizzatore di questa squadra e punto di riferimento: la sua doppietta indirizza la partita. Di Giuliomaria 6.5 Tra i giocatori più tecnici che ha questa squadra, peccato fatichi un po’ a trovare lo spazio giusto. Mollica 6.5 Le lunghe leve di sicuro lo aiutano, ma con due o tre falcate e subito in area. Bello lo scarto in area e la rete meritata. 18’ st D’Angelo 6 Non riesce a toccare moltissimi palloni, ma cerca di tenere alta la squadra per concedere poco. All. Cicconi 7 Una squadra che gioca a memoria e riesce ad esaltare i suoi punti di forza: una costanza fondamentale. ALESSANDRIA Dyzeni 6 Non ha grosse colpe sui gol subiti, nati soprattutto da errori della retroguardia. Nobile 5.5 Prova inconsistente in una gara nella quale non riesce ad emergere in modo positivo. Morando 5.5 Che ingenuità su quel rigore concesso alla fine del primo tempo, poi faticherà a riprendersi del tutto. Simonelli 6 Se la squadra inizia a giocare bene a centrocampo è soprattutto merito suo, poi il passivo diventa pesante anche per lui. 1’ st Marasco 6 Riesce a dare qualità e pulizia ai passaggi in mezzo al campo e la squadra resta unita. Cocino 5.5 Ogni tanto è in ritardo e fatica ad incrociare sulle giocate degli attaccanti, lasciando troppo spazio. Francinelli 6.5 Si propone bene in avanti in un paio di occasioni nel primo tempo: è uno dei pochi a rimanere sempre vivo. 18’ st Paolucci 5.5 Entra nervosissimo, si fa ammonire subito e poi rischia anche il secondo giallo. Gregori 6.5 Da premiare l’energia e la voglia messa in campo. Bravo a non tirarsi mai indietro e a restare propositivo. Tavella 5.5 Viene sempre attaccato quando è in possesso di palla e non riesce mai ad imporsi davvero. 18’ st Ricca 6 Crea un po’ di scompiglio, cerca di muoversi tra le linee e qualcosa di positivo lo confeziona. Mazzucco 5.5 Tocca qualche palla ma non va mai davvero alla conclusione ed è troppo poco per impensierire Piombino. 18’ st Barisone 6 Quella bella punizione dalla trequarti che sfiora la traversa avrebbe potuto regalare altre speranze. Licco 7 Segna due gol e colpisce un palo. Fa il massimo in una partita difficile e nella quale spesso è lasciato solo contro tutti. Boido 5.5 Non calcia mai in porta, non si propone, non sale a prendere palla: gara difficile per lui. 33’ st Nacci 6 Parte all’arrembaggio e, anche se non riesce a raccogliere, per lo meno ci prova. All. Cassaro 5.5 Non riesce ad esprimere il suo gioco e va a sbattere contro un Como fisicamente più forte. ARBITRO Giorgino di Milano 6.5 Appare deciso in tutte le decisioni che prende, fa giocare molto e non perde mai le redini della gara.

LE INTERVISTE

Como Under 17 Massimo Cicconi
L'allenatore del Como, Massimo Cicconi.

Soddisfatto il tecnico del Como Massimo Cicconi, che comunque esorta i suoi a migliorare sempre di più: «Nonostante vincessimo 3-0 avremmo dovuto mettere più qualità in mezzo al campo, ma sono comunque contento perché abbiamo sfruttato la nostra fisicità che è uno dei nostri punti di forza, sia in avanti sia nei contrasti. La cosa importante è che, come sempre, riusciamo a creare tantissime occasioni, dunque faccio i complimenti ai ragazzi perché hanno dimostrato di essere cresciuti tantissimo, soprattutto a livello mentale. Mai avremmo potuto immaginare di arrivare fin qui e con questi grandi risultati, ma devo dire che dopo il lockdown i giocatori hanno preso un grande ritmo e non l’hanno più lasciato». Infine un pensiero agli infortunati, tutti fuori in un momento così importante della stagione, per la rottura del crociato: il centrocampista  Moretti, il centrale Parisi e l’attaccante Polese.

cassaro silvio tecnico alessandria under 17 serie c
Silvio Cassaro, tecnico dell'Alessandria.

Rammarico e anche dispiacere per non essere riusciti ad esprimersi al massimo da parte del tecnico dell’Alessandria Silvio Cassaro: «I gol  che abbiamo preso erano evitabili, sapevamo che loro sono pericolosi su palle inattive e ci hanno punito. Salvo sicuramente la reazione nel secondo tempo quando potevamo riaprirla davvero, anche su quel rigore che non ci è stato concesso e che secondo me poteva starci. Nel complesso non abbiamo fatto una buona prestazione, ma ripartiamo dalla buona ripresa che abbiamo giocato e dalla reazione che c’è stata. Siamo una squadra che gioca bene e contro chi è più fisico di noi facciamo fatica».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400