Cerca

Renate-Pro Patria

Le due formazione poco prima del fischio d'inizio

Under 17 Serie C

Renate-Pro Patria: Ferrari risponde con una doppietta al gol di Ghibellini e sigilla tre punti fondamentali per i Tigrotti

I padroni di casa sbagliano anche i cambi, anche se la sostanza del match non cambia. In una partita rocambolesca, sono gli ospiti a gioire, ribaltando lo svantaggio a ridosso del fischio finale

Termina con la vittoria per 2-1 Pro Patria all'ultimo respiro la partita tra i tigrotti e i padroni di casa del Renate, anche se i tabellini ufficiali reciteranno - con tutta probabilità - un successo a tavolino per 3-0 in favore degli uomini di Scandroglio, perché nel corso del match le sostituzioni del Renate sono state effettuate in quattro tempi anziché nei canonici tre previsti dal regolamento, regalando quindi alla Pro Patria una vittoria d'ufficio con tre lunghezze di margine essendo un risultato più favorevole rispetto a quello maturato sul campo. La partita si apre con un sostanziale equilibrio messo in discussione dalle pantere che allo scadere del primo tempo trovano la rete del vantaggio con Ghibellini. Anche l'inizio della seconda frazione sembra premiare i nerazzurri, ma i varesotti non si perdono d'animo e prima pareggiano la gara con la rete di Ferrari, poi è ancora il numero 11 a chiudere la gara con un tap in al 47'. 

Sul filo del rasoio. La partita inizia nel segno di uno studio reciproco senza eccessivi scossoni. Al 3’ il Renate conquista la prima punizione della sua gara ma l’azione non si sviluppa nella maniera auspicata e il pallone viene schermato dalla difesa ospite. La Pro Patria tenta di aprire le danze con un paio di incursioni pericolose ma in entrambi i casi Donvito si fa trovare pronto nel far suo il pallone. All’8’ altro piazzato casalingo battuto da Giugno che tuttavia non arma con la giusta precisione il proprio destro e fa terminare la palla direttamente sul fondo. Il Renate propone con insistenza il proprio gioco basato su pressione offensiva e salite ripetute sfruttando gli esterni, tattica alla quale gli avversari si oppongono con compattezza e ripartenze nei corridoi centrali. Proprio su uno di questi affondi Ferrari viene pescato con un buon taglio, ma Donvito esce prontamente e spazza il pallone evitando il peggio. Al 17’ occasione per i ragazzi di Tribuzio: Lisco fa suo il pallone all’altezza della trequarti ed apre per Ghibellini che però si allarga troppo e calcia alto sopra la traversa. Poco dopo ancora Lisco si incarica di battere la punizione appena conquistata: la rotazione impressa al tiro è eccellente ma non altrettanto la forza, così la sfera termina docilmente tra le braccia di Pica. Sul ribaltamento di fronte la Pro Patria si fa avanti con uno dei suoi soliti scambi verticalizzanti e stavolta è Di Marco a scattare prontamente in area ma il pallone è troppo lungo e anche questo tentativo va a vuoto. Al 24’ ancora Di Marco ha sui piedi un pallone dal grande potenziale: entrato in area tenta il pallonetto per scavalcare un avanzato Donvito ma la pressione difensiva lo costringe ad affrettare il tempismo e il pallone termina a lato. Al 32’ calcio d’angolo per il Renate che prova a capitalizzare i propri tentativi offensivi, ma anche questo piazzato non trova la fortuna sperata. Al 41’ arriva l’occasione più nitida per i padroni di casa: Pini apre e chiude una triangolazione che gli permette di entrare in area palla al piede, apre il destro spiazzando Pica ma la difesa della Pro Patria chiude tutto spazzando il pallone sulla linea di porta. All’ultimo minuto regolamentare la pressione casalinga presenta il conto: Ghibellini ruba palla sulla trequarti e apre per Giugno, il quale temporeggia e dopo uno scambio rapido con D’Addesio apre un cross che premia proprio Ghibellini, che si avvita al meglio e segna di testa regalando il vantaggio ai suoi.

All’ultimo respiro. Il secondo tempo si apre con entrambi i team autori di un approccio propositivo. Il Renate prova già a farsi sotto nei primi minuti e al 4’ solo un grandissimo intervento di Pica nega il gol del raddoppio alle Pantere. Poco dopo ancora Lisco prova un tiro al volo che però manca della potenza necessaria per spaventare l’estremo difensore ospite. Nonostante un buon piglio iniziale, la Pro Patria inizia a subire maggiormente la pressione avversaria e vede calare quella verve offensiva che l’aveva guidata nel primo tempo, lasciando più spazio ai padroni di casa come in occasione del tiro da fuori area al 11’ di D’Addesio. Con il progredire dei minuti la stanchezza inizia ad affliggere i  giocatori ai entrambe le fazioni e le occasioni da gol cominciano a rarefarsi. A cercare di capovolgere l’inerzia è Ferrari che apre un destro al volo di qualità che costringe Donvito ad estendersi per respingere il pallone con la mano di richiamo in maniera altrettanto spettacolare. E al 23’ è ancora Ferrari - ormai deciso a caricarsi la squadra sulle spalle - a sbloccare la gara della Pro Patria con un destro in diagonale che non lascia scampo al portiere di casa. La rete rivitalizza la squadra di Scandroglio che ora sembra in maggior controllo dell’andamento della gara, come in occasione della bella apertura del neo entrato Garavaglia per Ferrari che però viene fermato per un fallo offensivo. Il Renate prova a scuotersi con un bel gioco a due che coinvolge Lisco e Ghibellini - bravo a lottare sino all’ultimo minuto - che spaventa la difesa ospite con un traversone che però non viene raccolto dai compagni. L’occasione d’oro per la Pro Patria arriva al 44’, quando Del Vecchio batte una punizione al limite dell’area che solo il tempismo di Donvito evita si trasformi nella rete del sorpasso. Gli ospiti hanno però ormai uno stato di concentrazione maggiore e al 47’ un cinico Ferrari appoggia in rete con un comodo tap-in sulla respinta alta di Donvito, mandando in festa la propria squadra poco prima del triplice fischio finale. 


IL TABELLINO


RENATE-PRO PATRIA 1-2
RETI (1-0;1-2): 45’ pt Ghibellini (R), 24’ st Ferrari (P), 47’ st Ferrari (P)
RENATE (4-4-2): Donvito 6.5 (48’ st Melillo sv), Mariani 6 (45’ st Ferraioli sv), D’Addesio 6.5, Zaccaria 6 (45’ st Adamo sv), D’Amato 6, Bovi L. 6, Ghibellini 7, Pini 6 (45’ st Saino sv), Lisco 6.5, Giugno 6.5 (38’ st Treccozzi sv), Bovi C. 6 (38’ Gasparin 6.5). A disp. Foresti, Squassante. All. Tribuzio 6.
PRO PATRIA (3-5-2): Pica 6.5, Reggiori 6.5, Arcangeloni 6.5, Giamberini 6, Bashi 6, Irali 6.5, Scrivanti 6 (18’ st Spreafico 6), Grillo 6 (38’ st Del Vecchio sv), Di Marco 6.5 (24’ st Garavaglia 6), Lamperti 6.5, Ferrari 8. A disp. Valneri, Badnjevic, Zanaboni. All. Scandroglio 6.5.
ARBITRO: Pasquale di Como 6
ASSISTENTI: Di Sciuva di Como e De  Rosa di Como.

LE PAGELLE


RENATE
Donvito 6.5 La tattica offensiva della Pro Patria richiede un alto livello di concentrazione e lui risponde presente, sfortunato sulla respinta finale. (48' st Melillo sv). 
Mariani 6 Cavalcate notevoli sulla propria fascia, quando sale può agire da attaccante aggiunto. (45' st Ferraioli sv). 
D’Addesio 6.5 Buon lavoro di spinta, ogni volta che può cerca di iniziare al meglio la manovra. 
Zaccaria 6 Intesa collaudata con il compagno di reparto, anche se paga un po' il lungo utilizzo. (45' st Adamo sv).
D’Amato 6 Alta prova di leadership, esce vincitore da quasi tutti i duelli che disputa. 
Bovi L. 6 Coadiuva bene il compagno anche se nel finale la fatica fisica si fa sentire.
Ghibellini 7 Suo il gol che apre le marcature, in progressione decisamente temibile.
Pini 6 Buona presenza fisica a centrocampo dove non si risparmia. (45' st Saino sv).
Lisco 6.5 Propositivo, gioca con qualità sia per sè sia per i compagni, cercando sempre la giocata di attivazione. 
Giugno 6.5 Lavora bene tra le linee, palla al piede è sempre motivo di preoccupazione per gli avversari. (38' st Treccozzi sv).
Bovi C. 6 Spirito di sacrificio in entrambe le fasi di gioco, alterna incursioni offensivi e recuperi difensivi.
38' Gasparin L'impatto sulla gara è buono, in un paio di occasioni si mette in luce con buone iniziative.
All. Tribuzio 6 La partita è sui giusti binari per i primi 60 minuti, poi dopo il gol del pareggio la squadra fatica a tornare incisiva.

PRO PATRIA
Pica 6.5 Colleziona un paio di highlight notevoli specialmente nella seconda parte di gara.
Reggiori 6.5 Fondamentale nello sviluppo della manovra offensiva dal suo lato, molti palloni passano per i suoi piedi.
Arcangeloni 6.5 Buon lavoro nella tenuta della linea difensiva e nel lavoro coi compagni.
Giamberini 6 Non sempre opta per la soluzione migliore e a volte pecca di iniziativa.
Bashi 6 Fatica all'inizio ma poi riesce a trovare la giusta quadra del campo.
Irali 6.5 Ordinato, copre bene le linee più insidiose che passano per la sua zona.
Scrivanti 6 Bravo nei contrasti aerei, palla a terra fatica un po' ma l'impegno non manca.
18' st Spreafico 6 Entra in un momento concitato e offre tutto quello che ha.
Grillo 6 Lavora come raccordo tra i reparti con buon esito al netto di qualche svista. (38' st Del Vecchio sv).
Di Marco 6.5 Lavoro sensibile sul fronte offensivo dove cerca sempre di farsi trovare pronto e propiziare l'occasione della rete.
24' st Garaviglia 6 Sfrutta al meglio i minuti datigli dal mister attenendosi ai giusti compiti. 
Lamperti 6.5 Ha un'ottima visione ed è propositivo nell’’aprire per i compagni, anche se non sempre preciso quanto serve. 
Ferrari 8 Sua la doppietta d'autore che guida la Pro Patria alla vittoria. Scatta bene sui tagli e cerca sempre l’affondo definitivo, venendo ampiamente premiato.
All. Scandroglio 6.5 La partita sembra mettersi male dopo il gol del primo tempo, ma è bravo a tenere compatti i suoi quanto basta per crederci e ribaltare inerzia e risultato.

ARBITRO
Stile di Como 6
Non estrae mai il cartellino ma riesce comunque a gestire la gara senza che gli animi si scaldino eccessivamente.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400