Cerca

Juventus-Genoa Under17 Femminile: le bianconere tornano alla vittoria con la doppietta di Agazzi, le rossoblù accorciano le distanze con Tassi

Juventus Under 17

Juventus Under 17

La Juventus ritrova il sorriso: aggiudicato il test match contro il Genoa del tecnico Luca De Guglielmi per un risultato di 5-1; a segno l'intero attacco bianconero composto da Zamboni, Corda, Gallina e Agazzi. Se il risultato suggerisce una partita totalmente in discesa, il campo non ha emesso lo stesso verdetto: la formazione del tecnico genoano, schierata in campo con il 4-1-3-2 e Luna Parmeggiani a difesa dei pali, non ha concesso vita facile alla squadra dell'allenatore Luca Vood. La gara, diretta magistralmente dall'arbitro della Sezione di Bra, si preannuncia combattiva sin dal fischio di inizio: la formazione ospite spinge subito in attacco con Lara Vacchino ma a passare in vantaggio è la Juventus con un gran tiro di Zamboni al secondo minuto di gioco. Le bianconere, altamente ispirate, conducono un ottimo primo tempo, grazie anche all'insuperabile Valentina Sardo che ha comandato sulla fascia sinistra. Complice la stanchezza e la temperatura elevata, è calata l'intensità di gioco nel secondo tempo di gara: tante giocate fallose e partita frequentemente interrotta; i secondi quarantacinque minuti, nonostante ciò, regalano ancora due gol e tante belle parate dei portieri subentrati Rossana Azzan e Ludovica Durante. Testa a testa ma la Juventus meraviglia con calcio champagne. Si aprono le danze con un Genoa immediatamente offensivo che tenta di arrivare in porta con Vacchino, il cui tiro termina però comodo tra le braccia del portiere bianconero. Neppure due giri di orologio e la Juventus, a centoventi secondi dal fischio d'inizio, marca il territorio: Marta Zamboni entra in area e beffa l'ultimo difensore Luna Parmeggiani, autrice di un primo tempo non strepitoso. Il Genoa non molla la presa e, con determinazione e grinta, si spinge ancora in avanti con il guizzo di Carolina Biancato che tenta un tiro dalla distanza non pericoloso per l'estremo difensore bianconero. Un sano equilibro tra le squadre in campo caratterizza i primi dieci minuti di gara, la Juventus è brava a sfruttare le proprie abilità ma la difesa ospite è attenta a non lasciare passare il pallone; è tanta la voglia di giungere in porta ma nessuna delle due squadre ha, fino al decimo minuto, creato occasioni pericolose. Arriva il raddoppio per le padroni di casa: al tredicesimo di gioco Arianna Gallina sfrutta un passaggio di Sardo - trasformatosi in un perfetto assist - e calciare il pallone calibrando perfettamente la forza e traiettoria. Il Genoa è caduto nella morsa della Juventus ed è costretto a chiudersi in difesa, avvertendo la mancanza di un regista a centrocampo che possa innescare azioni ben costruite. Gran coraggio del tecnico rossoblù Luca De Guglielmi, che ne cambia tre in dieci minuti per provare a dare una scossa alla sua squadra: dentro Ligalupo, Tassi e Villano al posto di Malerba, Mancuso e Profumo. A dieci minuti dalla fine la Juventus blinda il risultato con la terza rete siglata Nicole Corda, la quale, da centrocampo, corre con palla al piede e calcia comodamente in porta dopo aver abilmente scartato il numero 1 Parmeggiani. Il Genoa, nonostante l'amarezza per lo sfortunato risultato, tenta ancora di rimetterla in piedi con la conclusione di Biancato, ispirata ma poco efficace e lucida sotto porta, che il portiere bianconero manda in angolo. Nasce così, sfruttando una potenziale occasione del Genoa, il gol del poker firmato Lara Vacchino, che beffa una Parmeggiani ancora una volta fuori posizione. Termina senza recupero il primo tempo del test match: belle giocate da entrambe le parti ma le occasioni, sfruttate meravigliosamente, sono targate tutte Juventus; il Genoa dimostra di avere tanta grinta ma è poco incisivo in fase offensiva e facilmente penetrabile in difesa. Quanta confusione! Gli allenatori approfittano del secondo tempo per dare spazio alle sostituzioni: cambio tra i pali per la formazione ospite, entra Ludovica Durante; per la Juventus dentro Davico, Biasotti e Boveri. La brillantezza e precisione bianconera del primo tempo ha lasciato spazio a tanta confusione, il Genoa ne approfitta tentando di mettere in difficoltà la retroguardia casalinga che però non si lascia sovrastare. Con un volto più aggressivo, le rossoblù provano a cambiare le sorti della gara con Lara Vacchino e Carlotta Ligalupo, entrambe non determinanti sotto porta. La squadra piemontese è alla ricerca della manita: ci prova Nicole Corde seguita, al diciassettesimo, da Agazzi che non sfrutta una punizione da posizione interessante. Si assiste ad una fase di stallo della gara: la Juventus crea ma il Genoa è bravo a sporcare le azioni e non permettere alle avversarie di rendersi pericolose in area; tante giocate fallose per l'arbitro, che rendono la gara poco continuativa sul piano del gioco. Dopo averla tanto cercata arriva per Agazzi, al ventunesimo, la doppietta infilando il pallone nell'angolino del secondo palo senza che il portiere avversario Durante possa fare nulla. La subentrata Tassi, la più reattiva tra le rossoblù e che aveva avuto in precedenza una bella occasione con il passaggio in profondità della compagna Villano, si avvicina al gol a quindici minuti dalla fine accarezzando il palo; ci crede, insiste e il campo la premia: è Tassi l'unica marcatrice della squadra rossoblù, a tre minuti dal novantesimo. Finisce con tre minuti di recupero il secondo tempo del test match, non brillante come il primo ma nel quale non sono mancate tante occasioni e belle giocate!

IL TABELLINO

JUVENTUS-GENOA 5-1 RETI (5-0, 5-1): 2' Zamboni (J), 13' Gallina (J), 34' Corda (J), 44' Agazzi (J), 21' st Agazzi (J), 42' st Tassi (G). JUVENTUS: Alabiso 6.5 (28' st Azzan 6), Sardo 7 (15' st Caruso 6), Gallo 6.5, Dogliani 7 (1' st Biasotti 6), Petroz 6.5 (1' st Davico 6.5), Cocino 6.5 (28' st Miglionico sv), Servetto 6.5 (1' st Boveri 6), Zamboni 7.5, Corda 7.5, Gallina 8 (28' st Russo sv), Agazzi 8. A disp. Cugnod, Mana. All. Vood 7.5. Dir. Daprà - Portas. GENOA: Parmeggiani 5.5 (1' st Durante 7), Bertoncini 6.5, Di Somma 6, Malerba 5.5 (24' Ligalupo 6.5), Marenco 6, Dellachà Perino 6.5 (10' st Fusari 6), Mancuso 5.5 (24' st Tassi 7), Piterà 6, Profumo 6.5 (33' st Villano 6.5), Biancato 7 (13' st Tabone 6), Vacchino 7. All. De Guglielmi 7. Dir. Brignone - Martinengo.

LE PAGELLE

JUVENTUS Alabiso 6.5 Chiamata in causa rarissime volte durante il corso del primo tempo, ha saputo mantenere alta l'attenzione e non lasciarsi superare. Brava nella costruzione dal basso, permette alla squadra di distendersi con facilità. 28' st Azzan 6 Autrice di una non cattiva prestazione ma in più occasione ha manifestato troppa incertezza che avrebbe potuto costarle caro. Sardo 7 Non c'è stato duello: veloce, scaltra e brava ad inserirsi negli spazi stretti. Ottimo senso della posizione, ha saputo smarcarsi e accentrarsi in area con maestria. Ha attaccato ogni pallone senza mai lasciarsi sopraffare dalla stanchezza. 15' st Caruso 6 Non si spinge oltre la sufficienza: essere all'altezza di Sardo non è un gioco da ragazzi ma, pur venendo meno l'offensività e la fantasia nelle giocate, porta a casa una prestazione discreta senza alcun rimpianto. Gallo 6.5 Bella prestazione in fase difensiva, ha prontamente sventato ogni tentativo di conclusione delle avversarie. Dogliani 7 In campo è una mina vagante, sempre pericolosa e pronta a colpire; sfrutta a suo favore la velocità e la prontezza nel cambio gioco. Molto brava a smarcarti e attendere il momento giusto per liberarsi del pallone. 1' st Biasotti 6 Nessun errore clamoroso ma, altrettanto, zero giocate degne di nota. Ha contribuito all'ottima prestazione senza però brillare di luce propria. Petroz 6.5 Non si tira mai indietro, ci crede e tenta di fare del suo meglio. Non sempre al centro delle azioni salienti della partita, ha però saputo ben gestire il vantaggio e il possesso del pallone. 1' st Davico 6.5 Sostituisce la compagna in tutto e per tutto: passaggi ben ragionati e calibrati ma spesso intuibili. Ha fatto il proprio fornendo un prezioso contributo nella gestione della gara. Cocino 6.5 Bene nelle marcature e brava a restare vigile per quasi l'intera partita. Legge bene l'azione e manda a vuoto le avversarie, anticipandole. (28' st Miglionico sv). Servetto 6.5 Un capitano silenzioso; non si può dire che abbia espresso grande leadership in campo ma, in fase di gioco, ha fatto il suo dovere egregiamente. 1' st Boveri 6 La sua entrata non ha cambiato le carte in tavola, né in negativo né in positivo: nessun pericolo corso ma poco efficace in fase offensiva, si perde sotto porta; al contrario, bene nel servire le compagne. Zamboni 7.5 È suo il gol del vantaggio della Juventus ma ricondurla alla sola rete è riduttivo. Cercata dalle compagne, è stata abile a inventare spunti interessanti. Vicina alla doppietta, peccato abbia avuto troppa fretta nel calciare. Corda 7.5 Si rende pericolosa in più di un'occasione, trovando il gol. Brava a sfruttare la disattenzione della difesa avversaria e condurre le azioni senza alcun timore. Gallina 8 Lascia il segno, e che segno! Ottima l'intuizione di calciare al volo. Molto bene nel proseguo della gara a inventarsi giocate promettenti. (28' st Russo sv). Agazzi 8 Una sentenza! Non solo doppietta, è stata una spina nel fianco per le avversarie, difficile da marcare e sempre pronta a colpire. Ha grinta da vendere per tutti i novanta minuti, anche nella fase di calo della Juventus lei è rimasta lucida e determinante. All. Vood 7.5 Fantastica la formazione iniziale, in sintonia e ben coordinata. È stato il dodicesimo uomo in campo, telecomandato le calciatrice dalla panchina e incitandole a gran voce. GENOA Parmeggiani 5.5 Qualche errore di troppo, soprattutto in fase di costruzione. Molti palloni regalati alle avversarie a causa di rinvii mal eseguiti. Se avesse avuto maggiore lucidità e reattività, avrebbe potuto risparmiare alla squadra due gol. 1' st Durante 7 Bella prestazione! Ha sventato numerose conclusioni della Juventus, dimostrando grande prontezza. Non è semplice subentrare e rimanere concentrati con un risultato di 4-0 ma ha dato grande dimostrazione di coraggio. Bertoncini 6.5 Vigile in fase difensiva, ha dato il meglio di sì nella costruzione delle azioni. Belle le sue giocate di prima che hanno permesso alle compagne di arrivare ai limiti dell'area. Di Somma 6 Una prestazione ai limiti della sufficienza: non ha retto granché l'avanzata bianconera, perdendosi in errori pressoché banali. Si salva per qualche giocata intuita nel secondo tempo. Malerba 5.5 Uscita dopo poco più di venti minuti, avrebbe potuto fare molto meglio. Quasi sempre fuori tempo, non ha dimostrato affatto feeling con il pallone. 24' Ligalupo 6.5 La sua entrata ha contribuito al cambio volto del Genoa: più pericolosa della compagna, ha fornito preziosi guizzi in fase offensiva. Entra con facilità in area perdendosi però negli ultimi metri. Marenco 6 Accenna qualche guizzo interessante ma sono più gli errori commessi; non porta a casa nessuna bella conclusione. Dellachà Perino 6.5 Un secondo tempo meglio del primo: inizialmente in confusione, ha saputo riprendersi ponendo un freno all'avanzata bianconera. Bene la marcatura su Biasotti. 10' st Fusari 6 Mantiene inalterato il livello della prestazione di squadra, non inficia più di tanto sulle azioni create ma neppure si macchia di erroracci. Mancuso 5.5 Assente ingiustificata: nei pochi minuti di gioco non si è praticamente mai quasi vista, rendendosi difatti per nulla pericolosa né d'aiuto nel contrastare le azioni della Juventus. 24' st Tassi 7 Buona prestazione, ha regalato alla squadra grinta e determinazione! Non solo a segno, è stata protagonista di tante altre occasioni potenzialmente pericolose. Un po' più di convinzione in area le avrebbe regalato un'ottima partita. Piterà 6 Si perde in fase offensiva trattenendo troppo a lungo il pallone. Più fermezza e incisività avrebbero aiutato. Profumo 6.5 Da premiare la grinta con cui ha giocato ogni pallone. Non pericolosa in area e facilmente prevedibile ma tanto impegno riversato in campo. 33' st Villano 6.5 Più offensiva della compagna ma meno coinvolta nelle azioni. È arrivata in area in due occasioni ma senza rivelarsi determinante. Biancato 7 Ci ha provato con tutte le sue forze, non lasciandosi spaventare dalla superiorità della Juventus. Tante occasioni create e tante altre raccolte bene, soprattutto nel primo tempo di gioco. 13' st Tabone 6 Lascia un segno positivo senza però regalare alcuna emozione in campo. Ha fatto il suo, senza lode né infamia. Vacchino 7 Insieme a Tassi e Biancato, è stata il perno della squadra. Sempre coinvolta nelle dinamiche di gioco, ha saputo gestire il pallone senza esitazione. Peccato, anche lei, per la poca incisività in area di rigore. All. De Guglielmi 7 Scelta coraggiosa quella di cambiare tre calciatrice dopo neppure venti minuti di gioco, che si è rivelata però efficace. Bravo nel garantire minutaggio all'intera panchina.  
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400