Cerca

Under 17 femminile

Milan-Inter: D'Elia, Fornara e Mutti. Le nerazzurre vincono il derby in rimonta e si prendono il primo posto in solitaria

I gol di Donolato e Sperduto fanno sognare le rossonere, ma nel giro di mezz'ora la partita prende tutt'altra piega

Milan-Inter Under 17

Le due squadre al saluto iniziale, pronte a darsi battaglia nel derby

2-3 il punteggio finale, ma che racconta solo in minima parte cosa è successo in questo memorabile derby. Il Milan parte forte con Donolato e chiude il primo tempo sull1-0. Sperduto aumenta il distacco nei primi minuti della ripresa, ma tra le nerazzure ci sono D'Elia e Mutti, pronte a sorprendere con una rimonta che ha dell'incredibile. Allacciate le cinture e preparatevi, non si assiste tutti i giorni a una gara del genere.

Sfida ai piani alti. La gara si prospetta agguerrita. 21 punti a testa, sette vittorie su sette per entrambe le squadre: ci si gioca il primo posto. Le rossonere lo sanno bene e iniziano a spingere dai primi minuti, trovando il gol del vantaggio al 5': Donolato approfitta dell'incertezza della difesa avversaria su calcio d'angolo per capitalizzare di testa. Da qui si inizia a giocare da una trequarti all'altra del campo: l'Inter dà sfoggio del suo buon palleggio e il Milan ha Donolato a combattere a centrocampo. La formazione ospite cerca il pareggio con Tironi e D'Elia, ed è soprattutto la velocità di quest'ultima a impensierire la difesa milanista, che però concede poco. È solo al 30' che l'Inter si avvicina al gol con un tiro da lunga distanza di Razza che finisce sotto la traversa per la risposta in due tempi di Alberti. Cinque minuti dopo è ancora Donolato a calciare, ma il suo tiro da fuori finisce alto. Ma c'è qualcosa di più milanese del derby della Madonnina? Sì, la nebbia, ed eccola a dieci minuti dalla fine avvolgere il campo e presenziare anche lei a questa stracittadina. Sul finale un ultimo guizzo delle nerazzure, ma il tiro al volo di Tironi è centrale per la felicità di Alberti. Il primo tempo finisce con un 1-0 meritato per il Milan che ha mostrato nel complesso un miglior controllo del campo.

La lepre e la tartaruga. Si prospetta un secondo tempo infiammato al Vismara. L'allenatore ospite cerca più spinta sulla fascia spostando Porta in posizione più avanzata e facendo entrare Salterio a coprire, ma le sue faticano a verticalizzare. Al 5' è ancora il Milan ad aggredire, ma il tiro di Cappa finisce di poco alto. Appena due minuti dopo ci pensa la neo entrata Sperduto ad andare a segno: gran tiro da fuori area che scavalca Castelli sul secondo palo. È 2-0 per le rossonere, che già pensano a mettersi comode in cima alla classifica ora che le rivali sembrano scivolare sempre più giù. Sembrano, è proprio il caso di dirlo. Al 14' una svista di Alberti le fa prendere il pallone con le mani dopo averlo poggiato a terra: è punizione dentro l'area per l'Inter. Mutti calcia ma il suo tiro si infrange sulla barriera. Mischia in area, la sfera rimane sospesa per un lunghissimo istante, arriva D'Elia che non ci pensa due volte e scaraventa il pallone in rete per il 2-1. Forse era fuorigioco? Non per l'arbitro. La partita si accende e diventa più fisica, tant'è che la numero 10 milanista Rossi, in seguito a due contrasti subiti, è costretta a lasciare il campo. L'entusiasmo del primo gol non riesce a dare subito una nuova carica alle interiste, che faticano a raggiungere l'area avversaria. Al 24', Cappa si gira bene in area e calcia in porta. Sospiro di sollievo per l'Inter: il tiro sfiora la traversa. La formazione di Torriani, dopo aver quasi visto i suoi sforzi annullati, si infiamma di una nuova speranza e attacca senza sosta, col Milan che inizia a perdere lucidità. Al 30' Fabbruzzo al volo cerca l'angolino, Alberti si allunga e lo copre con la mano. Ma la difesa rossonera non fa neanche in tempo a sistemarsi che c'è il tiro da fuori di Fornara. Eccolo il gol del pareggio che fa esplodere la tifoseria ospite. Ora le nerazzure intravedono la vittoria, e fanno di tutto per andarsela a prendere in una partita che è cambiata in poco più di un quarto d'ora. Truncali si impossessa del centrocampo e D'Elia è ormai incontenibile per la difesa avversaria, con Gemmi costretta a un'errore che le causa l'unica ammonizione della gara. Avanti così fino agli ultimi istanti della gara. Il pareggio non è un'opzione. È il 44'. Mischia in area rossonera. La palla arriva a Mutti e il suo tiro è come un catino d'acqua gelata. È 2-3 al Vismara. Forse c'era una spinta in area? Non secondo il direttore. L'Inter è sola in vetta alla classifica.

IL TABELLINO

Milan-Inter 2-3
RETI (2-0, 2-3): 5' Donolato (M), 7' st Sperduto (M), 14' st D'Elia (I), 31' st Fornara (I), 44' st Mutti (I).
MILAN (4-3-3): Alberti 6.5, Cappa A. 6.5 (46' st Grimaldi sv), Porta 7, De Marco 6.5 (37' st Paglia 6.5), Gemmi 6.5, Polillo 6.5, Adelfio 6.5 (1' st Sperduto 7), Donolato 7, Cappa M. 6.5, Rossi 6.5 (23' st Orsenigo 6.5), Zanisi 6.5. A disp. Marcomini, Salterio, D'Agostino, Pengo. All. De Martino 6.5.
INTER (4-3-1-2): Castelli 6.5, Trandafir 7 (23' st Tagliabue 6.5), Mutti 7.5, Razza 6.5, Parenti 6.5, Bonsi 6.5, Di Cataldo 6.5 (29' st Fabbruzzo 6.5), Truncali 7 (1' st Compiani 6.5), Tironi 7, Fadda 6.5 (1' st Fornara 7), D'Elia 8. A disp. Tornaghi, Boccardo, Arosio, Pizzi, Tartaglia. All. Torriani 7
ARBITRO: Barrea di Abbiategrasso 6.5

LE PAGELLE

MILAN
Alberti 6.5 Non ha mai esitato nelle uscite e si è resa protagonista di alcune parate su tiri insidiosi. Nessuna colpa sulla rimonta subita.
Cappa A. 6.5
Talvolta ha faticato a far ripartire le sue, ma si è sempre mostrata decisa nel recupero di palloni.
Porta 7
Ha dimostrato un'eccezionale visione di gioco coi suoi lanci. Ottima anche la sua fase di copertura: dalla sua fascia non si passa.
De Marco 6.5
Buona intesa con le compagne di reparto, il suo contributo in difesa è stato decisivo in più di qualche occasione.
37' st Paglia 6.5
Subentrata con la giusta mentalità, ha lottato su ogni pallone cercando di costruire ripartenze da centrocampo.
Gemmi 6.5
In diverse occasioni si è rivelata decisiva per la difesa, grazie alla sua sicurezza e al suo tempismo.
Polillo 6.5
Ottimo senso della posizione e reattività, che spesso ha impedito alle avversarie di calciare in porta.
Adelfio 6.5
Ha sfoggiato un ottimo controllo del pallone, anche nello stretto. Buono anche il suo apporto alla manovra.
1' st Sperduto 7
Il suo ingresso era quello che serviva per aumentare il vantaggio: ha da subito cercato la profondità trovando il gol del momentaneo 2-0.
Donolato 7
Ottima visione di gioco e lanci lunghi. È stata decisiva sia in fase di copertura che di possesso palla, tenendo alta la squadra e rendendosi imprevedibile alle avversarie col suo senso della posizione.
Cappa M. 6.5
Lodevole la sua visione di gioco, la sua creatività e l'intesa con le compagne di reparto.
Rossi 6.5
Ha dimostrato un ottimo controllo del pallone e ha creato diversi pericoli nella trequarti avversaria.
23' st Orsenigo 6.5
Entrata bene in partita. Ha da subito impensierito le avversarie sulla fascia recuperando, controllando e smistando bene molti palloni.
Zanisi 6.5
Buona prestazione non solo in fase di possesso palla, ma anche nell'attaccare le avversarie costringendo all'errore.
All. De Martino 6.5
La sua squadra ha avuto la giusta concentrazione nella prima metà di gara, mostrando buona fluidità in fase di possesso palla e concedendo poco dal centrocampo in giù. Il calo della ripresa è costata la sconfitta.

INTER
Castelli 6.5 Si è spesso rivelata decisiva con le sue uscite. Ha anche contributi coi piedi al possesso palla in difesa.
Trandafir 7
Elemento fondamentale per la difesa interista. Non ha concesso spazi e ha neutralizzato molte giocate avversarie, lanciando anche le compagne per ripartire.
23' st Tagliabue 6.5
Ha attaccato imperterrita sulla fascia e si è resa protagonista di alcuni temerari interventi, che hanno impedito molte incursioni avversarie.
Mutti 7.5
Ha giocato alta e ha sempre cercato di recuperare palla e ripartire. La sua rete nel finale (arrivata grazie al suo ottimo senso della posizione) è stata decisiva per la vittoria.
Razza 6.5
Sempre presente e attiva sia in fase difensiva che di attacco. Ha letto bene le giocate avversarie e ha cercato il contropiede.
Parenti 6.5
Lucida e attenta, soprattutto nel secondo tempo, dove la sua intesa con le compagne di reparto è stata un fattore determinante.
Bonsi 6.5
Ha concesso pochi spazi e ha saputo intercettare gli attacchi avversari anche in posizioni di svantaggio.
Di Cataldo 6.5  
Ottima visione e controllo palla. Le sue aperture hanno spesso dato fluidità alla manovra.
29' st Fabbruzzo 6.5
Il suo ingresso ha dato grinta e rapidità alla squadra. La sua lucidità in fase di possesso palla ha permesso molte ripartenze interiste. Suo qualche tentativo di andare a segno.
Truncali 7 
Decisa nei recuperi e nelle apertura. È stata il cardine del centrocampo.
1' st Compiani 6.5
Prova a gestire la manovra e qualche ripartenza, ma il suo principale contributo alla gara l'ha dato con la sua velocità in fase difensiva.
Tironi 7 
È stata tra le protagoniste dell'attacco nerazzurro. Lodevole la sua inventiva e l'intesa con le compagne. Che l'hanno spesso portata vicino al gol.
Fadda 6.5
Ha spesso impensierito la difesa con il suo buon controllo e senso della posizione. Positivo il suo contributo in attacco anche senza essere andata a segno.
1' st Fornara 7
Entra con la giusta mentalità e aggredisce la retroguardia avversaria, trovando un gol preziosissimo da fuori area.
D'Elia 8
Veloce e reattiva, è stata un incubo per la difesa sia sulla fascia che per vie centrali. Protagonista del primo gol interista e di quasi ogni azione offensiva nel secondo tempo.
All. Torriani 7
Dopo un primo tempo incerto, il diverso assetto del secondo tempo ha permesso di trovare i gol. Le interiste hanno anche corso per tutti i 90 minuti e hanno saputo approfittare del calo avversario.

ARBITRO
Barrea di Abbiategrasso 6.5 Sempre vicino all'azione, ha avuto un metro di giudizio generoso, ma equo e deciso. Qualche incertezza sulle rimesse laterali e sulle mischie in area.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400