Cerca

Under 17

San Giorgio a mille all'ora, Rusu e Acconcia prodezze incredibili

Manita dei ragazzi di Capasso che in 10 giocano una partita perfetta, bloccata la striscia di vittorie del Lesna

Under 17 San Giorgio

Esultanza finale del San Giorgio

Il San Giorgio sfreccia a mille all'ora. Come una Red Bull che mette le ali e va più veloce di una lanciatissima Mercedes. Perché la squadra di Lino Renga viaggiava a un ritmo altissimo, con una media di 3 punti nelle ultime 4 partite, i viola di Lorenzo Capasso però sono forse la squadra più in forma e spettacolare del momento, capaci di non snaturarsi nonostante il campo stretto e l'inferiorità numerica per quasi tutto il secondo tempo. Gli alibi in caso di sconfitta era già lì pronti, ma i viola sono stati più forti di tutto e tutti, lasciandosi andare ad un'esultanza finale liberatoria, per celebrare una grande vittoria, data dal valore degli avversari, e dai tre punti d'oro, che pongono fine alla corsa inarrestabile dei padroni di casa.

In via Bard si affrontano le due squadre più in forma in questa ripresa di campionato: il Lesna di Renga, che schiera il solito 4-3-1-2 con Dacca dietro le punte, ma deve fare i conti con le pesanti assenze di Podariu e Aarab, sostituiti da Curioso e Carnevale e il San Giorgio di Capasso, con il consueto 4-4-2 che ritrova dal 1' Acconcia a centrocampo e Milito nel ruolo inedito di esterno destro. Nonostante il campo stretto le squadre non sembrano aver problemi a tenere un ritmo alto e ad impegnare i portieri: Marangi si distende bene sul tiro incrociato di Rusu e Schettini risponde sul diagonale mancino di Borrelli. Il canovaccio della partita è quello che ci si aspettava, con il San Giorgio a gestire la manovra e il Lesna pronto a ripartire negli spazi, sfruttando la velocità di Borrelli e la tecnica di Dacca e Carnevale. Intorno al 25' inizia il valzer delle punizioni sulla trequarti difensiva oro-crociata: la prima finisce diretta in porta senza che nessuno sfiori il pallone, ma Bagnoli annulla per un presunto fuorigioco di Lucà. La seconda vede l'uscita di Marangi, che si scontra con Cara in allungo, ma ad aver la peggio è l'estremo difensore del Lesna, il quale è costretto a chiedere il cambio per infortunio in favore di Pontillo. La terza punizione di Sorbo però è quella buona, dal momento che spedisce il pallone all'incrocio dei pali con una parabola precisa dal centro sinistra, rendendo impossibile l'intervento per il neo entrato Pontillo e portando in vantaggio i suoi. Il Lesna inizia a creare più pericoli dalle parti di Schettini, con Borrelli che scalda i motori e inizia ad impensierire i centrali viola, ma è sempre il San Giorgio che tiene il pallino del gioco. Su un angolo battuto da Vander Elst si forma una mischia, in cui Rusu è il più lesto e con una zampata spinge il pallone in porta tra le proteste del Lesna per falli vari non sanzionati dall'arbitro. Ma lo spettacolo non è finito qui: il Lesna attacca a testa bassa per riaprire la partita e l'occasione se lo procura Borrelli, che va via in dribbling sulla destra e viene atterrato da Gastone. Bagnoli comanda per il penalty e sul dischetto va lo specialista Foassa, il quale spiazza Schettini con un mancino incrociato molto potente, riaprendo il match appena prima dell'intervallo.

La ripresa vede uno scambio di posizioni del San Giorgio con Milito che torna al ruolo originale di terzino sinistro, Gastone viene spostato in avanti e Vander Elst passa a destra. Il canovaccio del match è uguale a quello del primo tempo, con Milito pericoloso in avanti. Al 15' però avviene l'episodio che può cambiare le sorti del match: Sorbo batte velocemente una rimessa che spettava al Lesna, ma Bagnoli è intransigente è tira fuori il secondo cartellino giallo per il capitano viola (il primo gli era arrivato per proteste nel primo tempo), che esce dal campo in lacrime a causa dell'eccessiva severità utilizzata per la sua espulsione. Capasso corre ai ripari, abbassando in mediana Rusu e inserendo Ciulla al posto di Cara sull'esterno di destra, schierando la squadra con un 4-4-1 con il subentrato Pozzato come unica punta. Il Lesna sfrutta la superiorità numerica, con Dacca che impegna Schettini con un bel tiro a giro e comanda l'arrembaggio dei suoi. Sulle ali dell'entusiasmo il Lesna si rende nuovamente pericoloso con una punizione di Foassa, che pennella un cross perfetto sulla testa di Borrelli sul secondo palo, il quale però non riesce ad impattare bene il pallone e di testa manda a lato di poco. Il San Giorgio stringe i denti e proprio nel momento migliore dei padroni di casa trova il gol dell'1-3 con Acconcia, il quale, dopo un anticipo secco a centrocampo, calcia il pallone di controbalzo assumendo una traiettoria che si impenna e sorprende Pontillo leggermente fuori dai pali. Il gol è una doccia freddissima per il Lesna, che vede spegnersi le speranze nel momento migliore, mentre è liberatorio per il san Giorgio, che, forte del doppio vantaggio, gioca con più scioltezza e dilaga nel recupero, con le reti di Pozzato, con un bel destro a giro su assist di Acconcia, salito in cattedra negli ultimi minuti, e di Rusu, il quale sigla la sua personale doppietta con un bel sinistro all'angolo alto, che sorprende ancora Pontillo. Il triplice fischio di Bagnoli sancisce una grande vittoria del San Giorgio, che, nonostante l'inferiorità numerica e gli episodi a sfavore, non si fa scalfire e porta a casa tre punti fondamentali che la portano al terzo posto, a cinque lunghezze dalla capolista MoDeRNa. 

IL TABELLINO

LESNA GOLD-SAN GIORGIO 1-5

RETI (0-2, 1-2, 1-5): 28' Sorbo F. (S), 40' Rusu (S), 45' rig. Foassa (L), 32' st Acconcia (S), 40' st Pozzato (S), 46' st Rusu (S).

LESNA GOLD (4-3-1-2): Marangi 6.5 (25' Pontillo 6), Boero 6.5, Foassa 7, Hassane 6 (42' st Triolone sv), Lagrasta 6.5 (34' st Scagliotti sv), Mukena 6.5, Lastella 6 (27' st Veneruso 6), Carnevale 6, Borrelli 7, Dacca 6 (39' st Mulè sv), Curioso 6 (43' st Tiozzo sv). A disp. Gilardi, Podariu. All. Renga 6. Dir. Mulè - Tiozzo.

SAN GIORGIO (4-4-2): Schettini 7, Sorbo A. 7, Milito 7, Diahoue 7 (44' st Pilotti sv), Lucà 7, Acconcia 8, Gastone 6.5 (20' st Pozzato 7), Sorbo F. 7, Rusu 8, Vander Elst 7 (36' st Carena 6), Cara 6.5 (16' st Ciulla 6.5). A disp. Settimo, Fucale, Marino, Mondalucio. All. Capasso 8. Dir. Gastone - Calato.

ARBITRO: Evelina Bagnoli di Torino 5.5

AMMONITI: 20' Cara (S), 42' Sorbo F. (S), 15' st Sorbo F. (S), 37' st Milito (S).

ESPULSO: 15' st Sorbo F. (S). 

LE PAGELLE

LESNA GOLD

Marangi 6.5 Nonostante giochi pochi minuti e sia costretto ad uscire per infortunio, risponde presente con una bella parata sul tiro di Rusu.

25' Pontillo 6 Incassa tre eurogol nei minuti finali, si dimostra comunque poco sicuro in diverse situazioni, non sfoderando una bella prestazione, ma mettendo in difficoltà i suoi.

Curioso 6 Schierato terzino destro, si limita alla fase difensiva dove patisce i dribbling di un Vander Elst ispirato, che lo costringe a stare basso. 

Boero 6.5 Gioca da difensore centrale e, nonostante non sia il suo ruolo, compie ottimi interventi che sventano potenziali azioni pericolose.

Foassa 7 Il terzino dal piede caldo colpisce ancora: realizza con freddezza il rigore che illude il Lesna e impegna più volte Schettini su punizione, servendo anche un bell'assist a Borrelli, che però di testa non realizza.

Hassane 6 Il suo lavoro in interdizione è sempre prezioso, ma questa volta soffre le incursioni tra le linee di Sorbo, Acconcia e Rusu, che arrivano spesso in velocità.

Lagrasta 6.5 Finché ne ha allontana tutti i pericoli che arrivano dalle sue parti, mostrandosi imbattibile nel gioco aereo e comandando la difesa. Quando è costretto ad uscire la squadra subisce ben 3 gol.

Mukena 6.5 Meno dominante del solito, non fa comunque mancare il suo contributo recuperando diversi palloni, ma viene ingabbiato dalla tecnica e dal palleggio del centrocampo viola.

Lastella 6 Gioca la sua solita partita ordinata, dando una mano in fase di interdizione per tentare di interrompere il fraseggio viola, ma si vede pochissimo nei pressi dell'area di rigore avversaria.

27' st Veneruso 6 Entra per aumentare la fisicità in mezzo al campo, nonostante i pochi minuti si dà da fare per far ripartire velocemente l'azione.

Carnevale 6 Ottima tecnica ed eleganza palla al piede, grazie alle quali riesce a creare potenziali occasioni non sfruttate dai compagni. Nel secondo tempo, invece, diventa facile preda dei centrali viola.

Borrelli 7 È sempre lui l'uomo più pericoloso degli oro-crociati, a tratti immarcabile in velocità, dà vita ad uno spettacolare duello con Lucà nel primo tempo e si procura il rigore che Foassa realizza e riapre la partita.

Dacca 6 Schierato dietro le punte, si muove molto per cercare di toccare più palloni possibili, ma è schermato bene dagli avversari e finisce per correre a vuoto, facendo mancare i suoi soliti rifornimenti alle punte.

All. Renga 6 Le assenze di Podariu, a comandare la difesa, e di Aarab, a dare rapidità all'attacco, si fanno sentire in quanto pedine fondamentali della squadra. I sostituti giocano una buona partita, ma il San Giorgio tiene il pallino del gioco per tutto il match, mostrandosi superiore e chiudendo le imbucate centrali per le punte. Una sconfitta che mette fine allo splendido momento di forma degli oro-crociati, ma che potrà essere riscattata se il Lesna giocherà le prossime con il piglio del primo tempo.

SAN GIORGIO

Schettini 7 Due grandi parate su Borrelli e Dacca salvano il risultato e indirizzano la partita per i suoi. Inoltre è molto coraggioso in uscita, indovinando sempre il tempo giusto e allontanando i pericoli.

Sorbo A. 7 Dalla sua parte gravitano Dacca e Carnevale, ma lui riesce ad arginarli pur non giocando una partita tecnicamente non pulita. Inoltre si propone spesso in fase offensiva, costringendo il Lesna a rimanere basso per difendere. 

Milito 7 Inizia la partita da esterno alto a destra e la finisce da terzino sinistro, dove si trova molto più a suo agio e sfodera dei recuperi provvidenziali su Borrelli, sfruttando la sua grande velocità. 

Diahoue 7 Perfetto in anticipo e nel leggere le varie situazioni, imposta con grande eleganza e comanda la difesa, rendendo la vita facile ai suoi compagni di reparto.

Lucà 7 Fronteggia il temutissimo Borrelli, ma regge bene il duello in velocità, ricorrendo, nelle poche situazioni in cui viene dribblato, al fallo sistematico con grande intelligenza, per fermare la minaccia incombente. 

Acconcia 8 Ha ripreso ad allenarsi con continuità e i risultati si vedono tutti: domina il centrocampo e si inserisce spesso tra le linee, trovando l'eurogol del 1-3 grazie ad un bell'anticipo e servendo l'assist a Pozzato per l'1-4 dopo una percussione centrale.

Gastone 6.5 Gioca una partita molto attenta in fase difensiva, pur causando il rigore per fallo su Borrelli. Nel secondo tempo viene spostato ad esterno alto, dove riesce a effettuare diverse sgroppate in avanti, mostrando tutta la sua corsa. 

20' st Pozzato 7 Utilizza il suo baricentro basso per sgusciare tra le maglie strette della difesa del Lesna. Realizza la rete dell'1-4 con un gran destro a giro da fuori area. 

Sorbo F. 7 Pagella dai due volti: primo tempo sontuoso (come al solito), dove segna una rete su punizione poi misteriosamente annullata e realizza il gol del vantaggio con un altra punizione splendida che si insacca all'incrocio dei pali. Viene espulso in maniera (troppo) severa da Bagnoli e lascia la sua squadra in 10 nel secondo tempo in un momento delicato.

Rusu 8 Doppietta per il centravanti con la classe di un trequartista: è il più lesto di tutti in mischia a piazzare la zampata dello 0-2 e con l'espulsione di Sorbo viene abbassato in mediana, dove fa valere tutta la sua grande tecnica, trovando anche il gol finale del'1-5 con un bel sinistro a giro nell'angolo alto, tanto che Andrea Sorbo gli lucida lo scarpino nell'esultanza.

Vander Elst 7 I suoi dribbling mettono in seria difficoltà Curioso. Va più volte al tiro dopo essersi liberato in maniera egregia, ma è sfortunato nel non trovare la rete che avrebbe meritato. I suoi calci d'angolo inoltre sono sempre pericolosissimi e da uno di questi nasce il gol dello 0-2 di Rusu.

36' st Carena 6 Fa tirare il fiato a Vander Elst e si dà da fare nei pochi minuti in cui gioca, pressando chiunque si trovi in possesso del pallone.

Cara 6.5 Soffre gli spazi stretti in cui si gioca, che non gli permettono di ricevere molti palloni giocabili, ma il suo contributo lo si nota soprattutto in non possesso, aiutando la squadra ad indirizzare il pressing per la riconquista immediata.

16' st Ciulla 6.5 Schierato esterno sinistro, causa diversi grattacapi alla difesa oro-crociata con dribbling e numeri di alta scuola che creano la superiorità numerica.

All. Capasso 8  Prima della gara aveva consigliato ai suoi di limitare la costruzione dal basso, viste le dimensioni ridotte del campo. Tuttavia si suoi giocatori si trovano a proprio agio, grazie agli allenamenti in spazi stretti effettuati in settimana in preparazione del match. Interscambia spesso i suoi uomini, abituandoli a ricoprire più ruoli in cerca della posizione migliore in cui specializzarsi in futuro.

ARBITRO: Evelina Bagnoli di Torino 5.5 Va bene tutto, ma dare un secondo giallo per una rimessa laterale sbagliata no.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400