Cerca

Under 17

Aspettando l'Alba, un superlativo Turricola abbatte la Valle Po

Doppietta di Dehbi che completa l'opera di Vigato, Dainekh e Marchetto

Davide Vigato, Anouar Drainekh, Thami Dhebi, Lorenzo Marchetto

Gli autori dei gol Davide Vigato, Anouar Drainekh, Thami Dhebi, Lorenzo Marchetto

Comincia male ma finisce come meglio non poteva, 5-1 per Il Turricola contro la Valle Po, squadra di Paesana, piccolo borgo in provincia di Cuneo. Gara appassionante e appassionata fino all'ultimo minuto che i ragazzi di Nardiello, forti in tutti i reparti, hanno giocato con la solita determinazione che ha caratterizzato tutta la loro stagione calcistica, perdendo solo contro la corazzata Canelli. Sul piano della fisicità gli ospiti davano qualche punto alla compagine di casa, ma in questo sport questa da sola non basta, se non è accoppiata a buone capacità tecnico-tattiche e atletiche. Doti, quest'ultime, che non difettano ai padroni di casa. Se, infatti, il Turricola soffre per pochi minuti ad inizio gara, nel prosieguo, prese le giuste misure, Piano e i suoi compagni non lasciano scampo ai paesani, che subiscono le loro giocate veloci e molto tecniche. A dirigere la musica sul piedistallo sale Drainekh che accoppia ai buoni piedi un'ottima visione di gioco, distribuendo palloni sempre succulenti al reparto avanzato -Dehbi, Vigato e Quartero. A dargli man forte a centrocampo come incontristi a recuperar palloni ci pensano Foddai e Marchetto, mentre nella difesa centrale un impareggiabile Piano e un insormontabile Ramadani non danno spazio e tempo agli attaccanti Albertengo e Tevino. Sulle fasce in gran spolvero Berto a destra e Braggio a sinistra non si limitano solo a difendere, ma appena possono si spingono in avanti con folate che creano scompiglio nella difesa della Valle Po. Eppure tra le file dei rossi di Campagnolo non mancano giocatori di razza, Careglio e Depetris per citarne alcuni, ma in questa gara così esaltante sarebbe stato vano per molti.

Goccia fredda nella schiena

Il primo gol, al 6' del primo tempo, con una bella azione che si snoda dalla sinistra e viene conclusa con un preciso piatto destro da Depetris davanti alla porta, arriva e scorre proprio come la classica goccia lungo la schiena, fredda e improvvisa, che come una scudisciata sferza il Turricola. Subita la rete, infatti, i gialloblu di casa reagiscono e attaccano forsennatamente, ma con la lucidità giusta che evita brutte sorprese in contropiede. La freschezza muscolare e la forza mentale degli ospiti è ancora tale da rintuzzare con sufficiente ordine gli attacchi terruggesi. Ma con un possesso di palla così prolungato è gioco forza che prima o poi si arrivi al pari. Già al 15' Daija compie un mezzo miracolo: Piano si porta sul fondo sotto porta e da destra serve Dainekh che scarica sui piedi di Marchetto, la cui botta a colpo sicuro è intercettata dal portiere tuffandosi di piede. Insistono i padroni di casa, resistono gli ospiti, che però al 24' capitolano: punizione dalla tre quarti destra,  Dainekh intuisce la partenza di Vigato e rasoterra lo serve tra le linee, l'esterno destro, che fila e fonde come una sottiletta, si presenta al cospetto del portiere e lo spalma. Reagiscono i valligiani padani con azioni avvolgenti sulle fasce, ma la difesa di casa è attenta e non si lascia perforare. Al 37' arriva il vantaggio cercato con tanta grinta e determinazione: Dehbi, poco attivo in questa fase di gioco, si ricorda di avere dei piedini fatati e serve in area Dainekh che non lo delude e sotto porta s'inventa una palombella che supera Daija e vola libera nel retino.

Non si molla

Nella ripresa non cambia il ritmo forsennato che il Turricola ha impresso alla gara, con un gran possesso palla che gli avversari non riescono a interrompere. Al 12', Marchetto dal fallo laterale dà a Dehbi, il quale controlla e serve Dainekh che manca di un soffio la deviazione vincente davanti alla porta. Trascorre solo un minuto e ancora Dehbi ben servito al limite dell'area  si accentra e di destro colpisce troppo sotto, spedendo il pallone ben oltre la traversa. Provano a tirare un po' di respiro i padroni di casa e ne approfitta la Valle Po che si rende pericolosa soprattutto sulle palle inattive, con due punizioni che fanno venire i sudori freddi a Lupano, che incita i compagni a gran voce, unitamente al pubblico, nel quale si distingue il vocione del papà di Vigato, che esorta i ragazzi a rimanere calmi, spronandoli a correre di più. Si risvegliano i terruggesi che ricominciano ad attaccare ma trovare gli spiragli giusti non è facile. Bisogna arrivare al 32' per trovare la terza rete che dà la serenità giusta. Grazie alla spinta sulla destra di Berto, quest'ultimo cambia fronte con un cross preciso che Dehbi sfrutta come meglio non si poteva infilando nel sacco di testa. Cadono così le ultime resistenze e speranze della Valle Po che cede totalmente le armi e negli ultimi cinque minuti cade sotto i colpi dei ragazzi di Nardiello, per niente paghi del risultato. Infatti al 40' Dehbi raddoppia dopo una volata da centro campo, stavolta premiata da un gran gol di destro nell'incrocio dei pali. Ma non è ancora finita perché Marchetti ha ancora il dente avvelenato della parata di Daija del primo tempo e dopo un dai e vai con Sannazzaro mette nel sacco la manita di destro.I ragazzi del Turricola in festa dopo la vittoria

IL TABELLINO

TURRICOLA T.-VALLE PO 5-1
RETI (0-1, 5-1): 6' Depetris (V), 24' Vigato (T), 37' Drainekh (T), 32' st Dhebi (T), 40' st Dhebi (T), 44' st Marchetto (T).
TURRICOLA T. (4-2-3-1): Lupano 7, Berto 7.5, Braggio 8, Marchetto 8, Ramadani 8, Piano 9, Vigato 8 (25' st Brovero 6), Foddai 7 (9' st Sannazaro 7), Dhebi 8 (43' st Volpi sv), Drainekh 8 (44' st Capra sv), Quartero 7 (14' st Saresini 7). A disp. Fabris, Corona, Montiglio, Patrucco. All. Nardiello - Repossi 8. Dir. Capra.
VALLE PO (4-1-3-2): Daija 7, Servolo 6 (44' Barotto F. 6), Manuse 6.5, Lamedica 6.5 (34' Rainero 6), Busso 6.5, Careglio 6.5 (6' st Piacenza 6), Depetris 7 (12' st Pilloni 6), Gegaj 6.5, Albertengo 6.5 (35' st Motta sv), Meirone 6.5, Tevino 6.5 (32' st Bernardi sv). A disp. Pau, Barotto, Barroero. All. Campagnolo 6.5. Dir. Lamedica.
ARBITRO: Barbero di Alessandria 7.La terna arbitrale

LE PAGELLE

Filippo Piano, TurricolaTURRICOLA

Lupano 7 Sicuro tra i pali ma nelle uscite è da pelle d'oca, gli piace l'avventura, ma non è avventuroso.

Berto 7.5 Nel primo tempo si muove poco dalla sua posizione di controllo difensivo, ma nella ripresa prende coraggio e si spinge in avanti.

Braggio 8 Sin dalle prime battute fa capire di voler lasciare il segno e vi riesce, i suoi affondi sulla fascia sinistra sono sempre letali.

Marchetto 8 Incontrista di razza, recupera tanti palloni. Nel primo tempo va vicino al gol, nel secondo lo realizza.

Ramadani 8 Gara maiuscola non sbaglia un intervento ma ciò che conta i palloni conquistati sono sempre finalizzati al meglio.

Piano 9 110 minuti nella gara precedente contro il Boys calcio con un gol ed un rigore realizzato, più novanta minuti contro la Valle Po senza far trasparire stanchezza ma anzi impeccabile nei contrasti e negli appoggi. Che dire!

Vigato 8 Alla prima buona occasione si fa vedere nel momento giusto al posto giusto e insacca aprendo le danze per i suoi.

25' st Brovero 6 Entra bene dalla panchina.

Foddai 7 Poco appariscente il suo gioco fatto di interdizione e suggerimenti ma sempre redditizio.

9' st Sannazzaro 7 Non fa mancare il suo apporto nella spinta in avanti del reparto.

Dehbi 8 Nel primo tempo non sfrutta a dovere i palloni che gli sono stati serviti, ma nella ripresa la sua doppietta dà la sicurezza cercata.

Drainekh 8 Vede il gioco come pochi in questa categoria ma vedere non basta, sa anche servirli sul piatto giusto al momento giusto.

Quartero 7 Si propone spesso sulla fascia sinistra e sa liberarsi dell'avversario, a volte però manca di convinzione nelle conclusioni.

14' st Saresini 7 Mobile nel proporsi e scaltro nel proporre, non spreca un pallone.

All. Nardiello 8 La squadra ha risposto come meglio non poteva ai suoi insegnamenti. Costruzione solida che gli darà ancora qualche soddisfazione.Gioele Depetris, Valle Po

VALLE PO

Dajia 7 Cinque gol sui quali non ha nessuna responsabilità, anzi con alcuni interventi evita un passivo maggiore.

Servolo 6 Si lascia sfuggire in più di un'occasione l'esterno alto sinistro, lo sgusciante Vigato che mette a segno il primo gol.

44' pt Barotto F. 6 Non cambia di molto la situazione sulla fascia destra.

Manuse 6.5 Finché ne ha regge bene l'urto degli attaccanti terruggesi, poi col tempo cede.

Lamedica 6.5 Buona prestazione ma poi esce per infortunio.

34' pt Rainero 6 Non è altrettanto efficace a centro della difesa.

Busso 6.5 Terzino di fascia destra ha il suo bel da fare sul veloce Quartero.

Careglio 6.5  Non corre molto ma lo fa con intelligenza e soprattutto ha nel destro la sua arma migliore nei lanci.

6' st Piacenza 6 Non efficace come il compagno sostituito.

Depetris 7 Il suo gol, tra l'altro molto bello per esecuzione, illude per circa venti minuti.

12' st Pilloni 6 Non cambia il ritmo la sua entrata.

Gegaj 6.5 Corre e si propone sia in fase offensiva che difensiva ma non trova collaborazione.

Albertengo 6.5 Pochi palloni giocabili in avanti si sacrifica in fase difensiva. 

Meirone 6.5 Quando può e riesce a giocare palloni si proietta in avanti ma Ramadani lo anticipa sempre.

Tevino 6.5 Cerca la spinta sulla fascia sinistra dove un attento Berto gli concede molto poco. 

All. Campagnolo 6.5 I suoi ragazzi cedono troppo presto sul piano della condizione fisica, che avrebbe dovuta essere molto diversa contro un Turricola così forte.

LE INTERVISTE

Nardiello all. Turricola: «Siamo partiti intimoriti dalla loro fisicità, ma solo per pochi minuti. Perché abbiamo capito che potevamo farcela e così è stato. Abbiamo preso le redini del gioco e non le abbiamo più lasciate. Grande partita sotto tutti gli aspetti e grande prova di carattere di tutti i miei ragazzi compresi i sostituti. Sono orgoglioso di questo gruppo e onorato di averlo guidato fino questo risultato, ma non è finita».

Lamedica, dirigente Valle Po: «Purtroppo abbiamo tenuto solo per dieci minuti e poi loro son venuti fuori con tutta la loro veemenza su tutti i palloni lasciandoci pochissimo spazio. Un calo fisico inaspettato, vedremo di far meglio con l'Alba».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400