Cerca

Under 18

Vires-Settalese: doppio Torrente e rigori decisivi, Carpinelli rovina l'esordio a Tedesco

Tiri dagli 11 metri decisivi ai fini dell'incontro fra chi ne approfitta, in mezzo ai dubbi, e chi sbaglia e viene punito

Torrente Vires-Settalese Under 19

Torrente (Settalese), sua la doppietta che ha spaccato la partita

Il 3-0 a favore della Settalese in casa della Vires potrebbero far pensare a una partita quasi dominata dagli ospiti, ma è stato tutt'altro che così. Certi treni passano e bisogna prenderli assolutamente, altrimenti si rischia di restare a piedi, come insegna questa sfida, finita nella testa e nelle gambe dei padroni di casa quando a inizio ripresa Paternò ha sbagliato il rigore del possibile 1-1. Il momento del Carpe Diem è stato invece sfruttato da una Settalese più attenta alle lezioni del professor Keating, che dopo il rischio corso ha ripreso il controllo della gara avuto fino a poco prima e ha portato a casa 3 punti d'oro nel percorso del suo campionato.

Dominio striminzito. Uno dei temi tecnico-tattici della gara emerge fin dai primissimi minuti: è il vantaggio fisico generale della Settalese, che le permette di vincere la maggior parte dei livelli individuali e di mettere subito sotto pressione i padroni di casa. Non è quindi un caso che le prime occasioni ospiti arrivino con due colpi di testa: quello di Torrente al 4', deviato magistralmente in angolo da Spranzi, e quello di Savorè due giri d'orologio dopo, fuori di un soffio. Ogni palla alta in mezzo è però un grattacapo per la difesa della Vires, che al 13' si salva di nuovo per miracolo: dopo un corner e il successivo batti e ribatti in area, è il palo a respingere il tiro a botta sicura di Hoxha. L'andamento della gara è comunque chiaro: la Settalese fa la partita e monta la tenda nella metà campo avversaria, la Vires invece si difende con ordine e cerca di ripartire in contropiede quando può. Ne viene fuori una specie di assedio leggero ma costante, che porta i suoi frutti al 27': punizione dalla trequarti, un tocco di mano in area (alquanto dubbio) è galeotto e concede il rigore agli ospiti, trasformato da Torrente che con freddezza spiazza Spranzi. La gara cambia nel punteggio ma la trama resta la stessa: la Vires continua a essere resistente in difesa e impalpabile in attacco, la Settalese non brilla ma punta al massimo risultato con il minimo sforzo. Un dato che vale più di mille parole per riassumere la prima frazione: mentre da un lato Spranzi è costretto agli straordinari, il collega Teli tocca il primo pallone della sua partita al 40', e solo per effettuare un comodo rinvio dal fondo.

Delitto e castigo. Il secondo tempo del numero 1 ospite inizia però in tutt'altro modo: al 3' infatti Di Gioia vince un contrasto a metà campo e si invola solissimo verso l'area, ma Teli dà una lezione di cosa vuol dire "farsi trovare pronto quando serve" e con un grande riflesso respinge il destro del numero 11 di casa, evitando ai suoi un pareggio che sarebbe stato a dir poco beffardo. Portieri protagonisti a inizio ripresa: al 9' infatti Spranzi conferma il suo stato di grazia respingendo con il piede il destro di ravvicinato di Georgiev, penetrato in area dopo una bella azione corale. Ma è la Vires ad avere la più grande delle occasioni: al 12' l'arbitro Bianco concede ai padroni di casa un altro rigore discutibile, facendo il paio con quello assegnato agli ospiti nel primo tempo. Sul dischetto si presenta Paternò, che però allarga troppo il destro e manda incredibilmente a lato. "Se metti in pausa, puoi vedere il momento esatto in cui gli si spezza il cuore". La cit. di Bart Simpson è perfetta per la Vires, mentre la Settalese passato lo spavento inizia a sentire nell'aria l'odore del sangue e al 17' azzanna la preda: Colucci fugge sulla sinistra, il suo cross è un campanile al bacio per l'inserimento di Torrente, che con un pregevole destro al volo piega le mani di Spranzi per lo 0-2. Gli uomini di Carpinelli si dimostrano spietati, sfruttando anche la panchina più lunga di quella dei padroni di casa, falcidiati dalle assenze e ridotti a 13 effettivi: dopo l'assist per lo 0-2, Colucci prima sbaglia una facile occasione davanti alla porta, poi aggiunge il suo nome nel tabellino al 23' risolvendo una mischia in area con la spaccata dello 0-3. La gara sostanzialmente finisce qui: le squadre rallentano i ritmi e sembrano attendere il fischio finale, soprattutto una Vires stanca, quasi senza cambi e con un paio di giocatori costretti a fermarsi per problemi di crampi. Rallenta anche la Settalese, che fa però comunque in tempo a sfiorare più volte lo 0-4, con una serie di occasioni non sfruttate da Gaviraghi e Sbordoni. Il risultato però non cambia più: lo 0-3 finale è una punizione severa per gli uomini dell'esordiente Tedesco, contro una Settalese cinica e solida, brava a chiudere la gara nel momento in cui la gara stessa glielo ha permesso.

IL TABELLINO

Vires-Settalese 0-3
RETI: 32' rig. Torrente (S), 17' st Torrente (S), 23' st Colucci (S).
VIRES (4-3-3): Spranzi 7.5, Bianchi 6, Aiello 6, Paternò 5.5, Dordoni 6 , Carini 6, Negrogna 6, Canova 6.5, Aiello 6, Cignoli 6 (32' st Lo Negro s.v.), Di Gioia 6.5. A disp. Arias Apolo. All. Tedesco 6. Dir. Aiello.
SETTALESE (4-3-3): Teli 7, Tesoriello 6.5 (28' st Cusentino 6), Russo 6.5, Savorè 7, Carta 6.5, Di Meo 6.5 (8' st Gaviraghi 6), Georgiev 7 (32' st Sbordoni s.v), Torrente 8 (19' st Cattelan 6), Pagano 6.5, Hoxha 6.5 (1' st Colucci 7), Masha 6.5. All. Carpinelli 7. Dir. Luccini.
ARBITRO: Bianco di Milano 5.5.
AMMONITI: Aiello (V), Carini (V).

LE PAGELLE

VIRES

Spranzi 7.5 Mostra tutto il repertorio con una serie di interventi spettacolari per tenere in piedi i suoi.
Bianchi 6 Costretto a una gara esclusivamente difensiva, tanti duelli vinti e altrettanti persi.
Aiello 6 Cerca di farsi vedere in avanti con continuità, ma con poca precisione nelle giocate.
Paternò 5.5 In difesa è spesso in apnea ma non molla, macchia della sua gara è il rigore sbagliato.
Dordoni 6 Senza infamia e senza lode, non compie interventi miracolosi nè commette errori grossolani.
Carini 6 Cerca di dare luce alla manovra con caparbietà ma senza trovare il bandolo della matassa.
Negrogna 6 Lotta senza riserve a centrocampo recuperando molti palloni, ma anche lui manca in fase di impostazione.
Canova 6.5 Si fa vedere in avanti con un paio di tentativi interessanti, se non altro ci prova.
Aiello 6 Molto solo in mezzo alla difesa avversaria, si sbatte per aiutare la squadra con risultati alterni.
Cignoli 6 Poche occasioni per inventare sulla trequarti, alla ricerca di uno spunto che non troverà. (32' st Lo Negro s.v.)
Di Gioia 6.5 Il più attivo là davanti, si costruisce da solo la grande occasione a inizio ripresa ma Teli gli nega la gioia del gol.
All.Tedesco 6 Esordio da cui si possono trarre spunti positivi, la squadra cede ma ha carattere.

SETTALESE

Teli 7 Spettatore non pagante per 45', ma quella parata quando si era ancora sullo 0-1 è decisiva.
Tesoriello 6.5 Controlla la fascia senza sudare troppo, partita di grande lucidità e attenzione.
28' st Cusentino 6 Un quarto d'ora o poco più di gestione senza affanni.
Russo 6.5 Alterna bene la fase di spinta e quella difensiva, lavoro silenzioso ma sempre utile.
Savorè 7 Fortino difensivo insuperabile, si concede anche qualche sortita offensiva sfiorando più volte il gol.
Carta 6.5 Ordinaria amministrazione senza troppi problemi dietro, gara di relativa tranquillità.
Di Meo 6.5 Guastafeste professionista della manovra avversaria, sempre pronto anche a far ripartire l'azione.
8' st Gaviraghi 6 Entra con il piglio giusto, si rende più volte pericoloso.
Georgiev 7 Inserimenti a gogò e giocate giuste al momento giusto, ABC del centrocampista completo. (32' st Sbordoni s.v)
Torrente 8 Svaria su tutto il fronte d'attacco, è di ghiaccio sul rigore e fa doppietta con un vero e proprio eurogol.
19' st Cattelan 6 Anche lui dentro per cercare la gloria personale, senza fortuna.
Pagano 6.5 Efficacia pura nel velocizzare la manovra e nel trovare i compagni più avanzati.
Hoxha 6.5 Un tempo di presenza fisica dominante sulla fascia, solo il palo gli nega il gol.
1' st Colucci 7 Definizione di cambio azzeccatissimo: bello l'assist per lo 0-2, di rapina e senso della posizione il gol dello 0-3.
Masha 6.5 Duttilità al servizio della squadra, finisce da centrale difensivo e fa bene un po' dappertutto.
All.Carpinelli 7 La squadra gestisce la gara con autorevolezza e colpisce nei momenti giusti.

ARBITRO
Bianco di Milano 5.5
  Molto dubbi su entrambi i rigori, forse generosi forse inesistenti.

LE INTERVISTE

Bicchiere mezzo pieno per Tedesco, l'allenatore alla prima sulla panchina della Vires ha colto le indicazioni positive della gara nonostante la sconfitta dei suoi: «I ragazzi hanno carattere e hanno dato tutto quello che avevano pagando anche le numerose assenze, purtroppo alcune ingenuità in difesa e il rigore sbagliato ci hanno condannato, perché poi è sopraggiunta anche la stanchezza e non siamo riusciti a rientrare in partita. Sappiamo che c'è da lavorare molto, ma sono fiducioso e credo nelle qualità della mia squadra».

Sorriso senza tracce di amaro invece per Carpinelli, il tecnico della Settalese ha analizzato così la partita: «Sono molto soddisfatto della prova dei ragazzi, siamo venuti in un campo difficile a fare la nostra partita e a imporre il nostro gioco e ci siamo riusciti per la maggioranza dei 90 minuti, trovando una vittoria che credo essere certamente meritata».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400