Cerca

Under 18

Rebaudengo-Carrara: Barbanera e Serravallo puniscono Testoni, gli ospiti salgono a 12 punti

I verdi espugnano il fortino gialloblù e rimangono agganciati alla testa della classifica

Rebaudengo-Carrara: Barbarena  e Serravallo puniscono Testoni, gli ospiti salgono a 12 punti

I ragazzi di Danilo Tinelli espugnano il campo del Rebaudengo

Corsa, muscoli e tanta tattica. Alla fine il Carrara espugna per 0-3 il Sempione e restano attaccati alla testa della classifica. Un boccone troppo amaro il risultato finale per il Rebaudengo che per tutto il primo tempo e buona parte del secondo tiene bene il campo e da la sensazione più volte di poterla riaprire.
La squadra di Tinelli però è apparsa superiore dal punto di vista della manovra e della velocità di gioco, ma soprattutto più cinica nello sfruttare le occasioni della partita. Le reti di Serravallo nel primo tempo e di Ciervo e Barbanera nel secondo castigano in modo cinico la compagine di casa, sfruttando a proprio vantaggio le occasioni favorevoli della partita e i calci piazzati a favore.

Studio e Pressing. Dopo due pareggi di fila, agli uomini di Testoni serve il saltò di qualità, il passo decisivo capace di portare i tanti agognati 3 punti e soprattutto di smuovere la classifica. Il tecnico gialloblù, per affrontare i primi della classe, decide di affidarsi ad un 4-3-3 che in relatà sembra essere più un 4-3-1-2 con Casabianca e Girardi nel ruolo di mezzali offensive alle spalle di Sigaudo nel ruolo di rifinitore e Gaye attaccante esterno defilato a destra. Tinelli più sicuro dei suoi mezzi e forte del momento di forma dei suoi ragazzi manda in campo i suoi con un classico 4-3-3 con Serravallo a dettare i tempi di gioco e le incursioni offensive, alle spalle di Razk e Barbanera punta di diamante dello scacchiere.
Il primo tempo vede entrambe le formazioni mettere in campo un atteggiamento molto scolastico, più concentrate a non tradire gli schemi che a far male all’avversario. Nel complesso Il Carrara sembra essere più a suo agio con la palla tra i piedi, i ragazzi di Tinelli infatti dimostrano di essere più abili nel palleggio e nel giropalla veloce. Nonostante i ragazzi di Testoni lascino il possesso in mano agli avversari non sembrano correre gravi pericoli, con i reparti ben serrati e la retroguardia ben schermata. Anzi sono proprio i gialloblù a sfiorare il vantaggio per primi grazie ad un guizzo di Guaye abile a sfruttare una cattiva respinta di Bardino ma non altrettanto abile ad inquadrare lo specchio libero della porta, spedendo di piatto la palla tra le braccia dello stesso portiere.
Le occasioni da gol latitano, così al 35 ci pensa l’arbitro a mettere un po’ di pepe al match: su una rimessa laterale a favore del Carrara, Serravallo riceve la sfera dentro l’area di rigore avevrsaria, proteggge il pallone e viene toccato duro da Unia. L’arbitro non ha dubbi ed indica il dischetto. Lo stesso Serravallo si incarica della battuta e dagli undici metri fa 0-1. Con il vantaggio per gli ospiti si chiude un primo tempo avaro di emozioni e molto monotono.

Barbanera show. I secondi 45 sono molto più frizzanti del primi, i ragazzi di Testoni infatti sembrano essere più coraggiosi e più veloci nella gestione della palla, soprattutto grazie a Girardi e Cabianca che inseriscono la quinta marcia e cominciano a martellare i centrocampisti avversari recuperando molti palloni in transizione offensiva e cercando le imbucate per Sigaudo e Gaye. la mole di palloni giocati dal centrocampo gialloblu non serve però a costruire vere e proprie occasioni da gol, con gli ospiti sempre ordinati e capaci di gestire le scorribande dei padroni di casa. La banda di Barbanera più cinica e più padrona delle proprie geometrie, sfiora anche il raddoppio su due azioni di rimessa: prima con Panepinto, ottimo il calcio al volo poco meno la mira con la palla che finisce di poco fuori, poi con Serravallo che cerca la staffilata da fuori di sinistro con la palla che finisce di poco a lato. Il Rebaudengo tiene bene il campo e nonostante qualche sbavatura non sembra essere in difficoltà come nel primo tempo. Ci vuole un altro calcio piazzato per far tribolare i padroni di casa, e infatti al 38 il Carrara raddoppia. Su una punizione da posizione defilata sull’out di sinistra, Amatulli calcia teso e forte con la sfera che si scaglia dritta all’incrocio dei pali, la deviazione favorisce l’inserimento di Ciervo che tutto solo insacca di testa a porta praticamente sguarnita portando i suoi avanti di due lunghezze, Rebaudengo 0 Carrara 2. L’ultimo quartod’ora è una caccia spietata da parte degli ospiti, i padroni di casa perdono completamente le misure e si lanciano in avanti alla ricerca del gol che potrebbe riaprire la partita. La conseguenza di tale atteggiamento è la consegna di intere praterie in mano ai verdi che in contropiede sfiorano più volte il gol del definitivo 3-0. Al 43’ Su un’azione tutta in solitaria, Barbanera viene steso dentro l’area di rigore da una scivolata di Nezha. Anche sta volta l’arbitro non ha dubbi e indica il dischetto. Dagli undici metri si presenta lo stesso Barbanera che però si lascia ipnotizzare da Carchia (il migliore dei suoi) che in tuffo plastico respinge il tiro del numero 9 del Carrara tenedo ancora viva la fiammella della speranza. Fiammella che si spegne definitivamente 5 minuti più tardi, il solito Barbanera riceve un filtrante sulla corsia centrale, dribbla due avversari e a tu per tu con Carchia stavolta non sbaglia e con un destro ad incrociare brucia il portiere avversario e mette fine alla contesa.
Il Carrara vince una partita dura, tattica e molto muscolare, lo fa grazie alla sua migliore organizzazione di gioco e alla capacità di saper gestire e leggere meglio le varie situazioni della partita. Il Rebaudengo dopo due pareggi di fila fa un passo indietro, la squadra di Testoni sembra ancora un cantiere aperto, che stenta ad avere un idea tattica ancora troppo confusa.

IL TABELLINO

REBAUDENGO-CARRARA 0-3
RETI: 35' rig. Serravallo (C), 39' st Ciervo (C), 49' st Barbanera (C).
REBAUDENGO (4-3-3): Carchia 7, Sanchez 6.5 (21' st Sangri 6), Assouli 6, Depaoli 6, Unia 5.5, Nezha 5.5, Casabianca 7 (25' st Longo 6), Girardi 6.5, Rhimi 6 (22' st Marangon 6.5), Sigaudo 5.5 (41' st Motta sv), Gaye 6. A disp. Ardilez, Ruzza. All. Testoni 6.
CARRARA (4-3-3): Bardino 6.5, Ennafi 6, Striano 6, Mouih 6, Berinde 6, Montalto 6.5, Amatulli 7.5 (45' st Cincotti sv), Serravallo 7.5 (18' st Amatulli Cristian 7.5), Barbanera 8, Rezk 6.5 (18' st Najib 6), Panepinto 6.5 (33' st Ciervo 7). A disp. Zahah, Locurto, Pascarelli. All. Tinelli 7.

LE PAGELLE


Rebaudengo

Carchia 7 E' di gran lunga il migliore dei suoi, tiene a galla la sua squadra fino alla fine sfornando tuffi plastici ed uscite a valanga. Deve arrendersi in occasione dei gol che arrivano soprattutto da calci piazzati sfortunati. Sublime la parata con cui respinge Barbanera dagli undici metri. 
Sanchez 6.5 Composto e attento  rimane sempre dietro in copertura seguendo perfettamente gli schemi. Quando spinge però lo fa bene creando parecchi grattacapi agli avversari.
21' st Sangri 6 Entra bene a partita in corso, sul finale cala di lucidità e d'intensità.
Assouli 6 Regge bene il campo per quasi tutto il primo tempo. E' in sincronia con i compagni di reparto. cala clamorosamente sul finale.
Depaoli 6 Stoico, Possente e deciso. gioca una partita eccelsa sul piano della quantità, forse un po' impreciso nella giocata decisiva ma vende cara la pelle fino alla fine.
Unia 5.5 E' il capitano dei suoi, gioca con intensità concedendosi interventi spettacolari. A volte è impreciso in quale uscita e soprattutto troppo ingenuo nell'entrata che causa il rigore dello 0-1.
Nezha 5.5 Come il compagno di reparto gioca una partita di quantità sotto l'aspetto fisico, peccato per alcune sbavature che pesano nel bilancio complessivo come per esempio l'intervento su Barbanera che ha portato al secondo rigore per gli avversari poi fallito dallo stesso Barbanera.
Casabianca 7 Insieme al portiere Il migliore dei suoi. E' l'unica spina nel fianco del Carrara, alterna giocate per i compagni ad accelerate repentine che mettono in difficolta il terzino di copertura. purtroppo è poco assistito dalla squadra. 
25' st Longo 6 Entra bene a partita incorso, si rende pericoloso in qualche occasione poi collassa come tutta la sua squadra.
Girardi 6.5 Calciatore dotato di grande tecnica e ottima visione di gioco. quando ha la palla pensa sempre ad imbucare i compagni preferendo la soluzione corale al gioco solista. cerca di mettere ordine quando i suoi vanno in difficoltà. peccato perchè non viene assistito bene dai movimenti degli attaccanti. 
Rhimi 6 Il ragazzo ha un buon fisico e dei piedi abbastanza educati, il fatto che non parli ancora l'italiano lo penalizza perché non riesce a trovare la sua dimensione in un contesto corale
22' st Marangon 6.5 Entra benissimo a partita in corso, rinvigorendo l'attacco e creando soluzioni offensive del tutto assenti durante la prima frazione di gioco. I suoi purtroppo calano d'intensità lasciandolo solo come un predicatore nel deserto.
Sigaudo 5.5 Il tecnico gli consegna le chiavi della manovra offensiva, lui purtroppo non riesce a cogliere l'occasione, spesso si complica la vita con giocate fini a sè stesse che portano ad un nulla di fatto.  (41' st Motta sv)
Gaye 6 Nel primo tempo spaventa gli avversari con un paio di accelerazioni da paura, sfiora il gol del momentaneo vantaggio, poi viene risucchiato dalle maglie della difesa avversarie fino a dissolversi.
All. Testoni 6 Cerca di imbrigliare gli avversari sfoderando un modulo interessante, purtroppo l'assetto tattico regge solo 45 minuti. i suoi a volte sembrano confusi e disorganizzati non riuscendo a imbastire i contropiedi con i movimenti corretti.

Carrara

Bardino 6.5 Non una partita molto impegnativa per lui, quando viene chiamato in causa si fa trovare pronto portando comunque la pagnotta a casa
Ennafi 6 Regge bene la linea difensiva, muovendosi in sincrono con i compagni di reparto.
Striano 6 Quando gli avversari spingono ci mette una pezza con un paio d'interventi duri ma precisi e belli da vedere. roccioso!
Mouih 6 Gioca una partita di quantità e qualità soprattutto per quanto riguarda la fase difensiva, coprendo bene le linee di passaggio avversarie.
Berinde 6 Come il compagno di reparto, gioca una partita eccelsa sul piano dell'intensità. lucido e puntuale nelle chiusure
Montalto 6.5 Quando il baricentro si alza lui spinge con qualità. Forse poteva concedersi qualche rischio in più provando qualche incursione soprattutto nelle ripartenze a favore, agendo da sostegno alla manovra offensiva e agli attaccanti.
Amatulli 7.5 Il Dribblatore! Ogni volta che punta l'avversario puntualmente lo salta creando sempre superiorità numerica per i suoi e interessanti situazioni offensive, non sempre ben sfruttate dai compagni. Poco preciso quando si tratta di concludere in porta. (45' st Cincotti sv)
Serravallo 7.5 Il vero playmaker dei suoi, gioca ogni pallone con intelligenza e precisione. Mai banale nella gestione della palla ha una capacita di lettura delle situazioni di gioco eccelsa. Calcolatore! 
18' st Amatulli C. 7.5 A fine partita si dice abbia dovuto buttare gli scarpini per la troppa potenza esplosiva che imprime nei calci piazzati. L'incrocio toccato sulla punizione che poi ha portato al gol di Cervio ancora trema. Bombardiere!
Barbanera 8 E' l'attaccante! Ha tutte le caratteristiche per diventare un grande bomber, capacità di calcio e facilità di dribbling. E' in grado di mettersi in proprio e concludere a rete, vedesi la gran giocata in occasione del gol del definitivo 0-3, ma anche di rifinire il gioco per l'inserimento dei compagni. Superbo!
Rezk 6.5 Fa a botte con i difensori avversari, ha uno strapotere fisico non indifferente e quando può dispensa belle aperture per l'inserimento delle mezzali. Carente sotto l'aspetto realizzativo.
18' st Najib 6 Entra bene a partita in corso, a volte però risulta confusionario ed inefficace.
Panepinto 6.5 Gioca una partita di quantità e qualità, cerca di assistere i compgani al meglio scontrandosi spesso contro la retroguardia avversaria, compatta e attena. 
33' st Ciervo 7 L'uomo giusto al momento giusto. La capocciata con cui mette i suoi sul binario giusto è determinante per la vittoria. quando il destino chiama lui risponde.  
All. Tinelli 7 Ha costruito una squadra compatta e di qualità, capace di giocare un calcio frizzante e propositivo, corale e armonioso. Bisognerebbe migliorare la fase realizzativa così da capitalizzare meglio la grande mole di gioco costruita. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400