Cerca

Under 18

Football Leon-Casati Arcore: la coppia Prezioso-Martinelli funziona e regala il derby a Pessina

Dopo un primo tempo di dominio puro soffrono nel secondo tempo gli ospiti, ma portano a casa i tre punti con carattere

Giacomo Martinelli

Giacomo Martineli, autore del gol del raddoppio della Casati Arcore

Va alla Casati Arcore il derby di giornata, vinto sul campo della Football Leon per 1-2. Una sfida decisa già nel primo tempo, dove le due reti degli uomini in verde ed un gioco dominante, sembrano consegnare a Pessina una vittoria agevole. Poi l’espulsione diretta di Bombardi, che stranamente rianima la formazione di Dorin, da qui capace di maturare un gioco più propositivo oltre che alle prime sortite offensive verso la porta difesa da un Brusa, rimasto inoperoso sino al 15’ della ripresa. Il divario della classifica, che vede la Casati al quinto posto mentre la formazione Lesmese ferma ancora all’ultima casella, è stata evidente solamente in parte: ad un primo tempo, come già detto, di pura marca biancoverde, ha corrisposto un finale di ripresa vissuto in equilibrio, con la Football capace di fare bene anche in inferiorità numerica. Alla fine però sorride Pessina per la seconda vittoria consecutiva ed il sesto risultato utile consecutivo. Oltre ai numeri però rimane da sottolineare la prestazione di carattere e sostanza di una Casati che sul piano fisico e del gioco ha messo a lungo alle strette la formazione di Dorin, incapace per lunghi tratti del match di proporsi dalle parti di Brusa.

Dominio. La supremazia territoriale della Casati è figlia di un 4-3-3 che offre una copertura del campo pressoché perfetta. La squadra occupa il campo molto bene, garantendo al portatore di palla infinite soluzioni per una fase di possesso utile e concreta. Le sortite offensive con la manovra avvolgente vista fino alla metà campo, si traducono in un nulla di fatto negli ultimi metri di campo dove c’è da segnalare la buona fase di contenimento lesmese che almeno nel gioco palla a terra sa come farsi valere. I problemi arrivano quando la Casati studia e prova la soluzione della palla a scavalcare la difesa, e infatti qui arrivano i più grandi problemi per Bombardi ed El Wafi, centrali difensivi che in più occasioni si fanno cogliere impreparati. Vedi al 24’, quando il pallone sfugge alle spalle per l’inserimento preciso di Prezioso, che prima supera Caldato, poi mette a sedere Macrì per un gol facile facile a porta vuota. È una supremazia che sembra essere difficilmente contrastabile da parte della Football, che poco più tardi subisce anche il colpo dello 0-2. Rete che è figlia poi anche della fortuna, visto che la punizione tesa e forte di Martinelli viene leggermente deviata in mischia, andando a prendere in controtempo l’intervento di Macrì.

Vittoria sofferta. La Casati va così al riposo in pieno controllo, e anche in avvio di ripresa i giochi sembrano già belli che segnati. Ecco allora che continua il forcing biancoverde con Riva vicino al colpo dello 0-3 con il salvataggio miracoloso dell’estremo difensore di casa. Cala l’Arcore e cresce, piano piano, la Football i cui sogni di rimonta vengono momentaneamente interrotti dall’episodio che svolta il match. Siamo al 10’ quando Bombardi, nel tentativo di recupero, affossa malamente Vigilotti, lanciato oramai a tu per tu con il portiere. Sanzione delle più severe, e corretta, che costringe cosi Dorin ad una mezz’ora finale in inferiorità numerica. Espulsione che per assurdo sembra svegliare i padroni di casa, da qui più efficaci nel possesso e nella creazione di effettivi pericoli dalle parti di Brusa. Serve un’episodio che alimenti il match, ed ecco al 17’ il gran diagonale dalla lunga distanza di Calogero, che infila Brusa e riapre i conti. La Casati sembra messa alle corde, ma in realtà si tratta di una sofferenza ben assorbita, dove è da segnalare la maturità di un comparto difensivo che soffre senza però crollare mai. Per la Football ci provano più volte Calogero e il capitano Rivolta, autori in due frangenti di due belle incursioni terminate però in un nulla di fatto. Alla fine sorride Pessina, per una vittoria agevole, complicata nel finale. Dorin esce, per l’ennesima volta in stagione con l’amaro in bocca, la risposta c’è stata sul campo; il peccato capitale è aver regalato 50’ minuti ad una Casati troppo spietata.

IL TABELLINO

FOOTBALL LEON-CASATI ARCORE 1-2
RETI (0-2, 1-2): 24' Prezioso (C), 31' Martinelli (C), 17' st Calogero (F).
FOOTBALL LEON (4-5-1): Macri 6.5, Melita 5 (39' st Colombo sv), Boi 6, Motta 6, El Wafi 6.5, Bombardi 5, Calogero 7, Rivolta 6.5, Lazzarini 5 (41' st Gavilan sv), Caldato 5.5 (35' Bravo 5.5), Mauri 6. A disp. Rapetti, Monti. All. Dorin 6.
CASATI ARCORE (4-3-3): Brusa 6, Colombo 6.5 (28' st Fontana 6), Paparusso M. 7, Cacioppo 6 (29' st Mosca 6), Sala 6.5, Martinelli 7, Vigliotti 6.5 (41' st Marzinot sv), Maddalena 6.5, Riva 6.5 (20' st Vera 5.5), Prezioso 6.5, Cazzaniga 6 (34' st Lampertico sv). A disp. Cacioppo, Canzi. All. Pessina 6.5.
ARBITRO: Tagaste di Monza 6.5.
ESPULSO: 10' st Bombardi (F).
AMMONITI: Cazzaniga (C), Riva (C), Caldato (F), El Wafi (F).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400