Cerca

Under 18

Il 2006 della discordia: «Un ricorso che genera violenza tra i ragazzi»

La Pro Collegno fa preannuncio di reclamo dopo la partita di domenica 13 febbraio. Il presidente del Crocetta Armitano è una furia, mentre i calciatori gridano vendetta

Il 2006 della discordia: «Un ricorso che genera violenza tra i ragazzi»

Un ricorso destinato a lasciare il segno: l'ultima giornata di campionato tra Crocetta e Pro Collegno promette già adesso fuoco e fiamme

A volte le parole fanno più male di uno schiaffo. Ma di questi tempi rischiano di fare ancora più male i ricorsi. La partita di domenica pomeriggio giocata tra Pro Collegno e Crocetta (tredicesima giornata del girone B di Under 18 regionale) non racconta solamente della vittoria dei gialloblù per 4-2 in trasferta, ma tra le righe delle distinte è successo qualcosa in più. Una storia di un normale giovedì pomeriggio: con il nuovo Comunicato Ufficiale aperto ecco che spunta il preannuncio di ricorso da parte dei collegnesi, i quali dovranno aspettare qualche giorno per l'esito del tutto.

Il motivo? Il Crocetta ha schierato un 2006 in campo, cosa che non si può fare nella categoria nata in questa stagione. Regolamento alla mano possono infatti prendere parte all'attività i ragazzi nati nel 2004 e un numero massimo di 5 calciatori nati nel 2005, con nessuna eccezione per tesserati nati in altre annate. Ricorso ineccepibile per la Pro Collegno, che con ogni probabilità otterrà il 3-0 a tavolino, ma dall'altra sponda del fiume c'è chi non pensa al risultato, ma pensa ai possibili strascichi di questa scelta. Il presidente del Crocetta Stefano Armitano è una furia, sollevando una questione che va ben oltre il calcio giocato.

Il Crocetta Under 18

Il Crocetta Under 18, in piena lotta per le prime due posizioni del girone B, rischia di subire un duro contraccolpo psicologico 

«Non me ne frega niente del risultato, è importante parlare di questa situazione per gli strascichi che ci saranno - tuona Stefano Armitano, presidente del Crocetta - Ho ricevuto la notizia del ricorso della Pro Collegno tramite PEC come di consueto, ma a farmi infuriare è la motivazione: non si parla di 2006 schierato, ma di distinta falsificata. Innanzitutto vorrei capire come facciamo a falsificare una distinta scritta a penna, poi fare certe accuse spetterebbe al direttore di gara e non agli avversari. Non ho niente da dire sul ragazzo del 2006 schierato, se il regolamento dice che non si può fare hanno ragione loro a presentare il ricorso, ma non va lesa l'onestà dei nostri dirigenti. Per quanto trovi assurda questa regola, è giusto che perdiamo la partita a tavolino».

«La questione però è un'altra - prosegue Armitano - Facendo così si genera rabbia tra i ragazzi, che adesso giurano vendetta per la partita di ritorno, che tra l'altro sarà l'ultima giornata a casa nostra. Sono giovani calciatori di 18 anni che a queste cose non pensano, ma a pensarci dovremmo essere noi dirigenti quando facciamo questi ricorsi. Per quanto io, da presidente, o i miei allenatori o i miei dirigenti possiamo placare i loro animi incandescenti qualsiasi parola li entra da un orecchio ed esce dall'altro. Non ci stiamo giocando la Coppa del Mondo, andiamo in campo per divertirci e per dare spazio ai ragazzi: ci siamo dimenticati qual era l'intento della categoria quando è stata creata questo autunno».

Un appello al buon senso quello del numero uno del Crocetta, che rivolge il messaggio a tutti i dirigenti dell'Under 18 e delle varie categorie per la questione ricorsi. «Comprendo a pieno che se uno sbaglia è giusto che paghi, ma dobbiamo anche capire che ci sono ricorsi e ricorsi. Che danno può arrecare un 2006 che scende in campo al fianco dei 2004? Manco fosse un 2001 di 3 anni più grande. Anche a noi è capitato di giocare delle partite sulla carta irregolari, come al Cenisia il 4 dicembre con un faro del campo rotto, ma non per questo abbiamo fatto ricorso. Noi dirigenti dobbiamo dare il buon esempio e per farlo dobbiamo partire anche da queste cose».

Under 18 girone B classifica

La classifica del girone B di Under 18 regionale: con il potenziale 3-0 a tavolino il Crocetta scivolerebbe a 8 lunghezze dal Collegno Paradiso secondo

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400