Cerca

Milan-Verona: Polenghi riporta Terni al successo, gialloblu ancora sconfitti

Under 18

Milan-Verona: Polenghi riporta Terni al successo, gialloblù ancora sconfitti

I rossoneri si impongono per 1-0 al Vismara sui ragazzi di Saviolo, un sinistro del mediano basta al Diavolo: clamorosa traversa nel finale di Floridia

Il Milan batte 1-0 il Verona e ritrova una vittoria in campionato che mancava dal 24 ottobre, sempre di misura (1-0) sul Parma. Per gli scaligeri, invece, terza sconfitta consecutiva, dopo i ko con Roma e Spal. I rossoneri hanno vinto meritatamente una gara difficile: hanno costruito il successo intorno al sigillo di Polenghi, sfiorando in più occasioni il raddoppio, sapendo anche soffrire nella ripresa quando i gialloblù hanno alzato il ritmo, creando qualche bella opportunità per agguantare il pari. Clamorosa, in particolare, la traversa colta proprio al 90’ da Floridia. Terni si presenta con un 3-4-2-1 di spinta: Nava fra i pali, la difesa a tre è composta da Marshage al centro con Camara a destra e Pandini a sinistra, in mediana  Polenghi e Pluvio, a sinistra c’è Incorvaia, mentre a destra Chiesurin, davanti Montalbano e Bright lavorano dietro a Condello unica punta. Saviolo risponde con un ordinato 4-3-1-2: in porta Bissa, pacchetto difensivo da destra a sinistra formato da Sauro, Colella, El Wafi e Rigo, in cabina di regia c’è Calabrese, ai suoi lati Floridia e Pedro, fra le linee si muove Menegatti dietro al duo Dentale-Cazzadori.

Polenghi da fuori. Il match parte a ritmi bassi, le squadre si studiano molto, punzecchiandosi più dal punto di vista fisico-agonistico che su quello tecnico. Dopo dieci minuti arriva il primo squillo offensivo ed è di marca rossonera: Chiesurin scambia al limite con Montalbano e calcia forte a giro, Bissa è attento e vola ad alzare in angolo. I ragazzi di Terni alzano la pressione, hanno perennemente i piedi nella metà campo avversaria, alimentando il palleggio offensivo davanti all’area avversaria. Dopo un palo colpito fortuitamente da Condello direttamente da calcio d’angolo, arriva il vantaggio dei ragazzi di casa: punizione laterale, mischia in area, la palla schizza fuori e arriva a Polenghi che di sinistro al volo piega le mani di un incerto Bissa. Gli ospiti subiscono il colpo, il Milan diventa padrone del campo, ma non crea nulla di realmente pericoloso, e allora nel finale di prima frazione rischia la beffa: da un angolo messo fuori, Menegatti ci prova dal limite, palla smorzata che arriva sul dischetto a Colella, il difensore spara sopra la traversa.

Una traversa per parte. Ad inizio ripresa si infortuna Calabrese, e lascia il posto a Dalla Riva: il neo entrato cambia il volto dei gialloblù, mette ordine e alza il baricentro dei ragazzi di Saviolo, che nonostante rischino in apertura su un paio di conclusioni di Condello e Montalbano, prendono coraggio e cominciano a tenere prepotentemente il pallone. Al 13’ i gialloblù sfiorano il pari: Floridia pennella da sinistra per Dentale che taglia sul primo palo, ma conclude debolmente su Nava. Il Verona spinge, il Milan soffre, ma in ripartenza sfiora il raddoppio: ottima incursione di Polenghi che va vicino alla doppietta, chiamando ad un bell’intervento Bissa. Al 30’ l’estremo difensore gialloblù con l'aiuto della traversa nega il 2-0 ad uno sfortunato Condello. I rossoneri sembrano riuscire a gestire, anche se rischiano sul piattone di Floridia dal limite: il destro è debole e per Nava è facile bloccare in tuffo. Spazio anche per qualche polemica: Floridia va giù dopo un contatto in area con Marshage, per l'arbitro non è abbastanza. Al 43’ Anane si divora la rete per blindare il risultato, calciando a lato un cioccolatino servitogli in area da Condello in contropiede. Errore che poteva diventare pesantissimo se al 45’ la traversa non avesse negato il pari a Floridia: il suo bellissimo pallonetto coglie Nava fuori dai pali, ma si stampa sul legno. Il Milan ringrazia e ritorna a vincere, il Verona torna a casa ancora senza punti.

IL TABELLINO

MILAN-VERONA 1-0
RETI: 22' Polenghi (M).
MILAN (3-4-2-1): Nava 6, Camarà 7, Incorvaia 6.5, Marshage 6.5, Pandini 6, Polenghi 7, Chiesurin 6.5 (43' st Basilico sv), Pluvio 6 (35' st Anane 5.5), Condello 6.5, Bright 5.5, Montalbano 6 (23' st Boni 6). A disp. Bartoccioni, Gaggia, Piantedosi, Dipalma. All. Terni 6.5.
VERONA (4-3-1-2): Bissa 5.5, Sauro 6 (41' st Andreani sv), Rigo 6.5, Calabrese 5.5 (2' st Dalla Riva 6.5), Colella 5.5, El Wafi 6.5, Nkosi 5.5 (40' st Vaz sv), Floridia 7, Dentale 5.5, Menegatti 5.5 (14' st Barragan 6), Cazzadori 5.5. A disp. Marchetti, Nalesso, Basilisco, Garill, Golin. All. Saviolo 5.5.
ARBITRO: Esposito di Napoli 6.5.
ASSISTENTI: Gambino di Nocera Inferiore e Frasson di Busto Arsizio.
AMMONITI: Floridia (V), Marshage (M).

LE PAGELLE

MILAN
Nava 6 Nessun intervento difficile, gli attaccanti avversari sono imprecisi, rischia solo nel finale.
Camarà 7 Bella prestazione difensiva, fisicamente è impressionante, dalle sue parti non si passa.
Incorvaia 6.5 Ottimo primo tempo, ha gamba e tecnica, spinge e crea scompiglio a sinistra. Nella ripresa cala tanto e resta più abbottonato.
Marshage 6.5 Il capitano guida bene la retroguardia, vince il duello con Dentale e aiuta in fase di impostazione.
Pandini 6 Gioca una partita ordinata, senza fronzoli, non commette errori, ma è meno appariscente dei colleghi di reparto.
Polenghi 7 Ottima gara in mezzo al campo, il suo sinistro è un pericolo per il Verona: decide il match e sfiora il raddoppio.
Chiesurin 6.5 Molto mobile, le sue incursioni fanno male, supporta anche la fase difensiva, non uscendo mai dal match. (43' st Basilico sv).
Pluvio 6 Battaglia con tutti, rispetto a Polenghi difende di più, dal punto di vista tecnico non risalta.
35' st Anane 5.5 Entra e si divora letteralmente la rete del 2-0: avrebbe potuto costare davvero caro.
Condello 6.5 Corre per tutta la gara, sfiora in almeno tre circostanze il gol: in particolare è la traversa a negargli la gioia. 
Bright 5.5 Non si accende mai, viene molto incontro, ma davanti non si nota. Pomeriggio spento il suo.
Montalbano 6 Svaria molto sul fronte offensivo, abile a smarcare i compagni di prima, però fatica a rendersi concretamente pericoloso.
23' st Boni 6 La sua velocità aiuta nel finale, però doveva affondare di più in un paio di circostanze.
All. Terni 6.5 I suoi ragazzi sono concentrati e cattivi per 90 minuti, non la chiudono, ma la portano a casa meritatamente.

VERONA
Bissa 5.5 Incerto sul sinistro di Polenghi, bravo in un paio di circostanze nella ripresa, ma non basta.
Sauro 6 Molto timido nel primo tempo, nel secondo cresce con la squadra e non demerita. (41' st Andreani sv).
Rigo 6.5 Uno dei migliori fra i suoi: ha tecnica, fisico e testa. Cala nel finale, ma i suoi spunti sono stati fra i più interessanti.
Calabrese 5.5 Stringe i denti per la causa, ma si fa schiacciare dagli avversari, lascia ad inizio ripresa.
2' st Dalla Riva 6.5 Si piazza in cabina di regia e funziona: alza la squadra, dirige le operazioni, tecnicamente valido.
Colella 5.5 Spreca un'ottima occasione e soffre Condello per tutta la gara.
El Wafi 6.5 Baluardo difensivo, la sua fisicità è fondamentale, aiuta anche in fase di impostazione.
Nkosi 5.5 Lotta parecchio, ma sbaglia troppo dal punto di vista tecnico. Davanti non si nota mai. (40' st Vaz sv).
Floridia 7 Nettamente il miglior gialloblu in campo: tutti i pericoli portano la sua firma. Meritava più fortuna.
Dentale 5.5 L'impegno e la voglia non gli mancano, però spreca l'unica occasione vera e fatica contro Marshage.
Menegatti 5.5 Qualche raro guizzo ci indicano un giocatore forte tecnicamente, peccato lo faccia vedere pochissimo. Scompare nel match ed esce dopo un'ora.
14' st Barragan 6 Supporta la manovra offensiva, sulla sinistra prova a creare superiorità.
Cazzadori 5.5 Anche lui non riesce a pungere, punta troppo poco la porta e non riesce a dare profondità.
All. Saviolo 5.5 Poteva essere più fortunato nel finale, ma i suoi ci provano solo nella ripresa e con poche vere idee.

ARBITRO

Esposito di Napoli 6.5 Gestisce bene la gara, la tiene in pugno dal primo all'ultimo minuto. Qualche dubbio sull'episodio in area rossonera, ma era vicino e ci fidiamo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400