Cerca

Monvico Under 19: Mirko Monzani al timone dei volenterosi, grintosi e promettenti rossoblù

Monvico Under 19
Il Monvico Under 19, allenato da Mirko Monzani, ha esordito nella prima della stagione con una vittoria in trasferta, battendo per 3-1 il Ponte Sezione Calcio, un'avversaria molto ostica, che ha concluso il primo tempo in vantaggio di una rete. La formazione casalinga l'ha realizzata approfittando di un'incomprensione nel fraseggio tra la difesa e il centrocampo dei rossoblù. La squadra di Monzani ha ribaltato la gara nella ripresa, per merito della tripletta del decisivo e temerario attaccante esterno Mamadou Thiam, bravo anche nel colpire di testa, e grazie anche alla buona prestazione della giovanissima, e molto valida ala sinistra classe 2003 Aliou Sylla. In quella gara, la fascia di capitano al veterano classe 2001 Andrea Perico. L'allenatore ricorda molto soddisfatto e sorpreso il buon inizio di campionato, attualmente sospeso, raccontando: «I ragazzi hanno giocato molto bene, nonostante abbiano perso alcune azioni da gol nel primo tempo, in generale erano determinati, e ambivano sempre alla vittoria. Abbiamo condotto una buona gara su un campo sintetico e poco agibile. Anche i nuovi giocatori della nostra squadra che erano fermi da un po' di tempo, hanno dimostrato delle notevoli potenzialità». I rossoblù sono dotati di un valido reparto difensivo, anche grazie al diligente e intuitivo centrale Gabriel Serafino Biava, e anche di un solido centrocampo per merito di Kenan Pjanic, fisicamente prestante, dotato tecnicamente, e già calcisticamente maturo. La formazione di Monzani dispone di un solo portiere, Felix Mihai Grigorescu, classe 2000, molto reattivo, dalla forte personalità, ed abile anche nel giocare con i piedi, già aggregato alla Prima Squadra, e preparato in allenamento da Salvatore Cuzzupè. Il tecnico: « In caso di necessità, convocherò un estremo difensore dalla nostra Under 17». Monzani parla della sua lunga e interessante esperienza sulla panchina: « Seguo da due anni questa Juniores, e avevo avuto un ottimo impatto con i ragazzi, che sono anche molto educati. La mia carriera da allenatore iniziò dieci anni fa, mentre ancora giocavo nella Prima Squadra del Prezzate, all'epoca militante in Prima Categoria, dal momento in cui avevo sostituito il tecnico allora esonerato, e nonostante fossimo stati in bassa classifica, terminammo il campionato al settimo posto. Nel 2013 ho conseguito il patentino, e vinsi il campionato di Terza Categoria con la Prima Squadra del Calusco, di cui rammento con molto piacere la vittoria in ribaltone per 2-1 nel playoff contro il Dalmine. Ho guidato anche la Juniores a Caloziocorte, nel lecchese, e la Prima Squadra del Ghiaie, militante in Terza Categoria. In passato ho giocato a calcio da difensore centrale, e l'esperienza che apprezzai in particolare, fu il terzo posto in classifica con la Scuola Alfieri Bergamo, al Mondiale Studentesco svolto in Svezia. Adesso lavoro da magazziniere in una ditta che vende prodotti idraulici a Bergamo, e sono ancora calciatore in un campionato di Over 40, in cui giocano anche degli ex professionisti». In fase realizzativa anche Dylan Locatelli. Il vice-allenatore è Omar Catelano. Monzani: « Con Omar mi consulto sull'aspetto tecnico e psicologico dei ragazzi. In allenamento privilegio gli esercizi con il pallone, perché è lo strumento chiave di questo molto diffuso, amato e seguito sport. In gara favorisco il gioco a palla bassa, e l'impostazione delle azioni partendo da dietro. Adotto il 4-3-3, a cui i ragazzi si sono ben adattati, e giocano bene anche nelle fasi di non possesso palla, ma dovrebbero capire in autonomia il momento in cui il nostro sistema muta nel 4-5-1. Stimo molto il tecnico dell'Atalanta Gian Piero Gasperini, di cui condivido l'insegnamento delle basi del calcio, e l'orientamento del gioco a tutto campo. Apprezzo anche l'allenatore spagnolo Josep Guardiola del Manchester City, per la buona gestione del giropalla della sua squadra, e anche il tedesco alla guida del Liverpool Jurgen Klopp, per il suo gioco con le tre punte. In fase conclusiva dovremmo essere più precisi, perché spesso creiamo molte occasioni favorevoli al gol». Il presidente della società Paolo Bolognini è sempre presente alle partite giocate in casa. Il vice-presidente, responsabile del settore giovanile, e dirigente accompagnatore Gian Pietro Bolognini è sempre presente agli allenamenti e alle gare, e cura l'aspetto amministrativo delle distinte e dei tesserini. Il direttore sportivo Marzio Aldeni si occupa del completamento della rosa, e del passaggio dei giocatori in Prima Squadra. Il massaggiatore e fisioterapista Giordano Arrigoni visita gli eventuali infortunati. Monzani conclude: « In partita i ragazzi dovrebbero avere più fiducia nelle loro abilità, e i nostri difensori centrali cogliere il momento più opportuno per fermare l'azione e la pressione avversaria. Essendo il calcio uno sport di contatto, condivido il provvedimento di sospensione dei campionati, allo scopo di arginare i contagi. Gli allenamenti individuali con il pallone a dovute distanze sono molto utili a migliorare la concentrazione, tecnica individuale e la conduzione del pallone. Ogni giocatore con la palla al piede ha sempre da imparare, nonostante gli manchi il fondamentale ritmo partita. In caso di ripresa della stagione, che i ragazzi potrebbero anche terminare in alta classifica, tra i miei obiettivi quelli di lavorare sul possesso palla, e di prepararne diversi per poi farli giocare in Prima Squadra, nel campionato di Prima Categoria».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400