Cerca

Coppa Lombardia Under 19

Remuntada dell'Atletico Castegnato e Centrolago beffato nella ripresa, Diego Pitozzi il mattatore con due punizioni stellari

Nel gruppo 18 partita pirotecnica fra sebini e franciacortini, doppiette per Cristini, Orizio e Pitozzi, invece Danesi la chiude

Pirotecnica partita (4-5) tra Polisportiva Intercomunale Centrolago e Atletico Castegnato, con i primi per ben due volte in vantaggio e sempre ripresi dal carattere della squadra di Daniele Nardelli, fin da ora fra le favorite alla conquista finale del campionato. Una squadra costruita per vincere, questo Castegnato, e già in lotta per tutti gli obiettivi, compresa la coppa. Sabato, contro la Valtenesi, si deciderà una buona fetta del passaggio di turno, ma ad oggi il tecnico viola può contare su una squadra irrequieta ed orgogliosa, in grado di non arrendersi facilmente oltre che ad essere dotata di una discreta tenuta atletica, quantomeno a giudicare da com’ è riuscita a riacciuffare le due fughe sebine. Per Massimo Lanza, appena sbarcato a Sulzano, ancora qualcosa da sistemare visto il poco tempo a disposizione, ma tutto non è ancora perso e il materiale sottomano non manca: nel prossimo impegno contro il Capriolo potrà ancora dire la sua.

Dopo una prima fase di studio in cui le due squadre si stavano sostanzialmente osservando senza scoprire troppe carte, ecco il gol del vantaggio ad opera dei locali che, a seguito di una bella azione corale, sbloccavano la contesa con Cristini, bravo nel concludere in porta con una soluzione solamente intuita e sfiorata da Cavati, l’estremo viola, che nel frangente non riusciva ad impedire alla palla di terminare nel sacco. Buono spunto del bomber sebino e gran avvio del Centrolago, quindi, ora con in mano le redini della gara e con l’adrenalina a mille nelle gambe. Non passava troppo tempo dal gol, infatti, che i locali raddoppiavano con Orizio, stavolta sfruttando un erroraccio della retroguardia franciacortina e andando facilmente al bis con un semplice appoggio in rete (2-0). Tutto facile. Per i sebini la strada sembrava ormai in discesa… sembrava. Il condizionale rimaneva infatti d’obbligo sebbene tutto lasciasse presagire alla goleada. Era infatti a questo punto che gli undici di Narcelli rinsavivano dopo la sbornia iniziale e ritrovavano la retta via, smarrita in avvio. Ad accorciare le distanza era Del Panno che cercava ed otteneva la triangolazione con Bianchi prima di accorciare le distanze al superamento della mezz’ora: 2-1. Sulle ali dell’insperato entusiasmo ecco quindi la formazione ospite trovare poco dopo anche il pari, con Di Matteo che, assistito dal neo entrato Tamussi, siglava il 2-2. Risposta franciacortina d’inerzia e nervi, assolutamente non scontata dopo il doppio svantaggio in apertura. Nuova parità e tutto da rifare per il Centrolago, nuovamente riportato sulla terra da un Castegnato mai domo e finalmente battagliero. Ma i ragazzi di Narcelli pagavano troppo lo sforzo della rimonta e tornavano nuovamente sotto prima dell’intervallo a causa di una magistrale punizione del solito Cristini, in doppietta, il quale dalla sua mattonella preferita riportava in vantaggio i compagni, togliendo pure le ragnatele.

Al duplice fischio il risultato si attestava sul ritrovato vantaggio dei padroni di casa che, dopo aver gettato alle ortiche inspiegabilmente il duplice vantaggio maturato nella prima parte di frazione, tornavano a condurre (3-2). Ma d’altronde, essendo la prima gara ufficiale dopo il lungo stop pandemico, crolli di questo tenore devono senz’altro essere messi in preventivo: la Coppa Lombardia serve appunto prevalentemente a questo, ovvero ritrovare il ritmo gara e tensione agonistica. Ma la tempesta perfetta sta per scatenarsi sul Centrolago, ormai a corto di frecce nella faretra. Frecce invece ben presenti nel bagaglio di Diego Pitozzi, giocatore dal piedino davvero fatato. Quest’ultimo infatti sale in cattedra e in rapida successione, su due palle inattive, riporta avanti i franciacortini intorno al quarto d’ora della ripresa. Doccia davvero gelata per i ragazzi di Sulzano, che alla mezz’ora della ripresa capitolavano definitivamente sotto i colpi di un inspirato Danesi, nella circostanza assistito alla grande dal traversone di Faccoli: pallonetto sotto la traversa per il bomber sebino. È il gol delle due lunghezze di vantaggio (3-5), quello che in definitiva poneva la parola fine sul match, anche se nel finale c’era stato ancora spazio per la doppietta personale di Orizio, che è andata così ad aggiungersi a quella del compagno Cristini e dell’avversario Pitozzi: una giornata di doppiette! Nel finale minuti di passione, e al triplice fischio standing ovation dei 150 ammessi con Green pass all’impianto, tutti in estasi per un pomeriggio scoppiettante che mancava davvero da troppo tempo.

IL TABELLINO

POL. CENTROLAGO-ATL.CASTEGNATO 4-5 (3-2 pt)
RETI 10’ pt Cristini (P), 25’ pt Orizio (P), 32’ pt Delpanno (A), 35’ pt Di Matteo (A), 42’ pt Cristini (P), 16’ e 18’ st Pitozzi (A), 32’ st Danesi (A), 40’ st Orizio (P).
POL. CENTROLAGO (4-4-1-1) Comelli, Fenaroli, Mazzucchelli, Leti (1’ st Guerini), Cancellerini, Sallaku (34’ st Moretti), Faccoli (18’ st Magrano), Felappi, Orizio, Luca Cristini (28’ st Montini), Giudici (34’ st Moretti). A disp. Michel Cristini, Koci. All. Massimo Lanza.
ATL. CASTEGNATO (4-3-3) Cavati, Lecchi, Morgani (15’ st Faccoli), Pitozzi, Corini, Di Matteo, Delpanno, Persich (1’ st Cazzoletti, 18’ st De Palma), Danesi, Lapadula, Bianchi (36’ pt Tamussi). A disp. Torchio, Pontoglio, Lazzarini. All. Daniele Nardelli.
AMMONITI Orizio e Cancellerini (P), Lorini e Delpanno (A).

LE INTERVISTE

Massimo Lanza, tecnico Centrolago
Continua a girovagare per le squadre di provincia, Massimo Lanza, sbarcato a Sulzano dopo la parentesi a Monticelli nella quale non aveva trovato l’ambiente ideale per esperire le sue idee di gioco. Fresco di pensione, il tecnico è tornato alla sua quarta squadra del girone provinciale, e con questo commento descrive la sua analisi del match: «Loro favoriti per il campionato, ci siamo portati in vantaggio e abbiamo proposto 25 minuti di buon calcio, chiudendo il primo tempo in vantaggio. Di certo loro sono più avanti di preparazione rispetto a noi, e questo alla lunga si è palesato. Il loro palleggio e il loro tasso tecnico li ha favoriti, ma forse abbiamo fatto troppi errori in difesa. Non era facile giocare con questo caldo, peccato per il doppio vantaggio che potevamo gestire meglio, ma alla fine è andata così. Sicuramente la squadra ha qualità, bisogna solo lavorarci un po’ sopra». Ogni tentativo del tecnico non è andato a buon fine, complice anche stanchezza e una quadra ancora da trovare, questo il passaggio conclusivo: «Nel secondo tempo, dopo 20 minuti, sono passato al 4-3-3 e ho tolto Cristini, ormai molto affaticato. Ho cambiato modulo ma non è servito, stavo anche provando qualche giocatore e ho voluto testare un modulo più offensivo rispetto al 4-4-1-1 iniziale». Per il tecnico, ancora qualche settimana per oliare gli automatismi e sfruttare la coppa con questa finalità.

Andrea Minelli, direttore sportivo dell’Atletico Castegnato
Grande soddisfazione in casa Castegnato, per una vittoria in rimonta e non scontata alla vigilia. La società si è espressa mediante Andrea Minelli, direttore sportivo del sodalizio franciacortino, queste le sue parole: «Abbiamo costruito una squadra per poter vincere il campionato perché il presidente vuole avere almeno l’Under 19 ai Regionali. Ci siamo dati da fare e alla prima partita ufficiale i ragazzi mi sono piaciuti. Certo, qualcosa da sistemare c’è, ma l’atteggiamento e lo spirito di gruppo c’è stato. Siamo stati bravi nel ribaltare la situazione e anche se c’è ancora da lavorare, questo è un gruppo importante che potrà arrivare a dei risultati». Il direttore ha apprezzato particolarmente il carattere della squadra, autrice di due ribaltamenti di risultato nonostante qualche assenza, il passaggio:« Ad oggi abbiamo fuori diversi titolari, qualche meccanismo bisogna sistemarlo ma il campo in questa circostanza non ci agevolava. C’è stata la forza di volontà, e questo è un’ottima cosa: gli avversari non erano da sottovalutare». Ecco la sua ricetta per evitare distrazione contro la Valtenesi, prossimo avversario di sabato:« Contro la Valtenesi bisognerà migliorare l’atteggiamento di partenza, e non fare come stavolta per non andare subito sotto. Più attenzione e più gestione della palla, ma partita dopo partita ci miglioreremo». Il Castegnato prima d’ora ha fatto solo un’amichevole contro La Sportiva, formazione dei Regionali B, contro la quale ha perso per un gol su punizione anche se non s’è vista la differenza di categoria. Sempre Minelli: «Adesso sono arrivati due ragazzi nuovi, ma la rosa è buona, ha 6 fuori quota e quindi reparto per reparto la squadra è completa e non ci saranno aggiunte. C’era voglia di giocare, io personalmente, insieme alla società, ho messo pressione ai ragazzi e forse siamo partiti un po’ contratti per quello: ma dopo 2 anni quasi finalmente siamo ripartiti e tengo a ringraziare il direttore di gara per il brillante arbitraggio e l’accoglienza riservataci dalla società Centrolago». Appuntamento dunque alla seconda giornata del gruppo 18, quando Castegnato e Valtenesi si giocheranno una partita già decisiva per il prosieguo in coppa.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400