Cerca

Under 19

Orpas-Masseroni: Del Soldato e Bernava portano Viola a vedere il primato del girone

Una punizione da 35 metri e un tiro al volo condannano i padroni di casa alla seconda sconfitta consecutiva contro un avversario ben organizzato che ha colpito anche tre legni

Andrea Bernava Masseroni Under 19

Il migliore in campo Andrea Bernava che ha siglato il 2-0 definitivo per la sua Masseroni in casa dell'Orpas

Vittoria esterna e primo posto virtuale per la Masseroni, vista la partita in meno proprio rispetto all’Orpas e i due punti di ritardo. A decidere la sfida in favore dei ragazzi di Viola la punizione al 5’ di Del Soldato dalla trequarti sulla quale sono evidenti le responsabilità del portiere Azimonti. A inizio ripresa il raddoppio firmato da Bernava, il migliore in campo chiude una partita forse non bellissima tecnicamente, ma molto intensa fra due squadre destinate, insieme allo Schiaffino, a giocarsi le posizioni nobili di classifica.

Punizione severa. Primo tempo all’insegna dei duelli individuali e dei calci piazzati da dove nascono le azioni più pericolose per le due squadre E al 5’ il punteggio si sblocca proprio con una punizione sulla trequarti decentrata sulla destra con Del Soldato che mette dentro un tiro cross che inganna Azimonti che si fa scavalcare dal pallone che si infila alle sue spalle. Masseroni che ancora da un calcio piazzato si fa pericoloso al 10’ con Berno che da posizione defilata di sinistro centra il palo, palla ce va all’interno dell’area sui piedi di Calabrese che a colpo sicuro si vede la sua conclusione ribattuta dalla difesa avversaria a pochi metri dalla linea. Sempre lo stesso Berno qualche minuto dopo colpisce ancora il palo, questa volta quello alla sinistra di Azimonti, con un colpo di testa dopo una rimessa laterale lunga in area. Gara che corre via con l’Orpas che non riesce a trovare il pertugio giusto con un giro palla piacevole, ma solo fino alla metà campo dove la Masseroni attende e chiude tutti gli spazi e recupera palla pungendo con le iniziative di Berno e Bernava, che si scambiano fascia di competenza, costringendo a fare Anelli e Sangalli, gli esterni della difesa a tre di Capellupo, a fare lo stesso. Alla mezz’ora Orpas che va vicinissimo al gol del pari con una punizione dai 25 metri di Pennati che di destro va a colpire la traversa con Peli proteso in tuffo alla sia destra. Intanto cambio di schieramento per Viola che passa a un 4-4-2 con Calabrese e Berno come coppia d’attacco e Bernava a fare l’esterno di centrocampo a sinistra. Gialloverdi che salgono di intensità con Carameli che si stacca dalla difesa e si fa trovare fra le lineee e al 37 sfrutta lo spazio e calcia dai 20 metri un bel destro che chiama Peli al tuffo alla sua sinistra per deviare in angolo. 

Goldoni ispira, Bernava colpisce. Nessun cambio durante l’intervallo e Masseroni ancora schierata con il 4-4-2 che ha deciso Viola poco dopo la metà della prima frazione. Orpas che alza il baricentro e scopre il fianco alle ripartenze avversarie con Berno che tenta un paio di volte la conclusione da fuori, trovando sempre un attento Azimonti a bloccare la sfera. Al 12’ il raddoppio con Bernava al volo sul secondo palo su cross di Goldoni, bravissimo a recuperare il pallone sulla sinistra e a vedere l’inserimento del compagno sul secondo palo. A metà ripresa Masseroni vicinissima al tris con Olivier che calcia dalla distanza ma il suo destro colpisce la traversa a Azimonti battuto. Terzo legno per gli ospiti e partita che rimane sullo 0-2. Estremo portiere salvato dal legno ma non dai crampi che o costringono a chiedere il cambio e quindi esordio in Under 19 per il 2004 Cuoccio. Orpas che si getta in avanti, ma la difesa guidata da capitan Borsati respinge colpo su colpo fino al triplice fischio che decreta la vittoria della Masseroni e la seconda sconfitta stagionale per l’Orpas.

Andrea Bernava con il suo buono da 30 punti per il Pallano d'Oro

IL TABELLINO

Orpas-Masseroni 0-2
RETI: 5' Del Soldato (M), 12' st Bernava (M).
ORPAS (3-5-2): Azimonti 5.5 (25' st Cuoccio 6), Toselli 6.5 (29' st Locatelli sv), Anelli 6 (40' st Pajno sv), Forni 6.5, Sangalli 6, De Marco 6, Pennati 6.5 (4' st Biondani 6.5), Savoldi 6.5, Chitarin 6, Carameli 6, Doneda 5.5 (8' st Marinaro 6). A disp. Volpi, Vismara, Traverso. All. Capellupo 6. Dir. Anelli.
MASSERONI (4-3-3): Peli Matteo 6.5, Del Soldato 7, Mozzi 6.5 (18' st Di Nola 6), Borsatti 7, Della Giovampaola 6.5, Vergeat 6.5, Bernava 8 (44' st Bensi sv), Goldoni 7.5, Berno 6.5 (23' st Pregnolato 6), Calabrese 6.5 (35' st Dodi sv), Olivier 7. A disp. Cataldi, Ramaroli, Odes De Magalhaes Victor, Kapuano. All. Viola 7. Dir. Goldoni.
ARBITRO: De Rose di Milano 6.
AMMONITI: Biondani (O), Savoldi (O).).

LE PAGELLE

ORPAS

Azimonti 5.5 Si fa sorprendere dalla punizione velenosa ma non imprendibile di Del Soldato che indirizza pronti via una sfida equilibrata. Bravo a risollevarsi con qualche intervento sicuro sia in uscita che fra i pali. (25' st Cuoccio 6).
Toselli 6.5 Ultimo a mollare anche sotto di due gol con qualche buono spunto sulla sinistra e qualche duello rusticano con Del Soldato, che gli è superiore fisicamente, ma non si fa in alcun modo mettere i piedi in testa. (29' st Locatelli sv).
Anelli 6 Ordinato e senza fronzoli anche quando Berno agisce nella sua zona usando il fisico. Lui è bravo a non dare l'appoggio completo all'attaccante avversario e non lo fa girare per calciare in porta. (40' st Pajno sv).
Forni 6.5 La mediana dell'Orpas è sicuramente il reparto che ha fatto meglio e gran parte del merito è attribuibile a lui. Interdizione e qualche bella giocata nello stretto che proietta la sua squadra in avanti, peccato che un paio di volte rinunci al tiro per servire un compagno in area quando si trova al limite e con spazio.
Sangalli 6 Agisce dalla parte dove Bernava attacca e non è fortunato. Il 7 ospite è ispirato e controlla ogni pallone che schizza vicino a lui mettendo sempre il difensore di casa in apprensione. Comunque a conti fatti si porta a casa la sufficienza anche usando la forza quando necessario.
De Marco 6 Più in ombra del solito il capitano dei gialloverdi che non riesce a entrare nel vivo del gioco anche per il pressing molto aggressivo e organizzato da parte della Masseroni.
Pennati 6.5 Il centrale della difesa a tre di Capellupo, fino a quando non si deve arrendere a un problema fisico, è uno dei migliori per intensità e pulizia delle giocate, nonostante abbia un reparto offensivo come quello della Masseroni.
4' st Biondani 6.5 Entra e la manovra dell'Orpas trova finalmente quella marcia in più per schiacciare gli avversari alla ricerca del gol che avrebbe riaperto la partita. Anche lui fatica a mettere il mirino sulla porta.
Savoldi 6.5 Stantuffa sulla sinistra prima da terzo d'attacco dando anche una notevole mano in fase di copertura limitando al massimo le offensive avversarie soprattutto nel primo tempo, visto che nella ripresa il pallino del gioco è in mano dell'Orpas.
Chitarin 6 Duella, sgomita e lotta, ma fa una fatica immane a liberarsi dalla marcatura della coppia Borsati-Della Giovampaola e a giocare fronte alla porta.
Carameli 6 Qualche buon guizzo che nel primo tempo crea più di uno spavento alla retroguardia avversari, che però nella ripresa gli stringe le marcature e lo dirotta sulla sinistra, dove è troppo lontano per pungere.
Doneda 5.5 Fatica a entrare in gara per tutti i 53 minuti in cui resta in campo, visto che l'Orpas preferisce attaccare sulla sinistra, ma anche quando si cambia fronte difficilmente trova una giocata utile.
8' st Marinaro 6 Prova a sparigliare le carte in tavola con qualche giocata individuale, ma il raddoppio sistematico dei ragazzi di Viola lo costringe a rimbalzare su un muro, oggi inviolabile.
All. Capellupo 6 Bene fino alla trequarti e poi poco per far male a una squadra ben messa in campo come la Masseroni. Peccato quel gol subito dopo pochi minuti che indirizza la gara. Va dato merito ai suoi di non mollare fino al triplice fischio nonostante il doppio svantaggio.

MASSERONI

Peli 6.5 L'Orpas calcia in porta poche volte, ma lui dimostra sicurezza e la infonde anche ai suoi su qualche buona uscita nell'assalto finale dei padroni di casa nel tentativo di riaprire la partita.
Del Soldato 7 Che abbia voluto calciare in porta, come ammette il suo tecnico Viola, anche se con qualche dubbio, o non lo abbia voluto, ha il merito di aprire una gara equilibrata. Grinta e anche qualche scaramuccia con avversari e tifosi di casa in tribuna, che dimostra per tutta la gara.
Mozzi 6.5 Dalla sua parte non si passa ed è prontissimo a ribaltare subito l'azione con qualche bella sgroppata sia sulla fascia che nella porzione centrale del campo. (18' st Di Nola 6).
Borsatti 7 Guida la difesa parlando molto e per tutta la partita per mantenere alta la soglia della concentrazione della squadra. In marcatura è praticamente insuperabile, sia che abbia davanti un attaccante fisico come Chitarin, sia che sia tecnico e veloce come Carameli.
Della Giovampaola 6.5 Si fa guidare alla perfezione da Borsatti ed effettua diverse chiusure. Tiene alta la linea per non farsi schiacciare nell'arrembaggio finale.
Vergeat 6.5 Fulcro del centrocampo con giocate semplici ma mai sbagliate che permettono alla Masseroni di mantenere il livello della partita nei canoni a lei più favorevoli.
Bernava 8 Tecnica, velocità e sangue freddo quando colpisce al volo, su ottimo cross di Goldoni, il pallone dello 0-2. Stoppa qualsiasi lancio, sporco, brutto e cattivo che gli capita su quel destro che è un incubo per chi gli sta davanti. (44' st Bensi sv).
Goldoni 7.5 Una mezz'ala completa che recupera una quantità industriale di palloni, come quello che porta al raddoppio, e si fa vedere anche in fase di spinta con inserimenti e passaggi in avanti. L'azione del gol di Bernava è il manifesto per le mazz'ali moderne.
Berno 6.5 Sfortunato il numero 9 ospite che colpisce il palo prima con un sinistro terrificante e poi con un colpo di testa. Dialoga bene con la squadra e mostra tecnica oltre che ha un buon fisico, che lui sa comunque usare nel migliore dei modi. (23' st Pregnolato 6).
Calabrese 6.5 Una bella coppia assortita benissimo quella con Berno. Il 9 apre gli spazi e lui ci si infila a proprio piacimento. Difficile da leggere per la difesa dell'Orpas nei suoi movimenti da seconda punta.
Olivier 7 Quando si mette in coppia in mediana con Vergeat alza esponenzialmente il livello della sua prestazione per intensità. Cerniera chiusa e Orpas allontanato ogni volta che prova a sfondare per vie centrali. Colpisce una traversa con un bel destro da fuori che avrebbe portato i suoi sul 3-0. (35' st Dodi sv).
All. Viola 7 I suoi la aprono casualmente, o forse no (chiedere a Del Soldato in merito) e da lì sono bravissimi a concedere davvero poco all'Orpas. Capisce che gli esterni possono diventare un fattore e cambia modulo passando al 4-4-2 che gli consente di vincere la partita e vedere il primato vista la gara in meno e i soli due punti di distacco dai gialloverdi di Capellupo.

ARBITRO
De Rose di Milano 6 Lascia correre molto, forse anche troppo. Qualche fischio in più e anche qualche cartellino giallo che manca non gli consentono di andare sopra la sufficienza.

LE INTERVISTE

Nonostante la seconda sconfitta in campionato, Stefano Capellupo esprime comunque la sua soddisfazione per la partita giocata dal suo Orpas: «Non siamo riusciti a trovare lo spunto giusto per colpire in avanti. Loro invece sono riusciti a sfruttare le occasioni che hanno avuto e sono riusciti a portarsi a casa i tre punti. Sono comunque contento perchè i ragazzi hanno giocato fino alla fine dando tutto. Avevamo qualche assenza di troppo, ma chi ha giocato ha fatto assolutamente la sua parte».

Vittoria con vista sul primo posto per la Masseroni di Luca Viola: «Un successo agonisticamente molto importante in casa di una buonissima squadra. Il gol all'inizio ci ha permesso di portare l'inerzia dalla nostra parte e siamo stati bravi a concere pochissimo all'Orpas per tutto l'arco della gara. A metà primo tempo ho deciso di cambiare assetto perchè loro giocando a 5 a centrocampo potevano metterci in difficoltà e ho anche di invertire gli esterni per darmi più copertura sulla destra. Questa vittoria è importante ma non è decisiva perchè manca ancora un'infinità e il campionato sarà equilibrato fino alla fine».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400