Cerca

Under 19

Masseroni-Solese: super Bernava porta Viola al primo posto, ma vede i fantasmi della rimonta negli ultimi 10 minuti

Padroni di casa autori di una partita autorevole e da grande squadra, ma in 8 minuti Verzica e Caputa si scatenano e vanno sudare freddo i ragazzi di Viola

Andrea Bernava Masseroni Under 19

Andrea Bernava, autore del secondo gol in due partite, non ha fatto mancare il suo apporto anche in fase di interdizione

Termina con uno spettacolare 5-4 la sfida tra Masseroni e Solese. I padroni di casa schierano un 4-3-3 ricco di schemi, triangoli e fantasia, gli ospiti rispondono con un 5-3-2 molto particolare in quanto Cappello schiera nel ruolo di stopper in mezzo ai due difensori centrali il numero 10 Fiorino, e non è una cosa che si vede tutti i giorni. Nel centrocampo a tre, schiera il numero 2 Asti e come esterno destro della linea a cinque il numero 9 Verzica, una scelta quella dei numeri sulle magliette forse fatta per impensierire i padroni di casa, che però non cascano nel tranello, anzi, partono subito con il piede sull’acceleratore.

Che tris. Un primo tempo in cui a partire forte sono subito i padroni di casa, l’indemoniato Berno, ariete d’attacco ci prova prima di testa e poi con un bel diagonale che ricorda Bobbo Vieri nei tempi migliori. A scaldare ancor di più la partita ci pensa Bernava con un bel destro a giro che scheggia l’incrocio. La Solese risponde alzando il baricentro e conquistando due belle punizioni che però Verzica calcia a lato. Al 17’ lo stesso Verzica, tra i più positivi negli ospiti, si accentra e calcia un sinistro potente che chiama Peli al primo miracolo di giornata. La Masseroni accusa il colpo e si sveglia dopo i continui affondi degli ospiti, prima di nuovo Berno chiama Ferrante al miracolo, poi Bensi si accentra e calcia un tiro lento, Berno finge di intervenire e la traiettoria inganna Ferrante, sbattendo sul palo interno e poi termina in porta per l’1-0. Ospiti che accusano il colpo e Goldoni inventa un eurogol pazzesco calciando un missile terra aria che si infila sotto l'incrocio portando il match sul 2-0 Nel finale di primo tempo a gonfiare la rete per la terza volta ci pensa Bernava che scaraventa in rete il bel sombrero fornitogli da Berno.

Finale da brividi. Nel secondo tempo la partita sembra avere lo stesso copione del primo. Cappello inserisce subito nella mischia Mezzanica che fa volare due volte Peli a togliere la palla dall’incrocio dei pali. La Solese non segna, e a calare il poker ci pensa Goldoni, che mette a referto così la sua doppietta personale con un tiro che termina dritta all’angolino di destra della porta difesa da Ferrante. La girandola di cambi continua, ma a rendersi pericoloso è sempre Bernava autore di una partita straordinaria, e per due volte Ferrante gli nega la gioia della doppietta. Al 35’ l'estremo difensore esce a vuoto e permette a Ramaroli di depositare in porta il più facile dei gol. La partita sembra allora chiusa ma nel finale i padroni di casa subiscono un vero e proprio black out e per pochi minuti non buttano al vento i tre punti. Prima Verzica realizza un rigore che porta il match sul 5-1, poi Caputa batte l’estremo difensore ospite con un bel diagonale a tu per tu e una bella punizione angolata. A tempo quasi scaduto Verzica, indiavolato, batte di nuovo il neo entrato Agostini con un tocco a sfiorare il pallone che porta il punteggio sul 5-4. Subito dopo per l’arbitro non c’è più tempo e il triplice fischio lascia gli ospiti con l’amaro in bocca per un’impresa sfiorata che avrebbe avuto quasi del miracoloso.

 IL TABELLINO

Masseroni-Solese 5-4
RETI
: 26' Bensi (M), 34' Goldoni (M), 38' Bernava (M), 16' st Goldoni (M), 35' st Ramaroli (M), 41' st rig. Verzica (S), 45' st Caputa (S), 47' st Caputa (S), 49' st Verzica (S).
MASSERONI (4-3-3): Peli 7 (42' st Agostini sv), Ramaroli 7, Mozzi 6.5, Borsatti 7, Della Giovampaola 6.5, Vergeat 7 (33' st Dodi sv), Lozupone 6.5 (12' st Calabrese 6), Goldoni 8, Berno 7, Bernava 7, Bensi 7.5 (12' st Djouhaer 6). A disp. Di Nola, Del Soldato, Olivier, Monaco, Pregnolato. All. Viola 7. Dir. Della Giovampaola.
SOLESE (5-3-2): Ferrante 6, Asti 6, De Angelis 5.5, Cozzolino 5, Piazza 6, Viscogni 5.5, Caputa 7, Coroforte 5.5, Verzica 7, Fiorino 6 (1’ st Mezzanica 6), Zuzzaro 6 (35’ st Faquir sv). A disp. Viscogni, Ghanem, Milan, Giannini, Saini. All. Cappello 6. Dir. Marchini.
ARBITRO: Cani di Lomellina 7.

LE PAGELLE

MASSERONI
Peli 7 Vola più volte a negare la gioia del gol a Verzica. Nonostante i tre gol subiti nel secondo tempo è tra i migliori in campo, sostituito nel finale. (42’ st Agostini sv).
Ramaroli 7 Tiene bene la posizione sulla corsia destra, il duello con Verzica non è semplice ma il diretto marcatore gli scappa poche volte. Si fa trovare pronto sul pallone lasciato in area dall'uscita a vuoto di Ferrante.
Mozzi 6.5 A sinistra non passa nessuno, nel finale di partita un po’ ingenuamente si perde insieme a tutta la squadra.
Borsatti 7 Capitano e leader dei padroni di casa, la sua voce e le sue urla tengono in partita i suoi.
Della Giovampaola 6.5 È un mastino in tutti i contrasti, sia nella sua zona di competenza che nel resto del rettangolo di gioco.
Vergeat 7 Un pilastro difensivo importante dalle sue parti, è dura andargli via.(33’ st Dodi sv).
Lozupone 6.5 Nel primo tempo tiene bene la posizione e  si muove in sintonia con i suoi compagni.
12’ st Calabrese 6 Entra e smista molto bene i palloni che arrivano dalle sue parti.
Goldoni 8 L’eurogol che inventa a metà primo tempo vale da solo il prezzo del biglietto. Trova ancora la via della rete con un'altra bella conclusione. Piede caldo.
Berno 7 Un ariete: fa la sponda, dà profondità, difende bene palla e fa salire i suoi.
Bernava 7 Partita sontuosa. Trova il gol per la seconda partita consecutiva e fa vicinissimo alla doppietta in diverse occasioni, ma si scontra con gli ottimi interventi di Ferrante.
Bensi 7.5 Gran diagonale quello con cui apre il match poi si perde un po’ con il passare dei minuti, ma la sua classe è sopraffina. 12’ st Djouhaer 6 Entra ed è davvero importante nelle azioni offensive e difensive, mostrando un grandissimo spirito di sacrificio.
All. Viola 7 Grande squadra. Il titolo di campione d’inverno è sempre più vicino grazie al gran gioco visto in campo. Sul 5-0 un momento di rilassamento ci può stare, ma i suoi ragazzi rischiano grosso non riuscendo più a rimettere la gara sul binario a loro favore.

SOLESE
Ferrante 6 Si fa sentire con la voce da tutta la squadra. È un leader guida i suoi compagni, peccato per l’errore in uscita che costa il quinto gol.
Asti 6 Gioca nei tre di centrocampo nella zona di destra, si fa vedere per belle giocate e tiri dalla distanza che vanno vicinissimo al bersaglio grosso.
De Angelis 5.5 Utilizzato a sinistra si perde un po’ nella manovra, venendo spesso ignorato dai compagni in fase di costruzione.
Cozzolino 5 A centrocampo lotta ma non abbastanza per arginare gli avversari nell’uno contro uno.
Piazza 6 Tra i tre centrali di difesa è uno dei più positivi, combatte in ogni fase del match, anche quando la sua squadra è sotto di 5 gol.
Viscogni 5.5 Bernava è un cattivo cliente e molto spesso la manda a vuoto. Serata difficile per lui.
Caputa 7 Utilizzato come prima punta porta i suoi frutti nel finale con due gol che per poco non riaprono il match.
Coroforte 5.5 Sempre saltato nell’uno contro uno. Nonostante un fisico importante non riesce mai a usarlo a proprio vantaggio nel contrastare la tecnica degli ospiti.
Verzica 7 Una doppietta con il meglio del repertorio, tra i migliori in campo e non solo per i due gol realizzativi.
Fiorino 6 Utilizzato come difensore centrale dà grinta e carica ai suoi compagni con tackle decisivi.
1’ st Mezzanica 6 Entra in posizione offensiva e spaventa Peli con dei bei tiri da fuori.
Zuzzaro 6 Si impegna ed esegue al meglio i diversi compiti che Cappello gli urla dalla panchina. (35’ st Faquir sv).
All. Cappello 6 I suoi ci provano in diverse circostanze, poteva finire diversamente, visto anche il finale.

ARBITRO
Cani di Lomellina 7 
Si fa rispettare e applica il regolamento al meglio, bravissimo nell’uso dei cartellini.

 L'INTERVISTA

Nel finale il tecnico della Masseroni, Luca Viola ha dichiarato: «La crescita dei ragazzi c’è ed è esponenziale. Forse è presto per dire come finiranno le cose, possono cambiare da un momento all’altro, ci sono almeno due-tre squadre all’interno del campionato che possono darci del filo da torcere. Per 80 minuti abbiamo fatto una partita di livello altissimo, poi nel finale ci siamo persi, anche per colpa delle mie scelte, ma nella prima parte della partita penso non ci sia nulla da dire». 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400