Cerca

Under 19

Gessate-Vaprio, pareggio stretto per entrambe: la squadra di Poggiani smuove la classifica guadagnando il primo punto

Busacca e Finestrone trascinano e illudono gli ospiti, Colombo conduce i padroni di casa al pareggio grazie alle sue punizioni

È finita con un pareggio e poche emozioni la partita tra Gessate e Vaprio, che tornano a casa con un 2-2 e un punto a testa. Un punto che permette al Gessate di smuovere la propria classifica, ma che invece non consente al Vaprio di fare quello scatto in avanti all’interno del Girone C. Il pareggio altro non è che il riflesso della gara, con il Vaprio più spregiudicato nel primo tempo, ma allo stesso tempo un po’ troppo sprecone con Finestrone, e con il Gessate che continuando a fare il suo gioco alla lunga l’ha spuntata, complice anche l’uscita non felice di Doumbia a pochi minuti dal termine che costa il pareggio. I cambi degli ospiti non danno quella spinta in più per riuscire a chiudere i conti, mentre i padroni di casa, con un gioco forse un po’ troppo mnemonico alla fine riescono a scalfire la compagine di Manzotti, vice allenatore in panchina al posto dello squalificato Fiordelisi.

Finestrone-Busacca, coppia vincente. Nel primo tempo a prendere in mano il pallino del gioco è il Vaprio, bravo a trovare i pertugi giusti dove infilarsi e provare a fare male. Le occasioni non mancano, anche se Finestrone al 10’ si divora una rete incredibile a pochi passi dalla porta calciando fuori alla sinistra di Ravanelli, ex della gara. Al 12’ si sblocca il parziale sempre con Finestrone, questa volta con la complicità di Busacca, entrambi liberi di arrivare dalle parti di Ravanelli, che si salva trovando il corner. Dalla bandierina va proprio Finestrone, che dalla destra scodella una palla per Busacca che salta più in alto di tutti incornando di testa e siglando lo 0-1. La pronta reazione del Gessate passa attraverso i piedi di Fusano e Colombo con il primo che riceve palla e dalla sinistra crossa al suo compagno che costringe all’intervento Doumbia. Poco dopo al 15’ è ancora Finestrone ad avere la palla giusta per colpire Ravanelli, ma si fa ipnotizzare davanti a Ravanelli mancando nuovamente il bersaglio grosso. Gli ospiti non si demoralizzano, mentre i rossoblù resistono agli assalti e al 38’ è ancora la coppia Finestrone Busacca a tentare di trafiggere Ravanelli sul solito schema da calcio d’angolo, ma questa volta la palla esce di poco fuori.

Squilli di tromba per il Gessate. Nella ripresa Manzotti prova a cambiare qualcosa inserendo forze fresche e al 12’ è El Fallaki a chiamare in causa Ravanelli con un tiro cross insidioso. Il Gessate però non resta a guardare e poco dopo al 21’ trova il pareggio grazie a Colombo, il migliore tra le fila rossoblù, che dalla sinistra su calcio piazzato insacca la palla con un tiro imprendibile per Doumbia che non gli lascia scampo. Proprio Doumbia al 30’ si rende protagonista di una super parata nei confronti del solito Colombo, bravo a ad approfittare della difesa sbilanciata e sguarnita, ma sfortunato a trovarsi di fronte al numero uno ospite che si mette tra lui e la porta. Per la legge del gol sbagliato gol subìto due minuti dopo è proprio Finestrone a iscriversi al tabellino marcatori, che dalla destra corre fino all’area di Ravanelli calciando sul secondo palo e riportando i suoi di nuovo in vantaggio. Vantaggio che però è destinato a durare solo 9 minuti, perché al 41’ il Gessate guadagna un’altra punizione calciata da Colombo e sulla quale Doumbia buca clamorosamente regalando il pareggio ai ragazzi di Poggiani. Non succede più niente fino al fischio finale del signor Magnani della sezione di Monza. Il pareggio sta stretto ad tutte e due le compagini, che nel secondo tempo hanno ravvivato un po’ di più il gioco, mancato nella prima parte di gara. Per entrambe c’è da ritoccare qualche dettaglio sia in fase offensiva che in fase difensiva.

IL TABELLINO

GESSATE-VAPRIO 2-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2, 2-2): 12’ Busacca (V), 21’ st Colombo (G), 32’ st Finestrone (V), 41’ st aut. Doumbia (V).
GESSATE (4-3-3): Ravanelli 6, Livoti 6.5, Nebbia 5.5, Marra 6, Parolini 6, Grazioli 6 (7’ st Grosso 6), Matarrese 6.5, Pascal 6, Mammone 6.5, Colombo 7.5, Fusano 6. A disp. Perfetto, Guerriero, Di Domenico. All. Poggiani 6.5.
VAPRIO (4-3-3): Doumbia 5.5, Giatti 6.5, Comelli 6 (31’ st Vaquero 6.5), Civiero 6 (2’ st Galli 6.5), Pedroncelli 6.5, Fiordelisi 6, Finestrone 7.5, Bramati 6.5, Busacca 7 (20’ st Marini 6), Basaglia 6.5 (10’ st El Fallaki 6), Pelaez Cruz 6 (1’ st Pozzi 6). A disp. Galdi, Mariani. All. Manzotti 6.
AMMONITI: Nebbia (G), Grazioli (G), Fusano (G),Colombo (G), Vaquero (G), Grosso (G).
ARBITRO: Magnani di Monza 6.5.

LE PAGELLE

GESSATE
Ravanelli 6 Alcune uscite sono da cuori forti, ma nel complesso fa bene. Impegnato più nel primo tempo.
Livoti 6.5 In versione “cavaliere mascherato”, non va tanto per il sottile. Si fa sentire con la sua presenza.
Nebbia 5.5 Rimane un passo indietro rispetto al suo uomo da curare; perde il tempo a vantaggio dell’avversario.
Marra 6 Capitano che ha fin troppo grinta. Non disdegna di portarsi avanti in zona d’attacco per dare una mano.
Parolini 6 Un po’ troppo precipitoso nell’allontanare il pallone, ma tiene sempre d’occhio il suo uomo.
Grazioli 6 Costretto a rischiare sulle ripartenze e sulle avanzate avversarie. Chiamato al lavoro sporco.
7’ st Grosso 6 Fa il suo gioco senza strafare. Ha l’occasione di fare male, ma il suo tiro finisce alto.
Matarrese 6.5 Prova a servire i suoi compagni adottando più soluzioni che però non sempre sono le più efficaci.
Pascal 6 Impegnato nella bagarre a centrocampo, è più propositivo nel primo tempo, un po’ meno nel secondo. 
Mammone 6.5 Si fa valere con il suo fisico, ma a volte non si intende con i suoi compagni per il dai e vai.
Colombo 7.5 Va a memoria, senza però rinunciare all’iniziativa personale. Con sue punizioni regala il pareggio e il primo punto.
Fusano 6 Un po’ ripetitivo nelle sue giocate sulla sinistra, tende quasi sempre a passare quando potrebbe anche tirare. 
All. Poggiani 6.5 Qualche miglioramento si è visto, il tassello mancante è la precaria difesa sui calci d'angolo.

VAPRIO
Doumbia 5.5 Fa tutto nella ripresa: una parata strepitosa che tiene in piedi il risultato e un errore che vale il pareggio.
Giatti 6.5 Appiccicato al suo uomo per curarlo a dovere. Il compito non è dei più facili.
Comelli 6 A volte c’è qualche incertezza, ma poi riesce a rimediare e a recuperare.
31’ st Vaquero 6.5 Lotta su ogni pallone tenendoselo ben stretto senza che gli si schiodi dai piedi.
Civiero 6 Prestazione senza infamia e senza lode. Fa il suo dovere senza eccedere.
2’ st Galli 6.5 Più quantità che qualità. Pragmatico al punto giusto.
Pedroncelli 6.5 Non ha paura di metterci la gamba e suona la sveglia ai compagni di reparto.
Fiordelisi 6 Capitano che esegue il compito. Rimane vigile in difesa nella sua zona di campo.
Finestrone 7.5 Dai suoi piedi nascono le azioni più pericolose. Manca un paio di colpi, ma alla fine trova la rete.
Bramati 6.5 Fa bene a centrocampo e in fase difensiva. È l’uomo in più quando si tratta di tappare i buchi.
Busacca 7 Bravo a difendere palla e a farsi trovare al posto giusto al momento giusto.
20’ st Marini 6 Se la prende un po’ troppo comoda, assumendosi anche dei rischi.
Basaglia 6.5 Cerca di attirare l’uomo su di sé per favorire l’inserimento dei suoi.
10’ st El Fallaki 6 Prova a rendersi pericoloso alla Leão in rovesciata, il risultato però non è lo stesso.
Pelaez Cruz 6 Un po’ in ombra, non particolarmente in vista avrebbe potuto contribuire alla manovra molto di più.
1’ st Pozzi 6 Alterna buoni scatti e buone giocate a momenti di stallo.
All. Manzotti 6 Sa che la sua squadra deve avere più cinismo sotto porta.

ARBITRO
Magnani di Monza 6.5
In campo si dimostra autorevole, mai autoritario.

LE INTERVISTE

Dopo la partita il tecnico del Gessate Paolo Poggiani analizza così la prestazione dei suoi: «Siamo bravi a recuperare le partite e a ribaltarle. Penso che alla fine abbiamo avuto più occasioni pericolose noi che loro e il secondo gol, secondo me, nasce da un errore arbitrale. Per quanto riguarda invece la prima rete c’è un problema sui calci d’angolo e noi dobbiamo avere più decisione sotto porta».

Anche il vice allenatore del Vaprio Cesare Manzotti fa il punto della situazione sulla gara e su ciò che c’è da migliorare: «Siamo calati un po’ nel secondo tempo e abbiamo avuto un po’ di sfortuna nel primo. Sul secondo gol il nostro portiere non ha visto la palla e alla fine c’è stato il pareggio. Ci vuole più freddezza sotto porta, nel primo tempo potevamo essere già sullo 0-3, bisognava chiuderla».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400