Cerca

Under 19

La poesia di Verga vale una vittoria

La Nuova Frontiera regola la Virtus Inzago grazie a un gol per tempo di Verga e Micheloni, ottenendo tre punti importanti per migliorare ulteriormente la propria classifica

La poesia di Verga vale una vittoria

Flavio Litrenta e Niccolò Verga, asse pericoloso del Nuova Frontiera

In trasferta, il Nuova Frontiera vince contro la Virtus Inzago: a fine gara il tabellino dice 0-2, con le cortesie di Verga e Micheloni che, segnando un gol per parte, consegnano così la vittoria alla propria squadra. Si ferma, dunque, la Virtus Inzago, che deve arrendersi agli ospiti, dimostratisi più organizzati e meglio messi in campo. Da segnalare, per il Nuova Frontiera, oltre agli autori dei due gol, la prova di Litrenta, che ha combinato bene con i compagni di reparto e diventando un vero e proprio pericolo per le maglie avversarie. Nonostante la sconfitta, per i padroni di casa sono riusciti a spiccare Lumi, che tra i pali ha evitato un passivo più pesante, e anche Feliciano, giocatore in grado di mettere in campo una discreta dose di tecnica. Continua, dunque, l'arrampicata del Nuova Frontiera alle primissime posizioni in classifica, mentre galleggia ancora a metà tabellone la Virtus Inzago.

Emozioni a sprazzi. Primo tempo dal grande agonismo e dal persistente equilibrio quello che va in scena al Comunale di Inzago, che ricorderemo, in particolare, per lo splendido sinistro a giro di Verga che sblocca una partita altrimenti complicata per la Nuova Frontiera. Al fischio del signor Lopez di Seregno, infatti, i ragazzi guidati da Busi provano a prendere in mano l'iniziativa del gioco senza però riuscire a sfondare il fortino avversario che, grazie alla grinta di D'Ambrosio sulla destra e al tempismo di capitan Morandi in fase di interdizione, non corre particolari rischi. Al 15', sarà proprio il numero 4 in maglia bianca a strappare un pallone a Bianchini e a verticalizzare rapidamente per Halibi che, elusa la marcatura di Passoni, conclude con violento destro da posizione defilata senza riuscire però a inquadrare la porta difesa da Sala. Scampato il pericolo, il Nuova Frontiera prova a impensierire gli ospiti 180 secondi dopo con l'asse Litrenta-Verga, rivelatosi col passare dei minuti una vera e propria spina nel fianco per il terzino di casa Fumagalli: su un tocco di punta smarcante del numero 11 in maglia blu, Bianchini si inserisce in area sorprendendo la difesa avversaria e concludendo di prima. Tempestiva quanto efficace l'uscita bassa di Lumi. Presa fiducia dall'occasione creata, le scorribande del Nuova Frontiera cominciano a diventare sempre più pericolose, anche grazie al prezioso lavoro in mezzo al campo del proprio mediano Rigoldi, abilissimo a sradicare palloni dai piedi dei centrocampisti di casa e a servire rapidamente i suoi attaccanti. Da una sua intuizione nasce l'azione che porta al vantaggio il Nuova Frontiera: anticipato Fumagalli, il numero 8 ospite serve in profondità Verga, bravo ad accentrarsi e sorprendere con un chirurgico sinistro a giro all'angolino l'incolpevole Lumi. Rimesso in gioco il pallone, la Virtus si lancia all'immediata ricerca del pareggio: tuttavia, vuoi per qualche imprecisione in fase d'impostazione, vuoi per l'ottimo lavoro in fase di copertura degli avversari, la punizione alta di poco di Morandi al 41' rimane l'unico pericolo che la squadra di Barzaghi riesce a creare nei 10 minuti che la separa dall'intervallo.

Feliciano vs. Verga: duello a distanza. Dopo qualche minuto di studio, appare evidente dalle tribune che qualcosa è cambiato: la Virtus getta gli ormeggi e si lancia più sciolta alla ricerca dell'1-1, guidata soprattutto dalla tecnica e dal talento di Alessandro Feliciano, vero e proprio perno offensivo della manovra di casa e protagonista in quattro diversi frangenti nel primo quarto d'ora. Al 51', il 9 ubriaca Litrenta con due numeri d'alta fattura e conclude a giro sul secondo palo: pallone alto per una questione di centimetri. Sessanta secondi dopo, l'attaccante di casa penetra in area e crossa basso senza però trovare nessuno dei compagni pronto al tap-in. Al 54' sempre lui raccoglie un delizioso invito di Ronchi bruciando in velocità Passoni e calciando in spaccata davanti a Sala, sfiorando ancora per pochissimo la conclusione vincente. Infine, due minuti dopo serve in velocità il neo-entrato D'Angelantonio, la cui conclusione angolata trova però sulla sua strada un superlativo Sala. Potremmo paragonare il Nuova Frontiera del secondo tempo ad un pugile che, barcollante e sull'orlo dell'KO, trova il modo per reagire e dimostrare di essere ancora in partita: Litrenta riprende a macinare chilometri sulla fascia destra e crossare invitanti palloni per i suoi attaccanti. Al 21', in particolare, gli ospiti vanno ad un passo dal 2-0: il terzino in maglia blu crossa basso per Verga che, bruciato nuovamente Fumagalli, centra la traversa a Lumi battuto; col pallone rimbalzato in campo, Galvani riesce a liberarsi di Severgnini concludendo però clamorosamente alto da centro area. Il gol del Nuova Frontiera sembra ora nell'aria e si materializza al 79', dopo un grande intervento di Lumi sul solito Verga, liberato da Ferrari: azione tutta di prima che parte dal numero 11 ospite, passa per i piedi di Rigoldi fino ad arrivare tra quelli di Micheloni che firma il bis con un tiro di collo. Nonostante il risultato, il finale ci regala ancora qualche emozione per parte: all'83' Feliciano conclude al volo sfiorando l'eurogol per poi mettere un bel pallone sulla testa di D'Angelantonio, chiuso ancora dal sicuro portiere ospite, da un cui rinvio il Nuova Frontiera sfiora il tris. Verga serve Micheloni che calcia alto di pochissimo e arriverà proprio da lui l'ultima emozione del match: un destro dal limite bloccato senza patemi da Lumi. Finisce così una partita equilibrata e molto interessante che dà al Nuova Frontiera nuova linfa per lanciare la rincorsa alle prime tre; per i padroni di casa, invece, una batosta dolorosa soprattutto dal punto di vista del morale.

IL TABELLINO

Virtus Inzago-N.Frontiera 0-2
RETI: 34' Verga (N), 34' st Micheloni (N).
VIRTUS INZAGO (4-3-3): Lumi 7, D'Ambrosio 6.5, Fumagalli 5 (28' st Katan sv), Morandi 6.5, Severgnini 5.5, Moriggi 6 (18' st Pantano 5.5), Ronchi 5.5 (14' st Andreini 5.5), Barzaghi 6, Feliciano 7, Halibi 6.5, Prostoiu 6 (8' st D'Angelantonio 6.5). A disp. Legnani, Orlando, Lacapra, Canzi, Picarella. All. Bramati 6.5.
N.FRONTIERA (4-3-3): Sala 6.5, Litrenta 7, Passoni 6, Penatti 6 (8' st Morrone 6), Mapelli 6.5, Amato 6 (28' st Facchinetti 6), Galvani 5.5 (1' st Micheloni 7), Rigoldi 6.5, Letorizza 5.5, Bianchini 6.5, Verga 8. All. Busi 7.
ARBITRO: Capicotto di Seregno 6.5.
AMMONITI: Feliciano (V), Barzaghi (V), Lumi (V), Penatti (N), Facchinetti (N), Passoni (N).

LE INTERVISTE

Per la Virtus Inzago è capitan Morandi a parlare nel post partita: «Abbiamo sbagliato sia tecnicamente sia a livello di approccio e dispiace non aver dato continuità alla vittoria contro il Cernusco della settimana scorsa e proseguito la nostra serie di risultati utili. Loro si sono risultati superiori e hanno concretizzato meglio le occasioni che hanno creato».

È Morrone invece a parlare per la Nuova Frontiera: «Era importante fare tre punti dopo la sconfitta della scorsa settimana con il Trezzo. Abbiamo ottenuto tre punti importanti su un campo non facile e molto più grande di quello a cui siamo abituati. La settimana prossima abbiamo una partita molto importante in casa e cercheremo di vincere per proseguire la rincorsa alle prime tre».

CLICCA PER LE PAGELLE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400