Cerca

Under 19

La magia di Galimberti fionda il Vedano in vetta

Una magia tirata fuori dal cilindro del capitano della squadra di Davide La Fata vale i tre punti: la Leo Team spinge, ma manca la precisione per agguantare il pareggio

La magia di Galimberti fionda il Vedano in vetta

Filippo Galimberti e Christian Eklic, protagonisti e migliori in campo del Vedano

Primi contro secondi. Galimberti contro Giglioni. Un tecnico giovane contro uno con più esperienza. Vedano-Leo Team doveva essere tutto questo e molto di più. Così effettivamente è stato e, seppur a corrente alternata, il big match non ha deluso le aspettative. A strappare i tre punti al triplice fischio sono stati i padroni di casa grazie ad un pallonetto delizioso del capitano Filippo Galimberti, che così facendo permette ai suoi compagni di mettere in tasca una vittoria importantissima. Non si giocava per una stagione intera, essendo ancora all'inizio del girone di ritorno, ma era importante in special modo per il Vedano non perdere per non vedersi allontanare il primo posto. E i ragazzi di La Fata non hanno perso, anzi, hanno vinto, portandosi in cima alla classifica, superando proprio la Leo Team. Leo Team che, dal canto suo, può rimproverarsi ben poco, perché la squadra di Ambrogio Galimberti ha fatto la sua gara, a cui è mancata solo un pizzico di precisione negli ultimi sedici metri. Il club di Biassono deve così cedere il passo al Vedano, ma il cammino è lungo e, visto il valore delle squadre, è ancora difficilissimo fare pronostici.

La stoccata di Galimberti. Il valore della partita c’è e si fa sentire: nelle prime battute si assiste ad una gara densa a centrocampo. Si fa preferire il Vedano, più ordinato nella manovra e sempre pronto e lucido ad alzare la pressione quando non è in possesso. L’elastico di centrocampo che ha caratterizzato la stagione della squadra di La Fata fino a questo momento continua a funzionare, perché la linea mangia il terreno agli avversari, che non hanno modo di esprimersi per mancanza di spazi. I ritmi sono comunque bassi e per la prima vera occasione bisogna aspettare circa venti minuti, quando la Leo Team combina benissimo e in maniera spettacolare con Teruzzi, Giglioni ed El Fathi: alla conclusione ci arriva il primo, ma il pallone gli rimane sotto il corpo e il tiro che ne vien fuori è strozzato, diventando facile preda della difesa (18’). Il Vedano dietro in alcuni momenti è incerto, nonostante le ottime chiusure di De Rosa, che riesce ad annullare quasi totalmente un Chirico che non riesce a saltare l’uomo. Gli ospiti alzano non poco i giri, che soprattutto sull’out di sinistra riescono a rendersi pericolosi, ma i padroni di casa non stanno a guardare e anche loro sfiorano il vantaggio con un ottimo inserimento di Eklic: il colpo di testa in tuffo è giusto ed è a portiere battuto, ma Cecotti blocca tutto (31’). Una manciata di minuti dopo, Bertazzoli è costretto a lasciare il campo per un infortunio al ginocchio, al suo posto Prazzoli. Se l’episodio inizialmente sembra aver scosso i ragazzi di La Fata, in poco tempo diventa benzina, perché arriva il vantaggio pesantissimo firmato da Galimberti che, dopo aver raccolto un’imbucata conseguente ad un break del solito Eklic, in contrasto con Cecotti riesce a rubare il tempo al difensore e a Brambilla, beffando tutti con un pallonetto che si deposita in rete qualche minuto prima dell’intervallo (42’). L’ultimo sussulto della prima frazione è sempre appannaggio del Vedano, perché Galimberti si è accesso e nasconde il pallone ad un avversario. Il fischietto ordina una punizione, battuta da Arban e che va a stamparsi clamorosamente sulla traversa.

Assedio e respinte. La partita continua ad essere sostanzialmente equilibrata, con le squadre che si annullano a vicenda tra tentativi e ribattute. La Leo Team però è più arrembante e si scambia il posto con il Vedano nel macinare gioco rispetto al primo tempo. I padroni di casa, dal canto loro, coprono bene tutte le zone del campo, lasciando pochi spazi alla squadra di Biassono. Il risultato di questa inversione di ruoli, e della stanchezza che inizia inevitabilmente a farsi sentire dopo un primo tempo dispendioso più dal punto di vista mentale che fisico, è una gara in cui le squadre iniziano ad allungarsi e a perdersi nelle voragini lasciate aperte a centrocampo, che sono un invito a nozze per gli incursionisti delle due squadre. Il primo vero sussulto della seconda frazione arriva quando Gaspari si coordina bene e fa partire un tiro forte e teso, costringendo Ferrero a tuffarsi e rifugiarsi in calcio d’angolo per mantenere a galla i suoi (32’). Ogni occasione dà più coraggio e voglia alla Leo Team, con i padroni di casa che si ritrovano a dover accompagnare le azioni avversarie per non scoprirsi e capire bene quand’è il momento di chiudere. A pochi minuti dalla fine la squadra di Ambrogio Galimberti va nuovamente vicina al pareggio, con le conclusioni ravvicinate di Giglioni e Bambara prima (41’) e il colpo di testa sempre del diez che sembrava ormai dentro, ma Ferrero ancora una volta toglie le castagne dal fuoco (44’). Quattro minuti di recupero, ultimi flash di questo incontro al vertice: prima Cecotti, ormai diventato una punta, su contropiede sfiora il gol (46’) e poi Galimberti, che all’ultimo minuto ha l’occasione di chiuderla, ma il suo tiro indirizzato sul secondo palo è fuori misura (48’). Al triplice fischio, in ogni caso, parte la festa Vedano, che con la vittoria si porta in testa alla classifica del Girone B; cede il passo la Leo Team, che però esce dal campo forte di un ottimo atteggiamento nonostante lo svantaggio e consapevole di poter tornare in vetta, che dista appena una lunghezza.

Esplode la festa del Vedano: vittoria e primato conquistato

IL TABELLINO

Vedano-Leo Team 1-0
RETI: 42’ Galimberti (V).
VEDANO (3-5-2): Ferrero 6.5, Milesi 6, De Rosa 6.5, Eklic 8, Repetto 6.5, Arban 6 (39’ st Riccardi sv), Centemero 7, Bertazzoli 6 (34’ Prazzoli 6.5), Trabucchi 6.5 (25’ st Stigliano 6), Galimberti 7, Limonta 6.5 (13’ st Arosio 6.5). A disp. Gelfi, Contini Riboldi, Villa, Marzi, Stigliano. All. La Fata 7.
LEO TEAM (4-2-3-1): Brambilla 6, Esposito 6, Tolotta 5.5, Consonni 6, Gatti 5 (30’ st Giovanardi 6), Cecotti 6.5, Chirico 5.5 (23’ st Cavenaghi 6), Gaspari 6, Teruzzi 6.5 (35’ st Bambara sv), Giglioni 6.5, El Fathi 6. A disp. Grena, Bassi, Marano, Fontanesi, Mogos, Fumagalli. All. Galimberti 6.
ARBITRO: Bruno di Monza 6.
AMMONITI: El Fathi (L).

LE INTERVISTE

Davide La Fata, tecnico del Vedano: «Abbiamo vinto dimostrando maturità e riuscendo a portarci a casa i tre punti contro una squadra di assoluto valore. Non era una gara facile e i miei ragazzi hanno dimostrato di saper soffrire quando serve e di saper colpire nel momento giusto. Peccato solo per l’infortunio di Bertazzoli, speriamo che gli esami non ci diano brutte notizie. Adesso siamo lì in vetta e dovremo lottare per mantenerla e provare a vincere il campionato: noi faremo il nostro, assolutamente».

Ambrogio Galimberti, tecnico della Leo Team: «Non posso rimproverare nulla ai miei ragazzi. Noi siamo una Juniores pura e abbiamo dimostrato di essere una squadra di assoluto livello e anzi, sono le altre squadre che mettono i fuori quota per stare al nostro passo. Il Vedano ha vinto, ma noi usciamo dal campo consapevoli del nostro valore. Il cammino è lungo e abbiamo ancora tante opportunità per recuperare. Dispiace lasciare punti negli scontri diretti, ma ci faremo valere».

CLICCA QUI PER LEGGERE LE PAGELLE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400