Cerca

Tritium - Caravaggio Under 19: Bum-bum Ciceri, bergamaschi soli al comando

tritium caravaggio under 19 - ciceri
Dire che ci sono state settimane migliori è eufemistico. Non riesce il colpaccio alla Tritium di Calvi nel tentativo di dare un po’ di sereno alla causa biancoceleste dopo l’esonero di Pelati per la prima squadra. A imbrigliare i trezzesi ci ha pensato il Caravaggio guidato da Gibellini. L’ex tecnico della Rappresentativa ha portato con sé dagli Allievi una folta colonia di fedelissimi e il motivo risulta piuttosto evidente. Uno in particolare: Riccardo Caccia. L’esterno bergamasco strappa larghi consensi anche nel dopo gara, venendo premiato con una rete all’altezza del suo talento. Tanta qualità (sia con il destro che con il mancino) ma anche tanto sacrificio quando si tratta di aiutare i compagni. A onor del vero il blitz di Trezzo è interamente firmato dall’attacco biancorosso. Completano il quadro le due incornate da calcio d’angolo di Ciceri insieme alla corsa instancabile di Coita. Un tridente assolutamente capace di fare la differenza nel momento topico. Scorretto penalizzare al tempo stesso una Tritium freddata a sorpresa quando il pareggio era ormai alle porte. Sfortunato Calvi quando deve sostituire il degente Cunegatti fino a quel momento tra i più pimpanti. Le due squadre comunque riescono a bucare in più riprese i punti deboli degli avversari. Per il Caravaggio manca un dettaglio non trascurabile, ossia la finalizzazione a premiare i tagli dall’esterno. I padroni di casa peccano invece di precisione (come sul destro dalla distanza di Scalcinati) e di fortuna (vedi il palo su punizione colpito da Campana) dopo aver saltato la linea di pressione degli ospiti. Il cuore della prima frazione coincide con il picco d’intensità raggiunto dai biancocelesti, con Beretta sugli scudi. Un’altra sliding door dice ancora Caravaggio: Traina graziato sulla seconda ammonizione, l’arbitro glissa prima di ripetersi nel finale su Freddi. La gara è bellissima, l’inchiostro scorre, Bassani si supera sulla botta da fuori calciata da Brusa. Dopo aver retto il castello dalle incursioni del nemico, la Tritium viene colpita al cuore dal colpo di testa di Ciceri. Il bomber del Caravaggio, così come nella rete decisiva, sovrasta la marcatura di Tarabella. Dopo una lunga pausa la ripresa delle ostilità consegna la novità tattica proposta da Calvi, il quale avanza sulla linea di centrocampo Aquilino. La mossa paga qualche dividendo, dal momento che il capitano non si fa pregare, manca però il lavoro dei centrocampisti, piuttosto imprecisi. Quando la frenesia sembra piombare in tutta la sua voracità, ecco che Campana aggiusta la mira su punizione griffando il pari. Proteste nemmeno troppo velate dei bergamaschi per il vantaggio concesso prima del piazzato. La canonica girandola dei cambi irrobustisce il centrocampo dei viaggianti, mentre la Tritium non ottiene la scossa sperata grazie agli innesti di Cereda e Valzanella nel finale. Dopo il flash già narrato di Ciceri è la perla di Caccia, un sinistro a pulire l’incrocio dei pali, a spaccare partita e morale dei biancocelesti.

IL TABELLINO

TRITIUM – CARAVAGGIO 1-3
RETI (0-1;1-1;1-3): 41’, 42’ st Ciceri (C), 11’ st Campana (T), 44’ st Caccia (C).
TRITIUM (4-2-3-1): Bassani 7, Pedrini 5.5, Aquilino 6.5, Marostica 6 (18’ st Rizzi 5.5), Tarabella 6, Ghislanzoni 6  (22’ st Triberti 6), Cunegatti sv (20’ Freddi 6), Campana 6.5 (29’ st Vanzanella 6), Montesano 6 (15’ st Cereda 6), Beretta 6, Scalcinati 6.5. A disp. Caprioli, Fortunati, Campani. All. Calvi 6. Dir. Colace, Colombo, Corti.
CARAVAGGIO (4-4-2): Vitali 6, Ferri 6.5, Ranzini 7, Brusa 6 (26’ st Rochi 6.5), Traina 7.5, Sangalli 6 (18’ st Bellaviti 6), Locatelli 6.5, Marconi 6 (17’ st Sirianni 7), Ciceri 7.5, Caccia 8 (45’ st Colpani sv), Coita 7.5 (36’ st Possenti sv). All. Gibellini 7. Dir. Barone, Colombo, Andreoletti.
ARBITRO: Basilici di Monza 6.

LE PAGELLE

TRITIUM Bassani 7 Se dovessi scegliere una parata su tutte opterei senza dubbio per il riflesso di Brusa. Pedrini 5.5 La consapevolezza di marcare Caccia lo rende frenetico nelle giocate. Meglio a sinistra. Aquilino 6.5 Nel primo tempo concede molto dietro, nella ripresa punge anche se non affonda. Marostica 6 Un paio di guizzi nella tonnara in mediana. Duella con caparbietà. (18’ st Rizzi 5.5). Tarabella 6 Si perde due volte Ciceri in occasione dei corner macchiando una prova onesta. Ghislanzoni 6 Cerca di tamponare sulle incursioni di Coita con alterne fortune. (22’ st Triberti 6). Cunegatti sv Esce per infortunio nel momento migliore dei biancocelesti. 20’ Freddi 6 Cavalca l’onda positiva con i traversoni, più fumoso nella seconda frazione. Campana 6.5 Un palo e un gol camuffano qualche pecca nell’impostazione. (29’ st Vanzanella 6). Montesano 6 Accentua troppo i contatti nella speranza, vana, di un fischio amico. (15’ st Cereda 6). Beretta 6 Propizia le folate della squadra salvo poi cadere nel nervosismo verso la tribuna. Scalcinati 6.5. Fa pentole e coperchi facendo ammattire la retroguardia biancorossa. Cala nella ripresa. All. Calvi 6 La Tritium dà l’impressione di rincorrere sempre gli avversari. Non bastano le sue mosse tattiche.

CARAVAGGIO
Vitali 6 Dalla mia prospettiva non sembra ineccepibile l’intervento sulla punizione di Campana.
Ferri 6.5 Gara di grande solidità e astuzia, al punto che Scalcinati gli gira al largo. Viene coperto molto bene.
Ranzini 7 Se mostra i limiti in conduzione nulla gli si può rimproverare sul senso della posizione.
Brusa 6 Perde tempo a protestare con il direttore di gara. Tutto grinta e bordate da fuori. (26’ st Rochi 6.5).
Traina 7.5 Viene probabilmente graziato dal secondo giallo eppure sale in cattedra con nonchalance.
Sangalli 6 Anello debole del pacchetto arretrato. Per sua fortuna Freddi si rivela quieto. (18’ st Bellaviti 6).
Locatelli 6.5 Interpreta con dedizione il ruolo di mediano accompagnano le sortite offensive di Caccia.
Marconi 6 Nessun picco da segnalare, contrasti maschi e generosità al servizio. (17’ st Sirianni 7).
Ciceri 7.5 Il suo lavoro sporco viene premiato su palla inattiva. Due guizzi che valgono tre punti.
Caccia 8 Superfluo ogni commento. Il modo in cui toglie le ragnatele sul tris definisce la caratura. (45’ st Colpani sv).
Coita 7.5 Un assist e qualche rimpianto di troppo. Resiste quasi fino in fondo. (36’ st Possenti sv).
All. Gibellini 7 Due zampate in extremis più cercate che volute. Mentalità vincente che fa la differenza.

LE INTERVISTE

«Partita perfetta sotto il profilo tattico dei miei ragazzi. Bravi a soffrire e ad adeguarci al contesto», twitta verbalmente Fabio Gibellini. « Gare come queste vanno giocate e vissute anche attraverso un calcio maschio e meno tecnico. A questo livello non puoi mai addormentanti e devi dare tutto. Per rimanere lì in alto abbiamo bisogno di altre prestazioni come quella di oggi», chiosa l'ex tecnico della Rapp.
«C'è mancato qualcosa rispetto il solito», analizzata un rammaricato Mauro Calvi. « Niente da dire sul terzo gol ma prendere due reti su calcio d'angolo ti ammazza il morale. Merito ai nostri avversari che ci hanno creduto di più facendo meglio sui piccoli particolari", l'ultima battuta del tecnico biancoceleste».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400