Cerca

Under 19

Casatese-Legnano: Rizzo apre le danze, Piccone trova il pareggio e Ruscelli sigla il trionfo definitivo regalando tre punti ai lecchesi

Dopo un primo tempo a basso ritmo la partita si anima nelle immediate fasi della ripresa regalando una seconda metà di gara sentita e intensa, con il vantaggio definitivo conquistato a pochi minuti dalla fine

Casatese-Legnano

Le due formazioni poco prima del fischio d'inizio

Termina per 2-1 il confronto tra gli Under 19 di Casatese e Legnano. Dopo un primo tempo statico e con poche occasioni nette da rete, la partita si anima già nei primi istanti della ripresa. La Casatese in particolare entra con aggressività e sicurezza e passa in vantaggio al 5' con il tap-in di Rizzo. Il Legnano fatica a tornare subito in pista ma non si da per vinto e, su un ribaltamento di Fronte, il rapido inserimento di Piccone permette ai milanesi di tornare in gara. Le due squadre alzano il ritmo e si scambiano buoni colpi finché Ruscelli sigla il gol vittoria a dieci minuti dal fischio finale, permettendo alla Casatese di ottenere tre punti al termine di una gara equilibrata e sentita.

Stasi. La partita si apre nel segno di uno studio reciproco da parte delle due formazioni in campo: le squadre cominciano a sondare le reciproche peculiarità difensive senza però riuscire a penetrare con pericolosità negli ultimi quindici metri. La Casatese prova a prendere possesso del campo con un lavoro basato sulle aperture frutto di lanci lunghi per il fronte offensivo, mentre il Legnano opta per una costruzione palla a terra che coinvolge maggiormente gli esterni e l’offensivo Piccone, chiamato a lavorare con la sfera. Il primo squillo della gara arriva al 10’ grazie a Di Benedetto, che rientra da sinistra e scarica il destro a ridosso dell’area, calciando però alto. La Casatese fa ancora fatica a trovare la squadra e prova a sbloccarsi al 12’ con una buona manovra corale che culmina nella sponda di Wakira in area, ma la difesa degli ospiti resiste e costringe i lecchesi a riorganizzarsi: ne nasce una punizione da buona distanza battuta da Ruscelli, con il tiro che però si infrange sulla barriera. Al 15’ Piccone cerca di far valere la presenza fisica controllando un pallone spalle alla porta e provando a calciare dall’esterno, non riuscendo però a coordinarsi al meglio. Subito dopo è Todaj a provocare un brivido alla Casatese dribblando un difensore ed entrando in area, ma Sgura, esce con il giusto tempismo e gli toglie il pallone dai piedi. Al 27’ grande iniziativa di Eboa che conquista palla dietro la metà campo e si invola in solitaria verso la porta avversaria, prendendo prima il fondo e poi entrando in area: all’ultimo però non riesce a scaricare per il compagno, con la difesa di casa che prontamente gli chiude ogni linea. Poco dopo è la Casatese ad avere un’ottima occasione con Piantoni che entra palla al piede lungo la linea di fondo ma al momento di aprire nessuno dei compagni si presenta all’appuntamento con il pallone. Il ritmo adesso comincia ad alzarsi e aumentano le occasioni da entrambe le parti, come il palo di Wakira a cui risponde Todaj, mancando di pochissimo l’aggancio di una palla gol sullo sviluppo di una punizione. Al 38’ è Gioia ad avere la possibilità di sbloccare il risultato, rubando la sfera a ridosso della trequarti e scattando verso la porta: dopo aver eluso Aquilino, però, apre troppo il tiro nonostante la posizione favorevole e la palla finisce a lato. La Casatese prova ad aumentare la pressione offensiva cercando di presentarsi con maggiore frequenza negli ultimi venti metri per forza la difesa e il portiere avversario all’errore, ma il fischio arbitrale manda tutti negli spogliatoi con le porte ancora inviolate. 

Determinazione. Il secondo tempo si apre con una Casatese maggiormente aggressiva e decisa rispetto agli avversari, portando in campo pressione e lucidità. Al 5’ infatti sono i ragazzi di Chefa a prendere il vantaggio grazie a una spinta di gruppo: Piantoni controlla in area e apre il destro con Ferragina bravo ad togliere la gamba per abbassarsi e respingere il pallone. Sulla respinta però Rizzo è già sulla sfera e gli basta appoggiare in porta per segnare con un comodo tap-in. Il Legnano cerca di non sfilacciarsi ma la rete dà vigore ai lecchesi che riducono gli errori in palleggio presentandosi con più serialità dalle parti di Faragina con un paio di calci piazzati potenzialmente pericolosi. I milanesi però non si sono ancora dati per vinto e basta un ribaltamento di fronte per riaprire la gara: l’apertura dalla difesa favorisce Piccone che conquista la palla ad altezza della metà campo e approfitta della sbilanciata difesa di casa per involarsi verso la porta. Sgura lo vede ma temporeggia troppo nell’uscire e il numero 9 è bravo a coordinarsi per trafiggerlo. Come successo pochi minuti prima alla Casatese, il gol galvanizza il Legnano che di lì a poco si ripresenta con un tiro calibrato di Gioia, ma stavolta Sgura è bravo sia a tuffarsi per respingere il pallone, sia a chiudere lo specchio sul tentativo di tap-in. Al 31’ possibilità di rilievo per il Legnano con Todaj che si incarica della punizione appena conquistata: il tiro però si stampa sulla barriera e il numero 10 prova a calciare nuovamente al volo, con il pallone che però termina a lato. Al 37’ è l’altro 10 a scrivere il suo nome nel tabellino dei marcatori: su una bella manovra avvolgente il pallone arriva sui piedi di Ruscelli che si coordina con il giusto tempismo e fredda Ferragina mandando in festa la squadra. Il Legnano si getta in avanti tentando il tutto per tutto ma la difesa di casa non si scompone e resiste bloccando il risultato sul definitivo 2-1. 

IL TABELLINO

CASATESE-LEGNANO 2-1
RETI: 5’ st Rizzo (C), 20’ st Piccone (L), 37’ st Ruscelli (C)
CASATESE (4-3-3): Sgura 6, Morganti 6.5, Biscotti 6, Grandi 6.5 (35’ st Gerzon sv), Aquilino 6, Borrelli 6, Piantoni 6.5 (8’ st Saracino 6.5), Manganaro 6.5, Wakira 6, Ruscelli 7.5,  Rizzo 7. A disp. Astori, Gambirasio, Redaelli, Perego, Motta, Lena. All. Chefa 6.5.
LEGNANO (4-4-2): Ferragina 6, Eboa 6, Kola 6.5, Mangieri 6.5, Bagnasco 6, Scanu 6, Moscatiello 6.5 (14’ st Bettini 6), Gioia 6 (26’ st Zana 6), Piccone 7, Todaj 6.5 (41’ st Focone sv), Di Benedetto 6 (1’ st Rizzini 6). A disp. Lazzaroni, Bertolli, Mikhinni, Shtyllaj, Guardavalle. All. Bortolato 6.
ARBITRO: Khayam di Bergamo 6.
ASSISTENTI: Golzi di Seregno e Brambilla di Lecco.
AMMONITI: Di Benedetto (L), Bagnasco (L), Eboa (L), Manganaro (C).

LE PAGELLE

CASATESE

Sgura 6 Non eccessivamente coinvolto nel primo tempo, poteva fare meglio sul gol subito ma complessivamente disputa una gara positiva. 
Morganti 6.5 Buon lavoro di gamba, sale bene sia con che senza il pallone tra i piedi.
Biscotti 6 Presidia con ordine la zona e aiuta ad aprire il campo.
Grandi 6.5 Lavora bene a centrocampo con il compagno di reparto, disegnando buone traiettorie.
Aquilino 6 Ligio ai propri compiti, qualche svista ma niente di irreparabile.
Borrelli 6 Dialoga positivamente con il compagno di reparto chiudendo diverse traiettorie pericolose.
Piantoni 6.5 Cerca di tenersi attivo su ogni pallone che capita nella sua zona. Non solo: propizia lui la rete del vantaggio. 
8’ st Saracino 6.5 Entra con energia e fino al fischi conclusivo corre su ogni pallone.
Manganaro 6.5 Qualche errore dettato stanchezza ma è bravo a rendersi presente sui due lati del campo. 
Wakira 6 Non sempre è pulito nelle esecuzioni ma sa comunque rendersi pericoloso. 
Ruscelli 7.5 Suo il gol che sigla la vittoria. Piede educato, ha sempre buone intuizioni che gli permettono di aprire il campo per i compagni. 
Rizzo 7 Partita di rilievo e personalità, giustamente incoronata dalla rete che apre le marcature. 
All. Chefa 6.5 Tra primo e secondo tempo dà la scossa ai suoi che entrano in campo con il giusto animo e si portano subito in vantaggio. Anche dopo essere stati raggiunti non si perdono d'animo e riescono a chiudere i giochi.

LEGNANO

Ferragina 6 Tendenzialmente incolpevole sui gol, cerca di comandare al meglio la linea difensiva.
Eboa 6.5 Non sempre chirurgico nelle chiusure ma ha fiato e resistenza da vendere, oltre che un allungo di rilievo. 
Kola 6 Presenza fisica di rilievo, difende con energia la propria zona di campo. 
Mangieri 6.5 Abile nel gestire il pallone e nel dettare i tempi della squadra. 
Bagnasco 6 Qualche errore in impostazione ma prova a restare vigile fino alla conclusione.
Scanu 6 Come il compagno di reparto sul finale soffre la pressione offensiva al netto di un buon tempismo.
Moscatiello 6.5 Lavora molti palloni specialmente nel primo tempo ed è abile nell’allargare il campo.
14’ st Bettini 6 Entra in un momento non facile e prova a dare energia alla squadra.
Gioia 6 Ogni tanto cala sul fronte della concentrazione ma disputa comunque una buona gara.
26’ st Zana 6 Entra con il giusto piglio, portando aggressività nel momento migliore. 
Piccone 7 Gol meritato per una gara di qualità. Fa valere la presenza fisica sul fronte offensivo, dove lotta con personalità lavorando per sè e per i compagni. 
Todaj 6.5 Tecnica di rilievo, va vicino alla rete in più di un’occasione dando mostra delle proprie qualità (41' st Falcone sv). 
Di Bendetto 6 Spreca un po’ in fase offensiva ma cerca comunque di farsi valere. 
1’ st Rizzini 6 Cerca di farsi valere dal suo ingresso in campo anche se non riesce a dare il meglio di sè.
All. Bortolato 6 I suoi ragazzi sono bravi a farsi sotto dopo essere finiti in svantaggio ma nel finale non riescono a mantenere la concentrazione mostrata nei momenti migliori. 

Arbitro Khayam di Bergamo 6 Lascia giocare molto ma ha un metro di giudizio univoco al quale tiene sempre fede. Bravo a non far scaldare troppo gli animi dei giocatori in campo.

LE INTERVISTE

Soddisfatto il tecnico di casa Chefa: «È un buon risultato. Purtroppo siamo un po' a corto a livello di rosa per via degli infortuni, anche oggi abbiamo dovuto inserire due 2005. Oggi la partita è stata un po’ lunga con diverse fasi di stallo e in questi casi a fare la differenza è la determinazione. Per noi è stato importante chiudere l’anno con due vittorie consecutive perché è una cosa che fa morale, poi a inizio 2022 dovremmo reintegrare gli assenti sperando di continuare con questo slancio».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400