Cerca

Under 19

Fa palo-gol su punizione e manda la sua squadra nella Top 16 d'Italia

Basta una perla su calcio piazzato per rompere l'equilibrio di un match giocato un tempo a testa

Barzago Tritium Under 19 Nazionale

Niccolò Barzago, autore della rete che manda la Tritium agli ottavi della fase nazionale

Finisce 1-0 la partita tra Tritium e Chieri, con i padroni di casa che grazie a un gol nel primo tempo vincono il secondo preliminare, qualificandosi per gli Ottavi della fase nazionale. Il match viene giocato alla pari e con tanta intensità, agonismo e fisicità, che contraddistingue una partita importantissima. Nella prima frazione sono i padroni di casa ad avere il pallino del gioco e ad attaccare più volte la porta difesa da Bianco. Il gol che sblocca la partita e che premia i sacrifici fatti dalla squadra di casa arriva al 37' su punizione: la posizione è centrale al limite dell'area, Barzago tira una sassata terra aria che sbatte sul palo interno sinistro e finisce in porta. Nel secondo tempo sono gli azzurri a fare la partita. Più volte la squadra allenata da Viola arriva alla conclusione nell'area della Tritium, ma la retroguardia in maglia nera difende bene e resiste 45 minuti sotto gli attacchi nemici. Con questo successo la squadra lombarda è tra le migliori 16 d'Italia.

La festa della Tritium a fine gara

BARZAGO ALLA BECKHAM

Il primo tempo inizia con tanta intensità e voglia di vincere la partita da parte di entrambe le squadre. Nei primi minuti il Chieri prova ad arrivare al tiro, ma la Tritium è molto attenta e concede solo i cross dalle fasce, che respinge con bravura. Al 2' si ha la prima incursione pericolosa degli azzurri, con Ruscello che mette una palla in area, ma Campani anticipa tutti e allontana il pericolo. Nei minuti successivi la squadra di casa comincia a creare azioni pericolose in successione e mette in seria difficoltà gli ospiti. Al 6' Montesano decide di fare un'azione in solitaria, parte in velocità sulla fascia destra e scarta Nastasa, corre in avanti, ma sul più bello si allunga involontariamente la palla sul fondo. La squadra allenata da Pizzocchero prova continuamente a cercare il gol tramite i calci d'angolo e le punizioni, ma la difesa del Chieri è ben attenta e respinge tutte le incursioni. Al 20' la squadra lombarda ha un'occasione pericolosissima con Montesano, che viene lanciato in porta ma tira di poco fuori. Gli azzurri fanno fatica a ripartire in contropiede perché hanno difficoltà a superare la linea di centrocampo avversaria, che pressa costantemente e chiude gli spazi. Il primo tiro della squadra di Viola arriva al 27' con Modesti, che riceve la palla al limite dell'area, si gira e  con il destro prova la conclusione, ma il tiro è debole e non impensierisce Marcandalli. Al 34' Barzago recupera un pallone importante a metà campo e riparte in velocità, ma Capra con un'ottima scivolata lo ferma. L'appuntamento con il gol tarda di soli 3 minuti. Al 37' il numero 7 in maglia nera si incarica di battere una punizione centrale dal limite dell'area e di destro tira una sassata terra aria che sbatte contro il palo interno e finisce in porta: nulla da fare per Bianco. Il primo tempo si chiude con un'altra punizione battuta dalla Tritium al limite dell'area, procurata da Montesano, ma non viene sfruttata a dovere.

TRITIUM NELLA TOP 16

Nella seconda frazione i ruoli si invertono. Gli ospiti cambiano il modo di giocare e passano a 3 attaccanti davanti invece dei due del primo tempo. Con i nuovi innesti il gioco del tecnico Viola si esprime al massimo e lo si vede fin dai primissimi minuti. Al 4' Ruscello con un pallonetto dolce serve in area di rigore Re, che tira alto sopra la traversa. Un minuto più tardi la Tritium prova a chiudere la partita con una punizione dalla trequarti battuta da Donnemma: il numero 10 calcia bene e la palla attraversa tutta l'area prima di finire sui piedi di Montesano, che colpisce male e regala la sfera a Bianco. Al 14' il Chieri attacca con Ciampolillo, entrato da pochissimo, e va vicino al gol. Il numero 20 riceve un pallone sulla fascia destra, dribla Ortelli e, accentrandosi, prova la conclusione, che viene murata dalla difesa di casa. In questa fase della partita la Tritium va in affanno e non riesce più a uscire dalla metà campo. Per evitare di subire gol la squadra di casa abbassa il baricentro e difende con quasi tutti gli uomini dietro la palla. Solo Vanzanella rimane davanti per contrastare i difensori, rubare palloni importanti e consentire alla squadra di salire e di respirare. Al 23' la formazione piemontese va vicino al gol con il colpo di testa di Masante sugli sviluppi di un calcio d'angolo. Sette minuti più tardi la squadra ospite prova uno schema su punizione dalla trequarti destra che permette a Dumani di andare alla conclusione potente di sinistro, tolta dall'incrocio da un super Marcandalli. Al 34' si ha l'ultima occasione per la squadra lombarda di chiudere l'incontro: Vanzanella ruba un pallone a centrocampo e lancia in porta Scalcinati, che mette un pallone in area per Rinaldi, che per qualche centimetro non arriva sulla sfera e spreca l'occasione. Nei minuti finali la squadra piemontese va vicina al gol in diverse occasioni, ma non riesce mai a trovare la rete del pareggio. Nell'ultimo minuto Marcandalli, fino a quel momento impeccabile, rischia una frittata alla Karius: il numero 1 della Tritium rinvia il pallone addosso a Masante, il rimpallo è strano e la palla si alza, ma in modo lento e non finisce nella porta lasciata spalancata. I padroni di casa tirano un sospiro di sollievo e chiudono la partita con il risultato di 1-0.

IL TABELLINO

TRITIUM-CHIERI 1-0
RETE: 37' Barzago (T).
TRITIUM (4-3-1-2): Marcandalli 7, Campani 6.5, Ortelli 6.5 (41' st Parisi sv), Marchesi 7 (30' st Vanzanella 6), Premoli 7, Ghislanzoni 7, Barzago 8, Rizzi 7, Montesano 7 (27' st Marostica 6.5), Donnemma 6.5 (18' st Rinaldi 6.5), Scalcinati 7.5. A disp. Lisandri, Legarda, Hari, Freddi, Triberti. All. Pizzocchero 7.
CHIERI (3-5-2): Bianco 6.5, David 6.5, Nastasa 7 (20' st Ciampolillo 6.5), Ruscello 6.5 (23' st Pecoraro 6.5), Capra 7, Fioccardi 7, Spadafora 6.5 (6' st Dumani 7), Mammarella 6.5, Re 6 (11' st Masante 6.5), Modesti 6.5, Maniscalco 6 (1' st Garello 6.5). A disp. Bellucci, Gallone, Ciociola, D'Urzo. All. Viola 6.5.
ARBITRO: Santarossa di Pordenone 6.5.
ASSISTENTI: Bergamaschi e Ravelli.
AMMONITO: Fioccardi (C).

LE PAGELLE

TRITIUM

Marcandalli 7 Tiene la porta inviolata e fa delle belle parate, come quella su Dumani nel secondo tempo. All'ultimo minuto della partita rischia di fare un pasticcio, ma è fortunato e il risultato rimane invariato.
Campani 6.5 Nel primo tempo non soffre particolarmente gli avversari perché la sua squadra subisce poco. Nella seconda frazione è bravo a contrastare Modesti e Dumani, che provano spesso a scartarlo. 
Ortelli 6.5 È ben posizionato in campo e non rischia nulla nella sua zona. Rimane stretto insieme alla difesa e interviene al momento giusto per rubare i palloni agli avversari che si muovono sulla fascia.
Marchesi 7 In mezzo al campo riesce a muoversi come vuole e a trovare gli spazi giusti per inserirsi palla al piede o per servire i compagni.
30' st Vanzanella 6 Entra come punta per lottare su ogni pallone, difendere la palla e consentire alla squadra di respirare. Svolge bene i compiti.
Premoli 7 Insieme a Ghislanzoni gestisce bene la difesa e il giro palla, riuscendo a giocare con semplicità ogni pallone.
Ghislanzoni 7 È bravissimo a intervenire di testa sulle palle alte, riesce a sventare diversi pericoli che arrivano dai cross sulle fasce e lotta su ogni pallone dall'inizio alla fine della partita, consentendo alla sua squadra di ottenere un risultato importante.  
Barzago 8 Oggi sicuramente, insieme a Scalcinati, è il migliore in campo. Quando prende palla e parte in velocità diventa incontenibile, riesce sempre a trovare i tempi giusti per inserirsi tra le linee difensive e tira una sassata su punizione alla Beckham che permette alla sua squadra di sbloccare la partita e di vincerla successivamente.
Rizzi 7 Nel gioco del tecnico Pizzocchero è fondamentale. Non sbaglia un pallone dall'inizio alla fine e fa sempre la scelta giusta in ogni occasione. Domina il centrocampo e gioca una bellissima partita di sacrificio.
Montesano 7 È  sicuramente un pericolo costante per la difesa piemontese. Quando è girato di spalle lotta su ogni pallone per vincere i duelli con la difesa e quando parte palla al piede fa delle falcate impressionanti che sono difficili da contenere.
27' st Marostica 6.5 Pressa a tutto campo e cerca di portare l'avversario all'errore. Anche lui si sacrifica e aiuta la squadra in difesa.
Donnemma 6.5 Nel primo tempo si fa vedere spesso in attacco per cercare di trovare il gol insieme ai compagni, nel secondo tempo gioca più basso e aiuta la difesa a non subire gol.
18' st Rinaldi 6.5 Rimane molto basso e cerca di chiudere tutte le linee avversarie. Marca stretto Dumani e cerca di non farlo giocare. Va vicinissimo al gol del 2-0 che avrebbe chiuso i conti in anticipo.
Scalcinati 7.5  È velocissimo ed è bravissimo a scartare gli avversari. Quando lo punta lo mette sempre in difficoltà, diverse volte arriva al tiro ma non riesce mai a trovare il gol. Anche dopo 90 minuti ha la forza di correre per la squadra e per i compagni.
All. Pizzocchero 7 La sua squadra domina nel primo tempo e crea una moltitudine di occasioni, ma riesce a sbloccare la partita solo tramite punizione. Nel secondo tempo i suoi ragazzi fanno 45 minuti di sacrificio e respingono benissimo ogni tentativo del Chieri di trovare il pareggio.

L'undici di partenza della Tritium

CHIERI

Bianco 6.5 Gioca bene e fa delle buone parate soprattutto nel primo tempo. La punizione di Barzago è bellissima e non può farci nulla.
David 6.5 Trova sempre il momento giusto per intervenire bene sul pallone, come al 20' del primo tempo quando fa un'ottima chiusura su Montesano e non lo lascia calciare.
Nastasa 7 Anche lui come Spadafora in fase offensiva sale e si rende pericoloso sulla fascia sinistra. Spesso va al cross sul fondo e cerca gli attaccanti per trovare il gol che sblocca la partita.
20' st Ciampolillo 6.5 Si rende subito pericoloso fin dai primissimi minuti dal suo ingresso, ha anche diverse occasioni importanti ma non le sfrutta a dovere. 
Ruscello 6.5 Pressa a tutto campo ed è bravo a farsi trovare dai compagni libero per poi impostare il gioco e il giro palla.
23' st Pecoraro 6.5 È bravo a inserirsi dietro la difesa avversaria, ma in qualche occasione è troppo altruista e preferisce il passaggio ai compagni piuttosto che il tiro. Con più coraggio avrebbe potuto trovare il pareggio.
Capra 7 In difesa è ben posizionato e respinge le incursioni degli avversari. A volte si spinge in avanti palla al piede perché è molto bravo in progressione a trovare gli spazi giusti per inserirsi e trovare i compagni.
Fioccardi 7 Il capitano è molto attento, si posiziona bene e interviene con il giusto tempismo e la giusta precisione. Dirige in modo perfetto la difesa e aiuta la squadra anche in fase offensiva negli ultimi assalti finali.
Spadafora 6.5 Nelle situazioni d'attacco della sua squadra gioca molto largo sull'esterno destro per lasciare più libertà di spazio ai centrocampisti e per provare a cercare le punte con i suoi cross. In fase difensiva ripiega bene e diventa un difensore aggiunto.
6' st Dumani 7 Dà tutto appena entra e riesce a creare fin da subito pericoli con le sue progressioni palla al piede sulla fascia. Con lui la squadra ha più personalità e attacca meglio.
Mammarella 6.5 In mezzo al campo gioca con tranquillità e muove bene il pallone. Aiuta spesso la squadra in fase offensiva ma non riesce a servire assist vincenti.
Re 6 Viene marcato bene dalla difesa avversaria e ha pochi spazi per provare la conclusione. Non gioca la sua miglior partita della stagione.
11' st Masante 6.5 Viene cercato spesso in area perchè è bravo a saltare di testa e a indirizzare la palla in area. Va vicino al gol su sviluppi dei calci piazzati.
Modesti 6.5 Nel primo tempo ha due occasioni importanti per trovare il gol ma non riesce a concretizzare. Nella seconda frazione non arriva facilmente al tiro e gioca largo per aiutare i compagni ad avanzare.
Maniscalco 6 Gioca molto tra le linee e si fa trovare spesso dai compagni per girare la palla. È bravo a cercare i compagni negli spazi e a portare il pallone in avanti nonostante il pressing avversario.
1' st Garello 6.5 Entra a inizio secondo tempo e mette subito in difficoltà gli avversari. Con lui la squadra è più vivace e attacca di più che nel primo tempo.
All. Viola 6.5 La sua squadra nel primo tempo cerca di non subire gol e ripartire in velocità palla al piede, ma non ci riesce. Nel secondo tempo i suoi ragazzi giocano benissimo ma mancano solo l'appuntamento con il gol.

La formazione titolare del Chieri

ARBITRO

Santarossa di Pordenone 6.5 Dirige bene la partita e cerca di intervenire il meno possibile per permettere alle due squadre di affrontarsi a viso aperto.

LE INTERVISTE

TRITIUM

A fine partita il tecnico della Tritium Mauro Pizzocchero si è mostrato particolarmente felice del risultato e della prestazione dei suoi ragazzi: «Ho ringraziato la squadra a fine partita, ci siamo meritati di stare tra le 16 squadre più forti d'Italia. Abbiamo lottato contro infortuni e la sfortuna, ma siamo riusciti a vincere lo stesso. Siamo calati nel secondo tempo perché abbiamo giocato ogni tre giorni nelle ultime settimane e ho pochi giocatori da alternare in alcuni ruoli. Loro ci hanno messo in difficoltà ma abbiamo retto. Ora recuperiamo un po' di energie e di giocatori e poi andremo a giocarcela».

Mauro Pizzocchero, tecnico della Tritium

CHIERI

Anche il tecnico del Chieri Cristian Viola si è mostrato orgoglioso della prova dei suoi ragazzi nonostante il risultato: «Sapevamo di venire qui e affrontare una squadra forte, con giocatori di categoria. Abbiamo fatto una partita attenta nel primo tempo e tatticamente perfetta, rischiando qualcosina. La ripresa è stata a senso unico. Non posso dire niente ai ragazzi, abbiamo creato tanto e loro hanno giocato una seconda frazione in modo perfetto: è mancato solo il gol. Meritavamo il pareggio, abbiamo messo in grande difficoltà una squadra forte come la Tritium. Siamo cresciuti molto dall'inizio della stagione e sono felice per questo».

Cristian Viola, allenatore del Chieri

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400