Cerca

Under 19

Finali Super Oscar: l'mvp del torneo Pontin e Ossola regalano la Coppa al Vanchiglia

I granata di Di Girolamo vendicano la sconfitta dello scorso anno (contro il Lascaris) e si aggiudicano la 4ª edizione del torneo

Vanchiglia Under 19

I granata di Di Girolamo festeggiano la vittoria del Super Oscar (foto Cunazza)

Il Vanchiglia si prende la propria rivincita. A distanza di un anno dalla sconfitta in finale con il Lascaris nello scorso Super Oscar, i granata di Giovanni Di Girolamo superano in finale la Pro Eureka di Luca Moreo per 2-0, aggiudicandosi la 4ª edizione del Super Oscar per la categoria Under 19. Una vittoria tanto netta quanto inappellabile: oltre alle reti di Ossola e Pontin, premiato anche come Mvp del torneo, i torinesi hanno infatti cambiato totalmente marcia nel secondo tempo (primo tempo a reti bianche, complici i riflessi dei numeri 1 Zago e Cavaliere), colpendo anche un palo con Ledda ed una traversa sempre con Ossola. Un dominio certificato in finale, ma dimostrato durante tutto il corso del torneo, che proietta cosí il gruppo di Di Girolamo tra le favorite alla vittoria del Girone C di Juniores e forse dell’intero campionato.

FINALE 3°-4° POSTO
CHISOLA-VOLPIANO

Conferme interessanti per il Volpiano nella finalina delle 10, vinta dalle Foxes 5-3 contro il Chisola di Masera. Assoluti protagonisti Nicolò Laurenti e Mattia Gagliano, mattatori di giornata in grado di mettere in seria difficoltà tutta la retroguardia vinovese. Nonostante la rocambolesca eliminazione di sabato la formazione di Santoro ha ritrovato le energie nervose giuste, chiudendo al meglio questo precampionato in vista dell’esordio di sabato 18 contro l’Aygreville. Per il Chisola invece un mezzo passo indietro rispetto alla semifinale: i vinovesi hanno convinto solamente a sprazzi, evidenziando qualche lacuna di troppo specialmente in difesa.
Parte bene il Volpiano, che già al 4’ si fa vedere con l’azione personale di Laurenti, con tanto di tiro sul primo palo leggermente deviato da Bisceglia sul palo. Laurenti si ripete poco dopo, saltando di netto Mecca nell’uno contro uno, cross dentro per Gagliano che calcia col sinistro sfiorando il palo. Il Volpiano attacca ma a segnare è il Chisola, grazie al calcio di punizione di Cristian Guarnieri, pennellato col destro all’incrocio dei pali. Cambia poco nel canovaccio della partita, con il Volpiano che continua ad attaccare fino a trovare il pari al 24’ grazie all’assist di Cavalla per Gagliano, preciso nel destro incrociato all’angolino. Passa pochissimo e le Foxes infilano il 2-1 con Laurenti (buca l’intervento Mecca su un cross da destra, mancino all’incrocio sul primo palo). Il Volpiano ha qualche chance per allungare nel primo tempo, specialmente in contropiede, ma il tris arriva solamente nel secondo tempo, al termine di un’azione rocambolesca dove un tiro da fuori di Gagliano si insacca dopo una serie di deviazioni che ingannano Bisceglia. Partita apparentemente indirizzata a favore delle Foxes, ma potrebbe esserci una svolta al 19’: rosso diretto per Favva (fallo da ultimo uomo) e poco dopo altro gol da piazzato di Guarnieri (qualche responsabilità per Longo, poco attento sul suo palo), che fissa il risultato sul momentaneo 3-2 per il Volpiano. Partita ancora in bilico, ma nonostante l’inferiorità numerica le Foxes forzano di nuovo in avanti, guadagnando un rigore (molto dubbio) con Erriquez al 28’ e calciato sempre dal numero 17, che si fa prima ipnotizzare dal portiere, segnando però sulla immediata ribattuta. Gara chiusa? Per niente. I fantasmi della formazione di Santoro riaffiorano quando il Chisola trova il gol del 4-3 con il subentrato Liberti (bel diagonale mancino su un gran lancio di Viano), preannunciando un finale di partita dejavù come quello giocato contro la Pro Eureka sabato. L’epilogo però è diverso, perché Il Volpiano nel finale la chiude sul 5-3 con il gol su punizione di Ceschin. Al Volpiano va la medaglia di bronzo, al Chisola la medaglia di legno.

IL TABELLINO

CHISOLA-VOLPIANO 3-5
RETI (1-0, 1-3, 2-3, 2-4, 3-4, 3-5): 14' Guarnieri (C), 24' Gagliano (V), 26' Laurenti (V), 12' st Gagliano (V), 21’ st Guarnieri (C), 28’ st Erriquez (V), 34’ st Liberti (C), 35’+6 st Ceschin (V).
CHISOLA (4-3-1-2): Bisceglia 6, Mecca 5.5, Perotto 6 (1’ st Turatello 6.5), Alberetto 6.5, Bagnulo 6, D’Attoli 6, Guarnieri 8, Laronga 6.5 (27’ st Liberti 7), Rotondo 6 (5’ st Priarone 6.5), Viano 7, Di Salvo 7. A disp. Mussino, Merico, Fasone. All. Masera 6.
VOLPIANO (4-3-3): Longo 6.5, Savva 6.5, Ceschin 7, Grandini 7, Szasz-Spataru 7, Guzzo 7 (16’ st Belfiori 6.5), Cavalla 7 (35’ st Femia 1), Montesano 7 (16’ st Erriquez 7), Bussolo 6.5 (27’ st Cimenti 6.5), Laurenti 8 (29’ st Anastasio sv), Gagliano 8. A disp. Iovene, Duò. All. Santoro 7.5.
AMMONITI: 31’ Savva (V), 33’ Viano (C), 35’+2 st Di Salvo (C), 35’+3 st Mecca (C).
ESPULSI: 19’ st Savva (V).
NOTE: Bisceglia (C) para un rigore a Erriquez (V) al 28’ st.

FINALE 1°-2° POSTO
PRO EUREKA-VANCHIGLIA

La finalissima si apre in maniera socppiettante: dopo neanche un minuto, Ossola scappa via e prova il destro dal limite dell’area, ma la sua conclusione termina di poco sopra la traversa. Il Vanchiglia appare più convinto nei primi scampoli di gara, potendo approfittare di qualche sbandamento della difesa blucerchiata, colpita dopo soli tre minuti dall’infortunio di Frizzi, sostituito da Scognamiglio. Ad apparire più in palla è Ledda, che dialoga spesso e volentieri con Imberti sulla fascia sinistra, mettendo in difficoltá Mulas e scodellando palloni interessanti in area, anche da calcio piazzato. Proprio da un angolo arriva un’altra occasione per i granata al 20’, con Diaec che salta piú in alto di tutti e costringe Zago ad alzare il pallone sopra la traversa. Nei momenti di maggiore difficoltá, i capitani devono farsi sentire e suonare la carica: esattamente ciò che fa Starnai alla mezz’ora, quando con un siluro da trenta metri chiama Cavaliere ad un prodigioso intervento. Anche il collega Zago non è da meno: a tempo quasi scaduto è miracoloso il riflesso con cui strozza l’urlo di gioia in gola a Ossola, che aveva svettato in maniera imperiosa in area blucerchiata. Portieri in grande spolvero dunque, ed il primo tempo termina così a reti bianche.
È evidente che ci voglia un episodio per sbloccare la gara, cosa che accade puntuale al 10’ della ripresa. Su angolo di Pontin, Curcio salta inspiegabilmente con il braccio altissimo e colpisce la palla in pieno con la mano; il rigore è netto, e dal dischetto si presenta l’mvp del torneo Pontin, che spiazza Zago e porta in vantaggio il Vanchiglia. Una volta stappato il match, i granata cominciano a macinare gioco e dominano letteralmente la parte centrale del secondo tempo, trovando poco dopo il raddoppio. Ossola, che al 14’ aveva scagliato un bolide da fuori area centrando in pieno la traversa, al 17’ si rifá entrando nel tabellino dei marcatori, servito ottimamente da Cavallo. Al 20’ la Pro Eureka rischia di capitolare, ma il palo nega il 3-0 a Ledda e regala ancora qualche speranza al gruppo di Moreo. Speranza che però si rivela vana: a parte un parapiglia nel finale che porta all’espulsione di Cavaliere e Emmanuello, la partita si trascina fino al termine dei 70’, con il Vanchiglia di Di Girolamo che può festeggiare il titolo sfumato l’anno scorso in finale.

IL TABELLINO

PRO EUREKA-VANCHIGLIA 0-2
RETI: 11’ st rig. Pontin, 17’ st Ossola.
PRO EUREKA (4-3-3): Zago 8, Mulas 5.5 (19’ st Lorello 6), Frizzi sv (3’ Scognamiglio 5.5), Giannini 6 (10’ st Modica 5.5), Cabrini 6, Boeri 6, Gianotti 6, Starnai 6.5, Emmanuello 5, Sardo 6 (21’ st Bergo sv), Curcio 5 (14’ st Demaria 6). A disp: Fasolato, Idris, Monetta. All. Moreo 5.5.
VANCHIGLIA (4-2-3-1): Cavaliere 6.5, Fagnone 6.5 (36’ st Lacava sv), Imberti 6.5, Foresto 6, Gallo 6.5, Diaec 7, Cavallo 7.5 (34’ st Bianco sv), Pontin 7 (38’ st Martino sv), Ossola 8 (29’ st Tommasi sv), Ledda 7 (21’ st Di Niso 6.5), Calabrese 6. A disp: La Torraca, Topalovic, Samson, Praticò. All. Di Girolamo 7.5.
AMMONITI: 20’ Scognamiglio (P), 11’ st Curcio (P), 28’ st Ossola (V), 32’ st Gianotti (P), 38’ st Emmanuello (P).
ESPULSI: 38’ st Cavaliere (V), 40’ st Emmanuello (P).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400