Cerca

Under 19

G.Centallo-Garino: Bove la sblocca nei primi minuti, nella ripresa ci pensano Barale e Forneris a ribaltarla

Grande vittoria in rimonta dei padroni di casa che superano i vinovesi per 2-1 alla fine di una ostica partita

Francesco Forneris (G. Centallo)

Il centrocampista classe 2004, Francesco Forneris, ha deciso la gara contro il Garino grazie un'ottima punizione calciata dalla lunga distanza.

Le vittorie in rimonta sono sempre le più emozionanti ed insperate e il Centallo di Garello lo ha imparato bene quest'oggi, ribaltando lo svantaggio maturato nella prima parte di gara e trionfando infine sul Garino di Gaudino con il risultato di 2-1. I centallesi, che hanno fatto del possesso palla la loro arma principale, non hanno avuto vita facile contro degli ospiti sempre ben piazzati in mezzo al campo e reattivi nell'arginare le offese avversarie; dall'altra, se la formazione torinese è stata efficace nel limitare le azioni dei padroni di casa, allo stesso tempo non è stata altrettanto concreta nello sfruttare le (poche) occasioni da gol concepite nel corso dei novanta minuti e alla fine ha dovuto pagare dazio per le proprie disattenzioni nella rispettiva trequarti. Tre punti in saccoccia per i cuneesi, che si godono al meglio il ritorno al calcio giocato e possono già guardare avanti verso il prossimo impegno contro il Pancalieri Castagnole.

Bove a bruciapelo. Entrambe le formazioni scendono in campo con il 4-3-3, con il tridente Monge-Gabutto-Barale in contrapposizione a quello formato da Saddi-Bove-Sodano, ma Garello opta per una soluzione più offensiva, ovverosia con Fenoglio al centro ma in posizione più alta, mentre Gaudino risulta più conservatore e piazza Zaccaria davanti alla linea difensiva, facendogli fare in alcuni casi quasi il quinto difensore. I padroni di casa partono subito forte e già al 9' vanno alla conclusione in porta, con la punizione di Forneris che trapassa la barriera e deve impegnare Losano (che da qui in avanti sarà uno dei maggiori protagonisti della gara). Nonostante un avvio più spigliato da parte dei centallesi, è l'altra compagine a sbloccare per prima il risultato, concretizzando al meglio il proprio punto forte, ossia le ripartenze: Saddi recupera palla a centrocampo, avanza di qualche metro e poi lancia in direzione di Bove, che uno contro uno con il portiere non sbaglia e insacca senza troppi problemi in fondo alla rete. Un risultato inaspettato per i cuneesi, che accusano il colpo e vengono assaliti dal nervosismo (reclamando anche una possibile posizione irregolare del centravanti avversario), mentre gli avversari gestiscono con maggiore calma e fanno girare il pallone in maniera efficace, andando infatti vicini al raddoppio con Sodano, su un bello spunto del solito Saddi. Dopo qualche attimo di traballamento - in cui il Garino ha dovuto anche sostituire Sadraoui non al top della condizione - il Centallo ritrova coraggio e negli ultimi dodici minuti del primo tempo cerca in tutti i modi di pareggiare i conti: al 33' Gabutto viene servito con un lancio lungo, aggancia in area e cerca la conclusione ma Diano mura il suo tentativo; al 38', invece, Monge prova a trasformare un cross di De Stefano dalla destra con una semirovesciata, tuttavia, la sua acrobazia finisce sopra la traversa; infine, al 43' Monge si accentra dalla destra e prova a sorprendere Losano, che però para in scioltezza. L'ultima grande opportunità del primo tempo passa però sui piedi del Garino, con la fantastica punizione di Zaccaria che si stampa sull'incrocio dei pali, graziando in tal modo Re. 0-1 al duplice fischio, dunque, con la calma dei vinovesi che fino a questo momento ha avuto la meglio sull'agitazione dei cuneesi.

Rimonta completata. Al rientro dagli spogliatoi, le formazioni non sono cambiate ma sono sicuramente mutati gli animi in campo: i padroni di casa risultano fin da subito più sciolti, mentre gli ospiti sembrano avere perso un po' di certezze. Al 3' Brignone raccoglie una punizione dalla destra e prova a insaccare la sfera oltre la linea di porta, ma Losano è reattivo e gli nega il gol; pochi minuti dopo, il portiere del Garino replica con un altro grande intervento su Gabutto, ottimamente servito da Barale. La Giovanile Centallo insiste e alla fine riesce a trovare la rete del pareggio al 17': Barale controlla bene un filtrante interessante e batte il portiere senza troppi problemi. L'1-1 galvanizza i centallesi, che qualche minuto dopo hanno l'opportunità di portarsi in vantaggio: Gabutto serve Monge, il cui tiro viene parato dal solito Losano, mentre sulla respinta si fionda Barale che da due passi e a porta sguarnita manca clamorosamente lo specchio e il gol della rimonta. I ragazzi di Gaudino non ci stanno e al 23' creano due palle gol importanti: Zaccaria lancia verso Saddi, che stoppa di spalle ma poi calcia sul fondo; pochi istanti dopo, la conclusione in area di Bove viene invece annullata da un tempestivo intervento di De Stefano. Gli ospiti finiscono però con lo schiacciarsi e la gestione del Centallo dà alla fine i suoi frutti: guadagnata una punizione dalla lunga distanza al 43', sul punto di battuta si presenta Forneris, che calciando forte ma rasoterra sorprende Losano (stavolta non perfetto nel tuffo) e imbuca la palla nell'angolino, regalando il primo successo in campionato per la propria squadra. A fatica, arrivano quindi i primi tre punti per Garello e i suoi giocatori, consapevoli che con i propri mezzi possono affrontare anche le sfide più difficili; dalla parte opposta, Gaudino può recriminare solamente qualche calo di concentrazione ma può gioire per la grande prova di carattere messa in campo dalla sua squadra.

IL TABELLINO

G.CENTALLO - GARINO 2-1
RETI (0-1; 2-1): 13' Bove (G), 17' st Barale (C), 43' st Forneris (C).
G. CENTALLO (4-3-3):
Re 6.5, Arnaudo 6 (26' st Ghione 6), Ghigo 6.5 (13' st Turco 6), Silvestro 6.5, Brignone 6.5, Monge 6.5 (3' st Ndry 6), Fenoglio 6.5 (13' st Crosetto 6), Forneris 8, Gabutto 6.5, Barale 7 (34' st Mare sv), De Stefano 6. All. Garello 6.5. A disposizione: Rosso, Mestriner, Trucco.
GARINO (4-3-3): Losano 6.5, Lanzoni 6 (6' st Buscemi 6.5), Molino 6.5, Zaccaria 6.5, Vicenzutto 7, Diano 6.5 (36' st Candelieri sv), Sodano 6.5 (31' st Matacchione 6), Sadraoui 6 (29' Fiore 6), Bove 7, Monagheddu 6.5, Saddi 7. All. Gaudino 6. A disposizione: Dinisi, Papandrea.
CARTELLINI: 7' Sadraoui (G), 9' Vicenzutto (G), 16' Silvestro (C), 30' Saddi (G), 40' Monge (C), 42' Lanzoni (G), 11' st Ghigo (C), 13' st Fiore (G), 33' st De Stefano (C), 46' st Mare (C).
ARBITRO: Vernassa di Bra 6: Direzione corretta senza eccessive sbavature, anche se ha il cartellino facile.

LE PAGELLE

GIOVANILE CENTALLO
Re 6.5 Pochi interventi ma buoni, si fa trovare sempre pronto e conferisce sicurezza alla linea difensiva. 
Arnaudo 6 Fa il proprio dovere sulla corsia di sinistra, anche se subisce le qualità e l'agilità di Sodano.
26’ st Ghione 6 Si piazza al centro della difesa e con la sua stazza non lascia passare neanche più una mosca.
Ghigo 6.5 Grande prova sulla fascia destra, contiene al meglio Saddi e i tentativi di arrembata da parte di Molino.
13’ st Turco 6 Svolge il suo compito come terzino destro senza particolari acuti.
Silvestro 6.5 Sempre attento, completa bene il pacchetto difensivo e cerca di ingabbiare il più possibile Bove.
Brignone 6.5 Prestazione di sostanza, arricchita anche da una succulenta occasione da gol annullata solamente da un grande gesto del portiere.
Monge 6.5 Lavora bene sia come ala sinistra che come ala destra: è sempre al centro dell'azione e sfiora un gol da cineteca con una lodevole acrobazia.
3’ st Ndry 6 Si propone spesso sulla fascia e si mette a disposizione della squadra ma i compagni non lo servono al meglio.
Fenoglio 6.5 Agisce da regista alto, dà importanti indicazioni ai propri compagni e interrompe le trame avversarie.
13’ st Crosetto 6 Fa il suo in mezzo al campo senza mettersi particolarmente in mostra, creando densità. 
Forneris 8 Sembra quasi avere energie infinite, lottando in ogni zona del campo e sudando su ogni pallone, ma soprattutto sigla il gol della vittoria con una punizione spaziale.
Gabutto 6.5 Importantissimo perno offensivo del Centallo, agisce da boa e il gioco passa sempre dai suoi piedi, anche perché è bravo a addomesticare qualunque pallone.
Barale 7 Prende spesso l'iniziativa partendo dalla fascia e poi accentrandosi: sigla il gol del pareggio ma l'occasione sciupata a porta spalancata gli costa un mezzo voto. (34’ st Mare sv).
De Stefano 6 Di positivo ha la tenacia, non mollando nemmeno un centimetro, tuttavia affretta troppo la giocata sprecando infatti diversi passaggi.
All. Garello 6.5 Ottiene una vittoria lottando con le unghie e con i denti, ma soprattutto lavorando sul piano psicologico dopo che la partita era incominciata con un alto tasso di nervosismo: rimonta completata e primi tre punti in saccoccia.

GARINO
Losano 6.5 In pagella paga sicuramente l'insicurezza sul gol di Forneris, per il resto è autore di una gara sontuosa, nella quale deve avere compiuto circa una decina di parate.
Lanzoni 6 Fa il proprio sulla fascia destra, sicuramente contenere elementi come Monge o Barale non è una passeggiata.
6’ st Buscemi 6.5 Ci mette fin da subito carattere e sostanza, non facendosi mettere mai i piedi in testa.
Molino 6.5 Il capitano lavora bene (anche se con qualche calo di concentrazione) sulla corsia di sinistra, vince molti rimpalli ed è bravo nel ripartire palla al piede: una sicurezza.
Zaccaria 6.5 Giganteggia in mezzo al campo non solo per il suo fisico imponente ma anche per la qualità che mette in ogni giocata e in ogni recupero di palla; l'incrocio dei pali colpito su punizione prima dell'intervallo grida ancora vendetta.
Vicenzutto 7 Quasi perfetto in difesa, riuscendo a tenere a bada Gabutto e il resto del tridente senza troppe problematiche.
Diano 6.5 Ottimo compagno di reparto per Vicenzutto, fa muro il più possibile (compreso il tiro di Gabutto) e non concede spazi. (36’ st Candelieri sv).
Sodano 6.5 L'elemento probabilmente di maggiore qualità nel tridente del Garino, capace di creare superiorità numerica praticamente da solo grazie a un paio di controlli palla ben effettuati.
31’ st Matacchione 6 Fa il suo, tuttavia non ha abbastanza tempo e spazio per riuscire a incidere.
Sadraoui 6 Non male finché in campo, ma si ritrova costretto a lasciare anzitempo il terreno di gioco.
29’ Fiore 6 Si vede poche volte e risulta scarsamente coinvolto dai propri compagni, aiuta però a creare densità in mezzo al campo.
Bove 7 Concretizza al meglio possibile il primo pallone buttato in avanti e sul filo del fuorigioco buca Re: per il resto, partita di sacrifici e sportellate per il centravanti rossoblù. 
Monagheddu 6.5 Prestazione di qualità a centrocampo per il classe 2003, dialoga spesso con Saddi e gioca dei palloni interessanti.
Saddi 7 Sforna l'assist per il gol del vantaggio e ne confeziona un altro pochi minuti dopo: il motore del collettivo vinovese, preferisce partire dal centro e imbastire il gioco piuttosto che giocare alto e largo come fa presumere la sua disposizione in campo.
All. Gaudino 6 La solidità e la compattezza sono i punti forti del gruppo, due doti che risultano efficaci finché non emergono alcune incertezze fra i giocatori: tiene botta fino all'ultimo ma occorre maggiore pericolosità nelle manovre offensive.

LE INTERVISTE

«Il primo gol del Garino sembrava in fuorigioco e ci ha innervosito - spiega Mariano Garello (Giovanile Centallo) - Loro sono stati bravi a metterci in difficoltà, senza creare grosse occasioni; noi abbiamo prodotto ma non trovavano il gol nonostante avessimo giocato bene. Forneris ha fatto un bellissimo gol e ci ha tolto alla fine le castagne del fuoco. Bisognava segnare di più ma ci abbiamo creduto e l’abbiamo portata a casa. Dobbiamo affrontare una gara per volta: abbiamo una linea molto giovane con tanti 2004, abbiamo potenzialità ma affrontiamo spesso squadre con elementi con un paio di anni di più. Penso che quest'oggi abbiamo fatto la nostra gara e il risultato sia giusto».

«Siamo partiti in vantaggio con una bella azione, eravamo messi bene in campo ed era difficile farci gol, nella ripresa ho fatto dei cambi forzati che hanno determinato il risultato - afferma Daniele Gaudino (Garino) - Il pareggio sarebbe stato giusto però i nostri due errori ci hanno condannato: mi dispiace molto per oggi perché potevamo fare almeno un punto. Il portiere ha fatto molto bene ma ha preso gol dalla distanza e a mio avviso non si può subire gol con un pallone calciato da trenta metri».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400