Cerca

Under 19

Ospitaletto-Bedizzolese: lavoretto a Maglio con i Ferri e gran ricamo granata, anche Mzoughi in gol nel primo tempo per i Petrone boys

Primo successo in trasferta per i granata che proseguono sulla scia della coppa, per gli orange non basta la pezza del solito Casanova

Federico Maglio Bedizzolese

Federico Maglio, 2003, dopo la rete siglata contro il Vobarno al dubotto in coppa, altra replica del diez granata stavolta dopo aver inizialmente sbagliato il penalty

Granata il cielo sopra il “Corioni”. Ancora un altro debutto positivo, stavolta in campionato, per la banda di Massimo Petrone che è andata ad Ospitaletto ad imporre un 3-1 a domicilio di tutto rispetto, grazie a Mzoughi prima del duplice fischio, super Ferri e Maglio nel finale di gara. Dopo una lunga attesa finalmente è ripartito il Circus dei Regionali Under 19 e con esso tutte le battaglie che ne conseguono. In campo in questo primo turno di stagione allo stadio “Gino Corioni” di Ospitaletto gli orange di Parzani a far gli onori di casa ai granata di Petrone, due squadre ben organizzate e con ancora un potenziale molto alto da esprimere. Siamo però ai primi scampoli di stagione, un periodo di rodaggio pur sempre necessario visto che la miglior condizione è di là da venire. L’intensità tuttavia non è mancata nemmeno stavolta, soprattuto nella prima parte di gara e per buoni tratti della seconda. Ma, fortunatamente, non era la prima partita ufficiale per entrambe, perché dopo i lunghi mesi di attesa a precedere l’inizio della regolar season c’è stata anche la partenza del Bresciaoggi - la champions bresciana - mai così sentita come quest’anno, nell’anno della grande riforma in Next Generation e Challenge. Per la Bedizzolese debutto vincente nella partita in cui Ferri e Maglio (sempre loro!) hanno tolto le castagne dal fuoco contro il Rovato, mentre per l’Ospitaletto pari rocambolesco contro il Valtrompia dove ben 4 marcature non sono bastata a garantire il successo, con il pareggio maturato in extra-time grazie al solito Casanova (in rete anche stavolta).

Fattore X. Volevano mettersi alle spalle il pari di coppa e così partivano subito forte i locali dimostrando grande condizione atletica fin dall’avvio. Padroni di casa in tradizionale casacca orange, mentre ospiti in divisa bianca e calzettoni amaranto. Il tecnico di casa optava subito per un 4-3-3, mentre ospiti in versione 4-2-3-1. Prima decina di minuti di marca bedizzolese con trame in grande velocità alla ricerca dello sfondamento centrale con Maglio e Ben Zaied, tra i più reattivi in questa fase. Dall’altra parte della barricata buona guardia da parte di Garbellini e Spada. In apertura a testare i rilessi di Corsini era Maglio, bravo nell’andar via sulla sinistra e calciare nello specchio, dove però c’è stata la pronta risposta del portiere. Rispondeva poco dopo Pecoraro, che in maniera fortunosa andava a centrare la traversa dalla destra: pericolo, ma l’impressione era che Polo fosse sulla traiettoria. Santa traversa graziava ancora qualche giro di lancette più tardi lo stesso Polo, con Casanova che da fuori si avvicinava al bersaglio grosso baciando il legno. Un indizio fa un sospetto e due una prova, così ecco il vantaggio dell’Ospitaletto scavallato il quarto d’ora con ancora Casanova che stavolta incrociava senza lasciare scampo all’estremo avversario. Ospitaletto meritatamente in vantaggio e Bedizzolese in debito con la fortuna. Anche se a seguito di un’azione sviluppatasi sulla destra Mzoughi avrebbe potuto rimettere in patta di testa, ma una volta anticipato Pecoraro l’attaccante metteva a lato. Prima del duplice fischio ancora sfortuna e fortuna al contempo per Mzughi, che dai 25 metri centrava la traversa su punizione, ma poi si rifaceva pareggiando i conti con un tiro beffardo dal limite (centrale) che Corsini - inspiegabilmente - non respingeva: l’effetto era di quelli davvero velenosi, la classica palle che cambia traiettoria all’ultimo senza lasciare scampo. Uno uno e pausa lunga.

Ferri corti. La Bedizzolese ripartiva subito forte per provare a portarsi avanti, galvanizzata dalle urla incendiarie di Petrone negli spogliatoi. Per Parzani, invece, la scelta è stata quella di rimanere sul terreno di gioco per fruire della brezza serale. Dentro in difesa Bertoni al posto di Garbellini, forse per problemi fisici accusati dal centrale. Entrava anche Gutta per Santini, sempre nelle fila orange, nella speranza di dare più velocità in mezzo. E così, dopo un primo momento dove la Bedizzolese infuriava, il baricentro tornava a riposizionarsi al centro del terreno di gioco, con l’Ospitaletto nuovamente più bilanciato. Al quarto d’ora dentro anche Franzelli per Amato, il primo cambio nelle fila ospiti. Partita sempre molto frenetica ed a scarso risparmio energetico, con entrambe le squadre - in perfetta parità - che volevano il bottino pieno senza fare prigionieri. Poteva davvero segnare o l’una o l’altra in questa fase, il tutto era molto precario. Sugli sviluppi di una palla inattiva, bella girata di Ferri che iniziava a prendere le misure della porta. Dopo altri cambi, ritmo in aumento anche forse grazie alla clemenza del clima. Le squadre si allungavano e le folate da una parte e dall’altra non mancavano, mostrando comunque due squadre che non si accontentavano dal punto di vista del risultato. Di occasione limpidissime però nemmeno l’ombra, finché la Bedizzolese non metteva la freccia nel finale con Ferri (e chi se non lui), su un’altra palla inattiva, una testata di quelle da copertina che lasciava Corsini impotente. Grande incornata e 3 punti meritati per gli ospiti, vista la voglia di provarci fino all’ultimo, perché se ai punti poteva essere un pari (un tempo a testa), la Bedizzolese si era comunque dimostrata più tenace nel finale, e più pericolosa su palla inattiva. Spazio sul tabellino marcatori in chiusura anche per Maglio, il diez, il quale si era procurato un rigore che dapprima aveva sbagliato, per poi correggersi sulla respinta per il definitivo 3-1 granata. Applausi comunque per entrambe.

IL TABELLINO

OSPITALETTO-BEDIZZOLESE 1-3
RETI 19’ pt Casanova (O), 43’ pt Mzoughi (B), 40’ st Ferri, 46’ st Maglio (B).
OSPITALETTO (4-3-3) Corsini, Pecoraro, Veraldi, Spada, Angoli, Garbellini (1’ st Bertoni), Longhi (40’ st Filippi), Santini (1’ st Gutta), Casanova (30’ st Masskouri), Maggi (40’ st Danesi), Rossi. A disp. Mantuano, Abeni, Passarella, De Simone. All. Massimo Parzani.
BEDIZZOLESE (4-4-2) Polo, Amato (16’ st Franzelli), Palazzi (29’ st Dalipi), Stretti, Ferri, Barbieri, Amoah, Bonetti, Ben Zaied (25’ st Badri), Maglio (47’ st Fezallari), Mzoughi (32’ st Lonati). A disp. Gaiani, Alberti, Ali. All. Massimo Petrone.
ARBITRO Andrea Prandelli di Brescia.


LE PAGELLE

OSPITALETTO
Corsini 5.5 Reattivo in apertura quando la Bedizzolese parte forte, richiama bene i compagni mostrando buona personalità, poi sfodera i super poteri su Maglio. Graziato dalla traversa in chiusura di primo tempo, sul pari qualche responsabilità ma si riscatta neutralizzando “quasi” un rigore nella ripresa.
Pecoraro 6 Fa buona guardia e dimostra un buon senso della posizione, non era facile contenere Mzoughi nella sua zona: peccato per la traversa colpita nel primo tempo.
Veraldi 6.5 Buona spinta sul versante sinistro, dalla sua parte c’è Amoah che quando scatta alza i ciuffi d’erba, ma lui lo controlla con mestiere.
Spada 6 Grande fisicità, non si lascia intimorire e al centro della difesa chiude più di una falla. Concentrato al punto giusto e sempre in posizione.
Angoli 6 Gara altalenante, a volte smista il traffico, a volte è costretto a ripiegare troppo: non era facile, ma alla distanza accusa il forcing ospite. Può fare meglio.
Garbellini 6 Solo un tempo per lui, poi forse non è ancora al meglio ed è costretto al cambio.
1’ st Bertoni 6 Dà maggior fisicità al reparto arretrato e non fa rimpiangere il compagno, bene sul piano caratteriale.
Longhi 6 Bene il primo tempo, soffre nella ripresa per via del maggior forcing avversario, da migliorare la tenuta atletica. Però buona la velocità espressa nel gioco. (40’ st Filippi sv).
Santini 6 Tirato giù dopo un tempo per consentirgli di ritrovare la miglior condizione, poco a poco avrà maggior minuti per dimostrare il suo valore.
1’ st Gutta 6 Dà dinamismo alla manovra, buon impatto sul match.
Casanova 7 Grande gara, prima centra la traversa e poi porta i suoi in vantaggio con un movimento da grande punta. Arretra troppo nella ripresa ed un peccato, stava facendo benissimo. (30’ st Masskouri sv).
Maggi 6 Meglio il primo del secondo tempo, qualche dribbling prova a portarlo a casa ma spesso trova Palazzi a frapporglisi nella sua zona: può dare tanto di più. (40’ st Danesi sv).
Rossi 6.5 Sempre molto efficace quando ha la palla tra i piedi, peccato che la squadra non lo mandi troppo spesso in profondità.
All. Parzani 5.5 Brutto scivolone in casa con 7 gol subiti nelle prime due gare ufficiali: la vittoria tarda ad arrivare ed è un peccato perché i suoi avevano mostrato buone trame offensive e buon ritmo. Da registrare la difesa.

BEDIZZOLESE
Polo 6.5 Graziato due volte dalla traversa, poi non può nulla sul terzo tentativo di Casanova. Nel complesso offre buone garanzie dietro.
Amato 6.5 A volte perde il tempo per metterla in mezzo ma la grinta con la quale rincorre l’avversario è ammirevole, generoso. (16’ st Franzelli sv).
Palazzi 6.5 Buona la spinta sulla sinistra, e anche quando si incolla al dirimpettaio costringendolo allo sbaglio: niente male, peccato per essere incappato nel suo primo crampo da calciatore. (29’ st Dalipi sv).
Stretti 7 Qualche affanno nella prima parte ma poi cresce alla distanza e garantisce una buona solidità al reparto arretrato, prova di tutto rispetto.
Ferri 7.5 Bel senso della posizione e grande pericolosità sulle palle inattive, non per nulla è lui ha risolvere il discorso nel finale: che prova!
Barbieri 6.5 Fa legna nel mezzo, sempre arcigno da saltare e molto efficace nelle chiusure, contiene con discreto successo la mediana dell’Ospitaletto.
Amoah 6.5 Buoni tentativi dalla distanza, appena si accentra prova sempre a mettere nel suo campo visivo la porta e questo non è male, deve solo aumentare la portata del tiro.
Bonetti 7 Sale in cattedra nella seconda parte di partita e rimette sul binario giusto i suoi, a tratti un poco spaesati.
Ben Zaied 6 Sempre in agguato ma con poche occasioni nella prima parte di gara, poi nella ripresa non riesce a mordere: sarà perla prossima. (25’ st Badri sv).
Maglio 7 Parte molto bene, è uno dei più reattivi ma quando i difensori gli prendono le misure fatica a divincolarsi dalla marcatura. Si ridesta nella ripresa quando trasforma il penalty per la sua seconda rete stagione dopo quella in cosa. (47’ st Fezallari sv).
Mzoughi 7 Manca il pareggio di testa, nel momento più difficile per i suoi quando la squadra faticava a sbloccarla. Traversa al tramonto di prima frazione su punizione e poi gol del pari, con la complicità del portiere. (32’ st Lonati sv).
All. Petrone 7 La squadra non demorde e anche in trasferta - anche se non sempre continuativamente - va alla caccia della vittoria: ne vengono fuori 3 punti molto pesanti e su questo campo non era facile. Avvio positivo, come risultati e atletismo sia in campionato che in coppa.

ARBITRO
Prandelli di Brescia 7
Partita abbastanza difficile visti i ritmi di gioco, non di certo da calcio d’agosto. Lui però la controlla con la giusta attenzione e la giusta autorevolezza, e cose non è costretto ad usare le maniere forti. Molto bene.

LE INTERVISTE

MASSIMO PARZANI, TECNICO OSPITALETTO
All’inizio, finché la sua squadra è rimasta in vantaggio, Massimo Parzani, tecnico locale, aveva senz’altro accarezzato l’idea di portarla pure a casa, dato il gioco e l’atteggiamento proposto dai suoi. La squadra si fa raggiungere nel finale dei due tempi, prima facendosi raggiungere sulla fine del primo, poi facendosi superare sul tramonto del secondo. Questo il suo commento a caldo: «Secondo me non abbiamo giocato bene il primo tempo, eravamo molto lunghi tra le linee anche se siamo andati subito in vantaggio: peccato per l’infortunio del portiere ma comunque ci può stare. Meglio il secondo tempo, dove chi segnava prima vinceva: è stata una partita abbastanza equilibrata nel complesso. Poi su una palla inattiva è nato il gol del 2-1 che ci ha spezzato le gambe a 5’ dalla fine e da lì non siamo più stati capaci di riprenderla. Credo che se abbiamo preso in due partite 7 gol c’è qualcosa da rivedere in fase difensiva, ovviamente. Abbiamo un bel gioco offensivo però bisogna cercare i giusti equilibri per non prendere ogni vostra 3-4 reti».

MASSIMO PETRONE, TECNICO BEDIZZOLESE
Grande soddisfazione al termine della gara per un risultato che non era certamente scontato alla vigilia del match. Con questi 3 punti Massimo Petrone, tecnico granata, può vantare una partenza di tutto rispetto sia in campionato che in coppa. Questa la sua analisi nel post gara: «Non bene nel promo, non eravamo disordinati e non abbiamo giocato da squadra: gli avversari erano giustamente il vantaggio. Nel secondo tempo, invece, siamo usciti nel finale perché abbiamo iniziato ad essere ordinati e infatti abbiamo ribaltato il risultato. Vinto meritatamente, inizio di campionato e coppa Brescia positivo. Speriamo di continuare così. Speriamo sia l'inizio di una lunga serie. Mi è piaciuto il secondo tempo perché nel primo tempo onestamente da salvare ce n’erano pochi. Mentre nel secondo tempo direi che tutti hanno fatto la loro parte. Non possiamo però concedere 30-35 minuti agli avversari perché poi potremmo non avere più la forza di recuperare una prossima volta. Tante cose ancora migliorate migliorabili».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400