Cerca

Under 19

Villa-Calvairate: Vitali decide su rigore la sfida più accesa del Girone B

Nel finale rosso a Carini e Beccaria trasportato al Pronto Soccorso per un colpo alla nuca

Lettieri Calvairate

Emanuele Lettieri, tra i migliori della formazione ospite

Lotta, suda, ma vince. La Calvairate in casa del Villa fa tre su tre al termine di una vera e propria battaglia, soprattutto nel corso del secondo tempo. Le occasioni da gol scarseggiano per tutti i 90' e regna il nervosismo nella sfida più accesa di un sabato che non vede alcun pareggio nel Girone B. L'1-1 determinato dai gol di Ghebremariam e di Adamo nella prima frazione di gioco, infatti, viene stravolto dal calcio di rigore al 38' della ripresa siglato da Vitali. Un gol che arriva nelle ultime battute del match e che viene siglato dal primo sostituto della partita, entrato in campo già al 24' per l'infortunio di Francesco Roversi, che dopo un contrasto di gioco cade e si vede uscire la spalla.

L'episodio arriva a ridosso delle due reti messe a segno nel corso del primo tempo: a sbloccare i conti per la Calvairate è appunto Ghebremariam, che calcia da fuori e ringrazia un incerto Conte, mentre a pareggiarli alla mezz'ora per il Villa è Adamo, che conclude di controbalzo una bella azione sviluppata dal centro verso destra con tre passaggi di prima, l'ultimo di Gherlinzoni per l'assist. Le due squadre vanno dunque negli spogliatoi sul risultato di 1-1 e rientrano sul terreno di gioco più agguerrite di prima. La sfida si gioca principalmente in mezzo al campo, con qualche brivido per un paio di palle inattive, ma nulla di concreto. Come spesso accade, dunque, a sbloccare il match è un episodio: a dieci minuti dalla fine, infatti, gli ospiti guadagnano un calcio di rigore per un contatto in area su una palla diretta verso la bandierina e si riportano in vantaggio grazie al subentrato Vitali.

Uno scarto minimo che resiste fino alla fine, anche quando Carini viene espulso direttamente per un fallo di reazione e lascia in 10 la formazione di Curioni, che riesce comunque a festeggiare gli ennesimi tre punti e la vetta della classifica condivisa con l'Ardor Lazzate. Tra le fila del Villa, invece, a pagare le spese di una sfida dagli animi caldi anche a gara terminata è Beccaria, colpito alla nuca e portato al Pronto Soccorso con perdita parziale della memoria e di ritorno a casa con l'esito negativo della tac. 

«È stata una partita tosta, combattuta - spiega Siliotto, tecnico del Villa -, con un gioco un po' rude da tutte e due le parti, favorito da un arbitraggio non impeccabile. Loro hanno fatto bene nei primi 20 minuti, poi ci siamo ripresi e il primo tempo è stato equilibrato. Nella ripresa invece c'è stato tanto nervosismo e poco gioco. Abbiamo fatto male entrambi, cercando sempre la palla alta, e secondo me un pareggio sarebbe stato più giusto perché penso che nessuna delle due squadre meritava di fare punti». Il commento nel postgara dell'allenatore di casa viene supportato anche dalle parole del collega Curioni, che infatti spiega: «È stata una partita da 4/5 espulsioni. Noi cercavamo di giocare da dietro e loro ci lasciavano un po' di spazio per pressare dalla nostra trequarti. Abbiamo provato a fare qualche giocata, ma ci aspettavano con la loro aggressività. Sono situazioni che dovevamo gestire meglio, ma è stata una gara un po' a sprazzi sotto il punto di vista delle giocate. Nel primo tempo noi alla prima mezza conclusione abbiamo fatto gol, mentre loro hanno fatto una bella azione in velocità sul pareggio, una delle poche azioni pulite della partita. Dopo è stata una sfida equilibrata, c'è stato qualche calcio piazzato ma nessuna delle due squadre ne ha approfittato. Infine è venuto fuori quel rigore: in un momento dove eravamo riusciti a contrastare le loro azioni e rubavamo palla a centrocampo, in una di queste occasioni ci siamo portati in area e abbiamo guadagnato l'occasione per vincere».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400