Cerca

Under 19

Pro Eureka-Ivrea Calcio: Frizzi riprende Barbagallo, ma gli eporediesi strappano un punto d'oro in trasferta

Termina 1-1 lo scontro in vetta al girone B: il solito Frizzi riprende l'Ivrea dal dischetto, ma il tentativo di rimonta blucerchiato s'infrange contro il muro difensivo di Conta

Matteo Celeghin e Luca Barbagallo, difensori dell'Ivrea under 19

La retroguardia eporediese regge l'assalto settimese sull'asse Celeghin-Barbagallo

Il big-match della ottava giornata di Under 19 regionale tra Pro Eureka  e Ivrea finisce con un 1-1 che accontenta solo il Quincitava, adesso da solo in vetta alla classifica del girone - anche in virtù della clamorosa sconfitta di Rivarolo del Volpiano. Dopo otto lunghe giornate, al termine di un primo "mini-blocco" di partite, era giunto il primo fatidico scontro diretto tra due delle quattro squadre in vetta al girone B. Appaiate a 18 punti in classifica, con una sola sconfitta rimediata da ambo le parti, i settimesi blucerchiati ospitavano i temibili orange eporediesi, miglior attacco del girone e, soprattutto, miglior difesa dell'intero panorama di under 19 regionale, con solo tre reti al passivo. Il tecnico di casa Luca Moreo arrivava al big match in fiducia, dopo che settimana scorsa la sue formazione era riuscita ad espugnare per 2-1 il difficile campo di Charvensod giocando "forse il miglior calcio della stagione". L'unico particolare un po' ambiguo dei casalinghi allenati dal giovane ex centrocampista rimaneva la finalizzazione: perchè se da un lato la squadra aveva fino ad ora realizzato ben 21 reti in 7 partite, dall'altro il capocannoniere risultava essere Giovanni Frizzi, terzino sinistro con 6 gol all'attivo di cui 5 su rigore. Dal canto opposto, l'allenatore avversario Luca Conta si godeva il grande momento di forma dei suoi, in striscia positiva da 6 partite, con la coppia terribile Bonaccorsi-Actis a capo della speciale classifica marcatori e con un reparto difensivo organizzatissimo, tanto da aver ottenuto ben 6 clean-sheat stagionali, anche grazie alle parate di un sempre attento Alice. Schierate entrambe con un 4-3-3 simmetrico, il rischio di andare incontro ad una sfida bloccata e caratterizzata dalla paura di perdere era preventivabile e il terreno di gioco in pessime condizioni non ha di certo aiutato nel garantire un match spettacolare.

Incornata di Barbagallo. I primi minuti del match sono all'insegna dello studio tra le parti: la squadra di Moreo gira tanto palla nella propria metà campo aspettando di saltare un eventuale pressing avversario e di trovare spazi tra le linee, mentre gli ospiti di Conta preferiscono temporeggiare dietro la linea del pallone, soprattutto per adattarsi al campo e al gioco dei padroni di casa. La partita è dunque molto bloccata nelle prime fasi e i blucerchiati non trovano alcun pertugio nel fortino difensivo ospite; unico squillo è affidato al sinistro alto di Actis Grande al 10'. Dal nulla la sfida si accende al 17': su un lancio lungo nel vuoto, Actis Perino va in pressione su Cabrini che ingenuamente sbaglia il retropassaggio e concedendo un corner. Dagli sviluppi dell'angolo calciato da Bonaccorsi, Barbagallo svetta tutto solo nel cuore dell'area di rigore dell'Eureka e incorna alle spalle di un immobile Petruzzella. Con il gol siglato, l'inerzia del match sembra essere tutta dalla parte dell'Ivrea che gestisce il risultato per lunghi tratti della prima frazione senza essere impensierita dalle avvisaglie settimesi un po' confusionarie. Al 25' addirittura gli eporediesi vanno vicini al 2/2, con una bella imbucata di Actis Perino mal conclusa da posizione defilata da Cagnin. Le uniche chances per i ragazzi di Moreo si palesano su calcio piazzato, con alcuni tentativi da parte di Starnai non andati a buon fine. A salvare dalle poche idee i padroni di casa ci pensa dunque il direttore di gara che senza recupero manda tutti negli spogliatoi.

Rimonta a metà. Riordinate le idee, i settimesi rientrano in campo con un nuovo assetto di 4-2-4 più offensivo, inserendo Emmanuello al posto di uno spento Giannini, e, pochi istanti dopo, il fantasista Sardo al posto di Curcio, disinnescato dalla solidità di capitan Celeghin. Al 9'st la scelta del tecnico di casa sembra poter pagare: proprio Sardo si trova infatti a tu per tu con Alice, ma il portiere eporediese è bravissimo a rimanere in piedi fino alla fine e a murare il destro dell'esterno di casa. Sulla respinta l'azione poi continua, ma né Modica, né Demaria riescono a buttare dentro il pallone. Un minuto dopo arriva un episodio che potrebbe completamente indirizzare il match: Starnai già ammonito nel primo tempo sgambetta Zamuner e rimedia il secondo giallo. Se l'espulsione avrebbe steso qualsiasi altra formazione, la squadra di casa invece inizia a crescere di qualità e agonismo ed entra definitivamente nel match. In un contesto di tensione, con molti cartellini estratti dal direttore di gara in pochi minuti, la Pro emerge e risorge. Con una bella incursione partita da destra, Actis Grande penetra in area e viene contrastato da Celeghin: per l'arbitro è calcio di rigore, episodio molto dubbio che scatena polemiche tra i sostenitori in tribuna accorsi a vedere il match odierno e nella panchina eporediese, i quali sostengono che il proprio difensore abbia preso la palla e non la gamba dell'esterno blucerchiato. Dal dischetto comunque si presenta il solito Frizzi che freddo spiazza Alice e ristabilisce la parità. Dopo il gol si susseguono svariate sortite dei casalinghi, tutte però stoppate sul nascere dalla retroguardia di Conta. Con pochi sussulti degni di nota, termina con un pari la sfida tanto attesa del weekend calcistico della juniores regionale, con il tecnico di casa amareggiato per il primo tempo mal gestito e invece l'allenatore degli orange soddisfatto di avere affrontato con la giusta testa il primo scontro al vertice del girone contro una squadra di qualità indiscusse.

IL TABELLINO

PRO EUREKA-IVREA CALCIO 1-1 RETI (0-1, 1-1): 17' Barbagallo (I), 23' st rig. Frizzi (P).

PRO EUREKA (4-3-3): Petruzzella 5.5, Lorello 5.5 (1' st Caffaro Rore 6), Frizzi 6.5, Modica 7, Cabrini 5.5, Boeri 6, Giannini 6 (1' st Emmanuello 6), Starnai 5, Curcio 6.5 (8' st Sardo 6.5), Demaria 6 (31' st Bergo sv), Actis Grande 7.5. A disp. Fasolato Andrea, Mulas, Petrullo, Monetta. All. Moreo 6.

IVREA CALCIO (4-3-3): Alice 6.5, Peretti 6.5, Vottero 6 (16' st Pipicella 6.5), Tapparo 6, Barbagallo 7, Celeghin 7, Bonaccorsi Mat. 7 (31' st Mantoan 6.5), Cagnin 6.5 (31' st Fortina 6), Actis Perino 6.5 (24' st Del Mestre 6), De Masi 6, Zamuner 6.5. A disp. Toscano, Gillio Gabriele, Lantermo, Moia, Re. All. Conta 6.5.

ARBITRO: Genre di Collegno 5.

AMMONITI: 30' Celeghin[02] (I), 35' Barbagallo (I), 39' Starnai[03] (P), 2' st Modica (P), 4' st Caffaro Rore (P), 8' st Peretti[04] (I), 33' st De Masi (I), 46' st Fortina (I).

ESPULSI: 10' st Starnai (P).

LE PAGELLE

PRO EUREKA

Petruzzella 5.5 Sul retropassaggio sbagliato di Cabrini non ha totalmente colpa, mentre sul corner rimane piantato, quando avrebbe potuto farsi sentire e uscire sul traversone i piena area piccola.

Lorello 5.5 Non spinge mai e lascia spesso qualche dubbio in fase difensiva, nonostante il suo diretto avversario oggi non avesse come obiettivo quello di attaccare, quanto di coprire sulla linea dei centrocampisti.

1' st Caffaro Rore 6 Entra nel momento migliore della squadra e non viene mai impensierito. Prova a proporsi dunque in avanti qualche volta, nonostante si vede come non sia il suo pane.

Frizzi 6.5 Primo tempo bruttino, un po' anonimo. Cambia marcia nella ripresa con la solita buona tecnica e segna il sesto rigore consecutivo che vale un buon pareggio.

Modica 7 Fotografia della partita della Pro: primo tempo deludente e insufficiente, secondo tempo di grande livello. E' su ogni pallone e gestisce da solo il centrocampo privato di Starnai con grande intelligenza e duttilità.

Cabrini 5.5 Molto male in occasione del corner concesso che ha portato al gol, perché prima lascia sfilare il pallone invece di batterlo e poi sbaglia il passaggio all'indietro all'estremo difensore. Nella gestione poi è spesso il più frettoloso della squadra, sparacchiando un'infinità di palloni in avanti.

Boeri 6 Meglio del compagno di reparto, soprattutto negli anticipi e nella solidità difensiva. 

Giannini 6 Parte spento e poi sul finire di tempo sembra essere il più vivace dei suoi, ma è sacrificato a metà match per cercare il pari con maggiore insistenza. 

1' st Emmanuello 6 Un po' poco, o meglio, da lui ci si aspetta sempre tanto e il suo ingresso è molle. Ha dalla sua il sapere tenere sempre impegnata la difesa anche con la sola presenza.

Starnai 5 Fa troppo il compitino ed è lento nella gestione della sfera. Doppio giallo ingenuo, soprattutto il secondo sapendo di avere già un'ammonizione sulle spalle, rischia di rovinare le speranze della sua squadra.

Curcio 6.5 Si batte senza freni tra i due massicci difensori eporediesi e prova a creare qualcosa davanti.

8' st Sardo 6.5 Entra e ha tra i piedi la palla del pari, ma colpisce in pieno il numero uno ospite. Nonostante ciò è frizzante il suo ingresso e da verve all'undici di Moreo.

Demaria 6 Anche lui un po' poco nel complesso, salta qualche volta il diretto concorrente ma è poco pericoloso ( 31' st Bergo sv).

Actis Grande 7.5 Sicuramente MVP di giornata. E' il pericolo numero uno per la difesa dell'Ivrea e nel secondo tempo si adatta addirittura centrocampista - tuttocampista forse dovremmo dire - dopo l'espulsione di Starnai. Guadagna il rigore del pari con malizia.

All. Moreo 6 Squadra senza idee nel primo tempo, nella ripresa cambia tutto, probabilmente proprio per i richiami insistenti e rabbiosi del tecnico. Bene per l'agonismo mostrato nella seconda frazione, ma serve qualcosa in più negli ultimi 30 metri. Piccola nota: forse Starnai andava sostituito a posteriori.

IVREA CALCIO

Alice 6.5 Decisivo nell'uno contro uno con Sardo ad inizio ripresa, bravo a rimanere in piedi fino all'ultimo e ad ipnotizzare l'attaccante settimese. Continua dunque per lui l'ottimo momento di forma.

Peretti 6.5 Bella la sua prova, sempre attento nelle diagonali e deciso nei contrasti. Difficile saltarlo, prova anche a proporsi in avanti, ma preferendo spesso stazionare nella propria metà campo.

Vottero 6 Partita pulita e ordinata, si ricorda in particolare una bella chiusura in extremis nel primo tempo sulla punizione tagliata di Starnai che poteva diventare insidiosa sul secondo palo.

16' st Pipicella 6.5 Ottimo ingresso, soprattutto per il contributo in qualche ripartenza sull'asse con Mantoan a sinistra.

Tapparo 6 Molto bene nel primo tempo, sia per quanto riguarda la regia della squadra, sia per la cattiveria nelle chiusure. Cala vistosamente nella ripresa, senza comunque mai togliere il piede.

Barbagallo 7 Prova totale del centrale ospite, puntuale nelle chiusure di testa e sulle seconde palle e soprattutto autore di un bel gol con uno stacco imperioso in area.

Celeghin 7 Prestazione rude, ma perfetta. Leader vero della formazione, non sbaglia i contrasti e vince tutti i duelli fisici. Sul rigore probabilmente prende la palla, ma con l'esperienza capirà che forse era meglio accompagnare fuori l'avversario piuttosto che intervenire. 

Bonaccorsi Mat. 7 Sempre vivace, salta l'uomo e dialoga bene con Actis Perino. E' il più pericoloso dei suoi e l'unico e poter produrre ripartenze nella ripresa.

31' st Mantoan 6.5 Spumeggiante, crea molto in pochi minuti e va vicino al gol del 2-1 con un bel tiro sul primo palo, che però termina sull'esterno della rete dando l'illusione del gol.

Cagnin 6.5 Arruolato con compiti difensivi si dimostra molto ordinato e fa bene la doppia fase, coprendo le sortite sulla sinistra e provando anche a inserirsi. Manca però di precisione in avanti.

31' st Fortina 6 Ingresso senza infamia e senza lode, lotta e partecipa al fortino degli ultimi minuti.

Actis Perino 6.5 Lasciato completamente solo in avanti, prova a impensierire la retroguardia pressando e lanciandosi in profondità. Non ha colpe se tocca pochi palloni in generale.

24' st Del Mestre 6  Si danna nel finale e prova con forza a sfondare centralmente, tenendo qualche pallone su.

De Masi 6 Il primo tempo è a doppio volto: parte male e non tocca palla per venti minuti abbondanti, poi sul finale di frazione è il migliore dei suoi. Secondo tempo tutto sommato positivo, dedicato alla fase difensiva.

Zamuner 6.5 Pimpante, nonostante la piccola stazza è su ogni pallone vagante, anche alto. Sul rigore ha qualche colpa di inesperienza, ma nel complesso ottima prova. 

All. Conta 6.5 Partita ben preparata in settimana e, nonostante il pari, di buon auspicio per il proseguo. Squadra ora consapevole dei propri mezzi e pronta per nuovi match avvincnenti.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400