Cerca

Under 19

Lentatese-Cinisello: Gentile e Lazzaro mettono la firma sulla cinquina ospite, Lorusso croce e delizia

Gli ospiti dominano la prima frazione di gioco e chiudono avanti di 4 reti, nella ripresa il cuore non basta ai padroni di casa

Cinisello Under 19

La rosa del Cinisello allenato da Fabio Melgrati, oggi vittorioso sulla Lentatese per 5-2

Seconda sconfitta consecutiva per la Lentatese, che cade internamente contro il Cinisello. Il 2-5 finale costituisce invece per agli ospiti la terza vittoria di fila. Il gol fulmineo dei padroni di casa, firmato Lorusso, non indirizza la sfida sul binario che si potrebbe immaginare. I ragazzi di Melgrati, infatti, trovano subito il pareggio e danno il via a un primo tempo da capogiro. Quattro le reti messe a segno nei primi 45 minuti di gioco. La Lentatese accusa il colpo e soffre moltissimo l'iniziativa e il cinismo avversari, con il punteggio (1-4) che ne è la riprova. Nella ripresa, però, il copione cambia e la formazione di Pili inizia a giocare come sa, costruendo azioni pericolose una dopo l'altra. Una sola, però, la marcatura messa a referto (grazie a Magro), troppo poco per pensare di rimontare un passivo pesante. L'iniziativa e il carattere dimostrati, però, hanno creato notevoli problemi al Cinisello, comunque bravo a chiudersi in difesa e a contenere il più possibile gli attacchi rossoblù.

Tanti gol e dominio Cinisello. Non c'è quasi tempo di iniziare la partita e la Lentatese spezza l'equilibrio dell'incontro. Al 4', sugli sviluppi di una punizione battuta dalla trequarti di destra, la parabola a scendere viene ottimamente intercettata da Lorusso, che svetta e colpisce di testa in maniera superba la sfera. La traiettoria del pallone non lascia scampo a Martirani, che nulla può. Il Cinisello effettua i preparativi per il pareggio al 8', quando Gentile colpisce a botta sicura, ma il suo tiro ravvicinato viene ottimamente respinto da Vitale. Passa un minuto e il punteggio è sull'1-1: Busato, con un tap-in sotto porta sfrutta al meglio un cross proveniente dalla fascia di destra. Gli ospiti prendono fiducia e, pian piano, controllano il gioco, riuscendo a raddoppiare al 14': Rahil si trova al posto giusto al momento giusto, insaccando di petto sul secondo palo un pallone alto battuto dalla bandierina destra. Difesa di casa non impeccabile nella copertura degli spazi. Partita che diventa quasi a senso unico, con la squadra ospite in costante pressione offensiva, riuscendo a creare parecchi problemi alla porta di Vitale. La Lentatese, invece, risulta imprecisa nel controllo e nella gestione del pallone, oltre a mostrare un baricentro troppo basso. Brentaro cala il tris al 25': il corner dalla sinistra viene finalizzato con un colpo di testa. Ancora colpevole la difesa di casa, che lascia troppo libero il giocare ospite di battere a rete. La Lentatese prova a reagire e al 29' un bel tiro di Magro viene respinto alla grande da Martirani, bravo a leggere la traiettoria insidiosa assunta dal pallone. Passano dieci minuti e il Cinisello ha l'occasione di segnare il quarto gol: Lazzaro, imprendibile, conclude a rete con un gran tiro forte e preciso, ma Vitale si supera toccando quel tanto che basta per far sbattere la sfera sul palo. Non è finita qui, perché Gentile sbuccia il pallone quasi sulla linea di porta, mentre sul successivo batti e ribatti l'azione si chiude con un nulla di fatto. Al 43', però, il quarto gol è realtà grazie a un calcio di rigore concesso per atterramento in area di Lazzaro da parte di Lorusso, con un intervento da dietro non cattivo. Sul dischetto si presenta Gentile che trasforma, seppur Vitale intuisca e quasi riesca a bloccare la sfera. Il primo tempo si conclude, dunque, con il punteggio di 1-4.

Cuore Lentatese. I padroni di casa tornano sul terreno di gioco con piglio decisamente diverso, aggredendo da subito l'avversario alla ricerca del gol che possa riaprire la contesa. La manovra dei ragazzi di Pili è più fluida e meno timorosa, mentre il Cinisello imposta il proprio gioco sulle ripartenze e nel chiudere gli spazi in difesa. Al 3', però, un altro rigore fischiato a favore degli ospiti aumenta il divario. Gentile ancora una volta non sbaglia e realizza la doppietta personale. Gli sforzi della Lentatese sono, comunque, premiati al 16', con una gran conclusione di Magro dai venti metri che buca la rete sul palo lontano. Martirani rimane impietrito. La rete conferisce altro morale ai rossoblù, che alzano il baricentro e cercano di trovare subito il terzo gol. Le iniziative offensive, però, rimangono sterili fino agli ultimi dieci minuti di gara, dove la fortuna volta le spalle alla squadra di casa. Al 36' e 37', infatti, dagli sviluppi di due corner i colpi di testa di Magro e Gravino non vengono premiati; nel primo caso, il portiere ospite respinge ottimamente e la difesa fa muro sulla ribattuta, mentre nella seconda occasione la sfera termina oltre la linea di fondo per pochissimi centimetri. Il legno dice ancora di no al 39', con Lusona che vede respinta dalla traversa la conclusione su calcio di punizione. Nel mezzo, da segnalare al 31' la bella iniziativa personale di Gentile, per il Cinisello, che scarta tre avversari sulla fascia sx e, a tu per tu con Vitale, conclude però a lato. Il finale di partita registra l'espulsione, per doppio giallo, di Lorusso al 42'. Il punteggio, però, non cambia più, consegnando i tre punti alla formazione allenata da Melgrati.

IL TABELLINO

LENTATESE-CINISELLO 2-5
RETI: 4' Lorusso (L), 9’ Busato (C), 14’ Rahil (C), 35’ Brentaro (C), 43’ rig. Gentile (C), 3’ st rig. Gentile (C), 16' st Magro (L).
LENTATESE (4-4-2): Vitale 6, Maglia 5.5, Castellin 7 (15' st Vacca 6.5), Manara 5, Barilla 6.5, Lorusso 6.5, Gravino 7, Paoli 5.5, Magro 6.5, Saccullo Russello 6 (15' st Paglione 6.5), Abadi 5.5 (1' st Carenza 6). A disp. Roaro, Bobbo, Morin, Meloni, Iachini. All. Pili 6.
CINISELLO (4-3-1-2): Martirani 7, Marchi 7.5, Comelli 7, Colucci 6.5, Rahil 7 (41' st Di Lascio sv), Brentaro 7, Fortuna 7.5, Busato 7 (13' st Cesana 6), Lazzaro L. 7.5 (44' st D'Avino sv), Gentile 7.5 (33' st Lusona sv), Iannantuono 6.5. A disp. Pascale, Sarlo, Bossi, Vitale. All. Melgrati 7.
ARBITRO: Degaichia di Seregno 6.
AMMONITI: Lorusso (L), Lorusso (L), Barilla (L), Rahil (C), Iannantuono (C).
ESPULSO: 43' st Lorusso (L).

LE PAGELLE

LENTATESE
Vitale 6 Cinque gol incassati e un portiere avrebbe tutto il diritto di abbattersi. Lui non lo fa e riesce a rimanere concentrato il necessario. Sprona il reparto arretrato nelle situazioni in cui ritiene non sia difesa efficacemente l'area di rigore. Forse avrebbe potuto effettuare qualche uscita in più (anche su un paio delle reti subite).
Maglia 5.5 In difficoltà per tutti i novanta minuti, non riesce a trovare il bandolo della matassa e soffre la manovra avversaria sulla fascia di destra. Cerca di recuperare terreno nel corso dei minuti, ma commette alcuni errori evitabili perdendo palloni in zone pericolose del campo.
Castellin 7 Gara positiva la sua. Copre bene la propria zona di competenza e rimane concentrato dall'inizio alla fine, contribuendo a evitare lo sbandamento totale della squadra nel primo tempo. Non concede nulla all'attacco ospite, aggredendo con convinzione su ogni pallone e provando anche a impostare la manovra offensiva.
15' st Vacca 6.5 Entra subito nel vivo dell'incontro, quando la Lentatese ha preso in mano il pallino e tenta di costruire gioco per ridurre lo svantaggio. Sulla zona destra del campo, anche grazie alla sua fisicità, è un cliente scomodo per i difensori del Cinisello, che stentano a bloccarne la spinta offensiva. Pure in fase di non possesso e ripiegamento non sfigura affatto.
Manara 5 Giornata storta, con l'attenuante di essere un classe 2004 e di dover giocare contro avversari di età maggiore. Appare, però, troppo spaesato e poco reattivo anche quando è direttamente chiamato in causa. I richiami del tecnico dalla panchina lo incitano a sbloccarsi, cosa che avviene - solo parzialmente - nella ripresa. Infatti, quando i padroni di casa provano con grande grinta a raddrizzare la gara, lui non riesce a incidere in modo preponderante.
Barilla 6.5 Nella prima parte della sfida soffre la prorompente vivacità di Lazzaro, poi riesce a imporsi con miglior efficacia e contribuisce a recuperare parecchi palloni utili a tentare la ripartenza in avanti.
Lorusso 6.5 Segna l'effimero vantaggio dei suoi, grazie a un gran colpo di testa da calcio piazzato. La rete lo galvanizza e mette in campo la solita intelligenza tattica. Poi, col passare dei minuti, cala un po' in termini di sicurezza e risulta indeciso su alcune scelte da compiere. Sul finire del primo tempo causa il rigore su Lazzaro e inizia a perdere la pazienza. Fattore che proseguirà per buona parte della ripresa, seppur riuscirà a tornare qualitativamente a livello alto aiutando di molto i compagni. L'espulsione per doppia ammonizione (forse eccessiva) giunge negli ultimi minuti, quando la partita è ormai in ghiaccio, non pregiudicando nulla per i rossoblù.
Gravino 7 Prestazione in crescendo che lo proclama migliore dei suoi. Dopo venti minuti un po' in ombra, ben chiuso dal centrocampo ospite, esce fuori e prende progressivamente terreno. Molto bravo nelle due fasi di gioco, mantiene ottimamente la posizione, coprendo bene gli spazi e effettuando interventi puliti. Smista, inoltre, parecchi palloni interessanti che fanno salire la squadra. Nei minuti finali della gara va vicino al gol, per di più di testa, lui che non fa della fisicità il suo punto forte. Sarebbe stata la ciliegina sulla torta.
Paoli 5.5 Come Manara, giornata no. Soffre molto l'intraprendenza dei giocatori ospiti nella sua zona di competenza, non riuscendo a trovare un modo per porvi rimedio. Pure in fase offensiva risulta troppo fermo e quasi mai nel vivo dell'azione.
Magro 6.5 Partita di sacrificio, con gol, per lui. Cerca di rendersi utile più che può, provando a divincolarsi tra le maglie bianche del Cinisello. Nella ripresa sigla dopo un quarto d'ora il gol - di pregevole fattura - che infonde coraggio a tutto il gruppo. Nel complesso, rimane sempre presente dove l'azione conta. Promosso.
Saccullo Russello 6 Primo tempo senza infamia e senza lode, dove prova a costruire qualche suggerimento interessante per i compagni. Nella seconda frazione riesce a proporsi di più nel vivo dell'azione, anche con qualche iniziativa personale.
15' st Paglione 6.5 Forze fresche nel momento migliore della Lentatese. Si muove molto senza palla a tutto campo. Dialoga bene con un altro subentrato, cioè Carenza, creando buoni uno-due in un fazzoletto di terreno. Buon cambio.
Abadi 5.5 Gioca solo un tempo, venendo sostituito negli spogliatoi da Carenza. Non è riuscito a entrare in partita, certamente complice la prima frazione da incubo per tutta la Lentatese. I compagni non riescono a rifornirlo dei palloni di cui avrebbe bisogno per provare a far male, ma anche su iniziativa personale non appare in giornata.
1' st Carenza 6 Partita di sostanza che, complessivamente, aiuta i suoi a riequilibrarsi in avvio di ripresa. Prova a pungere negli arrembaggi verso la porta ospite, ma non riesce a incidere come vorrebbe. Come accennato sopra, si trova bene negli scambi con Paglione sulla tre quarti campo.
All. Pili 6 Si arrabbia giustamente con i suoi per i troppi errori commessi nel primo tempo, anche se i rimproveri risultano come dei tentativi di spronare l'undici in campo a tirare fuori le unghie. Nella ripresa ciò accade, incitando a più non posso i propri giocatori. Bene anche sui cambi effettuati, ma sul risultato pesa molto il blackout della prima frazione.

CINISELLO
Martirani 7 Effettua delle ottime parate nel secondo tempo, quando i padroni di casa tentano il tutto per tutto alla ricerca di un passivo meno pesante. Per tutti i novanta minuti, anche nelle fasi in cui non deve compiere interventi importanti, rimane concentrato e pretende il massimo dai compagni di reparto (specie sui calci piazzati).
Marchi 7.5 Un vero e proprio pendolino. La fascia destra è suo terreno di conquista, arrivando con continuità al limite dell'area avversaria e mettendo parecchi cross pericolosi a centroarea. Pure in fase difensiva è estremamente affidabile e non commette praticamente nessun errore, spazzando via senza remore eventuali palloni scottanti. Si trova alla grande, specie nel primo tempo, con Lazzaro, creando un tandem di grande qualità.
Comelli 7 Vince il duello con Maglia sulla fascia destra, rendendosi sempre pericoloso con traversoni ben costruiti. Aggredisce come meglio non si potrebbe su ogni pallone, recuperandone parecchi. Mantiene benissimo la posizione e limita al massimo le iniziative avversarie.
Colucci 6.5 Svolge il lavoro sporco, risultando efficace nelle due fasi di gioco. Aiuta a mantenere alto il baricentro di squadra in fase di possesso, ma coprendo bene la zona di competenza. Indietro, invece, dialoga molto bene con gli altri difensori e controlla a vista gli attaccanti rossoblù.
Rahil 7 Segna il gol del sorpasso e questo ne aumenta la tenuta qualitativa. Si erge a totem difensivo e, con la sua fisicità non indifferente, risulta quasi impossibile da superare. Concentrato per tutto il match, guida alla grande la linea difensiva, salvo nei minuti conclusivi - poi verrà sostituito da Di Lascio - che lo vedono un po' sopra le righe nel discutere con gli avversari.
Brentaro 7 Altra prova di grande ordine e attenzione. Dosa le energie in modo estremamente oculato, proponendosi in avanti nei momenti giusti. Si toglie la soddisfazione di siglare il terzo gol per i suoi, poi da lì in avanti sarà un altro valore aggiunto nel reparto arretrato.
Fortuna 7.5 Non fornisce alcun punto di riferimento ai giocatori della Lentatese, che devono sudare le proverbiali sette camicie per bloccarne l'inventiva. Corre a più non posso palla al piede, smistando palloni puntualmente pericolosi. In generale, si trova costantemente nel vivo dell'azione.
Busato 7 Garantisce quantità e qualità sulla linea mediana. Un binomio sempre fondamentale nella sorte di una partita, permettendo a tutto il reparto di funzionare egregiamente. A referto, inoltre, troviamo il gol del pareggio dopo pochi minuti di partita.
15' st Cesana 6 Fornisce energie nuove nella fase cruciale dell'incontro, senza particolari acuti da segnalare.
Lazzaro 7.5 Il migliore in campo. Giocate, conclusioni pericolosissime, un rigore procurato e, più in generale, una prestazione di grande livello. Si muove moltissimo anche senza palla, stazionando prevalentemente sulla parte sinistra del campo durante il primo tempo, spaziando maggiormente nella ripresa. Con Marchi costruisce degli uno-due pregevoli e mette al servizio di tutta la squadra le proprie doti tecniche.
Gentile 7.5 Col passare dei minuti si erge a punto di riferimento per la fase offensiva. Si intercambia con Lazzaro a supporto di Iannantuono, ma si rende poi protagonista in solitaria. I due gol su rigore sanciscono la sua ottima giornata. La tripletta manca solo per una conclusione di poco fuori, alla mezz'ora della ripresa, al termine di una grande azione personale. Inutile sottolineare la sua onnipresenza nel vivo dell'azione, con una miriade di palloni costruiti lì davanti.
Iannantuono 6.5 Aiuta molto in fase di non possesso, mettendosi al servizio delle esigenze di squadra. In avanti collabora bene con Lazzaro e Gentile, ma le sue caratteristiche non lo rendono protagonista come i due compagni di reparto.
All. Melgrati 7 Non avrebbe potuto chiedere di più ai suoi ragazzi. Sotto nel punteggio dopo una manciata di minuti, non cade nel panico e, prontamente, ottiene dai giocatori la migliore delle risposte. Anche sopra di quattro reti pretende concentrazione massima e meno sbavature possibili, riprendendo i suoi quando la sfera non viene gestita a dovere.

ARBITRO
Degaichia di Seregno 6 Direzione sufficiente, complessivamente, anche se la distribuzione dei cartellini avrebbe potuto essere più ampia. Cerca di dialogare con giocatori e panchina il più possibile nei momenti di protesta, forse pure troppo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400