Cerca

Under 19

Mirafiori-SD Savio Asti: D'addetta dipinge calcio e trascina i suoi

Netta vittoria per il Mirafiori contro il Savio Asti: suntuosa prestazione del numero dieci

D'addetta e Beoletto

D'Addetta e Beoletto, i migliori in campo

Per vincere le partite, si sa, ci va qualità. Il Mirafiori ha vinto perché sono saliti in cattedra i suoi uomini migliori. Su tutti: Antonio D'Addetta. Il numero 10 dei padroni di casa ha disegnato calcio. Si è caricato la squadra sulle spalle e ha fatto una partita perfetta, pulita. Impeccabile poi Beoletto, autore di una prestazione sontuosa là dietro. Il numero 2 ha fatto tutto: ha difeso, ha corso e si è sempre proposto in avanti. Alla fine il calcio non è complicato: se hai giocatori così, hai più probabilità di vincere.

Rolle a tutta. La partita è immediatamente vivace, maschia. Le due squadre sono simili: entrambe si schierano con un ordinato 4-3-3. L’idea è comune: si deve provare a giocare a calcio da dietro. Uomini chiave sono Bernardi e Montrucchio, divisi in campo ma uniti nel loro obiettivo: cominciare tutte le azioni. Soprattutto nei primi minuti, a toccare tantissimi palloni negli ospiti è Molino. Il 5 ha personalità e non ha paura ad aprirsi per farsi dare la palla. I primi dieci minuti di gioco vedono il Mirafiori maggiormente in palla. I ragazzi di Colosimo riescono a pressare alto e ad occupare con facilità la metacampo offensiva. Il Savio Asti fatica a riversarsi con insistenza là davanti. Ma sono proprio gli ospiti a creare la prima grande occasione della partita. Al minuto numero undici Fracchia sale in cattedra. Raccoglie una palla sulla sinistra e dopo un paio di dribbling chiede e ottiene uno scambio veloce con Cutaia. L’undici lo serve e Fracchia si trova solo davanti al portiere. A salvare tutto ci pensa Rolle, con un intervento basso che sa di miracolo. Da qui in poi il Savio Asti cresce e così la sua produzione offensiva.  Adesso il copione sembra invertito. Gli ospiti alzano il loro baricentro, i padroni di casa faticano a uscire palla a terra. Con il passare del tempo la partita si sporca: cresce il numero dei duelli e dei contrasti in mezzo al campo. Al minuto numero 24, un’altra grande occasione per il Savio Asti. Una bellissima palla in verticale di Montrucchio trova la difesa del Miragiori impreparata. Gonella scappa con i tempi giusti e si trova di fronte a Rolle. Il numero uno è saltato. La porta è sguarnita. Gonella è solo, ma calcia a lato. La partita rimane bloccata sullo zero a zero. I padroni di casa, nella seconda parte del primo tempo, crescono nuovamente. La sensazione è che ad accendere la luce possa essere D’addetta, abilissimo a lavorare tra le linee e a trovare pertugi laddove non sembrano esserci. Nella seconda metà della prima frazione di gioco le occasioni stentano a emergere.

D'Addetta dipinge. La seconda frazione inizia senza cambi. A premere con forza sull’acceleratore è il Mirafiori. Campolongo sembra rigenerato: i suoi movimenti sulla destra creano più di qualche grattacapo. È proprio Campolongo a creare l’azione del gol di vantaggio. Al minuto numero 6 della ripresa, tutto parte da Moroni. Il numero 3 avanza sulla sinistra, sfruttando una voragine in mezzo al campo. Si accentra caparbio e trova Campolongo libero sulla destra. IL numero dieci fiuta il pericolo e ricerca una giocata ambiziosa. Dopo un paio di finta crossa forte sul primo palo. Pollice la manca, D’addetta chiaramente no. Il numero dieci controlla e conclude sul primo palo. De Milano è immobile: è uno a zero. Il Savio Asti reagisce si riversa in avanti. La pressione cresce, ma le occasioni no: manca sempre qualcosa negli ultimi venti metri. Tona prova a operare qualche cambio. Al minuto numero 30, l’episodio che forse chiude l’incontro. Una palla innocua di Beoletto in verticale giunge nella zona di Tabaku. Il numero 6 sembra in controllo, ma così non è. La deviazione è rocambolesca e la fortuna non è dalla sua. La palla assume une traiettoria beffarda e si deposita inesorabilmente in rete: è due a zero. Ora il Mirafiori può difendersi con ordine: tutto sembra sotto controllo. A ritagliarsi un importante compito nel finale è Bernardi che, consapevole del momento della gara, si abbassa spesso tra i due centrali per coprire eventuali buchi. In contropiede è ancora il Mirafiori a segnare. Al minuto 38 a trovar la gloria è Caspanello, che ha il merito di depositare in porta una grande palla di Rizzo dalla destra. È anche l’ultima emozione della partita, che termina sul risultato di tre a zero per i padroni di casa.

IL TABELLINO

MIRAFIORI-SD SAVIO ASTI 3-0
RETI: 6' st D'Addetta (M), 30' st aut. Tabaku (S), 38' st Caspanello (M).
MIRAFIORI (4-3-3): Rolle 7, Beoletto 7.5, Moroni 7, Bernardi, Bettonte 6.5 (39' st Di Francesco sv), Caspanello 7, Andorno 6.5 (24' st Soleti 6.5), Pollice 6.5 (30' st Dameglio 6.5), Campolongo 6.5 (11' st Rizzo 7), D'Addetta 7.5 (40' st Maggio sv), Rosciglione 6.5. A disp. Musizza, Pilla. All. Colosimo 7. Dir. Pollice.
SD SAVIO ASTI (4-3-3): De Milano 6, Cardello 6.5, Abela 6, Montrucchio 6, Molino 6.5 (24' st Maggiora 6), Tabaku 5.5, Dani 6 (10' st Fauli 6), Fracchia 6.5, Gonella 6 (31' st Maftouh 6), Gavazza 6 (10' st Gamba 6), Cutaia. A disp. Shera, Minniti, Dalbon, Bologna, Giovannetti. All. Tona 6. Dir. Abela.
ARBITRO: Ndoungue di Torino 7.

LE PAGELLE

Mirafiori

Rolle 7 Salva il risultato in un paio d’occasioni: il suo primo tempo è di altissimo livello. Nel secondo amministra al meglio.

Beoletto 7.5 Spinge ed è instancabile. L’apporto, in entrambe le fasi, è notevole. Finisce da centrale, ma ne siamo certi: farebbe bene anche come punta.

Moroni 7 Nel primo tempo spinge meno rispetto a Beoletto, ma è perfetto in fase difensiva. Nel secondo scatena la sua incredibile facilità di corsa.

Bernardi 7 Cresce con il passare dei minuti. Ogni tanto, qualche tocco in più e qualche palla persa in zone troppo pericolose. Nel finale di gara dimostra la sua intelligenza calcistica, andando ad occupare lo spazio tra i due difensori centrali e proteggere i suoi.

Bettonte 6.5 Sbaglia forse solo in un’occasione. Per il resto, partita più che sufficiente. Ama cercare l’anticipo. (39’ st Di Francesco sv)

Caspanello 7 Forma una coppia affidabile con Bettonte. Abile e roccioso. Impreziosisce la sua gara con una rete molto importante.

Andorno 6.5 Fatica a trovare palloni veramente giocabili. Raramente si accende, ma le qualità non si possono discutere.

24’ st Soleti 6.5 Si mette davanti sulla sinistra e aggiunge corsa e qualità nel fraseggio.

Pollice 6.5 Così come Bernardi, la sua condizione cresce con il passare dei minuti. Nel finale di primo tempo è pericoloso in un paio di circostanze.

30’ st Dameglio 6.5 tanta legna in mezzo al campo.

Campolongo 6.5 Il suo primo tempo è di difficoltà. Fatica a trovare la posizione e i pochi palloni giocabili sulla destra sono sprecati. Nel secondo tempo, prima di essere sostituito, si desta ed è praticamente immarcabile.

11’ st Rizzo 7 si mette davanti sulla destra. Devastante quando si allunga il pallone. In campo aperto è praticamente imprendibile.

D’Addetta 7.5 Anima offensiva dei suoi. Se si accende lui, possono essere guai seri. Elegante e abile tra le linee: davvero un bel giocatore. Ha il merito di sbloccare una partita che si stava mettendo su binari imprevedibili. (40’ st Maggio sv)

Rosciglione 6.5 Partita oscura, di fatica e sostanza là in mezzo. Nel secondo tempo, quando cresce la qualità del palleggio dei suoi, lui c’è sempre. Sfortunato in una grande conclusione da fuori: il palo grida ancora vendetta.

ALL. Colosimo 7 Partita giocata con grande intensità, preparata al meglio.

 

Savio Asti

De Milano 6 Non deve compiere grandi interventi, ma è sempre attento quando viene chiamato in causa. Sui gol subiti non può assolutamente far nulla.

Cardello 6.5 il capitano è l’ultimo a mollare. Ara la fascia e non si fa mai trovare fuori posizione.

Abela 6 i clienti dalla sua parte non sono semplici, ma legge bene i momenti della partita.

Montrucchio 6 il primo tempo inizia bene, poi si perde un po’ nel corso della gara.

Molino 6.5 l’inizio di gara lascia intravedere una spiccata personalità. Anche difensivamente è impeccabile.

24’ st Maggiora 6 terzino sinistro con buona corsa

Tabaku 5.5 Nel primo tempo lui e Molino sono lodevoli. Su di lui pesa inevitabilmente lo sfortunato episodio del due a zero.

Dani 6 Fatica un po’ a incidere, soprattutto considerando i mezzi a disposizione.                                                                                                                                          

10’ st Fauli 6 si mette davanti sulla sinistra, arriva una volta bene sul fondo e crea pericolo.

Fracchia 6.5 è tra i più pericolosi dei suoi nel primo tempo. I suoi movimenti a svariare creano più di qualche problema agli avversari.

Gonella 6 Si muove molto creando apprensione alla retroguardia del Mirafiori. Si perde un po’ negli ultimi metri.

31’ st Maftouh 6 entra in un momento non semplice e dà il suo contributo.

Gavazza 6 Viste le qualità, incide forse un po’ troppo poco. Non si ricordano grandi giocate degne del suo potenziale.

Cutaia 6 Nel primo tempo non incanta e neanche nel secondo.

10’ st Gamba 6 si mette davanti sulla destra, provando in un paio di occasioni ad arrivare sul fondo.

All. Tona 6 Deve sicuramente ripartire dal buon primo tempo dei suoi.

ARBITRO: Ndoungue di Torino 7 arbitraggio perfetto, senza sbavature.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400