Cerca

Pagelloni Under 19

Girone C: Venaria stratosferico, ma Lucento, Alpignano e Vanchiglia sono lì; Caselle rinato sotto la guida Dellisanti

La lotta per il titolo è più serrata che mai: quattro squadre in quattro punti. Piccoli segnali di risveglio da parte del Sanmauro

Girone C: Venaria stratosferico, ma Lucento, Alpignano e Vanchiglia sono lì; Caselle rinato sotto la guida Dellisanti

Il Venaria ha dimostrato di essere "umano", perdendo leggermente colpi nelle ultime giornate. Lucento, Alpignano e Vanchiglia si sono riavvicinate ed ora è corsa a quattro per il titolo. Clamorosa rimonta del Caselle, che sotto la guida di Mimmo Dellisanti ha dato tutto un altro senso al proprio campionato. Il Sanmauro è riuscito nell'impresa di fermare la capolista, ma deve assolutamente migliorare dal punto di vista difensivo.

VENARIA 9
Le ultime partite hanno sporcato quello che altrimenti sarebbe stato un cammino da dieci e lode. Dieci come le vittorie iniziali consecutive dei cervotti, che sembravano letteralmente inarrestabili ed in grado di sapersi tirare fuori da qualsiasi tipo di ostacolo si parasse loro davanti (basti pensare alla vittoria all'ultimo respiro con il Rivoli o alla rimonta da 0-2 a 3-2 nell'infuocato derby con il Caselle). Nelle ultime tre partite il gruppo di Ermanni ha raccolto però due sconfitte, con Alpignano e Lucento, oltre al pareggio con il Sanmauro, non manifestando la stessa freschezza, soprattutto mentale, delle prime uscite. Non abbastanza però da minare un percorso fantastico, condito dai tanti gol del tridente Cesarano-Nepote-Vigna e dalla leadership difensiva di Pavanello.
GIOCATORE CHIAVE: Lorenzo Vigna (‘04). Il trequartista di Ermanni, a quota 6 reti in campionato, è sicuramente uno degli uomini più importanti nello scacchiere arancioverde, sia per la sua posizione in campo sia per la sua enorme qualitá. È semplice: quando si accende lui si accende tutto il Venaria.

LUCENTO 8.5
Miglior attacco e miglior difesa per il gruppo di Gianfranco Maione (che sulla panchina dell’Under 19 si è alternato con Alessandro Pierro e Davide Balma). Un curriculum di tutto rispetto, ma non da massimo dei voti se si considera la qualità della rosa dei rossoblù, che spesso e volentieri schierano in campo giocatori che la domenica sono titolari in Eccellenza, come per esempio Ghiazza, Gravina, Managò e Pace. I passi falsi con Borgaro e Bsr Grugliasco hanno lasciato il Lucento a -2 dalla vetta, ma i rossoblù hanno avuto il merito di andare a vincere per 1-0 (gol di Licciardino) in casa della capolista, accorciando sensibilmente la distanza dalla testa della classifica.
GIOCATORE CHIAVE: Alessandro Tauriello (‘03). Soprattutto nelle ultime giornate, il portierone rossoblù si è messo decisamente in mostra, salvando più volte il risultato nelle delicatissime sfide con Venaria e Lascaris, contribuendo a rendere la propria difesa la meno battuta del girone.

ALPIGNANO 8.5
Grande stagione fin qui quella disputata dal gruppo allenato da Raffaele Lapiccirella. Il gruppo dei 2003/2004 in particolare si è dimostrato all’altezza dei propri predecessori, quei 2001/2002 che avevano reso i biancazzurri una vera e propria corazzata negli ultimi anni. Qualcuno, come capitan Imperadore, c’è ancora a dirigere le operazioni, ma sono stati i vari Critelli, Rizzo, Martino (‘05) a salire in cattedra. L’Alpignano ha inoltre il merito di aver perso una sola partita finora, nello scontro diretto in casa con il Lucento, oltre ad aver interrotto la striscia vincente del Venaria che durava ormai da ben dieci partite.
GIOCATORE CHIAVE: Marco Zappalà (‘04). Oltre ai giá citati, scegliamo di premiare la costanza di Zappalá, che da terzino sinistro spicca spesso e volentieri tra i migliori in campo. In più, i suoi calci piazzati sono una vera e propria mina vagante, sia quando cerca la porta (2 gol per lui) sia quando prova l’assist per i compagni.

VANCHIGLIA 8.5
I granata, partiti in sordina con due sconfitte nelle prime quattro partite (arrivate però contro Lucento e Venaria), hanno cambiato marcia, portando a casa tante vittorie e solamente tre pareggi (con Borgaro, Lascaris e Alpignano). Un ruolino di marcia niente male per il gruppo di Gianni Di Girolamo, che ha trovato in Leonardo Longo (‘03, 7 gol in campionato) un’ottima risorsa là davanti e in Diaec e Gallo una più che solida coppia di centrali difensivi, oltre alla lieta sorpresa Stephen Selasi (‘03). I due pareggi nelle ultime tre partite hanno leggermente frenato la rincorsa dei granata, che alla pausa però si trovano solamente a -4 dal Venaria capolista e rappresentano l’ultimo vagone del trenino che si sta giocando il primo posto.
GIOCATORE CHIAVE: Marco Pontin (‘03). Premiato come Mvp del Super Oscar nel precampionato, il trequartista ha mantenuto le promesse fatte in quella sede, garantendo sempre qualità ed efficacia (4 gol per lui), oltre alle solite giocate di alta classe.

LASCARIS 7
Qualche punto perso di troppo per strada pesa come un macigno sull’economia generale del campionato dei bianconeri. Le inaspettate sconfitte, entrambe per 1-0, in trasferta con la Virtus Ciriè e tra le mura amiche con il Borgaro, hanno fatto sì che il Lascaris si trovi leggermente staccato dalle quattro squadre in lotta per il titolo. Cinque sono infatti i punti che separano il Vanchiglia quarto dai bianconeri, che dal 16 novembre in poi non sono riusciti più a cogliere i tre punti, anche se gli ultimi due pareggi ottenuti contro Alpignano e Lucento hanno fatto intravedere segnali di crescita incoraggianti.
GIOCATORE CHIAVE: Alfredo Gentileschi (‘04). Oltre ad essere il più prolifico della squadra, a quota 8 nella classifica cannonieri, il bomber è il principale punto di riferimento su cui si basano tutte le azioni offensive bianconere. Il suo lavoro di sponda ed il suo strapotere fisico sono determinanti per poter scatenare le folate di Montabone e Giordanino.

BORGARO 7.5
Le aspettative ad inizio stagione non erano altissime in casa Borgaro. L'obiettivo era chiaro: cercare di salvarsi evitando, per quanto possibile, la zona playoff. I gialloblù hanno saputo però fare di meglio, issandosi al sesto posto in classifica a soli due punti dal più quotato Lascaris, peraltro battuto nello scontro diretto a Pianezza, con una partita (contro la Virtus Ciriè) ancora da recuperare. Superata la burrascosa separazione con l'ex tecnico Andrea Mantegari, la squadra si è saputa ricompattare sotto la gestione Catellani-Oranges, cogliendo, oltre alla già citata vittoria con i bianconeri, un buon pareggio con il Vanchiglia e una preziosa vittoria in casa Paradiso.
GIOCATORE CHIAVE: Lorenzo Cassetta ('04). Se davanti i gialloblù faticano a trovare un punto di riferimento affidabile, dietro una certezza c'è eccome: il roccioso centrale classe 2004 è stato sicuramente il migliore dei suoi in questa prima parte di stagione, commettendo pochissimi errori e dimostrandosi sempre sul pezzo.

CASELLE 7.5
Dopo le prime quattro giornate la classifica parlava chiaro: rossoneri a quota 1 punto, frutto di un solo pareggio e tre sconfitte. Quei tempi però sembrano lontani anni luce: dopo l'avvicendamento in panchina, con Mimmo Dellisanti che è andato a sostituire il dimissionario Costantino Romeo, il Caselle ha letteralmente cambiato marcia, non solo vincendo cinque delle ultime otto partite, ma anche scoprendosi in grado di mettere i bastoni tra le ruote a squadre come Alpignano e Lucento (bloccate sul pareggio). Dai difensori Capra e Recano, passando per la qualità Deltetto, fino ad arrivare ai fratelli Sorrentino, sono tanti i giocatori che si sono ritrovati sotto la guida di Dellisanti, portando i rossoneri momentaneamente fuori dalla zona playout con una partita ancora da recuperare con la Pro Collegno.
GIOCATORE CHIAVE: Manuel Sorrentino ('03). L'esterno d'attacco più prolifico del girone. L'ala di Dellisanti è infatti capocannoniere alla pari di Garino (Bar Grugliasco), pur non giocando da prima punta pura, a dimostrazione di quanto possa essere determinante la sua capacità di saltare l'uomo in uno contro uno.

BSR GRUGLIASCO 7
Campionato double face quello disputato sin qui da parte dei biancorossi, che fino all'ottava giornata erano rimasti imbattuti, confermandosi come l'autentica sorpresa del girone. La sconfitta con il Venaria ha dato il via ad un periodo sicuramente più complicato, anche dal punto di vista del calendario, per il gruppo di Gianluca Carnio, che però ha avuto il merito di fare sempre punti negli scontri salvezza. L'unica grande pecca è la pesante sconfitta casalinga patita all'ultima giornata con il Rosta (0-6), che ha lasciato il Bsr ancora nella zona calda della classifica. Alla ripresa i biancorossi se la vedranno con il redivivo Caselle, in una sfida che varrà tantissimo in chiave salvezza.
GIOCATORE CHIAVE: Kristian Garino ('04). Se una menzione la merita anche il difensore centrale Matteo Galati (anche lui classe 2004), il premio come migliore dei biancorossi non può però non andare al bomber Garino. I numeri parlano chiaro: 12 reti in 13 partite, capocannoniere alla pari con Manuel Sorrentino (Caselle), capacità di segnare in qualsiasi maniera. Un cv che gli ha permesso di esordire, guarda caso con gol, anche in Coppa con la prima squadra.

ROSTA CALCIO 6.5
Le vittorie con Virtus Ciriè e Bsr Grugliasco anno ridato ossigeno ai biancorossi, che arrivavano da un periodo decisamente negativo. Il roboante 6-0 rifilato al Bsr deve servire per ridare nuova linfa ai biancorossi, che possono ancora provare a lottare per un piazzamento al di fuori della zona playout, anche se la rincorsa sarà molto difficile. Il Rosta dovrà infatti confermare ciò che di buono ha fatto vedere nelle ultime uscite nello scontro diretto con il Borgaro alla ripresa del campionato: una vittoria con i gialloblù permetterebbe al Rosta di andare a -4 proprio dal Borgaro.
GIOCATORE CHIAVE: Riccardo Serritelli ('03). Un discreto bottino di reti, quattro, ma soprattutto una minaccia costante per le retroguardie avversarie: il classico giocatore che, anche quando non segna, sa come rendersi utile alla causa.

COLLEGNO PARADISO 6
L'inizio di stagione non sembrava certo essere di buon auspicio per i nerazzurri, che sotto la gestione Strazzo hanno faticato a trovare la solidità giusta soprattutto dal punto di vista difensivo. Le sconfitte peggiori però sono arrivate contro le corazzate del girone, mentre negli scontri decisivi per la salvezza il Paradiso ha dimostrato di potersela giocare, quantomeno per evitare la retrocessione diretta: sono state fondamentali le vittorie con il Sanmauro ed il Rosta, ma più di tutte ovviamente a regalare la soddisfazione più grande è stata la vittoria per 3-0 nel derby con la Pro Collegno. La sfida con il Rivoli alla ripresa farà da spartiacque: un pareggio servirebbe ben poco ad entrambe le squadre.
GIOCATORE CHIAVE: Mohamed Amin Mouississa ('03). Il centrocampista è il vero e proprio faro dei nerazzurri. Sono già cinque le reti segnate, che ne fanno il miglior marcatore della squadra in campionato, dal classe 2003, che ha dimostrato di saper abbinare in maniera egregia quantità e qualità.

VIRTUS CIRIÈ 6
Sufficienza molto stiracchiata per il gruppo di Luigi Iovino, che però ha avuto il merito di vincere partite importanti con le due collegnesi, ma soprattutto di battere con una prestazione ai limiti della perfezione il Lascaris tra le mura amiche. Le ultime tre sconfitte con Caselle, Rosta e Bsr Grugliasco sono state pesanti, ma i 10 punti conquistati in classifica permettono ai nerazzurri di rimanere comunque fuori, anche se di pochissimo, dalle posizioni che significherebbero retrocessione diretta.
GIOCATORE CHIAVE: Lorenzo Pallaria ('04). Nelle partite importanti, il classe 2004 non ha mai fatto mancare il suo apporto; le 4 reti messe a segno in campionato ne fanno inoltre il miglior marcatore dei nerazzurri, cosa che potrebbe fare la differenza in chiave salvezza.

RIVOLI 5.5
I gialloblù erano anche partiti con il piede giusto: i 4 punti nelle prime due partite avevano evidentemente illuso il gruppo di Valerio Francone di potersi giocare una salvezza più tranquilla del previsto. I 5 punti raccolti nelle successive dieci gare però hanno bruscamente riportato il Rivoli sulla terra: troppo poche le due vittorie per poter pensare di rimanere ai Regionali. Ora capitan Pisano & Co. sono al terzultimo posto in classifica, e dovranno dare tutto nella gara da recuperare con il Collegno Paradiso, scontro che potrebbe rivelarsi quanto mai decisivo per la permanenza nella categoria.
GIOCATORE CHIAVE: Andrea Pisano ('02). Capitano e leader della retroguardia gialloblù, il centrale classe 2002 è sempre l'ultimo a mollare dei suoi, che devono ringraziare la sua freddezza dal dischetto: le 6 reti messe a segno sono un bottino niente male per un difensore, oltre ad aver portato punti che potrebbero rivelarsi importanti a fine stagione.

SANMAURO 5.5
Se si considera solo l'ultima giornata, viene da chiedersi come mai il Sanmauro sia nella posizione di classifica in cui si trova. La penultima forza del campionato infatti è riuscita, nella gara che precedeva la pausa natalizia, a stoppare nientemeno che la capolista Venaria, fermata da un 2-2 che vale tantissimo. Il vero rimpianto per il Sanmauro però sta nel non aver superato la Pro Collegno nello scontro precedente, terminato con un 1-1 che non ha accontentato nessuno. Gli ultimi due pareggi però se non altro sono serviti a smuovere la classifica, oltre a dare segnali incoraggianti di risveglio. Ora però va registrata la fase difensiva: troppi infatti i 46 gol subiti, che rendono il gruppo di Massimiliano Albicenti la peggior difesa del girone.
GIOCATORE CHIAVE: Dennis Chiera ('03). Le statistiche parlano chiaro: senza di lui, e senza le sue 6 reti, il Sanmauro sarebbe molto più in fondo in classifica. Il classe 2003 sta facendo di tutto per regalare una speranza a tutto il mondo gialloblù.

PRO COLLEGNO 5
La classifica dice tutto: ultimo posto in classifica, una sola vittoria (3-1 rifilato al Borgaro) e peggior attacco del girone, con sole 9 reti all'attivo in 12 giornate. Semplicemente troppo poco per sperare anche solo di poter ambire alla zona playout. Nella seconda parte di stagione urge un deciso cambio di rotta, se non si vogliono abbandonare anzitempo le speranze di salvezza. Il calendario però non sarà clemente: alla ripresa i rossoblù se la dovranno vedere, nell'ordine, con Caselle (recupero della 13ª giornata), Venaria, Lascaris e Vanchiglia. Se i collegnesi riuscissero a portare a casa qualche punto contro queste corazzate, potrebbero provare quello che sarebbe un autentico miracolo.
GIOCATORE CHIAVE: Lorenzo Robust ('03). L'esterno difensivo è una delle poche note liete di questo primo scorcio di stagione collegnese: tanta sostanza e tanta corsa, a cui ha aggiunto due reti stagionali.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400