Cerca

Under 19

Campionato vinto con una giornata d'anticipo! Lo scontro diretto è decisivo

I biancoblù vincono con merito il proprio girone: ora per il titolo regionale si candidano tra le grandi favorite

Campionato vinto con una giornata d'anticipo! Lo scontro diretto è decisivo

Il Volpiano può finalmente urlare di gioia: battuta la grande rivale Ivrea e titolo di campione del girone B in tasca

Il Volpiano è campione regionale! Il successo di oggi sull'Ivrea per 2-0 chiude definitivamente i conti di un girone appassionante e combattuto sin dalla prima giornata, ma vinto dalla squadra più costante in tutto il campionato. Contiamo solo quattro passaggi a vuoto: il Volpiano di Santoro è un'autentica macchina da guerra. Trofeo condito con 80 gol fatti (miglior attacco per distacco) e 25 subiti, a certificare lo strapotere in attacco e la rocciosa difesa, anche oggi quasi impeccabile.

LA CLASSIFICA DI UNDER 19 REGIONALE B

E ora, ad una giornata dal termine del girone, manca la seconda classificata che andrà ai playoff. Quincitava, oggi vincente, o l'Ivrea, vittima del temibile Volpiano? Appuntamento a settimana prossima

ERRIQUEZ APRE LE DANZE

La partita è a tutti gli effetti una finale. Se il Volpiano vince è matematicamente campione, se l'Ivrea vince, invece, riaprirebbe ogni discorso per il trofeo. Il tifo sugli spalti non manca, chiunque è consapevole della portata di questa sfida: fumogeni, cori, tifo appassionato e sfrenato per entrambi i colori. Passando a fatti di cronaca, per i primi minuti abbiamo poco da segnalare. Le due squadre, entrambe schierate con un classico 4-3-3, sfruttano gli istanti iniziali di gioco per studiarsi a vicenda, e capire dove poter penetrare più facilmente la retroguardia avversaria. Parte comunque meglio il Volpiano, che in realtà dovrebbe essere la formazione con più pressione addosso. Il fulcro del gioco verte sull'attaccante centrale Lauritano (15 gol in Promozione per lui questa stagione), che sfrutta la sua esperienza per impensierire i difensori orange. L'Ivrea, finora, non sembra ancora completamente entrata in campo. La prima vera azione della partita coincide con il vantaggio dei ragazzi di casa. Il gol è di Erriquez, dopo una bella azione corale. Siamo al 14', cross dalla destra di Savva sul secondo palo, sponda di Lauritano di testa verso il 10 che, in tuffo, la butta dentro, anticipando portiere e difesa avversaria. Il gol scatena letteralmente i festeggiamenti dei tifosi fuori e dei giocatori dentro il campo. Al Volpiano basterebbe un solo punto per laurearsi campione, ma con il vantaggio la strada è decisamente più in discesa.

Il gol subito è come una sveglia per gli eporediesi, che ora iniziano a giocare a calcio. Gli schemi sono due: o si sfrutta il lancio lungo di capitan Barbagallo verso gli attaccanti, oppure si lascia il delicato compito al regista orange Tapparo di cercare degli spiragli per pungere gli avversari, spesso e volentieri con esiti positivi. Al 17' ecco la prima occasione per gli ospiti con Mantoan. Il 7, per l'appunto, riceve palla da un lancio lungo e, con un pallonetto, scavalca il portiere, leggermente in ritardo nell'uscita. La palla è indirizzata verso la porta, e sarebbe stato gol se non fosse per capitan Szasz-Spataru che spazza via in recupero. Neanche il tempo di riprendere fiato per la bella occasione creata dai ragazzi di Conta che siamo già dall'altra parte. Il solito Lauritano impensierisce e non poco il portiere con una bella torsione di testa, ad anticipare Peretti in marcatura. Proprio Peretti sarà protagonista qualche istante dopo nell'area avversaria. Siamo al 28' e c'è un corner per l'Ivrea. Si forma una mischia in area, la difesa non riesce a spazzare e proprio il 6 orange trova il modo di calciare verso la porta libera, dato che il portiere era in mezzo al gruppone. Anche qui il Volpiano si salva sulla linea di porta con un provvidenziale intervento difensivo. Come si può intuire, le occasioni (e lo spettacolo) non sono mancati. Il Volpiano e l'Ivrea hanno onorato la causa come meglio non potevano fare.

PIU' ORANGE, MA CESCHIN CHIUDE I CONTI DELLA PARTITA E DEL CAMPIONATO 

Chissà cos'ha detto Conta ai suoi ragazzi nello spogliatoio alla pausa. Perchè gli eporediesi, nella seconda frazione, hanno compiuto un prestazione eroica visto l'imponente avversario. Manca però quel cinismo che poi fa la differenza e ti fa vincere i campionati. Non a caso, al 4', Actis Perino ha un'occasionissima: entra in area, dribbla un paio di uomini e quando ha il momento buono per calciare non lo fa, per poi perdere palla. Un gol lì avrebbe potuto cambiare le sorti del match. E ancora, qualche minuto più tardi, un bellissimo contropiede si infrange contro le gambe di Szasz-Spataru che non lascia calciare Bonaccorsi, lanciato in area contro il portiere. Il Volpiano nel secondo tempo ha avuto solo due vere occasioni da rete: il gol del 2-0 (di cui parleremo a tempo debito) e il palo di Bussolo, subentrato a Lauritano. Il 18 di casa è entrato veramente con il piglio giusto, e solo la sfortuna gli ha negato la gioia del gol oggi. Nel frattempo il ritmo di gioco cala: l'Ivrea è consapevole di poter riaprire la partita, e prende fiato per l'assalto finale, mentre al Volpiano il vantaggio di un gol basta e avanza per laurearsi campione. Inoltre tutti i cambi apportati dai due allenatori, oltre a qualche perdita di tempo comprensibile da parte dei ragazzi di casa, non favoriscono lo sviluppo di articolate trame di gioco.

E arriviamo così al decisivo gol del 2-0 siglato da Ceschin, che senza dubbio farà parte dell'undici ideale del girone a fine campionato. Il numero 3, dopo quasi 90' passati a randellare la fascia sinistra e ad evitare che Mantoan e Bonaccorsi potessero accendersi, si inventa un gol da cineteca. Tapparo perde l'unico pallone della sua sontuosa partita, e scatta il contropiede avversario. Palla proprio a Ceschin che dal lato sinistro dell'area spara un destro sotto il sette, dove il portiere proprio non può arrivare. Per intenderci, è la fotocopia del meraviglioso sigillo di Brozovic contro la Roma, neanche un mese fa. Inutile dirlo, esplode letteralmente la panchina di casa: tutti i giocatori corrono ad abbracciare il terzino, lo staff è già con le mani al cielo. L'impresa è ormai compiuta. Gli ultimi minuti si giocano solo per dovere sportivo. L'Ivrea continua ad onorare la causa tentando comunque di trovare il gol della bandiera, ma oggi la difesa di Santoro è impeccabile, non ha sbagliato nulla.

E allora, dopo diversi minuti di recupero, il direttore di gara fischia tre volte, e sancisce la fine della corsa al titolo. Solo applausi per il Volpiano, autore di una marcia trionfale. Sconsolati, invece, i calciatori eporediesi, che ci hanno provato fino all'ultimo. Ora ci sono ancora 90' per tentare di agguantare i playoff

IL TABELLINO

VOLPIANO-IVREA CALCIO 2-0
RETI: 14' Erriquez (V), 41' st Ceschin (V).
VOLPIANO (4-3-3): Longo 6.5, Savva 6.5 (13' st Vetri 6.5), Ceschin 8.5, Grandini 7, Szasz-Spataru 7.5, Iovene 7, Cavalla 6.5 (13' st Cimenti 6.5), Laurenti 6.5 (33' st Guzzo 6.5), Lauritano S. 7 (13' st Bussolo 7), Erriquez 8 (28' st Gagliano 6.5), Sponzilli 7. A disp. Vultaggio, Anastasio, Bollero, Lenisa. All. Santoro 8. Dir. Nota - Pareschi.
IVREA CALCIO (4-3-3): Alice 6.5, Cagnin 6 (39' st Lantermo sv), Pipicella 6 (30' st Genestrone 6), Tapparo 6.5, Barbagallo 6.5, Peretti 6.5, Mantoan 6 (37' st Pavan sv), Zamuner 6, Actis Perino A. 6, De Masi 6.5, Bonaccorsi Mat. 6.5 (19' st Gillio 6). A disp. Toscano, Malacrinò, Moia, Re, Mosca Michele. All. Conta - Fierro 6.5. Dir. Giambelluca - Barbagallo.
ARBITRO: Tarable di Chivasso 7 Gestisce con sicurezza una partita tesissima, sbagliando poco o nulla. 
AMMONITI: 3' st Savva[04] (V), 36' st Sponzilli[03] (V).

LE PAGELLE

VOLPIANO 

IL VOLPIANO UNDER 19

Longo 6.5 Risponde presente quando chiamato in causa dai tiri degli eporediesi.

Savva 6 Primo tempo più che sufficiente, ma nella seconda frazione viene ammonito ingenuamente e lascia anzitempo il campo.

13' Vetri 6.5 Continua il buon lavoro fatto da Savva nella prima frazione.

Ceschin 8.5 Terzino straordinario. Il suo strapotere fisico e tecnico gli permette di trovare il gol che vale il trionfo. Migliore in campo. 

Grandini 7 Impeccabile nel ruolo di mediano, è il primo a schermare la difesa quando necessario.

Szasz-Spataru 7.5 Ma che partita ha fatto? Non sbaglia un intervento e stravince il duello con Actis Perino.

Iovene 7 Mezzo voto in meno del compagno di reparto, ma gioca anche lui un partitone, senza commettere errori.

Cavalla 6.5 Collabora nelle trame offensive dei suoi nel primo tempo, viene sostituito nella ripresa.

13' st Cimenti 6.5 Fa valere il suo fisico per proteggere palla ed evitare ripartenze avversarie. 

Laurenti 6.5 Come per Cavalla, buon lavoro di squadra, ma tenta poche giocate individuali degne di nota. 

33' Guzzo 6.5 Ha poche occasioni per mettersi in mostra, partecipa alla festa al gol del 2-0.

Lauritano 7 Attaccante di altra categoria. Oggi non segna, ma dimostra di poter far male ogni volta che vede la porta. Suo l'assist per il primo gol di giornata.

13' st Bussolo 7 Il migliore dei subentrati: colpisce un palo e lavora molto per la squadra in fase di pressing.

Erriquez 8 Il gol è pesantissimo perchè apre le danze, per il resto dimostra di essere imprendibile tra le linee avversarie. 

28' st Gagliano 6.5 Gioca più basso del numero 10, c'è un vantaggio da difendere.

Sponzilli 7 Ha il piede caldo oggi e lo dimostra con un paio di bei tiri, ma senza trovare la via del gol. 

All. Santoro 8 Voto alla partita, ma soprattutto al campionato. Ha vinto un girone di livello, con una giornata di anticipo. 

IVREA CALCIO

IVREA CALCIO UNDER 19

Alice 6.5 Subisce due gol su cui non può nulla, ma la parata su Lauritano è da vedere e rivedere. 

Cagnin 6 Esterno alto adattato a terzino: molto meglio in fase di spinta che in difesa.

39' st Lantermo s.v

Pipicella 6 Contribuisce alla causa con una buona prova difensiva, ma si vede poco in avanti.

30' st Genestrone 6 Tocca tanti palloni nei pochi minuti che ha a disposizione, smistando la sfera sulle fasce. 

Tapparo 6.5 L'unica macchia nella sua eccelsa prestazione è la palla persa per il gol del 2-0. Per il resto non sbaglia nulla in 90'. 

Barbagallo 6.5 Regista difensivo della squadra, regge l'urto contro sua maestà Lauritano.

Peretti 6.5 Altro bel difensore mancino, che ha anche una grossa chance per segnare. 

Mantoan 6 Molto vivace, ma viene sempre arginato dalla super difesa avversaria.

37' st Pavan s.v

Zamuner 6 Fa valere il suo fisico per la lotta a centrocampo, peccato per le due chance sprecate sotto porta con tiri alti.

Actis Perino 6 Sovrastato da capitan Szasz-Spataru, perde il duello con il capitano avversario. 

De Masi 6.5 Tanta qualità al servizio dei compagni, ma gli è mancato quel pizzico di esuberanza per tentare anche la giocata personale.

Bonaccorsi 6.5 Si batte molto per cercare il gol o per difendere, ma anche lui non vince lo scontro con la rocciosa difesa del Volpiano. 

19' st Gillio 6 Si mette terzino per dare spazio in attacco a Cagnin. Si perde Ceschin sul gol del 2-0. 

All. Conta 6.5 I suoi ragazzi giocano una buonissima partita sul piano della costruzione, meno su quello offensivo e realizzativo, ma il merito è soprattutto della difesa del Volpiano. Ora testa all'ultimo impegno di campionato. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400