Cerca

Under 19

«Piango perché gliel'avevo promesso: la vittoria è per Stefano Borla»

Marco Masera, al primo campionato vinto, dedica il primo posto del Chisola al preparatore dei portieri vinovese scomparso qualche mese fa

Le emozioni che può regalare questo sport sono incredibili. Chiedete a Marco Masera, ragazzo poco più che trentenne che al  fischio finale di Chisola-Pedona è scoppiato in lacrime. Un pianto vero, ricco di tante cose da dire e magari mai dette: da un grazie a chi purtroppo non c'è più ma ha sempre creduto in lui a un urlo per scacciare tutti i cattivi pensieri arrivati dopo qualche sabato difficile. Alla fine della fiera Masera, capitan Geraci e tutto il Chisola ce l'hanno fatta: sono i campioni del girone D e la concorrenza di Pinerolo, Cheraschese e Cuneo è stata sbaragliata.

L'ultima di campionato non è mai stata in discussione e i vinovesi sono riusciti a portare a casa il titolo grazie a un 6-0 rotondo e ricco di spunti positivi. Stessi spunti positivi emersi dalle parole di Masera e Toni Geraci nel post partita, orgogliosi del proprio gruppo e pronti ad affrontare le insidie della fase finale a partire dal quarto di finale contro la Saviglianese. La strada è tracciata, ora bisogna percorrerla. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400