Cerca

Under 19

La Sesto è campione regionale e accede alla fascia A per la prossima stagione!

Il Settimo Milanese fa una buona gara e ci prova fino alla fine, ma ha la meglio la difesa rocciosa dei padroni di casa

Campioni

La festa della Sesto in campo dopo la fine della partita

Non so schioda dallo 0-0 la finale di ritorno tra Sesto 2012 e Settimo Milanese. Con questo risultato, per via del 2-2 dell’andata sono i ragazzi di Furgeri a prendere l’accesso ai Regionali fascia A della prossima stagione. La partita è molto tattica e ci sono poche occasioni sia da una parte che dall’altra. Nessuna delle due formazioni prevale sull’altra, anche se è la Sesto ad avvicinarsi più volte al gol con un Raschitelli in forma smagliante. Per i ragazzi di Varricchione una grande chance con Mangia nei primi minuti e poco altro, anche se nel finale la Sesto soffre e porta a casa il risultato a denti stretti.

BRIVIDO INIZIALE


Nei primi minuti le squadre si studiano e le occasioni non sono molte, anche se dopo cinque minuti Mangia si ritrova il pallone sul destro tutto solo in area di rigore a mezza altezza e non riesce a dargli la giusta forza calciandolo verso la porta: Giacomet blocca senza problemi. La Sesto risponde subito dopo con un coast to coast di Faied palla al piede: il numero undici fa tutto il campo e arrivato al limite dell’area prova a calciare a giro cercando il secondo palo, ma non trova la porta. Ci vogliono venti minuti circa per trovare l’emozione successiva ed è ancora sui piedi di Faied; Raschitelli recupera palla sulla trequarti e allarga sull’undici che è tutto solo sulla sinistra: perfetto lo stop orientato, ma il tiro è troppo alto e non trova la porta. Sulla destra arrivano le azioni più pericolose da parte dei padroni di casa con Raschitelli che punta sempre Locatelli e prova a crossare al centro o a servire al limite un compagno per il tiro da fuori. All’improvviso, da una rimessa laterale allo scadere del primo tempo, arriva la migliore occasione per gli ospiti: Mandelli riceve al limite, dopo uno stop di petto si porta la sfera sul destro e calcia fortissimo cercando la porta, ma Giacomet è attento e si rifugia in angolo con un grande intervento che salva i suoi.

Il numero sette della Sesto, Raschitelli, uno dei migliori in campo.

DIFESA ROCCIOSA


Arriva su calcio di punizione la prima grande chance della ripresa; sono gli ospiti a provarci con una palla al centro a cercare la testa di Mandelli che spizza per Cristiano, ma la conclusione del numero otto è alta sopra la traversa. Pochi minuti più tardi è Raschitelli ad avere l’occasione per calciare in porta dal limite: bello il suo sinistro, ma di poco non trova il bersaglio grande. Un contropiede ancora di Raschitelli diventa pericoloso quando coinvolge D’Isidoro, ma alla fine ne esce un nulla di fatto. Faied ha un’altra occasione per portare in vantaggio i suoi con un destro al volo di collo pieno da lontano che sfiora l’incrocio e termina sul fondo. Cesana domina fisicamente su tutti i palloni: sempre vincitore dei duelli aerei e gioca d’anticipo rubando palla agli attaccanti. Su calcio di punizione arriva un’altra chance per il Settimo Milanese con Giacomet un po’ in difficoltà nella presa bassa, ma nessuno riesce ad approfittarne insaccando il tap-in. Vergani prova a scatenare la sua energia sulla fascia destra, ma giunto sul fondo cerca un tiro-cross che termina largo oltre il secondo palo; il risultato sembra non volersi schiodare dallo 0-0. Nel finale, dopo un calcio di punizione, Testa riceve al limite ed è pronto a calcare: il suo destro non è male e impegna Paradiso in un ottimo intervento. Dopo sei minuti di recupero il triplice fischio segna la fine della partita e dice che la Sesto 2012 è campione regionale e che l’anno prossimo la squadra disputerà il campionato regionale fascia A.

IL TABELLINO

SESTO 2012-SETTIMO MIL. 0-0
SESTO 2012 (4-2-3-1): Giacomet 6.5, Daluiso 7 (40' st Ambrosi sv), Lotito 6.5, Finessi 6.5, Borretti 7 (33' Pedrolli 7), Cesana 7, Raschitelli 7.5, Catrini 7 (30' st Palattella sv), Ballone 6 (5' st Messina 6.5), Burro 6 (25' st D'Isidoro 6), Faied 7. A disp. Barone, Pamato, Bombini, Testa. All. Furgeri 6.5.
SETTIMO MIL. (4-3-1-2): Paradiso 6.5, Pica 7.5, Locatelli 6, Ferrari 6.5, Randazzo 6.5, Mannolo 7, Pellicani 6 (26' st Casella 6), Cristiano 6.5 (15' st Garavaglia 6), Mangia 6 (35' st Tagliabue sv), Festari 6, Vergani 6.5. A disp. Ferrara, Ugazio, Albano Juan, De Marco, Mandelli, Candiani. All. Varricchione 6.5.
ARBITRO: Beretta di Bergamo  7.
AMMONITI: Burro (S), Mannolo (SM), Testa (S).

LE PAGELLE

SESTO 2012

Giacomet 6.5 Molto sicuro nelle uscite alte, chiama la palla e interviene bene. A fine primo tempo nega a Mandelli il gol con una grande parata.
Daluiso 7 Fa sempre bene le diagonali, sbaglia pochissimo e gioca da vero terzino veloce e fisico. I suoi palloni lungo linea per Raschitelli creano superiorità sulla fascia destra (40' st Ambrosi sv).
Lotito 6.5 Sulla sua fascia non sono molti i pericoli ospiti a cui stare attenti, ma bravo anche a proporsi in fase offensiva.
Finessi 6.5 Agisce praticamente da mediano di fianco a Burro e si comporta molto bene. Recupera diversi palloni e gioca una buona partita.
Borretti 7 Gioca una buona mezz’ora di gara, fa bene il suo lavoro da difensore centrale, poi sostituito per un infortunio.
33' Pedrolli 7 Entra e sostituisce alla perfezione il compagno infortunato, anche lui sbaglia pochissimo e aiuta la squadra in un'ottima prestazione difensiva.
Cesana 7 Domina nei duelli aerei e anticipa sempre gli attaccanti affondando i contrasti in anticipo; grande partita.
Raschitelli 7.5 Il migliore dei suoi, corre per tutta la partita nonostante il caldo umido e con qualità e personalità sfiora più volte il gol.
Catrini 7 Garanzia di qualità, sempre bravo a far girare la palla velocemente e nel palleggio (30' st Palattella sv).
Ballone 6 Gli arrivano pochi palloni e non riesce ad essere decisivo, giornata non particolarmente brillante per lui.
5' st Messina 6.5 Entra e prova a dare una scossa. Lo fa molto bene, con grinta e cuore.
Burro 6 Forse appesantito da un fastidio che lo porta fino alla sostituzione, ma non riesce ad impattare bene la gara come vorrebbe.
25' st D'Isidoro 6 Entra e prova a dare uno strappo, ma ci riesce solo in parte.
Faied 7 Il più atletico e tecnicamente forte della sua squadra. Nel primo tempo sfiora più volte il gol e nel secondo si sacrifica tornando spesso a difendere.
All. Furgeri 6.5 La squadra approccia discretamente bene la partita e grazie ad una difesa veramente di ferro riesce a portare a casa il risultato che serviva per vincere.


SETTIMO MIL.

Paradiso 6.5 Non ha molto a cui pensare, ma le volte in cui viene chiamato in causa si comporta bene.
Pica 7.5 Gioca una partita straordinaria, di sacrificio. Parla per tutto il tempo da vero leader dando indicazioni ai compagni e sbaglia pochissimo. Alla fine ha i crampi, ma stringe i denti e non molla.
Locatelli 6 Sul suo lato sono pochi i pericoli creati, mentre sono molte le volte in cui Raschitelli e company fanno il delirio.
Ferrari 6.5 Da mediano si comporta bene in fase difensiva, ma non riesce a dare qualità alla manovra.
Randazzo 6.5 Da centrale fa molto bene e non permette al Sesto di creare troppi pericoli.
Mannolo 7 Contiene benissimo Ballone non permettendogli mai di girarsi e anticipandolo sempre di testa.
Pellicani 6 Gioca da mezzala, ma non riesce a fare la differenza come vorrebbe, a tratti anche troppo impreciso.
26' st Casella 6 Entra e prova a metterci il suo, ma non è facile per nessuno in una partita così tesa.
Cristiano 6.5 Gestisce bene il possesso della palla ed è preciso su qualche lancio lungo; ha anche una chance da dentro l'area per segnare.
15' st Garavaglia 6 Entra e ci mette il suo, ma si limita al compitino.
Mangia 6 Si divora un gol pazzesco nei primissimi minuti, poi gioca una partita senza infamia e senza lode (35' st Tagliabue sv)
Festari 6 Da trequartista non fa male, ma non riesce mai ad essere un punto di riferimento tra le linee.
Vergani 6.5 Gioca un ottimo primo tempo, nella ripresa si perde un po', ma in generale la squadra fatica a costruire.
All. Varricchione 6.5 Dopo pochi minuti una chance gigantesca, poi tanta voglia, ma poca concretezza negli ultimi metri. Una partita non facile, che ha visto gli avversari trionfare, ma senza mai averli battuti. Sia all'andata che al ritorno la partita finisce pari; gli avversari vincono per la regola del maggior numero di gol segnati in trasferta in caso di pareggio.

ARBITRO
Beretta di Bergamo 7 Gestisce bene la gara dall’inizio alla fine, usando i cartellini nel modo giusto e mantenendo sempre lo stesso metro di giudizio. È merito suo se nel finale la partita non si incattivisce; ottimo lavoro.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400