Cerca

Under 19

Lamaj, una magia che stende i Maghi: Alpignano punta alla coppa in Valle

Al Vavassori una partita da gladiatori: Saviglianese eroica ancora una volta, termina sul più bello il percorso da urlo degli uomini di Rocca

Lamaj, una magia che stende i Maghi: Alpignano punta alla coppa in Valle

Esultanza da duro per Enson Lamaj, autore del gol che ha sbloccato la partita

Alpignanesi, prendete gli scarpini e la maglietta e soprattutto armatevi di pazienza, perché la Valle d'Aosta è lontana. Sarà lontana, ma quanto sarà bello questo viaggio per l'Alpignano, che al termine di una partita tesa, maschia, dura e tirata fino all'ultimo istante batte la Saviglianese al Vavassori di Rivoli per 2-0, facendo valere quei due gol segnati al Morino di Savigliano e strappando il pass per la finalissima dell'11 giugno. Un gol pazzesco quello segnato da Enson Lamaj, perla degna del miglior Haaland, sia per la bellezza dello stop orientato che della fucilata all'incrocio, che non ha lasciato nessuno scampo a Lerda. Il gol finale di Mastrapasqua in contropiede ha chiuso poi definitivamente i giochi.

Quel che sta facendo Raffaele Lapiccirella sulla panchina dell'Alpignano  è qualcosa di fenomenale, che perché dopo aver annichilito la Biellese nei quarti superare la Saviglianese è stata l'ennesima fatica d'Ercole portata a casa. Anche nel momento in cui bomber Critelli è mancato l'Alpignano è riuscito a reinventarsi, tenendo botta grazie a un divino Imperadore in difesa e gestendo bene la fase avanzata con tutti gli effettivi. Poi la differenza ulteriore l'hanno fatta i subentrati, perché l'esperienza dei vari Mastrapasqua e Caponnetto si è fatta concretamente sentire nell'ultima mezz'ora di gioco.

Tanto, tantissimo onore alla Saviglianese di Carlo Rocca, che ha fatto sognare non solo una città intera, ma un po' ogni appassionato di quelle storie che vedono gli "underdog" andare a sfidare i giganti del calcio regionale. Un po' come la Danimarca del 1992, come l'abbiamo paragonata noi nelle scorse settimane, ha stupito tutti, vincendo il girone E da ripescata e sbaragliando il Chisola ai quarti di finale. Giocare alla pari il doppio confronto con una corazzata come quella dell'Alpignano fa onore a Allasia, Lerda e compagni, che ancora una volta hanno giocato una gara di cuore puro trascinati dal solito tifo meraviglioso. Anche se la finale non è arrivata ai rossoblù va fatto un lungo e intenso applauso.

IL TABELLINO

ALPIGNANO-SAVIGLIANESE 2-0
RETI: 17' st Lamaj (A), 50' st Mastrapasqua (A).
ALPIGNANO (4-3-1-2): Dosio 6.5, Mirabella 7, Zappalà 7 (49' st Scrima sv), Rizzo 6.5, Bertini 6.5, Imperadore 7.5, Lamaj 8 (26' st Manfrin 6), Balestra 7.5, Critelli 6 (16' st Savino 4.5), Andrei 6.5 (20' st Caponnetto 7), Ciccalotti 6.5 (12' st Mastrapasqua 7.5). A disp. Giardini, Novo, Lopopolo, Pio. All. Lapiccirella 8. Dir. Rizzo.
SAVIGLIANESE (4-4-2): Lerda 7, Lingua 7, Scotta 6.5 (42' st Giletta G. sv), Mayam 7, Rosso 6.5, Lukani 7 (40' st Cavallo F. sv), Ambrosino 7, Boaglio 6.5, Allasia 6, Chelarescu M. 6 (1' st Palushaj 6), Testa C. 6.5 (24' st Guido 6). A disp. Chiavazza, Vespertino, Simondi, Pirra, Abrate. All. Rocca 7. Dir. Allasia.
ARBITRO: Framba di Torino 7.
COLLABORATORI: Manzari e Marra.
AMMONITI: 42' Scotta[03] (S), 21' st Balestra[03] (A), 47' st Savino[04] (A).
ESPULSI: 50' st Savino (A).

Sul giornale in edicola lunedì una pagina completamente dedicata alla semifinale di ritorno.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400