Cerca

Under 19

Più di 30 gol stagionali e un girone vinto per entrambi: bomber a confronto

Intervista doppia ai due cannonieri: il primo non cambia casacca, il secondo giocherà a Milano

Cipolla Barbera

UNDER 19: Marco Cipolla e Christian Barbera, i due bomber U19 della stagione 2021-2022

Il decennio calcistico scorso ha visto la contrapposizione tra Messi e Cristiano Ronaldo, che si sono contesi la palma di migliore al mondo a suon di numeri e gol. Nella categoria Under 19 lombarda, il duello per eccellenza ha invece avuto come protagonisti Christian Barbera e Marco Cipolla, i quali hanno sfondato la simbolica quota delle 30 reti stagionali. Il primo, classe 2003, è stato il principale attaccante del Morazzone vincitore del Girone A, uscito nella fase finale regionale al cospetto dell’Accademia Pavese, futura vincitrice del titolo; il secondo è stato invece il leader offensivo del Rozzano, anch’esso vincitore del proprio raggruppamento, il Girone E, prima di perdere ai rigori la finalissima contro la diretta avversaria incontrata anche nella stagione regolare.

Una stagione pazzesca per entrambi: avete contribuito al successo delle vostre squadre nei rispettivi gironi. Pensavate di poter vincere il torneo a suon di reti?
Barbera: «Sicuramente sono molto contento dei miei 32 gol in campionato, più quello nelle fasi regionali. Io ero certo fin da inizio stagione che avrei fatto bene, poi, vedendo la squadra, sono sempre stato più convinto delle nostre potenzialità anche se non pensavo riuscissimo davvero a vincere il campionato».
Cipolla: «Non partivamo per vincerlo noi, eppure siamo riusciti a vincerlo quasi agevolmente. Trionfare a casa dell'Assago con un successo per 6-0 è stato fantastico. Sulla finale del titolo regionale, invece, posso dire che quando si perde ai rigori non è facile digerire la sconfitta, ma non ci sono rimpianti: abbiamo dato tutto quello che potevamo dare».

Le vostre prestazioni hanno ovviamente acceso i riflettori e scatenato diverse sirene di mercato: che cosa avete deciso per l'immediato futuro?
Barbera: «Ho già parlato con tecnico e società: la priorità è quella di confermarmi per la Prima Squadra in vista della prossima stagione. Poi, ovviamente, nel caso arrivasse qualche offerta irrinunciabile, non ci saranno problemi. Dallo sarà con me così come la società mi ha dato garanzie importanti».
Cipolla: «Ho iniziato la mia carriera col Rozzano, sono stato tantissimo tempo qui ed è un ambiente fantastico, ma per il mio futuro ho dovuto fare altre scelte che mi vedranno lontano da qui. Ho già comunicato alla società che non farò più parte del progetto. Ho avuto offerte dai campionati di Promozione ed Eccellenza, e alla fine ho scelto la Barona Sporting».

Come avete giocato a livello tattico?
Barbera: «Quest'anno ho giocato prevalentemente come 9 puro, ma mi adatto facilmente in tutti i ruoli del fronte offensivo. Negli scorsi anni avevo sempre fatto l'esterno, questa stagione il tecnico ha pensato di spostarmi avanti e la scelta ha premiato. Un grande aiuto me lo ha dato sicuramente il mio compagno di squadra Tavelli, uomo-assist, che giocava poco dietro di me e ha contribuito, come poi tutto il resto del gruppo, in maniera decisiva per farmi realizzare tutti questi gol».
Cipolla: «Il modulo che abbiamo usato quest'anno con una punta di fianco mi piace. Mi trovo bene col tridente ma penso di dare meglio in coppia, con un partner d’attacco in un reparto offensivo a due».

Christian Barbera, bomber del Morazzone

Quali sono stato i momenti più emozionanti della stagione?
Barbera: «Ci credevo da subito, come filosofia penso sempre di poter vincere, anche se la squadra era un po' scettica. Partita dopo partita però i risultati continuavano ad arrivare, e nel frattempo tutti ci davano contro dicendo che non esprimevamo gioco. Abbiamo lavorato sodo, ed è finita come sappiamo. La vittoria contro la Varesina è stata fondamentale: erano a +7 in quel momento e dopo quella sconfitta, a mio avviso, hanno perso certezze, mentre noi abbiamo capito che potevamo davvero arrivare davanti».
Cipolla: «Il gol più emozionante è stato proprio in finale contro l’Accademia Pavese. Anche se è andata male, segnare in quel momento mi ha dato una carica agonistica pazzesca che mi ha letteralmente travolto. La rete più bella, invece, resta quella siglata in rovesciata ai quarti di finale contro lo Scanzorosciate. Provo spesso questo colpo in allenamento e, nella circostanza, mi è arrivato il pallone e mi è andata bene».

Barbera, qual è il segreto del tuo rendimento?
Barbera: «Devo tanto a Dallo: ho avuto due anni in cui i miei allenatori non mi vedevano per nulla. Alla Roncalli ho fatto 40 gol in due stagioni ma giocavo comunque poco, stessa cosa a Cedrate. Qui invece fin da subito si è instaurato un rapporto quasi di amicizia, il chè sembra facile da gestire ma non lo è. Dallo è bravissimo nello scherzare nei momenti giusti e farci lavorare nel modo corretto, auguro a tutti di incontrare un allenatore come lui».

Marco Cipolla ha invece avuto la possibilità di esordire in Prima Squadra in Prima Categoria: come è stata la tua esperienza?
Cipolla: «Ho esordito entrando al 75' e 5 minuti dopo ho segnato il gol vittoria dell'1-2. Cross dal fondo, un compagno ha scaricato dietro e di piatto al volo di destro ho regalato i tre punti. Momento indescrivibile».

Marco Cipolla in azione

Quali sono i vostri pregi e difetti?
Barbera: «I miei punti forti penso che siano la velocità e l’agilità, oltre al fatto che tecnicamente mi sento preparato. E ovviamente davanti alla porta sbaglio poco, sono molto freddo nel segnare. Quest'anno poi ho scoperto di riuscire a farli in qualunque modo: di testa, destro, di sinistro. Penso invece di dover ancora migliorare fisicamente, mi metterò sotto con la palestra. Voglio lavorare anche sull'essere più tranquillo in campo, a volte la cattiveria agonistica mi trascina un po' troppo, ma lo faccio sempre per spronare i miei compagni».
Cipolla: «Il senso del gol, il colpo di testa e il tiro sono indubbiamente le caratteristiche che mi contraddistinguono. Devo invece migliorare sotto l’aspetto della velocità».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400