Cerca

Under 19

È stata la sorpresa del campionato, e ora fa il salto in prima squadra: il 2003 del Rozzano è diventato grande

Cristian Maiorana farà parte della formazione che disputerà il campionato di Promozione

Cristian Maiorana

Cristian Maiorana: con il Rozzano, la “Joya” ha stravinto il Girone E contro ogni pronostico

QUESTO ARTICOLO È PREMIUM. PER LEGGERLO DEVI AVERE UN ABBONAMENTO ATTIVO. IN ALTERNATIVA LO TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DA LUNEDÌ 25 LUGLIO (QUI L'EDICOLA DIGITALE)

Quest’anno Cristian Maiorana non si è voluto porre limiti e ha sfiorato una stagione da dieci e lode. Con il suo amato Rozzano, partito come underdog del campionato, ha sorpreso tutti portandosi a casa il primo posto in regular season, per la precisione del Girone E. La finalissima persa qualche settimana dopo ai tiri di rigore ha lasciato parecchio amaro in bocca, ma il talentuoso esterno può consolarsi: i numeri da capogiro e le buone prestazioni hanno fruttato la chiamata in Prima Squadra. Da settembre sarà dunque Promozione.

IL SALTO DEL TOP PLAYER

Tra i top player della strepitosa stagione del Rozzano vi è indubbiamente Cristian Maiorana, elemento fondamentale della formazione di Crippa che ha stravinto il girone E di Under 19, andando ad un passo dalla conquista del trono regionale: «A nessuno piace perdere. La sconfitta in finale ai rigori mi è pesata tantissimo, ma se ripenso a quello che abbiamo fatto durante l’anno non posso che essere soddisfatto. Ci siamo divertiti tanto come gruppo, grazie al nostro allenatore siamo diventati una famiglia: in tutti questi anni in cui ho giocato, non ho mai avuto una squadra così». Al netto del ko per il titolo regionale contro l’Accademia Pavese, è stata una stagione fantastica: «Abbiamo ottenuto dei risultati impensabili rispetto a quanto preventivato. Noi volevamo salvarci e invece abbiamo vinto il girone arrivando all’atto conclusivo del torneo. A livello individuale sono sempre stato ritenuto una pedina fondamentale. Ho fatto tanto ma penso anche di poter fare di più, soprattutto in termini di numeri». Calciatore pungente e determinante, Maiorana è esperto in doppiette: «Quella rifilata alla Trevigliese (nella gara di andata delle semifinali della fase finale) è stata bellissima, ma se devo scegliere il momento più bello è indubbiamente il doppio gol ad Assago che ci ha spianato la strada, avendo due risultati su tre disponibili per l’aritmetica vittoria. Ho segnato le reti in un tempo ravvicinato: il primo su lancio di Veratti a scavalcare la difesa gialloblù, in cui mi sono infilato tagliando il campo e colpendo con il colo del piede; il secondo, invece, con la sfera tra le linee, ho puntato la porta e con un sinistro da fuori area rasoterra ho colpito sul secondo palo».

LA JOYA DI ROZZANO

Lo 0-6 di Assago ha scatenato la festa per un campionato meritatissimo. Maiorana, però, chiede sempre qualcosa in più dalle sue prestazioni e non si accontenta, sinonimo di un calciatore che vuole perennemente migliorare: «Ho il vizio di tenere molto la palla, partendo dall’esterno per accentrarmi, cercando spesso l’uno-due e i passaggi di prima. Devo crescere sull’ultimo tocco, arrivo a un certo punto che devo prendere una decisione e magari passo il pallone invece di tirare oppure perdo l’attimo. Posso effettuare degli accorgimenti da questo punto di vista». Il suo valore è stato apprezzato dalla società, che non solo ha vinto il campionato Under 19, ma ha ottenuto brillanti risultati anche con la Prima Squadra, ottenendo il salto in Promozione, categoria in cui militerà: «Sono molto contento di poter debuttare in Promozione, speriamo di poter fare un ottimo campionato». Di fede juventina, i suoi idoli rappresentano il passato della società bianconera: «Il mio mito è Del Piero, adoro il suo stile di gioco e la personalità. Se devo sceglierne uno più recente, non posso che indicare Dybala. In generale, però, sono un tipo che guarda e studia le caratteristiche di ogni singolo giocatore per farle mie».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400