Cerca

Under 19

Dal calcio dei grandi alla prima avventura in categoria: «Ho una scommessa con me stesso»

Le idee del tecnico biancorosso: «Penso che sia giusto che chi meriti vada subito in Prima Squadra»

 Gianluca Gandini Club Milano

UNDER 19 REGIONALE CLUB MILANO: Gianluca Gandini, la nuova guida dei biancorossi

QUESTO ARTICOLO È PREMIUM. PER LEGGERLO DEVI AVERE UN ABBONAMENTO ATTIVO. IN ALTERNATIVA LO TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DA LUNEDÌ 25 LUGLIO (QUI L'EDICOLA DIGITALE)

Sulla panchina del Club Milano nella stagione a venire sederà Gianluca Gandini, tecnico che in questi anni ha raccolto una discreta esperienza nel settore giovanile grazie alla sua avventura con l'Accademia Inter, ma anche nelle prime squadre considerando le varie esperienze fatte con Boffalorese, Magenta e Vighignolo. Ecco cosa ha convinto Gianluca a buttarsi in questa nuova esperienza: «Non ho mai allenato in Under 19, ma ho fatto sempre categorie vicine, quindi posso dire di conoscere comunque la categoria almeno un po'. Per me è importante sottolineare quanto mi affascini l'ambiente e stare in una società così ben strutturata, con tutto il settore giovanile a livello regionale e la Prima Squadra saldamente in Eccellenza». La direzione continua ad essere quella imposta dalla società in questi anni: «Sono felice di allenare una squadra in cui penso molti ragazzi potranno dire la loro in futuro. Sta a me traghettarli e prepararli al salto in quest'ultimo anno nelle giovanili. Mi sono dato l'obiettivo di fare esordire durante la stagione quelli più pronti, perché so quanto sia valido il gruppo dei 2005».

LE BASI DI PARTENZA

L'annata infatti nella scorsa stagione ha vinto con merito il campionato della propria categoria sotto la gestione di Valerio Mandelli, e molti effettivi sono rimasti anche in Under 19: «Dei 25 ragazzi in rosa metà fanno parte del gruppo dell'anno scorso, altri arrivano dal Cimiano. Abbiamo fatto anche due innesti dalla Lombardia Uno e poi c'è la possibilità arrivi qualche ragazzo dai professionisti». Un classe 2005 però ha saltato lo step Under 19 per approdare direttamente in Prima Squadra, ovvero Carlo Minelli, il trascinatore della scorsa stagione: «Io non l'ho ancora visto giocare in una partita vera, me ne hanno però parlato tutti molto bene. Fisicamente forse è un po' indietro rispetto all'Eccellenza, spero possa venire ad aiutarci se servisse a noi, ma soprattutto a lui, sicuramente però rimarrà di base un effettivo della Prima Squadra». A chi dice che potrebbe essere un passo troppo lungo per il ragazzo Gandini risponde: «Penso che sia giusto che chi merita vada subito in Prima Squadra, è un modo per far crescere questi giocatori in maniera esponenziale. Devono avere l'ambizione di stare dentro l'ambiente dei grandi, di gente che vive di calcio»

Per l'annata dei 2005, però, c'è qualche difficoltà da superare: «Dobbiamo prepararli al calcio dei grandi e aver perso due anni per loro è stato un danno grave. Hanno un fisico troppo esile, dovremo lavorare molto su quello, ma sono comunque convinto che i migliori della squadra riusciranno a trovare spazio in Prima: è una scommessa con me stesso».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400