Cerca

Under 19 Regionale

I vicecampioni sono pronti: ecco staff e rosa per l'anno della doppia rivincita

Confermato l'allenatore, mentre il gruppo si arricchisce di 2005 per riscattare i secondi posti in Coppa e campionato

I vicecampioni sono pronti: ecco staff e rosa per l'anno della doppia rivincita

UNDER 19 REGIONALE CISANESE: Il vecchio gruppo di Stefano Passoni festeggia l'ultima vittoria della stagione 2021/2022

QUESTO ARTICOLO È PREMIUM. PER LEGGERLO DEVI AVERE UN ABBONAMENTO ATTIVO. IN ALTERNATIVA LO TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DA LUNEDÌ 1 AGOSTO (QUI L'EDICOLA DIGITALE)

Un lungo testa a testa in vetta con lo Scanzorosciate reduce da un anno nel campionato Nazionale e una finale di Coppa Lombardia persa solo ai supplementari contro la Calvairate: sono queste le due rivincite che la Cisanese formato 2022/2023 proverà a prendersi sempre sotto la saggia ala di Stefano Passoni. Due traguardi sfumati per pochissimo, ma che raccontano una stagione di alto livello per i bergamaschi, che hanno finalmente definito tutto lo staff tecnico, e quello dirigenziale, a fianco del riconfermato allenatore, e la rosa che sarà a sua disposizione.

IL FILM DELLA STAGIONE

Come spoilerato in apertura, l'anno della Cisanese si è chiuso in modo amaro, ma dopo veramente tante gioie. Nelle prime 9 giornate di campionato, infatti, la banda di Passoni non vince soltanto due volte, e una è durante il turno di riposo. La seconda, invece, è lo scontro diretto in casa dello Scanzorosciate, un 3-2 frutto di 4 gol in appena 12 minuti di gioco e dell'ultimo, quello decisivo per i giallorossi, a metà ripresa. Una rete di scarto che peserà nel computo finale, anche se la data segnata in rosso sul calendario dei bergamaschi è un'altra: sabato 27 novembre. Cancellata la caduta nel big match, i ragazzi di Passoni si impongono sull'Academy Brianza Olginatese, ma la settimana successiva incappano in un pareggio quasi impronosticabile. In casa della Nembrese, fanalino di coda, finisce infatti 1-1: sarà l'unica X nel tabellone dell'ultima classificata. È un momento delicato dal punto di vista dei risultati per i bianconeri, che mantengono il filotto casalingo superando 2-1 la Fiorente Colognola, ma concludono l'anno con il terzo stop consecutivo lontano da Cisano. A Segrate, fin qui terzo club in corsa per il primo posto in classifica, finisce infatti 3-3, con pareggio dei milanesi al settimo minuto di recupero. Un risultato amarissimo, ma che non toglie Passoni dalla vetta: la Cisanese è Campione d'Inverno.

Finito lo stop dovuto al Covid, che blocca tutto a gennaio, il 19 febbraio i bergamaschi tornano in campo, mantengono intatto il filotto di sole vittorie in casa superando 3-0 il Cologno e tornano a festeggiare in trasferta superando 1-2 la Speranza Agrate. Tolta la ruggine arriva un altro turning point nella stagione della Cisanese: il ritorno con lo Scanzorosciate. Dopo la sconfitta di misura dell'andata l'occasione è quella di tenere a distanza i giallorossi e tentare la fuga verso il titolo. Missione non facile, ma la legge è chiara: in casa Passoni sa solo vincere. Luca Mazzoleni sblocca il match al 24', poi Ceroni al 3' della ripresa mette il sigillo sul 2-0 che lancia i bianconeri. È un momento d'oro per la Cisanese, che non si ferma più e batte in sequenza pure Academy Brianza Olginatese, Nembrese e Fiorente Colognola, arrivando all'ennesimo momento clou dell'anno, ovvero la sfida di ritorno con il Segrate. Proprio come con lo Scanzo si gioca a Cisano, ma questa volta ogni certezza crolla e i milanesi si confermano la bestia nera di Passoni. Se all'andata finì infatti 3-3 con gol al settimo minuto di recupero della squadra di Poggi, nel secondo testa a testa ai giallorossi bastano tre giri di lancette per interrompere la scalata verso il titolo. Tra il 40' e il 43' della ripresa la doppietta di Bisaccia rompe l'incantesimo: finisce 2-2 e per la prima volta la Cisanese non vince tra le mura di casa. In contemporanea lo Scanzo fa tris ad Agrate e si riapre la corsa alla vetta. I ragazzi di Passoni sono bravi a ingoiare la pillola rifilando un poker al Carugate nella settimana successiva, però sabato 16 aprile i bianconeri perdono il campionato. Quello che fino a due weekend prima era il fortino di Cisano Bergamasco, crolla per la prima (e unica) volta in stagione nel momento decisivo della battaglia a distanza con lo Scanzorosciate. Nel «derby lecchese» con il Luciano Manara, infatti, i padroni di casa si trovano sull'1-1 fino al sesto minuto di recupero, quando i Bersaglieri conquistano un calcio di rigore che Assamoi non sbaglia. Finisce 2-1, lo Scanzo travolge quella Nembrese che nel girone d'andata mise il bastone tra le ruote della Cisanese e all'ultima giornata punisce anche l'altra nemesi di Passoni, ovvero il Segrate, distrutto con un inaspettato 9-0 in esterna. I bianconeri vincono le ultime due giornate, ma restano a un solo punto di distanza dalla vetta.

Un campionato fatto dunque di numerosi successi (ben 19 su 24 partite) e tappe dolorose (Nembrese e Segrate su tutte), vissuto in contemporanea con un altro percorso che, invece, ha visto Passoni sorridere fino al 92' dell'ultima sfida. In Coppa, infatti, la Cisanese registra solo vittorie tra gironi, quarti di finale e semifinale. Prime vittime Lemine Almenno (3-2), Academy Brianza Olginatese (1-4) e Speranza Agrate (2-1), avversarie nel Girone 4, poi l'AlbinoGandino, sconfitto 4-3 e 0-3 ai quarti, e infine il Mariano, battuto due volte 1-0. Un percorso netto, ancor di più dell'ultima avversaria da superare, ovvero una Calvairate in corsa praticamente solitaria per la vetta del campionato, ma incappata in qualche pareggio in Coppa. La finale di Concorezzo si presenta dunque come un match di altissimo livello, e il campo ne dà la dimostrazione: dopo 90 minuti di gioco finisce 0-0 tra due squadre attente, belle e ricche di talento. Si va così ai supplementari, dove bastano due giri di lancette ai milanesi per passare in vantaggio. I ragazzi di Passoni non demordono e si costruiscono l'occasione per pareggiare, ma la conclusione di Stefano Sambruna finisce in bocca al portiere e i bianconeri devono accontentarsi di un altro secondo posto.

La Cisanese arriva così ai playoff della fase regionale, conquistati grazie alla seconda posizione in campionato, con due bocconi da digerire e tanta stanchezza sulle gambe al termine di una finale sudatissima e di una stagione giocata sempre ad alto livello. Il risultato è così un secco 0-3, viziato da due rigori, contro la Varesina, che al primo turno dei playoff mette fine all'avventura dei bergamaschi.

CAPITOLO 2022/2023 - LO STAFF

Concentrandoci sul futuro, il timoniere Stefano Passoni ha tutti gli elementi a disposizione per completare la ciurma che lo accompagnerà nella prossima stagioneAlessandro Crippa sarà il viceallenatore, Paolo Macchia il team manager, Ivan Vassena il dirigente accompagnatore, Giuseppe Pantaleoni il preparatore dei portieri e Agostino Cogliati il fisioterapista, mentre il trittico dirigenziale sarà formato dal Direttore Generale Franco Forliano, dal Direttore Sportivo Roberto Pennati e dal Direttore Tecnico Marco Pirovano.

CAPITOLO 2022/2023 - LA ROSA

  • PORTIERI: Ivan Capelli (2005), Davide Comi (2004);
  • DIFENSORI: Simone Bonaiti (2004), Gioele Cuzzolin (2005), Filippo D'Ippolito (2004), Karim Palcau (2003), Alessio Panzeri (2004), Mattia Perri (2005), Gabriele Rota (2005), Filippo Sottocornola (2005), Leonardo Valsecchi (2004);
  • CENTROCAMPISTI: Matteo Bassi (2005), Marco Castelnovo (2005), Andrea Mazzoleni (2005), Giorgio Ravasio (2005), Alessio Tonioni (2003), Andrea Valsecchi (2004);
  • ATTACCANTI: Nicolò Balbiani (2003), Alessio Luci (2005), Francesco Marchetti (2005), Leonardo Mazzoleni (2004), Mattia Pellegrini (2004), Adriano Privitera (2005), Davide Tasca (2005).
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400