Cerca

Biandronno - Lavena Tresiana Under 19: Somalvico in Alberga, Morosini da dieci

MATTEO ALBERGA LAVENA TRESIANA
La sfida tra debuttanti in categoria va alla Lavena Tresiana che, con merito, si impone per 3-1 in casa del Biandronno nella sua prima assoluta in categoria. Un risultato ampiamente meritato per quanto visto nei novantacinque minuti complessivi diretti dall'arbitro Andrea Doria, con Morosini e Alberga a santificare la vittoria per la squadra guidata da Marco Somalvico e Serafino Civitillo. La forza tresiana sembra essere nell'ossatura collaudata nonostante il divario di età media pendesse ampiamente a favore del Biandronno (in campo con ben 4 fuoriquota) mentre i rossoblù schieravano nell'undici titolare due 2004 (Favero e Bertolotti). Cigolini-Viganò-Morosini sono l'asse portante rossoblù che trova imprevedibilità dalle giocate di Alberga e solidità da Mastronarino e Minetti. Nel Biadronno, come ammesso anche da Castiglione, c'è ancora il cartello “lavori in corso”: l'assenza di Postiglione, infortunato a Malnate settimana scorsa, si è fatta sentire eccome, anche se Bellorini e Ruffin hanno provato a farsi valere; dietro, eccetto Parola finché ha tenuto, si è visto che c'è ancora da trovare i giusti meccanismi. La Lavena Tresiana fin da subito ha preso il controllo delle operazioni e nei primi dieci minuti si avvicina alla porta di Poletti per quattro volte con Gueye su servizio di Morosini e con Ciardiello per tre volte (scambio con Gueye, poi su assist di Morosini e, infine, sull'imbucata di Gueye che Poletti disinnesca da terra e costa un sospetto stiramento al centravanti). A stappare la partita è “el diez” Morosini con un velenoso esterno destro dai trenta metri che cambia traiettoria e sorprende Poletti. Dieci minuti più tardi ecco servito il raddoppio nato dalla caparbietà di Gueye nel tenere un pallone sulla sinistra e scodellarlo per Alberga che, dopo aver avuto la meglio di Jamaa, incrocia col destro sul palo lontano. Vantaggio meritato per quanto visto ma il Biandronno, un minuto dopo il raddoppio, va a un passo dal dimezzare le distanze con un traversone teso di Drago dalla destra sul quale Favero è costretto a mostrare i suoi riflessi. A inizio ripresa il Biandronno, al termine di un'azione convulsa nata dai piedi di Puppin che ha trovato sulla linea di porta Cigolini, trova il gol dell'1-2 con il rasoterra di Ruffin dai venti metri. La Lavena Tresiana si riporta subito a distanza di sicurezza con Alberga, abile a colpire dal fondo e castigare la retroguardia del Biandronno dopo un errore. Rete che mette la partita al sicuro per la squadra di Somalvico che, nei minuti finali, va vicina al 4-1 con Gueye per due volte e, proprio allo scadere, con Andreani su punizione che colpisce però il palo.

IL TABELLINO

Biandronno-Lavena Tresiana 1-3 RETI (0-2, 1-2, 1-3): 19' Morosini (L), 30' Alberga Matteo (L), 7' st Ruffin (B), 19' st Alberga Matteo (L). BIANDRONNO (4-4-2): Poletti 7 (36' st Ren sv), Drago 6 (1' st Puppin 6), Milizia 6, Sardone 6.5, Abdou 6, Parola Davide 7 (31' st Mignosi sv), Bellorini 6.5, Merigo 6, Mazza 6 (15' st Faresin 6), Ruffin 7, Jamaa 6. A disp. Carniato. All. Castiglione 6. Dir. Merigo. LAVENA TRESIANA (4-2-3-1): Favero 6, Bertolotti 6.5 (8' st Adreani 6.5), Mastromarino 7, Cantamessi 6.5 (1' st Berardo 6.5), Cigolini 7, Minetti 7, Alberga Matteo 7.5 (23' st Andreani 6.5), Viganò 7, Ciardiello 6.5 (15' st Buffon 6.5, 33' st Cicilloni sv), Morosini 7.5, Gueye 6.5. A disp. Rigotti. All. Somalvico-Civitillo 7. Dir. Berardo. ARBITRO: Doria di Varese 6. AMMONITI: Milizia (B), Bellorini (B). [caption id="attachment_229303" align="aligncenter" width="900"] civitillo Serafino Civitillo[/caption]

LE PAGELLE

LAVENO All. Castiglione 6 Squadra in costruzione, difficile poter chiedere di più. Poletti 7 Prima tra i pali e mostra in due occasioni delle buone doti. Abile a chiudere lo specchio e mostrare i suoi riflessi di Ciardiello. (36' st Ren sv). Drago 6 Fisicamente paga dazio ma riesce a compensare con lo spirito di sacrificio. Sua la prima occasione locale al 32'. (1' st Puppin 6 Fa un buon lavoro: si presenta con un tiro velenoso che Cigolini disinnesca sulla linea). Milizia 6 Timido in alcuni frangenti e da quella parte non te lo puoi permettere visto che imperversa Alberga. Sardone 6.5 Quantità nella zona nevralgica. Nella ripresa, con la squadra ridisegnata, va basso a destra e se la cava. Abdou 6 Mette qualche rammento su Gueye. In occasione del 3-1 non è impeccabile. Parola 7 Là dietro perde raramente la bussola. Fa un buon lavoro e dà senso di sicurezza. Esce per un piccolo infortunio. (31' st Mignosi sv). Bellorini 6.5 Il primo a portare pressione alla Lavena Tresiana. Corre e rincorre, manca solo l'acuto. Merigo 6 Le idee sono quelle giuste, ma in quella zona serve più costanza. Mazza 6 Gli arrivano pochi rifornimenti e fa fatica a procurarsene. Lode per l'impegno. (15' st Faresin 6). Ruffin 7 Colpisce con la sua arma. Non molla il colpo e resta sempre sul pezzo. Jamaa 6 Più difensivo che offensivo e finisce per diventare spesso il “quinto”. In occasione dello 0-2 non è impeccabile. LAVENA TRESIANA All. Somalvico-Civitillo 7 La squadra non paga l'emozione del debutto. Gruppo giovane e di grande prospettiva e con interpreti importanti. Favero 6 Gli basta un segnale per entrare in azione. Si fa trovare pronto ma in occasione dell'1-2 parte un attimo in ritardo. Bertolotti 6.5 Quando vuole sa essere martellante. Lo impegnano poco e si prende licenza di andare in un paio di occasioni. (8' st Adreani 6.5 Senza fronzoli, più di mezzora di qualità). Mastromarino 7 Passo giusto e pochi riescono a fermarlo quando decide di andare. Cantamessi 6.5 Posto giusto nello scacchiere. Comanda le pedine e trova l'incastro vincente. (1' st Berardo 6.5 Infaticabile. Sempre lì a combattere). Cigolini 7 Grande solidità per guidare la retroguardia. Pospone l'1-2, alza il muro quando serve. Minetti 7 Attento nel leggere le situazioni. Una chiusura provvidenziale nel primo tempo. Alberga 7.5 Doppio timbro in doppia modalità: di classe il primo, di caparbietà il secondo. (23' st Andreani 6.5 La stella resta in panchina ma per poco non lascia il segno nel recupero). Viganò 7 Cuore indomito della Tresiana: pulisce e ripulisce davanti alla difesa e quando è necessario si immola pure. Ciardiello 6.5 Avrebbe potuto essere la sua giornata ma esce troppo presto. In dieci minuti ha tre occasioni. (15' st Buffon 6.5 Subito con il giusto ardore. Partita di sostanza, 33' st Cicilloni sv). Morosini 7.5 Grande qualità per il trequartista rossoblù. In quella zona del campo fa quello che vuole: inventa e va al tiro. Gueye 6.5 Ci fosse il premio alla generosità sarebbe suo in ogni partita. Si sbatte per tre ma spesso si perde sul più bello. [caption id="attachment_229305" align="aligncenter" width="900"] Morosini, Lavena Tresiana[/caption]

IL DOPOGARA

Castiglione (allenatore Biandronno): «Rispetto alla partita di settimana scorsa a Malnate ci sono stati due passi indietro. Siamo una squadra in costruzione e sappiamo che per tutto il girone di andata ci sarà da soffrire. Con la Malnatese eravamo riusciti a esprimerci meglio anche per via delle loro caratteristiche». Civitillo (vice-allenatore Lavena Tresiana): «Avevamo due sole amichevoli alle spalle ma direi che siamo partiti nel modo migliore. Abbiamo una base di 2003 per cominciare un percorso che, tra qualche anno, porterà questi ragazzi in prima squadra. Questa è andata, ora Calcio Bosto, Laveno e Cuassese diranno chi siamo. Come mentalità posso dire che siamo 22 lupi: ai ragazzi dico sempre di non mollare mai».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400