Cerca

Marnate Under 17 e Under 19, il nuovo progetto prende forma

marnate u19 202021

marnate u19 202021

Inizia a prendere quota il nuovo progetto del Marnate Nizzolina, impreziosito quest’anno dal lavoro in sinergia con la Castellanzese, con la quale la società ha deciso di intraprendere un nuovo percorso in cui si stanno gettando le basi proprio a partire da questa stagione. La promozione della prima squadra in Seconda Categoria ha dato appeal al Marnate, rendendo anche il settore giovanile della società più ambizioso di poter portare anch’esso delle soddisfazioni; tuttavia, l’inizio della stagione non è stato dei migliori, né per quanto riguarda l’under 19, né per l’under 17; ciò nonostante gli allenatori delle due squadre non sembrano preoccupati dell’inizio zoppicante, come ci spiega il tecnico dell'under 19 Simone Gianazza: «Non è stato un inizio difficoltoso, quanto un inizio sfortunato. La nostra unica partita negativa è stata contro la Solbiatese, mentre sia con Crennese che con Lonate sono state decisamente partite da noi ben giocate, ma decisamente sfortunate; so che abbiamo perso 3 partite e che siamo ancora a 0 punti, ma so anche come abbiamo perso quelle 3 partite, dunque sono fiducioso, perché di certo il livello della squadra è alto». Anche l’under 17 ha iniziato la stagione con una sconfitta, ma, come il suo collega, anche Mattioni si dimostra ottimista: «Vedo molto bene la mia squadra quest’anno; certo dopo la partita con il Mozzate c’era delusione perché sul campo avevamo espresso un buon calcio e devo ammettere che è stato un risultato che ci va un po’ stretto; tuttavia quando lavori nel settore giovanile il primo aspetto da guardare è la prestazione, e la nostra è stata decisamente di un buon livello». A rendere più sereni i due allenatori è di certo il fatto di sapere di essere parte integrante di un progetto e di una visione societaria, che ben si sposa con le idee dei due tecnici, come ci spiega ancora l'allenatore dell'under 17: «La società ti fa sentire molto dentro al progetto. Inoltre, hanno una visione ed un equilibrio che condivido molto su quello che deve essere il calcio: una fonte di formazione sociale per i ragazzi e allo stesso tempo un lavoro mirato sull’insegnare calcio. Si sente molto la sana ambizione e voglia di migliorarsi, a partire dalla stessa società e questa è una cosa che di riflesso si trasmette anche alla squadra». Un entusiasmo palpabile per quello che ha tutte le carte in regola per poter essere un progetto vincente, come confermato anche da Gianazza: «Dal punto di vista dirigenziale, la solidità è evidente. C’è una visione del lavoro molto chiara, una presenza costante dei dirigenti ad allenamenti e partite, e un continuo confronto sulle decisioni sia calcistiche che extracalcistiche. Dal mio punto di vista, questi sono aspetti importanti e che alla lunga fanno la differenza». Una differenza che ancora non ha portato primi punti, ma che di certo pone delle importanti speranze sulle ambizioni dell’under 19 di Gianazza, come conferma l’allenatore: «I ragazzi negli allenamenti stavano dando delle risposte molto incoraggianti sul lavoro che stavamo facendo. So che stavo portando una metodica di allenamento diversa rispetto a ciò a cui erano abituati, puntando molto sulla condizione fisica. Nonostante questo, ho visto molto impegno da parte dei miei ragazzi, ed unito alle loro capacità tecniche so che i risultati non tarderanno ad arrivare: abbiamo tutte le carte in regola per fare un signor campionato». Una sana ambizione dunque, che ci spiega come, nonostante i primi risultati negativi, il progetto Marnate sia tutt’altro che incerto, ma semplicemente sulla pista, pronto per decollare.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400