Cerca

Barracuda - Rapid Torino under 19: Verro apre le danze rossoblù

saraco barracuda
In via Dandolo va in scena la prima di campionato Under 19 tra Barracuda e Rapid Torino. I padroni di casa in maglia rossoblu si schierano con il solito 4-3-3 sfoggiando con il tecnico Ferrari che sfoggia un Barracuda in stile Leicester di Ranieri: reparti corti, pressing asfissiante a centrocampo e palla lunga a innescare l'Arsenale Atomico Iannazzo, Verro, Sacco. Il tecnico Sequenza risponde con un modulo speculare affidandosi alla capacità dei suoi di far girare bene la palla sfruttando soprattutto i piedi deliziosi del n.8 Cenere. Arbitro del match  di Torino. Al fischio d'inizio si capisce subito che i padroni di casa non scherzano, i tre la davanti sono affamati come lupi e proprio come i lupi vanno a caccia in branco. Al 5' infatti il numero 9 Verro ruba palla a centrocampo, buca la linea difensiva del Rapid e sull'uscita del portiere lascia partire un pallonetto alla Totti. Barracuda 1 - Rapid 0. I biancorossi però non ci stanno e ripartono a testa bassa alla ricerca del pareggio, ricerca che viene premiata al 15' . Su un calcio di punizione dal limite sinistro dell'area, Cenere pennella una palla sul secondo palo a scavalcare la barriera e il portiere. Cenere la riprende e il Rapid torna in partita. Ma proprio dopo aver agguantato il pareggio gli ospiti crollano e inizia l'ascesa del Trio Atomico,  al 28' Sacco controlla un palla vagante al limite dell'area perfora la difesa avversare e la piazza alla sinistra del portiere per il 2-1 rossoblu. Dal gol di Sacco passa poco che il solito Verro, dopo aver ricevuto un palla filtrante dentro l'area di rigore,  lascia esplodere un destro chirurgico che finisce dritto sul secondo palo. Indirizzata la partita sul binario giusto per il barracuda, sale in cattedra Iannazzo con il suo show personale: prima, ricevuta una palla sulla trequarti salta 3 uomini in stile Roby Baggio, entra dentro l'area e imbuca il portiere, pochi minuti dopo, imbeccato da un lancio lungo dal centrocampo, brucia tuti sulla velocità e di potenza batte per la seconda volta Brondino. Sul risultato di 5-1 per i padroni di casa si chiude il primo tempo. La ripresa è un assolo del Barracuda che ormai gioca per la gloria dei suoi attaccanti. Da segnalare il terzo gol di Iannazzo che su una mischia in area nata da un calcio d'angolo, la risolve con una zampata da pochi passi portandosi così il pallone a casa. Sul finire arriva un timido squillo del Rapid che con Gianni segna la rete del 8-2 con un pallonetto di testa a scavalcare Sollazzo (il peggiore dei suoi). Si chiude così la prima di campionato tra Barracuda e Rapid Torino, partita dalle tante emozioni ma piuttosto effimere. (in foto Lorenzo Saraco)
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400