Cerca

Under 19

Quando la corsa per il primo posto è più emozionante della corsa scudetto

Sei squadre in cinque punti, con tre giornate da giocare tutto è ancora possibile

Quando la corsa per il primo posto è più emozionante della corsa scudetto

Tic tac, tic tac. In quasi tutti i campionati il suono delle lancette che dettano il tempo si fa più intenso, si fa più forte, si fa più vivo. Le lancette scandiscono il tempo, ne accorciano la distanza con lo spazio, fanno da monito su quanto manca ai verdetti, poco, molto poco. In questi momenti molti ragazzi si trovano a festeggiare la vittoria del campionato, oppure a cercare di dimenticare gli errori commessi in stagione che non li hanno portati a raggiungere l'obiettivo prefissato, ma non nel Girone C dei provinciali di Torino. Sei squadre sono con il fiato sospeso. Sono, dopo una stagione vissuta al massimo, costrette a spendere energie fisiche e mentali, perché racchiuse in cinque punti e in corsa per i regionali. Accademia Pertusa, MoDeRNa Mirafiori, Carmagnola, Barracuda, Vianney e PSG sono le sei sorelle pronte a regalare un finale di stagione come mai prima d'ora, ma cerchiamo di analizzare, attraverso il calendario e lo stato di forma, quali potrebbero essere le favorite per conquistare la prima posizione, valida il pass diretto al regionale, e per la seconda, valida i play-off per credere nel sogno.

Accademia Pertusa: la furia gialloverde. Se esiste una favorita, nel mondo del calcio, non può che essere la capolista. La formazione di Paolo Borio guarda tutti dall'alto e non vuole perdere l'occasione di lasciare una posizione conquistata con le unghie e con i denti, grazie ad una grande rimonta nel girone di ritorno che ha permesso di raggiungere e superare il Vianney. Proprio contro la formazione gialloblù il Pertusa ha dimostrato la sua caratteristica migliore: saper reggere la pressione. Infatti, i gialloverdi, si erano presentati per vincere e così hanno fatto, effettuando così il sorpasso in classifica. Da allora, anche dopo la pesante sconfitta per 1-0 con il Barracuda, i ragazzi di Borio hanno rialzato la testa e difeso con nobiltà la prima piazza. Ad ostacolare il sogno regionale ci pensa il calendario, il quale prospetta: MoDeRNa, Auxilium San Luigi e Carmagnola. Due scontri diretti in tre partite, entrambi da disputare in casa dei rivali, entrambi in caso di passo falso potrebbero portare ad un sorpasso. Il Pertusa sarà senza dubbio il più soggetto a pressioni e, in caso la furia gialloverde ne uscisse indenne, potrebbe chiudere con una passerella degna di un oscar.

MoDeRNa Mirafiori: favola alla Rocky Balboa. La formazione di Ezio Ravotto è l'outsider che nessuno si sarebbe aspettato ad inizio stagione. I verdiblù dopo un inizio complicato, con un solo punto in tre partite per via di tre scontri diretti con Barracuda, Carmagnola e Vianney, hanno lavorato in silenzio e a testa bassa. Sudore, forza di volontà e disciplina ripagano sempre e hanno portato sotto le luci dei riflettori come per Rocky Balboa. Mentre il Pugile ha scalato gli iconici 72 gradini di pietra di fronte all'entrata del Philadelphia Museum of Art, i ragazzi di Ravotto hanno scalato la classifica arrivando fino alla seconda posizione senza alcuna intenzione di fermarsi. Lo stato di forma del MoDeRNa fa paura agli avversari e molto del merito va dato alla vittoria con il Vianney per 2-1, risultato che ha aperto la striscia di sette vittorie consecutive e che porta allo scontro diretto con il Pertusa con il morale altissimo. Il turning point della stagione è seguito da un altro scontro complicato con il PSG e dalla chiusura con l'Auxilum. Chissà se i ragazzi di Ravotto sapranno dare il colpo del ko come il pugile ha fatto con Ivan Drago.

Carmagnola: la corazzata con le dita incrociate. Titolo emblematico per raccontare la formazione bianco azzurra, per raccontare i ragazzi di Paolo Biolatto capaci di segnare 126 reti, cifra record stagionale per la categoria; infatti, nessuno in Piemonte ha fatto meglio. E' normale dunque stupirsi che il Carmagnola dovrà guardare le altre oltre che se stessa. Il secondo posto a pari merito e il solo punto dalla vetta sono rassicuranti, ma con una sfida in più rispetto alle avversarie (le quali hanno già effettuato il riposo, aggiunto in seguito all'esclusione dell'Atletico Torino) c'è apprensione in vista del finale. Con certe statistiche non si può non avere qualche rimpianto, soprattutto se sono stati "sbagliati" alcuni match chiave, come la sfida con il Barracuda. In vantaggio di una rete al 20' e, un minuto dopo, anche in superiorità numerica ci si aspettava una vittoria, invece il 2-1 finale stupisce molto. Certi punti persi, per la formazione che più di tutte aveva dimostrato di essere una macchina schiacciasassi, potrebbero pesare, anche se la testa deve andare alle sfide con Lenci Poirino e Accademia Pertusa, da vincere per puntare al bottino più grande. 

Barracuda: le acque torbide l'habitat naturale. Come degli illusionisti i rossoblù in stagione sono stati in grado di imprese impossibili, sorprendendo gli spettatori pescando il jolly da posti improbabili, come nella vittoria in rimonta con il Carmagnola. Eppure sono capaci i ragazzi di Antonio Scorpaniti di non riuscire a tirare fuori il coniglio dal cilindro nel più facile dei trucchi di magia, come nel 2-2 con il Sant'Ignazio di due giornate fa. Ovviamente è successo poche volte, ma la squadra a volte paga dei cali di attenzione che, nel caso si evitassero, potrebbero permettergli di vincere il campionato. Con soli due punti dalla testa e con lo scontro diretto tra Pertusa e Moderna inevitabilmente si scavalca una delle due o entrambe, prima però se si svolge il proprio compito alla perfezione con l'Onnisport. Dopo la sfida di domenica mattina, si dovranno affrontare Villastellone e PSG, avversari sulla carta insidiosi ma alla portata, per questo il Barracuda potrebbe essere la favorita per la corsa finale.

il barracuda under 19IL BARRACUDA UNDER 19

Vianney: obiettivo crederci. Quinto posto e vetta distante quattro lunghezze, fattori che rendono la corsa alla prima posizione complicata, ma tutto può ancora succedere, soprattutto se hai guidato la classifica per quasi l'intero girone d'andata. I ragazzi di Gianluca Funaro sanno cosa si prova a stare in vetta e, dopo averla persa, la bramano più di ogni cosa. Le recenti sconfitte con il Pertusa e il Carmagnola avrebbero potuto provocare un temporale in casa giallo blù, eppure si è limitato i danni rimanendo in agguato. Il calendario dice Santa Rita, Onnisport e Villastellone; con una vittoria alla prima si pareggerebbe il punteggio del Carmagnola, che non gioca per l'asterisco, e, a quel punto, non è impossibile. La ricerca "dell'Unico Anello" non può essere semplice, ma la soddisfazione di avercela fatta, di aver ottenuto il "loro tesoro", varrebbe più di ogni cosa.

il vianney under 19IL VIANNEY UNDER 19

PSG: di cuore per un'impresa stellare. Ultima, ma non per importanza, c'è la squadra di Chieri. Sesta con quarantaquattro punti è senza dubbio una delle formazioni più in forma in questo finale di stagione. Diego Di Nunno ha trovato la dimensione perfetta per il suo undici mettendo a referto cinque vittorie consecutive, tra cui un 0-3 in trasferta con il Carmagnola. I verdeblù sono pronti a dare tutto per provare a recuperare i cinque punti dal Pertusa, impresa da "Mission Impossible" visto anche gli impegni con Villastellone, MoDeRNa e Barracuda ma, se amiamo lo sport nato grazie alla sfera di cuoio, è per l'imprevedibilità che regala, basta una deviazione o addirittura una zolla per decidere una partita, per cui bisogna crederci sempre.

Le statistiche e le variabili sono tante, invece, le partite rimanenti sono solo tre. Tic tac, tic tac. D'ora in avanti pochi calcoli, la palla passa al campo, a quel terreno rettangolare che tanto ci fa emozionare. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400