Cerca

Under 19

Sulle ali di Russo le aquile spiccano il volo Regionale

Il Valdruento di Domizi è super e supera per 3-1 il Piossasco, guidato dal suo numero dieci conquista il pass grazie al secondo posto nel girone

Sulle ali di Russo le aquile spiccano il volo Regionale

La festa del Valdruento capace di conquistare i regionali.

Le aquile volano nel cielo Regionale, il Valdruento di Domizi è riuscito nell'impresa. Dopo la sconfitta contro il Pozzomaina che ha aperto i play-off rossoblù sembrava molto difficile poter raggiungere il traguardo, invece con un'importante dimostrazione di forza contro Carmagnola e Piossasco si è raggiunto il traguardo. L'annata targata Valdruento è stata superlativa, anche se in campionato non si era riusciti a mantenere il ritmo spedito targato Mercadante; però, le grandi squadre sanno quando è il momento di dimostrare quanto valgono e ai play-off non hanno sbagliato, festeggiando a Rivoli con un 3-1 al Piossasco il campionato Regionale conquistato.

Brandolino, Russo e Mastromatteo gli autori dei tre gol del Valdruento

I tre tenori: Christian Brandolino, Federico Russo e Vittorio Mastromatteo autori delle tre reti decisive per raggiungere l'obiettivo Regionale

La sfida decisiva da Davide Domizi viene affrontata con il 4-3-1-2, il suo Valdruento si schiera così: Calabrese tra i pali; difesa con Valentino, Bellafemmina, Nosrallah e Chiara; in mezzo al campo Barbieri, Girardi e Segretario; Scoppellitti in trequarti a muoversi su tutto il fronte offensivo dietro a Russo e Brandolino. Per il Piossasco Fabio Clames sostituisce in panchina Giuseppe Volpe assente per la sfida, ma non cambia il suo 3-5-2: in porta Marcellino; difesa a tre con Vasciaveo, Raeli e careglio; linea di centrocampo con Rivetti, Gorgerino, Vinciguerra, Cristiano e D'Alesio; coppia d'attacco Azzato-Baktaoui.

Baktaoui come un rapace per bloccare le aquile.  Il Valdruento dopo la vittoria con il Carmagnola valsa il secondo posto in classifica vuole vincere per raggiungere il traguardo; situazione opposta per il Piossasco, fermo a zero punti nonostante una grande prova con il Pozzomaina e costretto ad ottenere i tre punti per tenere viva la flebile speranza ancora viva. La sfida fin dalle prime battute si rivela equilibrata tra due squadre a cui piace giocare palla a terra. A sbloccare il match bloccato fino al 12' ci pensa un episodio, in particolare un'azione sull'out destro targata Francesco Valentino e Luca Barbieri, rispettivamente terzino e mezzala del Valdruento, con un triangolo viene premiato il primo sulla destra il quale trova al centro dell'aria di rigore Brandolino, l'attaccante con un controllo orientato manda fuori giri Francesco Vasciaveo che lo abbatte, è calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Federico Russo che apre il mancino e infila Dennis Marcellino, il quale sfiora solamente. Le aquile spiccano il volo, è 1-0. Il Piossasco subisce il colpo dopo essersi ben mostrato nelle prime battute e come se non bastasse perde il suo capitano Samuele Vinciguerra per infortunio al quarto d'ora. Gli uomini in bianco giocano con qualità ma non riescono a rendersi pericolosi, tanto che il primo vero tentativo arriva al 25' con un colpo di testa di Daniel Raeli. Come è normale che sia, l'atteggiamento del Piossasco diventa offensivo, premiando il Valdruento pronto a contrattaccare. Infatti alla mezz'ora sono i rossoblù a sfiorare il gol con Christian Brandolino in versione assist-man e Francesco Valentino ad accogliere di testa il cross del compagno sfiorando l'incrocio dei pali. Le aquile quando sfondano si dimostrano sempre pericolose e in chiusura di primo tempo ci provano con la percussione centrale di Matteo Segretario, il centrocampista serve con precisione il taglio di Luca Barbieri il quale a tu per tu con Marcellino non trova il tocco giusto per superarlo. La legge del calcio funziona sempre: gol sbagliato, gol subito. Il Piossasco durante il recupero trova il guizzo giusto su un lancio lungo verso Federico Azzato, l'attaccante spizza e, anche premiato da un errore della difesa rossoblù, serve Cristian Baktaoui il quale è lucido ed insacca sul primo palo. Colpo granata e si va negli spogliatoi sul risultato di 1-1.

Brandolino per la gioia, Mastromatteo per la festa. La ripresa si apre con un Piossasco rivitalizzato, ma il Valdruento ha il sangue tra i denti tanto che crea subito al 4' una ghiotta chance con un cross tagliato di Russo su cui non arrivano compagni per una questione di millimetri. Avvisato l'avversario i rossoblù vedono la possibilità di colpire e lo fanno subito al 5': Matteo Scoppellitti prova un tiro cross su cui arriva Christian Brandolino, il nove non si fa pregare ed insacca per il 2-1. Il Valdruento vede i regionali a portata e nota difficoltà a riprendersi nel Piossasco, per cui inizia un assedio alla ricerca del raddoppio: Simone Bellafemmina di testa piazza trovando una grande risposta di Marcellino; il numero uno risponde poi anche alla conclusione di Russo e ringrazia vedendo il colpo di testa di Shadi Nosrallah finire fuori di un soffio. La formazione in bianco sembra sulle gambe mentre i rossoblù viaggiano ad alti ritmi tanto che sfiorano ancora il raddoppio con Russo, il dieci ruba palla a Vasciaveo e viaggia verso la porta, in aria incrocia di mancino trovando il palo a fermarlo. Lo stesso Russo poco dopo si vede negata anche una bicicletta da Marcellino, il gesto tecnico del dieci è impeccabile, così come i riflessi dell'uno che ci arriva con la mano aperta. Il gol è nell'aria e al 21' il Valdruento spezza la maledizione del 3-1: Russo ancora una volta apre il mancino dal limite sulla quale risponde in tuffo Marcellino, il quale non può nulla sulla respinta di Vittorio Mastromatteo che, come un predatore che si fionda improvvisamente sulla preda cogliendola di sorpresa, insacca il tap-in di mancino. Le notizie dall'altro campo sono incoraggianti, il Pozzomaina sta vincendo per cui il Valdruento è momentaneamente ai regionali. I rossoblù si divertono e continuano ad attaccare a testa bassa trovando diverse buone occasioni ma mancando nell'ultimo passaggio, ma non servono più ulteriori gol perché dopo il triplice fischio del direttore di gara sono Regionali. Un traguardo importante conquistato in una gara difficile, contro un avversario che nonostante la classifica ci ha provato in ogni modo. Quando ci sono in rosa giocatori del calibro di Federico Russo è tutto più semplice, il suo mancino ha incantato, affiancato da un gruppo completo e di qualità risulta la perfetta ricetta Regionale, cucinata alla perfezione da Davide Domizi.

L'esultanza finale con il lancio del tecnico Davide Domizi

Il lancio del maestro: i ragazzi del Valdruento onorano il proprio tecnico Davide Domizi del più classico lancio verso il cielo

IL TABELLINO

VALDRUENTO-PIOSSASCO 3-1
RETI (1-0, 1-1, 3-1): 12' rig. Russo (V), 46' Baktaoui (P), 5' st Brandolino (V), 21' st Mastromatteo (V).
VALDRUENTO (4-4-2): Calabrese 7.5, Valentino 8.5, Chiara 8, Nosrallah 8, Girardi 7.5 (7' Federico 8), Bellafemmina 8, Scopellitti 7.5 (17' st Mastromatteo 8.5), Barbieri 8 (30' st Magnaguagno sv), Brandolino 8.5 (17' st De Tommaso 7.5), Russo 9 (47' st De Bellis sv), Segretario 8. A disp. Calabrese, Renna, Crepaldi, Torasso. All. Domizi 10. Dir. Chiara.
PIOSSASCO (3-5-2): Marcellino 7.5, Rivetti 6.5, Careglio 6, Raeli 6, Cristiano 5.5 (25' st Quattrocchi sv), Vasciaveo 5.5 (17' st Cavaletto 6), Baktaoui 6.5, Gorgerino 6, Azzato 6.5 (14' st Salvi 5.5), Vinciguerra sv (16' Scollo 6), D'Alesio 6 (4' st Tassone 6). A disp. Apollo, Nota, Villafranca, Gogolos. All. Clames 6. Dir. Basso.
ARBITRO: Andrea Novara di Torino Andrea Novara Torino 6.5.

AMMONITI: 1' Nosrallah[02] (V), 18' Scollo[04] (P), 10' st Bellafemmina (V), 42' st Tassone (P).
ESPULSI: 44' st Bellafemmina (V).

LE PAGELLE 

VALDRUENTO

Il Valdruento di Davide Domizi

Il Valduento di Davide Domizi in grado di conquistare i regionali anche grazie il sostegno del grande tifo tutto a tinte rossoblù

Calabrese 7.5 Chiamato poco in causa si rende protagonista di una prova dall'estrema attenzione, soprattutto nelle uscite dove non sbaglia mai i tempi d'intervento. E' sfortunato perché nell'unica conclusione verso la sua porta subisce gol, ma ciò non cambia la sua buona prova.

Valentino 8.5 Sulla corsia destra sa essere un fattore x, la sua spinta costante porta a sfondare sulla destra ogni qual volta viene coinvolto. Sua la palla per Brandolino su cui il compagno guadagna un rigore e, come se non bastasse, sfiora il gran gol di testa, non una dei suoi punti di forza.

Chiara 8 Non si distingue come Valentino per grandi cavalcate per fare tutta la fascia; però sa essere comunque un supporto per la fase offensiva targata Valdruento, funge maggiormente da supporto nel caso i compagni abbiano bisogno di lui. In fase difensiva è ordinato, tanto che dalle sue parti non si passa. 

Nosrallah 8 Gioca una grande partita sul piano difensivo, questo lo porta in qualche occasione a compiacersi troppo ed a rischiare ma ha sempre la forza di rimediare. Nella ripresa vuole partecipare alla festa anche con un gol, il suo stacco è imperioso ma la palla decide di uscire di un nulla.

Girardi 7.5 Funge da filtro di centrocampo egregiamente, sa leggere con anticipo le giocate degli avversari e questo lo porta a recuperare la sfera senza mai commettere fallo. In fase di impostazione forse rimane un po' nascosto; nonostante ciò, è fondamentale per il giusto funzionamento dei meccanismi di Druento. 

7' Federico 8 A pieno servizio di Domizi. Entra per supportare la difesa e lo fa egregiamente, il suo tecnico una volta compreso il pieno controllo della sfida lo alza sull'esterno dove si mostra intraprendente. 

Bellafemmina 8 E' un perno insostituibile nella retroguardia rossoblù, è il muro del Valdruento. Lo dimostra compiendo una chiusura decisiva su Azzato lanciato in una ripartenza molto pericolosa, in quella occasione testimonia anche la grande attenzione difensiva. Il rosso finale è solo un neo nella sfida, anche se preso salvando i suoi da subire una rete quasi fatta.

Scopellitti 7.5 In trequarti è una spina nel fianco. Il suo costante movimento porta difficoltà nella difesa del Piossasco e spazi importanti per i compagni. Trova il modo di farsi trovare sempre libero e pronto a smistare con qualità.

17' st Mastromatteo 8.5 Impatto superlativo nel match. Alla prima vera occasione si fa trovare pronto come un predatore e insacca chiudendo il match, il gol gli dà carica e si dimostra incontenibile, tanto che nel finale sfiora anche l'eurogol da distanza considerevole, tiro terminato a millimetri dalla traversa. 

Barbieri 8 Il Gattuso del Valdruento. Con il campione del mondo 2006 condivide una grande capacità in fase di interdizione e una grinta pazzesca. Durante la sfida non lascia giocare Cristiano, uno degli avversari più pericolosi a centrocampo, e con scivolate precise recupera tanti palloni fondamentali nelle ripartenze rossoblù. (30' st Magnaguagno sv)

Brandolino 8.5 Il rapace dei rapaci. E' il vero riferimento offensivo, ma ciò non lo sottrae dall'essere anche un regista offensivo. Guadagna il calcio di rigore dell'1-0 con un controllo delicatissimo a mandare fuori giri Vasciaveo, poi con una mezza luna stupenda si fa trovare al posto giusto per fare il 2-1 che lancia il Valdruento verso i Regionali.

17' st De Tommaso 7.5 Sostituisce Brandolino e, seppur per una mezz'ora, non lo fa rimpiangere. Ha forza e velocità per strappare in avanti e rendersi pericoloso, tanto che non ci arriva lontano da lasciare il segno con una conclusione muratagli da un difensore.

7.5 Russo 9 Ha il ghiaccio nelle vene. Lo dimostra dal dischetto dove non trema nemmeno per un secondo, così come in tutta la gara dove gestisce la sfera anche nelle situazioni più critiche, semplicemente un numero dieci. Osannato dai suoi tifosi con un paragone a Leo Messi, sembra azzardato ma un piede raffinato come il suo non si è visto nei Provinciali. (47' st De Bellis sv)

Segretario 8 Padrone del centrocampo. Si dimostra in grado di fare egregiamente la doppia fase, anche se ha una particolare propensione offensiva. Quando oscilla in trequarti sa essere un numero dieci, capace di porre Barbieri con un filtrante perfetto nella condizione di ritrovarsi a tu per tu con il portiere.

All. Domizi 10 Trovare un difetto quest'oggi al suo Valdruento è quasi impossibile. Perché, seppur vero che l'1-1 nasce da un errore, i suoi sono capaci di controllare tutti i momenti della gara e sanno adattarsi in base alle sensazioni che provano gli avversari. La vittoria nasce dall'aver dato il colpo del ko all'avversario nel momento decisivo e non aver aspettato che si fosse risvegliato il can che dorme.

PIOSSASCO 

Il Piossasco guidayo quest'oggi da Fabio Clames

Il Piossasco quest'oggi guidato da Fabio Clames in grado di lottare fino all'ultima partita seppur non riuscendo ad ottenere un regionale dopo una grande stagione

Marcellino 7.5 Semplicemente monumentale. La sua partita è strepitosa, sembra in grado di prendere tutto, tanto che arriva ad un passo dal parare anche il rigore. Gli interventi sul colpo di testa di Bellafemmina e la rovesciata di Russo sono da cartolina, degni della copertina delle figurine panini. 

Rivetti 6.5 Era stato tra i migliori con il Pozzomaina e si conferma anche in questo match. È un treno in grado di fare egregiamente ambo le fasi.

Careglio 6 La sua solita eleganza nei movimenti non manca; d'altro canto, non è attento e preciso negli interventi come lo è stato in stagione. Viene soprattutto sorpreso nella lettura delle situazioni di gioco.

Raeli 6 Prova a puntare sul suo solito strapotere fisico per rendere invalicabile la difesa, ci prova ma non sempre ci riesce perché gli avversari prendono bene le misure e anticipano le sue giocate. Nel finale viene spostato in attacco alla disperata ricerca di un gol, ma si vede come non sia il suo ruolo. 

Cristiano 5.5 Lo si vede stanco, non ha quella brillantezza che gli permette di giocare sul velluto. Viene ben contenuto e spesso anche ingabbiato dal centrocampo avversario.

25' st Quattrocchi sv Ha la sfortuna dopo pochi minuti dall'essere entrato in campo di avvertire un infortunio muscolare che lo costringe a non continuare, l'augurio è di pronta guarigione sperando non sia nulla di grave.

Vasciaveo 5.5 Ingenuo in marcatura in aria di rigore, un errore che costa lo svantaggio dopo appena dieci minuti di gioco. Condizionato da quanto successo lo si vede poco tranquillo e sbagliare molto.

17' st Cavaletto 6 Viene buttato nella mischia nel peggior momento targato Piossasco; per questo, nonostante non metta a referto interventi significativi, sa essere un supporto per non rendere il passivo ancor più pesante.

Baktaoui 6.5 È spietato tanto che ha lo spunto giusto utile per rimettere in parità la partita alla prima occasione in cui viene ben servito dai compagni. Non ha però altre possibilità di cambiare le sorti della sfida. 

Gorgerino 6 Il suo dispendio di energie non ha eguali, ciò lo porta nel momento di dover trovare la giocata tecnica a non essere sempre preciso.

Azzato 6.5 Ha voglia di essere protagonista per questo svaria per tutto il fronte offensivo facendosi sempre trovare a disposizione dei compagni. Nel momento forse più difficile con la zampata serve l'assist che rimette in equilibrio la gara.

14' st Salvi 5.5 Prova a incidere cercando anche qualche fallo di astuzia, non ci riesce e ne risulta una gara in sordina isolato in avanti.

Vinciguerra sv Infortunio molto sfortunato e doloroso dopo appena dieci minuti. Speriamo non sia nulla di troppo grave e che possa tornare in campo in tempo per l'inizio del prossimo campionato.

16' Scollo 6 Non è sempre preciso nelle giocate tecniche, però ci mette grinta e personalità, utili per renderlo un leone affamato su ogni pallone.

D'Alesio 6 Sulla sinistra si mostra subito attivo e volenteroso di incidere nella gara. Dopo l'inizio incoraggiante si inizia a vedersi molto meno.

4' st Tassone 6 In un finale marcato Valdruento è chiamato a resistere agli assalti avversari. Sulla sua corsia Russo si dimostra un giocoliere in grado di metterlo in difficoltà; nonostante ciò, riesce a mantenere l'attenzione e a reggere. 

All. Clames 6 Schiera l'undici migliore a sua disposizione cercando con un approccio convinto di portare a casa un buon risultato. Un errore e la stanchezza porta il Piossasco ad uscire sconfitto dopo una stagione pazzesca vissuta da protagonista.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400