Cerca

Piccola realtà, ma grande passione: il percorso del Mercallo raccontato dal presidente Fabrizio Giacobbo

Mercallo 2006

Mercallo 2006

Una società giovane e semplice, nata senza il peso di dover raggiungere traguardi stratosferici, e che probabilmente proprio per questa sua semplicità si rivela come un ambiente in cui si può respirare il calcio nel suo odore più puro: quello della passione. È così che si presenta il Mercallo del presidente Fabrizio Giacobbo, arrivato in questa stagione al suo quarto anno di vita. La loro storia, tuttavia, parte da più lontano, perché l’anima di questa società era ben viva e presente fin dagli inizi, poco più di dieci anni fa, con la partenza nel campionato CSI, e tale è rimasta anche quando, nel 2017 ci fu l’approdo in FIGC. Un passaggio frutto di una voglia di confrontarsi con realtà più grandi e affermate, consapevoli dei propri limiti, ma anche di portare in questa nuova avventura il credo di una società che mette la passione e la semplicità al primo posto, armi con le quali in questi 4 anni ha battagliato nei campionati in cui era presente con le sue squadre, in particolare con l’annata 2006, vero fulcro del Mercallo. E’ infatti da loro che è partito questo percorso, da un gruppo di ragazzi insieme da sempre e che con entusiasmo ha affrontato i vari campionati, distinguendosi in più di un’occasione per il grande impegno, specie contro le formazioni più quotate, come racconta proprio il presidente Giacobbo: « Il gruppo dell’attuale Under 15 è ormai insieme da quando avevano 6 anni, quando partirono con la loro prima squadra nel CSI, e ad oggi sono ancora qui con noi tutti insieme; è inutile dire che il rapporto tra di loro è ottimo, anche perché la maggior parte sono ragazzi del paese e che quindi passano le giornate assieme. Con il passaggio in FIGC e poi a 11 si sono poi aggiunti anche altri ragazzi dai paesi limitrofi, arrivando ad una rosa di 18 giocatori, con la quale ci siamo potuti togliere anche diverse soddisfazioni». Il riferimento è chiaro e tondo al campionato primaverile della scorsa stagione, in cui, prima della sospensione, il Mercallo fu la vera sorpresa del torneo, con il primo posto da imbattuto davanti a squadre come Crennese, Morazzone, Bosto e Valceresio: « Sappiamo che quando incontriamo squadre che vengono da altre realtà più quotate della nostra è dura – continua il presidente – ma in ogni scontro abbiamo sempre dato il massimo, senza l’ambizione di dover vincere a tutti i costi, ma con la spensieratezza di chi semplicemente se la vuole giocare. E l’anno scorso direi che ce la siamo giocata alla grande». Merito di questa crescita dell’annata 2006 va di certo anche all’allenatore di questa squadra, Fabio Rambus, a cui anche il presidente riconosce l’ottimo lavoro svolto fin qui, confermandolo anche per la prossima stagione: « Fabio è qui con noi da due anni, ed il rapporto che ha con i ragazzi è ottimo. Ritengo che sia il mister ideale per la nostra società: la nostra è una realtà molto piccola, dove ci si conosce tutti, e lui si è integrato alla perfezione, diventando in pratica come uno di famiglia». Non solo l’under 15 però, perché da ormai due anni è presente nella società anche una squadra Pulcini (composta da 2012 e da 2013), confermata anche per la prossima stagione, nella quale si vedrà anche la nascita anche di un ulteriore squadra di 2014. Segnali chiari di come la società punti a crescere e a migliorarsi, mantenendo forte e limpida la propria identità e guardando così con fiducia al proprio futuro: « Il nostro augurio è quello di continuare su questa strada. Avere una squadra per ogni annata sarebbe un sogno, ma per ora siamo ben felici di poter avere le nostre 45 squadre, cercando di inserire quanti più ragazzi possibili. È una grande soddisfazione infatti, dopo 4 anni, vedere che qualche ragazzo inizia ad affacciarsi alla nostra realtà e che il nome del Mercallo inizi a circolare nell’ambiente. Sono tutti tasselli che ci fanno ben sperare negli anni futuri di poter continuare a costruire qualcosa di buono».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400